La poesia dei grandi poeti. Leopardi incontra il dialetto

by -
0 985

Simu Salentini. Voglia di dialetto, di far parlare nella primissima lingua, quella “te lu tata” anche i grandi poeti. Se Leopardi fosse stato salentino avrebbe sentito così il senso dell’infinito? Avrebbe definito parole poetiche anche “muntagnedda”(colle), sapale (siepe)? Certo anche nella versione del dialetto aletino la poesia del Leopardi conserva il suo fascino. Come non apprezzare, infatti, “e comu sentu u ientu/ca ruscia a ‘menzu ‘e chiante…”  Quel “rusciare” è proprio onomatopeico e fa sentire il passaggio del vento tra le piante e quindi il valore del tempo vivo e presente che è poi l’ancora che rende dolce il naufragare. L’autore è un docente e traduttore.

L’Infinito salentino

Sempre l’amai dhra muntagneddrha solitaria,

e stu sapale ca na bona parte

te dr’orizzonte luntanu te llea la vista.

Ma ci me ssettu e cuardu, mundi

senza fine te l’addrha vanda, e silenzi

ca nu ‘sù de sta terra, e na tranquillità completa

me ‘mmagginu ca ‘ncete, tantu ca quasi

me mintu paura. E comu sentu u ientu

ca ruscia a ‘menzu e chiante, dhru

silenzio senza fine lu confrontu

a quiddrhu: e pensu all’eternità

e a lu tiempu ca nun è chiui e a quiddru te moi

ca è ‘ncora viu e lu sienti. E cusì intra

st’immensità li pansieri mei se ‘ffucane:

e me piace cu me sprufundu intra stu mare.

 

Aldo Magagnino – Alezio

Commenta la notizia!