Gallipoli – Ripartiranno lunedì 1 ottobre i laboratori teatrali “Mòvimento” a cura di Zeromeccanico Teatro, con percorsi dedicati a tutte le fasce d’età. Voglia di mettersi in gioco, sperimentare e divertirsi gli unici requisiti richiesti.

La forza esplosiva del “gioco del teatro” – Giunti alla sesta edizione, i laboratori saranno guidati dagli attori professionisti Ottavia Perrone e Francesco Cortese. Ciascun laboratorio prevede otto mesi di formazione e ricerca (da ottobre 2018 a maggio 2019), con un appuntamento settimanale che si svolgerà nella sede della compagnia e culminerà negli spettacoli di fine corso. “Il gioco del teatro per i bambini e i ragazzi ha una funzione pedagogica esplosiva – affermano gli organizzatori. – Durante la prima fase di lavoro i partecipanti acquisiranno gli strumenti e le tecniche necessarie per avviare una ricerca individuale e collettiva al tempo stesso. Attraverso la conoscenza del proprio corpo e delle sue reazioni, si passerà poi alla scoperta dell’altro e del mondo circostante, si abbandoneranno i freni dell’io personale e si accenderanno le luci sull’io attore in quanto individuo che agisce e re-agisce in base alle relazioni con lo spazio e le emozioni”. Particolare attenzione sarà dedicata alla narrazione, alla drammaturgia corporea e alla scrittura scenica, offrendo a ragazzi e adulti l’occasione di approfondire filoni drammatici specifici, che diventeranno la fonte cui attingere per la costruzione degli spettacoli finali, contaminando teatro, musica, danza e arte contemporanea.

Zeromeccanico aprirà le porte della propria sede con lezioni di prova gratuite secondo il seguente calendario: lunedì 1 ottobre, dopo l’incontro delle ore 18 per i ragazzi dai 14 ai 18 anni, alle 20,30 la lezione sarà dedicata agli adulti; ancora, mercoledì 3 ottobre dalle 18 appuntamento per i bambini dai 5 ai 10 anni; e giovedì 4 (sempre alle ore 18) lezione per ragazzi dagli 11 ai 13 anni. I laboratori si terranno presso Spazio Zero (in via Petrarca). Info ai numeri 348.3819266 – 340.0801820 o via mail a zeromeccanico@libero.it.

Pubblicità

Commenta la notizia!