Gallipoli: “Basta al turismo fai-da-te”

by -
1 1367

samsara 3

GALLIPOLI. Doveva essere il Congresso nazionale del Silb (l’associazione italiana delle imprese di intrattenimento da ballo e spettacolo) e così è stato, in buona parte. La parte restante dei lavori svoltisi a Lecce a fine ottobre, invece l’ha assorbita completamente Gallipoli, la sua ultima estate rovente (le prime tre settimane di agosto, cioè), i provvedimenti successivi (i controlli antimafia prima di assegnare servizi a società e imprese, o consentire aperture e avvii di attività), la sicurezza della movida e la coesistenza difficile con altri tipi di turismo.

«Sì, se n’è parlato abbastanza ma, per la verità – chiarisce il segretario nazionale (e provinciale dell’associazione), il neretino Maurizio Pasca – è stato il Prefetto di Lecce a introdurre il caso Gallipoli, non noi». Parliamone allora, con un esponente che ha un punto di osservazione particolare e privilegiato. «Turismo giovanile sì o no? Certo che sì, ma ben regolamentato e gestito – risponde Pasca – altrimenti entrano in gioco altre dinamiche: i bar devono fare i bar, le discoteche devono fare le discoteche, gli stabilimenti balneari devono fare gli stabilimenti balneari, magari creando una comune cabina di regia».

Esistono, del resto, modelli in cui tutto ciò pare funzionare. «Certo, nessun modello può essere replicato così com’è – spiega il capo del sindacato – ma io penso che Gallipoli potrebbe essere la Ibiza del Salento. Ci sono stato due anni fa per alcuni giorni: lì il 90% dei turisti è giovane e tutti, Amministrazione locale, gestori, aziende turistiche lavorano insieme perché è la fonte primaria di reddito. Certo, durante i lavori congressuali di Lecce ho appreso (ne ha parlato l’assessore gallipolino ai Lavori pubblici, Felice Stasi, ndr) che a Gallipoli ci sono appena 17 vigili e le forze di polizia sono sempre le stesse: ma così non si può andare avanti. Si deve essere preparati, anche ad affrontare le emergenze. A Riccione ci sono 419 alberghi, altro che turismo “fai da te” con il bivacco in spiaggia…».

Commenta la notizia!