Sbarco di migranti (foto d’archivio)

Gallipoli – Non c’erano donne né bambini fra i 71 migranti a bordo della barca a vela incagliatasi nella notte fra mercoledì e giovedì al largo di Punta Pizzo. Tutti pachistani – secondo quanto emerge dalle prime indiscrezioni – i migranti sono sbarcati a Mancaversa e sono stati portati in salvo, per essere poi trasportati al centro di prima accoglienza “Don Tonino Bello” di Otranto. L’imbarcazione su cui viaggiavano – lunga 14 metri – è stata posta sotto sequestro e condotta verso il porto di Gallipoli, con l’intervento della squadra navale della Guardia di Finanza. Hanno preso parte alle operazioni anche i Carabinieri della Compagnia di Casarano.

Sulle coste salentine, di casi simili se ne sono registrati diversi durante l’estate appena trascorsa: per citare due fra i più recenti, a metà luglio 78 migranti intercettati a 10 miglia da Leuca sono stati scortati nel porto Gallipoli, e un’altra imbarcazione con 47 persone a bordo era già rimasta incagliata sempre a Punta Pizzo sul finire dello stesso mese.

 

Pubblicità

 

Pubblicità

Commenta la notizia!