Gallipoli – Con una determinazione del dirigente della Gestione del territorio datata 27 settembre, il Comune di Gallipoli ha rilasciato una concessione demaniale marittima per la realizzazione di uno stabilimento balneare, ultimo passo di un avviso pubblico del 26 maggio dell’anno scorso. la commissione composta dall’ingegnere Sergio Leone, presidente, dal geometra Franco Manni e dall’avvocato Francesca Traldi, tutti dipendenti comunali, ha stilato la graduatoria finale in base alla quale il lotto SB4, ubicato sul litorale a nord della città, è stato aggiudicato dalla società Niccolò Coppola di Gallipoli che ha totalizzato 80 punti.

Della graduatoria fanno parte la barese House Puglia srl (48 punti), la gallipolina Solidoro Management srl (39 punti), la Water Splash di Cutrofiano (39 punti), la Gestin Madaleine Francoise (38 punti) e la Alessia De Salve di Parabita (8 punti). L’area assegnata conta 5.921 metri quadri ed è previsto dal piano delle coste di Gallipoli adottato dal commissario straordinario il 13 novembre 2015 ma mai portato alla sua definitiva approvazione.

Su questo punto in particolare si sofferma la nota di protesta del capogruppo di Gallipoli Futura, Flavio Fasano, diffusa via facebook poche ore fa. “Nulla contro un illuminato imprenditore come lo è il dottor Giuseppe Coppola (amministratore unico della Niccolò Coppola srl, ndr)!. Sindaco Minerva perché continui a ‘concedere’ pezzi di litorale pubblico e non approvi il Piano coste che attende di essere portato in Consiglio comunale fin dal 13 novembre 2015 quando venne adottato dal Commissario con deliberazione n. 88?”. Per il consigliere comunale di opposizione l’assegnazione sia pure “con regolare procedura ad evidenza pubblica” non andava fatta “in totale assenza del Piano coste”.

Pubblicità

 

 

Pubblicità

Commenta la notizia!