Galatone, “vie verdi” a palazzo grazie al Gal Serre Salentine

Palazzo Lercaro (esterno)GALATONE. Sono stati appaltati nei giorni scorsi i lavori per il progetto “Le vie verdi del Galateo”, finanziato dal Gal Serre Salentine con 300mila euro. Obiettivo è la creazione di itinerari naturalistici ed enogastronomici nell’ambito di un percorso che valorizzi le diverse realtà appartenenti al Gruppo di azione locale (con Galatone ci sono anche Alezio, Alliste, Casarano, Collepasso, Galatone, Gallipoli, Matino, Melissano, Neviano, Parabita, Racale, Sannicola, Taviano e Tuglie). «I fondi saranno utilizzati soprattutto per l’installazione di una segnaletica particolarizzata all’interno del centro storico e lungo i cinque itinerari individuati, con pannelli illustrativi. in ghisa tra le antiche mura e in legno nei paesaggi rurali, cartografie, planimetrie e bacheche», come afferma l’architetto progettista Elena Zacchino.

Importante anche il parziale recupero di Palazzo Lercaro (foto), antico edificio tra via Colonna e via Castello, oggi sede della biblioteca comunale, conosciuto per la “colonna della vergogna” posta in un angolo delle mura esterne. «Sarà un fulcro all’interno del centro storico – dice la Zacchino – un punto vendita e una vetrina dei prodotti del Gal. Oggi è in un cattivo stato di conservazione, quindi serviranno dei lavori di restauro».
Il progetto svilupperà, in sostanza, quattro percorsi su altrettate direttrici borgo-mare, che toccheranno le masserie e le contrade a ridosso del centro abitato, e uno all’interno del borgo antico: i lavori cominceranno non appena trascorsi i normali tempi burocratici. Intanto, Palazzo Lercaro è anche al centro del protocollo d’intesa tra l’Amministrazione comunale e l’associazione ecomuseale “Kroke”, finalizzato a “promuovere, tutelare, conservare e recuperare il patrimonio artistico, ambientale e naturale, materiale ed immateriale, del territorio locale”. Secondo l’accordo, una parte della struttura sarà affidata per tre anni a titolo gratuito all’Ecomuseo, che da anni lavora alla creazione di una mappa di comunità ed è in prima linea nella valorizzazione delle risorse del territorio.

Commenta la notizia!