Fondazione: un progetto sfumato

di -
0 478

Francesco Errico

Gallipoli. E la “Fondazione Carnevale” che fine ha fatto? A gennaio scorso entusiasta e possibilista era apparso l’ex assessore al Turismo, Francesco Errico, sulla possibilità di avere una Fondazione Carnevale. Durante la prima amministrazione Venneri 2001/06, si erano gettate le basi per crearla.

Risulta anche che era stata già intitolata al compianto artista gallipolino “Uccio Scarpina” autore di vere opere d’arte nel carnevale gallipolino. E’ emerso anche che alcune personalità della città si fossero messe a disposizione come partecipanti aderenti, ed erano pronti a versare la loro quota di adesione. L’iter però si bloccò per difficoltà burocratiche finanziarie.

«Questo sarebbe l’unico mezzo e possibilità per il Comune per poter trasferire risorse proprie e impegnarle per l’organizzazione del Carnevale» – aveva dichiarato Errico.

Poi, finito il carnevale, dell’argomento non si parlò più. Perché? «Avevamo cominciato a pensare seriamente alla costituzione della Fondazione  – dice l’ex assessore -. Grazie all’interessamento di Massimiliano Negro, del team fratelli Coppola, avevamo contattato l’assessore del Comune di Viareggio, pensavamo di invitarlo a Gallipoli, per farci consigliare come procedere. Poi sul più bello, noi amministratori siamo stati mandati a casa. E tutto è finito». Fermo restando che il fondatore doveva essere il Comune, il problema sarebbe stato avere l’adesione dei soci istituzionali e di altri enti pubblici territoriali, università, le istituzioni culturali, le onlus. La speranza per gli addetti ai lavori è che la prossima Amministrazione prenda a cuore problema.                             

Commenta la notizia!