Fioccano i “100” tra i maturi

by -
0 1970

Angelo Ferilli, Danilo Troisi e Francesco Pino

Casarano. Con la tanto temuta maturità alle spalle, per gli studenti è ormai il tempo delle meritate vacanze. Lo è ancor di più per quanti hanno raggiunto conquistanto il tanto desiderato 100.

È il caso di Francesco Pino e Angelo Ferilli di Casarano e Francesca Cataldo e Michele Quaranta di Matino, tutti studenti del liceo scientifico Vanini.  «Ho già superato i test al Politecnico di Torino e frequenterò la facoltà di Ingegneria gestionale. Mi piacerebbe ricoprire un ruolo di responsabilità nelle aziende e  mi affascina la figura del manager», afferma Francesco mentre per Angelo c’è la facoltà di Medicina, con specialistica ancora da scegliere, all’Università di Modena e Reggio Emilia. «Porterò sempre con me la spensieratezza di questi anni e la grande soddisfazione degli esami», afferma il ragazzo.

Massimo dei voti  anche per quattro ragazzi dell’istituto tecnico industriale “Meucci”, ovvero Danilo Troisi (Melissano), Lorenzo Caputo (Matino), Pasquale Tricarico e Marco Coletta  (entrambi di Racale). «Ho deciso di iscrivermi alla facoltà di Ingegneria industriale dell’Università del Salento per rimanere vicino casa, vista la crisi che ha colpito quasi tutte le famiglie italiane, ed anche perché suono con diverse band e andando via strapperei una parte di me», afferma Danilo.

Diviso tra Lecce e e Torino, invece, è Lorenzo Caputo, che sta affrontando i test per la facoltà di Ingegneria informatica. «Mi piacerebbe – afferma – specializzarmi nell’ambito della sicurezza delle reti. Grazie alla scuola ho imparato e viaggiato tanto, tra Londra e Barcellona». Indeciso anche Marco Coletta tra la prima scelta, che sarebbe il Politecnico torinese,  e l’Università di Pavia quale prima alternativa. L’ambito è quello dell’Ingegneria elettronica, per un futuro da ricercatore. «Ricordo con piacere tutti i momenti extrascolastici con i miei compagni e l’ottimo rapporto con i docenti con i quali ci si confrontava su tutto come dei veri amici», afferma lo studente.

LP

Lorenzo Caputo, Marco Coletta e Pasquale Tricarico

Commenta la notizia!