Estate intensa per la protezione civile

di -
0 481

Gallipoli. Nuovo mezzo antincendio e anti rischio idrogeologico superaccessoriato in dotazione al Pronto intervento della Protezione civile di Gallipoli.

Il mezzo, un 4×4 a trazione anteriore, è dotato di doppia pompa per un  serbatoio di 400 litri d’acqua con verricello anteriore e gancio posteriore per traino. Costo 37 mila euro. «L’acquisto in parte è stato finanziato  – riferisce il presidente della sezione di Gallipoli Salvatore Coppola – dal Dipartimento nazionale della Protezione civile di Roma.

La restante somma è stata a carico del Cir – Protezione civile di Gallipoli, grazie al contributo volontario raccolto per i servizi svolti durante l’anno nelle varie manifestazioni». Nella giornata di domenica scorsa subito è stato messo alla prova, nello spegnimento dell’incendio, sulla statale 101, in prossimità del curvone uscita Baia Verde. Tant’è che si è resa necessaria la chiusura al traffico con ingresso al tratto stradale da Gallipoli.

Intensa è stata l’attività fino ad oggi nel periodo estivo. «Rispetto agli anni passati – dice il presidente Coppola – ci sono stati meno incendi, anche se abbiamo effettuato 28 interventi coordinati sempre dalla Sala operativa di Bari, in collaborazione con i Vigili del fuoco e con il Corpo forestale.

Abbiamo partecipato al completo di mezzi e di uomini allo spegnimento dell’incendio in contrada Santa Rita-Rivabella  e nella Pineta sulla 274». Va detto che grazie al pronto intervento dei volontari di Gallipoli è stato sventato un incendio che avrebbe potuto mandare in cenere l’intera pineta di fronte all’ospedale di Gallipoli. A dare l’allarme un maresciallo della Forestale. Immediato l’intervento dei volontari del Cir, che hanno domato l’incendio che aveva già distrutto circa mille metri di sottobosco.

Questa estate il gruppo gallipolino ha operato nella postazione sanitaria di Pronto soccorso di Torre San Giovanni, con personale sanitario proprio, coordinati dal Centro coordinamento provinciale di Lecce del 118, ed effettuati 250 interventi. La locale sezione dal mese di giugno ha costituito un nucleo sommozzatori per il soccorso in mare.     

Commenta la notizia!