Elezioni comunali a Gallipoli: spunta Giuseppe Barba svanisce Francesco Errico

Da sinistra Luigi Natali, segretario Pd; Francesco Errico e Pippi Barba

Gallipoli. Inesorabile passa il tempo e di candidati per le elezioni comunali a Gallipoli nemmeno l’ombra. Aspiranti o pretendenti a Palazzo Balsamo ce ne sarebbero anche troppi. La situazione è ingarbugliata.

Il Pd aveva tracciato i caratteri di un candidato ideale che doveva essere super partes, della società civile, non riconducibile ad alcun partito e con una forte credibilità personale. Alla fine, l’unico fino ad oggi interpellato dalla segreteria provinciale del partito a guidare la coalizione è Remo Natali (dell’ipotesi riconducibile al magistrato in pensione Aldo Petrucci se ne sarebbe parlato solo informalmente senza raccogliere i necessari via libera). Ma la coalizione proposta a Natali, costituita da Pd, Udc, Idv, Grande Gallipoli, è nel frattempo venuta meno. Natali avrebbe portato “in dote” l’adesione di Sel, Socialisti e Vendoliani. Visti gli ultimi sviluppi, l’alleanza con l’Udc è saltata e i rappresentanti di Grande Gallipoli e Idv sarebbero inclini a non presentare nessuna lista. Sta di fatto però che il nome di Remo Natali ancora resiste; l’interessato stesso resta sempre disponibile.

Si è molto parlato di Francesco Errico, sponsorizzato da Venneri e Coppola, ma al Pd – date le premesse di cui si diceva – questa soluzione non sarebbe gradita. Anche perché Errico ormai non ha l’appoggio dell’Udc.

Nel centrodestra si assiste ad un fiorire, giorno dopo giorno, di nomi nuovi, fatti dal deputato gallipolino Vincenzo Barba. L’ultimo in ordine di tempo è Pippi Barba, ex assessore ai Lavori pubblici e militante di An. L’onorevole ribadisce che non si considera papabile per questa carica.  Sarà vero? Intanto a Muro Leccese, in occasione del confronto interno dell’Udc provinciale, alla presenza del segretario provinciale Ruggeri, si sono rotti definitivamente i rapporti tra Quintana (vincitore del congresso cittadino) ed Errico, con la definitiva uscita dal partito di quest’ultimo. Sandro Quintana. assieme ai suoi fedelissimi Padovano, Caiffa e Abbate, per le prossime consultazioni  ancora non hanno scelto con chi stare. O andranno a costituire il Terzo polo assieme a Fli e Api, oppure si alleeranno con il centrodestra di Vincenzo Barba.  Possibilità che il centrosinistra accolga l’Udc ufficiale, nonostasnte i movimenti a livello provinciale e nazionale, al momento appaiono nulle.

 

Commenta la notizia!