Pericolo di crolli? Meglio prevenire

by -
0 613

Vigili del fuoco in via Montale

Casarano. Lo hanno chiamato “effetto- Barletta”, ovvero la (particolare) attenzione per le condizioni di stabili ed immobili che in altri tempi (forse) non ci sarebbe stata.

«Abbiamo sollevato più volte negli ultimi anni il problema della precarietà dei nostri appartamenti senza avere, però, risposte» affermano, infatti, i residenti negli immobili di edilizia popolare di via Montale, a Casarano. «Siamo certi che senza la tragedia e le vittime di Barletta nessuno avrebbe accolto il nostro grido» affermano ancora quanti sono stati, addirittura, fatti evacuare per il rischio crollo delle loro palazzine.

A lanciare l’allarme una squadra dei Vigili del Fuoco di Gallipoli chiamata a verificare delle infiltrazioni in un appartamento. Ma a preoccupare di più erano le condizioni dei pilastri che reggevano i ventuno appartamenti di via Montale, disposti a schiera su tre piani. L’umido era anche lì e la muratura scrostata che metteva in evidenza il ferro al suo interno non faceva presagire nulla di buono.

Se quella del quartiere Inps è una costruzione degli anni ’80, già in precarie condizioni, non stanno meglio le altre palazzine Iacp di via Marx, appena qualche centinaia di metri più giù, verso via Alto Adige, sicuramente più risalenti nel tempo e con i soliti problemi di manutenzione.

Almeno in via Montale, però, questa volta qualcosa è accaduto anche perché l’evacuazione disposta dai Vigili del Fuoco non poteva rimanere senza conseguenze.

Un consulto di tecnici ha portato all’immediato puntellamento dei pilastri ed all’avvio di un serio intervento di bonifica. «In tanti anni abbiamo visto soltanto degli imbianchi per una rinfrescata alle pareti mentre qui cadono i cornicioni e le soffitte dei nostri balconi rappresentano ogni giorno un pericolo per chi passa di sotto» lamentano ancora i residenti di via Montale.

Al di là dei problemi di manutenzione, in questo caso a provocare le infiltrazioni negli appartamenti pare sia stato un pozzetto per lo smaltimento delle acque reflue che viene più volte ad intasarsi. «In molte circostanze lo abbiamo ripulito a spese nostre, pur pagando regolarmente il canone d’affitto» affermano sempre i residenti i quali si augurano che non debba attendersi un’altra emergenza per avere altri lavori di manutenzione.

Commenta la notizia!