Se anche il Gargano arranca

di -
0 499

Fernando D'Aprile, direttore di PiazzasalentoNon sappiamo quanti hanno notato una pubblicità agostana che abbiamo trovato quasi inquietante, di sicuro preoccupante. Due grandi e noti complessi turistici del Gargano, quattro e tre stelle, lanciavano la loro offerta di “last minute” per il periodo dall’11 al 24 agosto. Sì, avete letto bene. Ora leggete con attenzione la data in cui questa inserzione è stata pubblicata su “La Gazzetta del Mezzogiorno”: 9 agosto.
Cosa c’è che fa o dovrebbe far riflettere in questa parte dello Jonio? In pieno Ferragosto c’erano posti vuoti (e tanti, evidentemente, vista la palese fretta nell’organizzare la reclame a sei giorni dalla festa d’estate!) in una delle mete più famose del turismo nazionale e internazionale. Una volta, un paio di decenni fa appena, il Gargano “era” la Puglia. Appena vent’anni fa la Puglia finiva lì. Oggi, anno domini 2012, devono correre ai ripari per tentare di fare il pieno almeno nel giorno simbolo dell’estate italiana. Come gli appelli da Rimini, l’Isola d’Elba, le Dolomiti…
Qui da noi si è sfiorato ancora il “tutto esaurito”, sia pure nella sola intensa e pesante settimana centrale. Cosa bisogna fare, adesso, per non finire come gli alberghi vuoti del Gargano?

Commenta la notizia!