Per chi non aveva mai letto

by -
0 537

Fernando D'Aprile, direttore di PiazzasalentoTra i complimenti che ci giungono quando stiamo anche noi in “piazza”, tra la gente, ce n’è stato uno che – risentito in più occasioni – ci sembra tra i più preziosi. Da ultimo, lo abbiamo riascoltato a Tuglie e Racale.
«State facendo leggere il giornale a chi non lo aveva mai fatto». Si dirà: bello sforzo, lo portate fino a casa, è gratis… Vero. Ma un giornale richiede un impegno, devi tenerlo in mano, sfogliarlo, leggere almeno i titoli per trovare ciò che interessa, accendere l’attenzione per comprendere il fatto, per seguire il filo descrittivo… insomma, è faticoso. Forse anche per questo l’Italia è fanalino di coda in Europa.
Vuoi mettere la tv? Ti siedi comodo e, persino se non ascolti, con le immagini credi di aver capito tutto lo stesso. Peraltro da quello schermo escono “pezzi” brevi, più brevi di un articolo di giornale sullo stesso argomento. Hanno studiato che dopo un certo numero di secondi (secondi! Venti per la precisione) l’attenzione cala ed allora occorre un altro titolo, un altro richiamo, un altro eccitante…
Allora, perchè leggono questo giornale anche coloro che non ne avevano preso mai uno in mano? Perchè parla di loro, delle loro cose che sono poi anche le nostre, di speranze e feste,  di delusioni e mortificazioni: della nostra vita qui su questa nostra terra. Che c’è di più interessante, in fondo?
Comunque sia, grazie.

Commenta la notizia!