È la stagione delle sagre

by -
0 1407

Sagra 2012FELLINE. Il calendario è già pronto e i volontari sono al lavoro perché l’organizzazione deve essere perfetta e risultare gradita a tutti, così come è avvenuto negli anni scorsi. Felline, regina delle sagre in quel gioiello di regno che è il suo centro medievale. Sono cinque le sagre programmate (quattro dalla Pro loco e dalla sua infaticabile presidente Antonia Ferocino, e una, quella del 1 agosto, dalla parrocchia) . E quest’anno c’è anche una data importante da celebrare: la ventesima edizione della Sagra della patata.Vent’anni non sono pochi quando soprattutto si misurano con la volontà e l’impegno di realizzare qualcosa che, in vari modi, coinvolge tanta gente. Il 25 luglio la patata sarà ancora una volta al centro di una delle sagre più apprezzate.

Dai campi ben coltivati in tavola, preparata in tanti modi perché nessun elemento in cucina presenta la sua duttilità. Quest’anno, come nel passato ci saranno gli gnocchi, la pitta (con cipolle, pomodori, olive nere, capperi e un po’ di mortadella) panzerotti con prezzemolo e menta, orecchiette con salsiccia e patate, polpo con le patate, salsiccia alla salentina. «I  turisti – dice la presidente Ferocino – vanno matti per queste spacialità. Grazie all’impegno di tutti i collaboratori, la Pro loco riesce a esaltare le potenzialità del territorio». Ci sarà, quindi, l’imbarazzo della scelta. Quella della patata non è la sola sagra organizzata dalla Pro loco, ce ne sono altre tre sempre nel bellissimo centro medievale di Felline. Una location che esalta quanto si svolge all’ombra del castello e sulla bianca piazza.

Ecco il calendario di questa estate. Si inizia sabato 5 luglio con la “Sagra delle primizie” con le Stelle del sud in concerto di pizzica. Il 25 del medesimo mese sarà la volta della “20^ Sagra della patata” con I Calanti in concerto di pizzica. Tre gli appuntamenti nel mese di agosto: il 1° ci sarà la 12^ “Sagra della pasta fresca”, a cura della parrocchia,  con la pizzica dei Tammurria; seguirà l’8 la 17^ Sagra della polpetta”, con il concerto Alla Bua e infine il 20 la “Sagra dei prodotti tipici a Km 0” con le bande in piazza e la musica lirica. Già a leggere il tema delle sagre c’è da farsi venire l’acqualina in bocca, ma c’è qualcosa in più che rende appetibile la partecipazione: le sagre di Felline hanno il marchio di sostenibilità ambientale “ecofesta Puglia”. Particolare attenzione, infatti è dedicata alla gestione del ciclo dei rifiuti – raccolta differenziata, isole ecologiche, uso di materiali biodegradabili). Impatto ambientale al minimo, quindi, anche  perchè si usuifruirà solo di energia rinnovabile.

Commenta la notizia!