Due fratelli in manette: avevano in casa droga di vario genere e il registro dei clienti

Scorrano – Gestiva, insieme al fratello, lo spaccio di un ingente quantitativo di droga malgrado fosse già agli arresti domiciliari (per simili precedenti). In carcere sono, dunque, finiti Sarah e Giorgio Piccinno, rispettivamente di 35 e di 29 anni, di Scorrano. Nella loro abitazione, i carabinieri del Nucleo operativo di Maglie e del Nucleo cinofili di Modugno hanno trovato quattro chilogrammi di marijuana già suddivisa in varie buste, 58 di hashish e 22 di mdma oltre a due bilancini elettronici e materiale vario per il confezionamento delle dosi. Tra il materiale sequestrato dai militari anche la “contabilità” della loro attività di spaccio. I due fratelli sono stati condotti nel carcere leccese di Borgo San Nicola.

Commenta la notizia!