Nardò – Dopo il corso di inglese arriva quello di francese. Anche in questo caso le lezioni, gratuite, saranno riservate agli operatori del settore turistico (titolari e dipendenti). Nell’ambito degli interventi finanziati con risorse del Distretto urbano del commercio è infatti previsto l’avvio di alcuni corsi gratuiti di formazione, realizzabili grazie a un finanziamento regionale ad hoc di 55mila euro ottenuto dal Comune di Nardò. Tre i corsi in programma: “lingua francese per il commercio e il turismo”, “tecniche di accoglienza nei settori commerciale e turistico” e “tecniche di utilizzo della piattaforma Smart del Distretto Urbano del Commercio”, quest’ultimo spazio web che ospiterà servizi relativi all’organizzazione del Duc e delle imprese del distretto con la partecipazione attiva dei consumatori.

A partire per primo, probabilmente venerdì 26 ottobre, sarà il corso di lingua francese (40 ore complessive), che si terrà nella sala conferenze del Chiostro dei Carmelitani il lunedì, mercoledì e venerdì per tutto il mese di novembre. Le iscrizioni – a uno o più corsi – vanno effettuate entro lunedì 22 ottobre compilando il modulo presente sui siti Internet di Confcommercio Lecce, Confesercenti Puglia e Comune di Nardò e inviandolo all’indirizzo email ducnardo@gmail.com.

«Continuiamo a registrare – dichiara l’assessore al Commercio Giulia Puglia – un numero sempre crescente di turisti francesi o di lingua francese nella nostra città, in particolare in questa stagione estiva 2018. Per questo il Duc ha deciso di mettere a disposizione degli esercenti e dei gestori delle attività ricettive un corso di francese».

Pubblicità

Ritorna anche l’Inglese La più giovane esponente della Giunta Mellone annuncia poi che la prossima primavera si ripeterà la positiva esperienza di “English for tourism”, il corso di lingua inglese gratuito riservato anche in questo caso agli operatori turistici, tenutosi quest’anno nel periodo febbraio-maggio. «Invito i commercianti e gli operatori del turismo – conclude l’assessore – a sfruttare questa occasione e a contribuire alla crescita di una città che sta affrontando con successo la sfida del turismo».

Attraverso il Distretto urbano del commercio, fa sapere infine Palazzo Personè, l’Amministrazione comunale si augura che le imprese del commercio facciano rete interagendo coi vari soggetti operanti nel campo del turismo, dell’agricoltura di qualità, dell’artigianato d’eccellenza e dell’innovazione tecnologica.

Pubblicità

Commenta la notizia!