Dopo crisi: cosa va e cosa no

di -
0 645

Risanamento di un tronco inquinato della rete fognaria nera alla Giudecca

Gallipoli. La caduta rovinosa dell’amministrazione Venneri sarà un danno o non provocherà alcunchè per la collettività gallipolina? Ovviamente la valutazione non è politica, ma il rischio che progetti, pratiche avviate e anche la pur minima programmazione per la città in piena estate possa ora impantanarsi, è reale. Lo spauracchio c’è, anche se l’approvazione in extremis del bilancio di previsione e del piano delle opere pubbliche ha fornito un’ancora di salvezza.

Perchè ora la provvisoria amministrazione del commissario straordinario Biagio De Girolamo (insediato da pochi giorni) passerà anche dall’attuazione della programmazione tracciata dal documento economico-finanziario. Anche uffici e dirigenti di Palazzo Balsamo potranno dare seguito alle opere in corso di realizzazione o di prossima realizzazione perchè già approvate.

Accade così che mentre non sarà dato seguito allo svolgimento del mercato bisettimanale estivo (con l’apertura della domenica pomeriggio) anche per alcune lamentele degli stessi operatori, entro i prossimi mesi si potrebbero aprire alcuni cantieri. Lo assicurano anche gli ex amministratori, presidente e vice presidente delle commissioni Urbanistica, Lavori Pubblici e Ambiente, rispettivamente Cosimo Giungato e Enzo Mariello: «Programmazione e opere pubbliche avviate andranno avanti. Anche senza di noi».

L’elenco è ampio e variegato, e su alcuni interventi si vedono già gli effetti: la sostituzione del tronco della fognatura nell’area della Giudecca propedeutico a sanare le problematiche per l’avvio dell’impianto di affinamento delle acque reflue del depuratore; la messa in sicurezza dell’incrocio d’ingresso del Peep 3 di via Zacà e le lingue di asfalto su lungomare Galilei e via XX settembre.

Nuova illuminazione in Corso Italia

Ancora: l’arrivo delle giostrine nel parco di via Firenze per il quale si apre un nuovo corso, e l’ammodernamento dell’impianto di illuminazione di Corso Capo di Leuca, Corso Italia, Via Kennedy, via Lecce e il lungomare Marconi. Ormai in adozione anche il piano di zonizzazione acustica licenziato dal Consiglio comunale e che ha già posto il freno agli orari della musica notturna per locali e stabilimenti dei litorali.

A breve sarà ultimato e riconsegnato l’ex Ceduc di lungomare Galilei. Andrà avanti fino ad attivazione l’installazione dell’impianto di videosorveglianza, il completamento delle aree parcheggio in dotazione all’area mercatale di via Alfieri, e sul litorale sud. Così come la riqualificazione della Baia verde, la nuova area Luna Park prospiciente il cimitero, il recupero già finanziato della torre del Lido San Giovanni.

Non più una rotatoria, ma la canalizzazione dell’incrocio e un impianto semaforico compariranno sulla ex statale per Alezio e via Berlinguer e ci sarà anche la chiusa del sovrappasso di via Casarano per realizzare un’area di sosta. Senza dimenticare l’iter per il restauro del Castello, il II° lotto del restauro delle mura e della zona Purità, e i Piani di rigenerazione urbana del centro storico e della zona “Cappuccini-Viale Europa”. Opere che ora attendono di vedere la luce.

Commenta la notizia!