Disagi dei trasporti: domani gli studenti ci provano con un corteo e un dibattito

istituto magistrale casarano  (4)

CASARANO. Gli studenti delle scuole superiori di Casarano sono stanchi. Stanchi di viaggiare tra mille disagi a bordo dei pullman e dei treni delle Ferrovie del Sud Est e della Stp (Società di trasporti provinciale).  Sono così stanchi, soprattutto di non essere ascoltati, che domani mattina ci proveranno per l’ultima volta a farsi sentire e ad ottenere delle risposte, dopodiché si dicono decisi a procedere per vie legali.

La protesta assumerà in un primo momento la forma di un corteo: partenza alle 8.15 dal liceo classico di via Ruffano, capolinea sarà l’istituto magistrale di viale della Stazione. Lì, intorno alle 9.15, avrà inizio un dibattito, si spera fruttuoso, tra gli studenti, il direttivo delle due aziende di trasporti (che i ragazzi si augurano sia presente) e i rappresentanti sindacali degli autisti che pure sentono il peso delle eccessive responsabilità di cui vengono caricati ma che spesso non hanno.

La rabbia gioca brutti scherzi, si sa, e ha portato genitori e studenti, negli ultimi tempi, a prendersela anche con chi di colpe non ne ha: se la responsabilità degli autisti è limitata, nulla è quella degli edicolanti (leggete cos’è successo a Racale). Intanto la situazione peggiora: su Facebook qualcuno fa sapere che sarebbe stata soppressa la corsa RacaleMelissano-Casarano delle 7.30. Sono proprio quelli, infatti, i paesi più disagiati dal punto di vista dei trasporti, insieme ad Alliste e Parabita.

 

Commenta la notizia!