C’è chi cresce, Ugento di più

by -
0 1011

Piazza San Vicenzo ad Ugento

Ugento. Casarano rimane il comune più popoloso della zona anche se la città che cresce di più è Ugento. I dati emergono dall’ultimo censimento Istat che calcola in oltre 12.000 residenti di Ugento ed in 20.521 quelli di Casarano che ha la meglio su Gallipoli ferma a quota 20.493.

Si tratta dei primi dati ufficiali forniti dall’Istituto nazionale di statistica che, seppur non definitivi, confermano come la città della statua di Zeus si sia  avvicinata ai 12.266 abitanti contati dall’anagrafe alla fine del 2010. Tra i centri del comprensorio tra Casarano e Gallipoli, si tratta dell’incremento più rilevante rispetto al precedente  censimento che risale al 2001.

Se dieci anni fa i residenti ad Ugento erano 10.824, oggi sono  ben 1.202 in  più, ovvero 12.026. In questi anni, di certo, sono cresciute e di molto anche le marine (da Torre San Giovanni sino a Torre Mozza e Lido Marini) contando anche la frazione di Gemini. Un incremento c’è stato anche grazie all’effetto “seconde case” di quanti, pur essendo di altri centri, fanno registrare “fittizzi” trasferimenti di residenza, proprio nelle case al mare, per poter beneficiare di una riduzione delle tasse sulla proprietà. Da ricordare come nel primo Censimento della popolazione del 1861 (anno dell’Unità d’Italia), Ugento aveva appena 2.843 abitanti e superò quota 10.000 solo nel 1981.

Altri centri che crescono sono, oltre alla stessa Gallipoli (più 227 abitanti), anche Alezio (con un più 9,58%) a quota 5.623, Alliste (più 9,42%) a 6.684, Racale (più 4%) a 10.755 e Taurisano (più 1,67%) a 12.648, oltre a Matino con appena lo 0,87% in più. Quasi stabili centri come Taviano (12.510 abitanti), Tuglie (5.269) e Galatone (15.781), perdono quota Melissano (meno 1,79%) fermo a 7.317,  Parabita  (meno 2,27%)  e Sannicola (meno 4%) sino a 5.912, con la stessa Casarano che scende del 3,53% dai 20.579 del 2001.

Tra i dati più curiosi anche l’età media dei vari paesi con la popolazione media più giovane a Taurisano (38,6 anni) e la più “anziana” a Sannicola (45,5). Ancora Taurisano è l’unico comune della zona che  raggiunge i tre componenti per famiglia mentre tutti gli altri sono al di sotto.

Allargando il confronto tra i risultati degli ultimi tre decenni (ovvero delle ultime tre rilevazioni statistiche dell’Istat), emerge anche la costante discesa di Parabita, che vede sempre da lontano i 10.039 residenti del 1991, diventati 9.557  nel 2001 e 9.344 oggi. A beneficiarne sembra essere, curiosamente, la vicina Matino, sempre in crescita nello stesso periodo (da 11.370 a 11.615 sino agli attuali 11.717).

Sempre sopra quota 20.000 è rimasta negli ultimi 30 anni Casarano che solo nel 1981 contava 17.772 abitanti (quando Gallipoli era già a quota 19.822). Si scopre, inoltre, come i quattro comuni del cosiddetto “Tram”, ovvero Taviano, Racale, Alliste e Melissano, crescono tutti insieme, negli ultimi dieci anni, di 937 abitanti sino a quota 37.266.

Commenta la notizia!