Dalla Media di Parabita a Piazzasalento: che mattinate

GALLIPOLI. Due mattinate trascorse da aspiranti giornalisti o quantomeno interessati a questa professione per gli alunni dell’Istituto comprensivo di Parabita “G. Dimo” che, accompagnati dai loro docenti, si sono mostrati attenti e curiosi soprattutto verso il giornale che più conoscono: Piazzasalento. Diverse le domande degli alunni al direttore del giornale Fernando D’Aprile: come si sostiene un giornale gratuito, i compiti e le responsabilità di un giornalista, come ci si diventa, come e perché si scelgono alcune notizie e non altre. Particolare entusiasmo per alcuni studenti come Maurizio, Matteo e Maria Luisa della classe III A, (docente Loredana Giliberto), intenti a prendere appunti  sulla composizione delle pagine del giornale, con foto spazi e contenuti. Gli alunni della classe III B (docenti Igor Trinchita e Maria Ester Capoti) hanno parlato anche dei  temi relativi alla satira e della pubblicità.

Oggi è stata la volta di Francesco, Jacopo e Micaela della classe III C (docente Pasquale Garzia) che tra gli altri hanno messo attenzione sullo sport, problematiche del loro paese e dei lavori per la nuova palestra, mentre Mirco e Arianna della classe III D (docenti  Vera Mazzone e Maria Cristina De Pascali) erano invece incuriositi sul numero di copie del giornale e sul criterio di scelta degli articoli da mettere in prima pagina. Giornata da ricordare per questi  ragazzi con una gradita sorpresa finale: una pagina con testata Parabita e le loro foto della visita in redazione ancora in corso.

In occasione della visita della scolaresca a Piazzasalento, è stato organizzato un percorso formativo, didattico e culturale dalla docente Liana Avvantaggiato, responsabile per le uscite didattiche della scuola, anche in collaborazione con l’associazione culturale ambientale Emys di Gallipoli. Le classi sono state divise in modo che potessero, una seguire le attività in redazione e l’altra andare in escursione nel centro storico con le guide Emys. L’obiettivo delle due giornate di lavoro (8 e 9 gennaio),  è stato quello di costruire una rete a Gallipoli, secondo i dettami del Sac (Salento cultura ambiente), unendo gli aspetti  formativi e didattici e facendo conoscere le peculiarità e i diversi contenitori culturali ed ambientali del territorio.

Commenta la notizia!