Dalla marcia di Assisi al Papa

di -
0 875

Da sin. Francesco Bove, Stefania Casto, Luisa Rolli, Matteo Colazzo

Matino. Il 27 ottobre del 1986 il beato Giovanni Paolo II organizzò ad Assisi uno  storico incontro con i rappresentanti di tutte le religioni del mondo. A venticinque anni di distanza l’evento si ripete, il 27 ottobre prossimo, infatti, Papa Benedetto XVI incontrerà i leader religiosi.

Un’occasione di dialogo che coinvolge tutti i popoli e che diventa un momento importante da sfruttare soprattutto per i giovani, che per l’occasione sono stati riuniti un mese prima per dare il via ai lavori di dialogo e di pace. Chiamati a raccolta alcuni rappresentanti dell’azione cattolica, per partecipare al meeting “1000 giovani per la pace”. Ai lavori del meeting, che si sono svolti a fine settembre hanno preso parte anche due giovani di Matino, a parlare di loro Andrea Bove, educatore presso l’azione cattolica dei ragazzi della parrocchia S.Giorgio «La Diocesi Nardò Gallipoli in rappresentanza di tutti i giovani, ha affidato l’importante compito di partecipazione ai lavori del convegno a quattro giovani, di cui due del nostro paese, Francesco Bove e Stefania Casto, insieme a Matteo Colazzo di Galatone, e Luisa Rolli di Copertino».

I ragazzi dal 23 al 26 settembre si sono recati ad Assisi per seguire i lavori del convegno, che si è svolto il 24 settembre. Il loro ruolo essere costruttori di pace, esprimendo pensieri, idee e progetti, confrontarsi con altri giovani del mondo e con alte autorità ecclesiali tra cui Padre Pierbattista Pizzaballa, custode di Terra Santa.

Il giorno seguente hanno poi preso parte alla XIX edizione della Marcia per la Pace Perugia-Assisi. Un’altra commemorazione importante ricorre in questa data, esattamente cinquant’anni ed un giorno dopo, 24 Settembre 1961, Aldo Capitini organizzò la prima Marcia, presentando per la prima volta l’attuale bandiera della pace, con i sette colori dell’arcobaleno. Proprio per festeggiare questo anniversario, la XIX Marcia per la pace Perugia-Assisi ha gridato lo stesso slogan della prima: “Per la pace e la fratellanza tra i popoli”.

Concluso questo primo incontro, verrà organizzato un altro convegno, che avrà lo scopo di dare vita ai vari progetti. Merito a Francesca e Stefania dunque, sostenuti dai sacerdoti, Don Primaldo, Don Giorgio e Don Leonardo, da tutta l’Azione cattolica di Matino guidata dalla presidente Fabiana Ungaro, e  dal  settore giovani parrocchiale, guidato da Danila Tamborrini e Lucetta Barone.

«Anche l’amministrazione comunale – dice Andrea – è stata vicina ai giovani partecipanti al convegno, sostenuti dall’assessorato alle politiche giovanili, guidato dall’Assessore Johnny Toma».           

MAQ

Commenta la notizia!