Dal Crocefisso alla Campana solo a piedi

di -
0 593

Cripta del Crocefisso della macchia

Nelle giornate di cielo terso, da lassù si può ammirare il profilo delle montagne della Calabria e (molto più facilmente), il vasto tratto di mare compreso tra Gallipoli e Torre San Giovanni. Con i suoi quasi 200 metri sul livello del mare (comunque qualcosa in meno rispetto alla collina di Sant’Eleuterio a Parabita), il Crocefisso della macchia rappresenta un’altitudine “inusuale” per il Salento.

Posto al confine tra Casarano e Taurisano (si arriva lasciando la strada che collega i due comuni), ma curiosamente nel territorio di Ruffano, negli ultimi anni è meta non solo di quanti ne seguono le funzioni religiose all’interno della cripta, ma anche degli appassionati della mountain bike, per i tanti sentieri che offre, e degli amanti delle passeggiate all’aria aperta. All’interno della cripta si possono ammirare graffiti di epoca paleolitica e fossili risalenti a comunità del Neolitico con vari affreschi alle pareti risalenti ai secoli XVI-XVII. Intorno alla grotta sono, invece, presenti i ruderi dell’antico convento di origine greca.

Dal Crocefisso, lungo un itinerario di appena tre chilometri in larga parte ancora incontaminato, si può raggiungere Taurisano (verso sud) e la collina della Campana di Casarano (a nord). Anche da quest’ultimo promontorio il panorama è da ammirare anche se “offuscato” dagli alberi della villa sottostante il piazzale della chiesa.

Commenta la notizia!