E Titoru morì prima. Per i soldi

di -
0 804

Il carro "70 anni di gloria" (foto di Emiliano Picciolo)

Gallipoli. Nubi nere sul carnevale di Gallipoli. Neppure l’assemblea convocata in extremis da Vincenzo Barba, nel ruolo di imprenditore, ha prodotto l’effetto di salvare la manifestazione. L’invito dell’onorevole di unirsi per finanziare l’evento è, infatti, caduto nel vuoto.

Nella sala di San Lazzaro, insieme ai carristi, era presente solo l’imprenditore Marcello Barone. «Quando non c’è da mungere qualche vacca grassa, tutti spariscono» ha affermato Barba rinnovando all’assemblea   la «disponibilità a finanziare il 50 % dell’intera somma che serve per organizzare il Carnevale». Il problema però è che non si riesce a trovare l’altro 50 per cento. Quale che sia la somma necessaria.

Niente soldi, dunque, niente Carnevale. Palazzo di Città, da parte sua, ha le mani legate per la legge Tremonti e per la circolare Monti che vietano ai Comuni, con assoluto rigore, se anche le avessero, di elargire somme per questo tipo di manifestazioni. Nel vuoto è caduto anche il bando dello scorso novembre con il quale il Commissario Prefettizio Mario Ciclosi dava la possibilità di allestire un progetto esecutivo per l’organizzazione del Carnevale. Gli imprenditori avrebbero povuto unirsi in un consorzio impegnando, però, proprie risorse finanziarie. Anche in questo caso se qualcuno fosse intervenuto per tempo, probabilemnte ora il Carnevale sarebbe salvo.

«Più che una questione di soldi ormai il problema è il tempo, che non c’è più» ha poi affermato Gino Cuppone, presidente dell’associzione “Carnevale di Gallipoli”, per il quale è ormai  bene pensare al prossimo anno «organizzandoci sin da ora  per poter realizzare il prossimo anno un Carnevale all’altezza della tradizione».
Ma è davvero solo questione di tempo?

Avendo calcolato che per realizzare un carro entro un mese  occorrono almeno 15.000 euro, i carristi si sono dichiarati dispoti a “lavorare incessantemente  giorno e notte nei nostri capannoni “, sempre a patto che si trovino i soldi. Appunto.

Commenta la notizia!