Maglie – Qual è il rapporto tra cervello e creatività? Perché il cervello è stimolato dall’arte? È possibile parlare di arte partendo dalle neuroscienze? Di questo si parlerà dal 16 al 25 novembre nel corso di conferenze pubbliche (accesso gratuito) promosse da Fansinaptico, Fondazione per l’Arte e le Neuroscienze e dal suo presidente, medico chirurgo e mecenate, Francesco Sticchi (foto della sede).

Due appuntamenti all’anno, in primavera e in autunno Quello che inizierà il 16 è il quarto dall’inizio della programmazione: nel precedente, tenutosi a maggio scorso, è stato esplorato  il tema del cervello e del tempo; negli altri si è indagato sull’elaborazione delle immagini visive e sulla memoria. Tutti temi di fondo della Fondazione che ha l’obiettivo di creare un luogo di incontro e dialogo interculturale per le giovani generazioni, “come laboratorio di sperimentazione e ibridazione di nuovi linguaggi espressivi, attraverso un nuovo rapporto Arte-Cervello, che stimoli l’interesse per la conoscenza del funzionamento della mente umana e della sua dinamica relazione con il corpo e l’ambiente”. Cervello e creatività, quindi, per esplorare nuovi e poco noti percorsi con la consapevolezza che l’arte è “una delle possibilità che abbiamo di rompere l’isolamento e il conformismo”.

«La creatività è insita nella nostra specie – dice Francesco Sticchi – ed è frutto del cervello che modellandosi nel corso dell’adolescenza, periodo in cui inventiamo noi stessi e la nostra personalità, entriamo nella vita adulta, quando passione e creatività volano alto, con tutto il bagaglio del nostro vissuto e le immagini che ci hanno formato, per completare il senso di sé e ciò che ognuno vuole essere, aiutati dall’emisfero destro del cervello. Ed è proprio nella nostra gioventù che siamo aiutati nella creatività dal Pensiero divergente (ossia l’innovatore dionisiaco) tipico dell’adolescenza, a cui si aggiunge il Pensiero convergente (ossia l’artista apollineo) dato dalla maturazione dei lobi prefrontali, dandoci la voglia e la passione per scoprire cose nuove».

Pubblicità

Conferenze e mostra Ogni sera, quindi, alle 19, avrà luogo una conferenza sul tema “Cervello e creatività”; dalle 18 alle 22 si potrà visitare la mostra di Alessandro Passaro, pittore che vive e lavora a Mesagne e le cui opere vanno “dal figurale all’informale sempre con atteggiamento sperimentale verso le potenzialità del mezzo pittorico”. La mostra, che sarà inaugurata venerdì 16 novembre alle 18.00, è curata dal critico Carmelo Cipriani. Da ammirare anche la collezione di artisti contemporanei e le installazioni, opera dello stesso Francesco Sticchi, realizzate con materiali di recupero. (Info: Fans, via Thaon De Revel 25, Maglie (Le), tel. 3396145183, fansinaptico.com)

 

 

 

 

Pubblicità

Commenta la notizia!