Racale. Ritiro della patente e segnalazione all’autorità competente per detenzione di droga ad uso personale. Normale amministrazione, di questi tempi, per i carabinieri se non fosse che a subire il provvedimento è stato un consigliere comunale di Racale che il buon esempio, quale rappresentante delle Istituzioni, dovrebbe dare.

A beccarlo, i militari della locale stazione diretti dal luogotenente Riccardo Minerba. L’episodio si è verificato giovedì 16 giugno sera verso le 18 nel corso di un normale servizio di controllo sul territorio. All’esponente politico, che viaggiava sulla propria vettura con il figlioletto, è stato intimato l’alt.

Trattato da cittadino qualsiasi, oltre alla verifica, come per prassi, dei documenti di guida, l’uomo è stato sottoposto anche ad una perquisizione personale che ha prodotto l’inattesa scoperta: in tasca, infatti, nascondeva un involucro contenente 1 grammo di cocaina.
Cosicché, il quadro si è aggravato nei suoi confronti tanto da far scattare la segnalazione alla Prefettura sulla scorta dell’art. 75 del Dpr 309 per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale.

Pubblicità

Commenta la notizia!