I Consigli comunali di Taviano in diretta su Internet

Francesco Pellegrino

Taviano. I Consigli comunali di Taviano saranno presto visibili in diretta su Internet. Dopo mesi di voci, polemiche e botta e risposta tra classe politica e associazioni, la prima commissione consiliare ha espresso parere favorevole sulla questione e ha passato la palla al Consiglio comunale, chiamato ad esprimersi nella prossima seduta.

È stato il “Movimento 5 Stelle” di Taviano a presentare, tempo fa,  al presidente del Consiglio comunale, Antonio Buellis, una richiesta riguardante le riprese audiovisive dei Consigli. Quella richiesta, però, non è stata presa adeguatamente in considerazione e, dopo una replica del presidente Buellis, che sosteneva la necessità di “valutare con attenzione la richiesta, perché oggi, con la presenza di numerosi blog e siti contenenti file video, basta poco per vedersi sbattuto in prima pagina”, tutto finì nel dimenticatoio. In Consiglio comunale, però, il gruppo “Taviano Città Aperta” ha intrapreso questa battaglia, intervenendo in ogni riunione per ribadire la necessità della trasmissione dei Consigli per una questione di trasparenza.

«Abbiamo ripreso la richiesta del “Movimento 5 Stelle” e l’abbiamo portata in Consiglio» afferma Francesco Pellegrino, capogruppo di Città Aperta. «Ci è stato detto che la trasmissione dei Consigli non era fattibile per ragioni di privacy, ma non ci siamo arresi. Dopo aver presentato alcune note in merito dell’ex garante della privacy, Rodotà, ci è stato detto che il tutto andava regolamentato. Ora in commissione si è deciso che il Comune gestirà le operazioni di ripresa dei Consigli che saranno trasmessi in diretta streaming sul sito istituzionale».

«A noi di “Città Aperte” – prosegue Pellegrino – “avrebbe fatto piacere che fossero coinvolte tutte queste realtà cittadine, anche per sentirne le ragioni e magari anche i loro pareri, i suggerimenti. Si è fatta questa scelta e speriamo che ciò non comporti dei costi alla città». Ora la parola passa al Consiglio che deve approvare il regolamento già accolto in commissione e mettere così i cittadini di Taviano nelle condizioni di poter seguire direttamente dal pc i lavori dell’assise comunale. «Non ci sono primogeniture, non ci assumiamo meriti. Ci preme solo accelerare l’iter perché siamo in ritardo. I tempi sono maturi, la comunicazione in rete viaggia a velocità impressionante e il nostro Comune non può più far finta di niente», conclude Pellegrino.

Commenta la notizia!