Conoscere il territorio attraverso i racconti

di -
0 201

Alliste. Si è aperta giovedì 23 giugno la rassegna letteraria “Il Salento nei libri”, ideata e organizzata dai ragazzi del Servizio Civile con l’associazione “Anonim Art”.

La rassegna si articolerà in tre serate: dopo l’apertura, con Raffaele Polo e il suo “Storie dal Salento” tocca a Franco Manni, che il 30 giugno ha presentato con Gerardo De Marco, Ada Garofalo e Maristella Gaetani, il suo “Fiju meu, ma addhu sta sciati?”.

Ultimo appuntamento è previsto per il 7 luglio con Elisabetta Liguori e i suoi “Sangu” e “Mordi e fuggi”. L’intero ciclo di presentazioni si terrà presso il giardino della Biblioteca Comunale di Alliste, egregiamente rimesso a nuovo proprio dai ragazzi del Servizio Civile.

La prima delle tre serate ha visto una notevole partecipazione di gente interessata ad ascoltare le parole di Raffaele Polo, che ha parlato di “Salento, terra ricca di fascino e di mistero”. Il primo racconto narra le vicende di due turisti che partono dal gazebo della libreria “Antica Roma” a Torre San Giovanni e passando dal Casale giungono ad Alezio e per finire all’Isola delle Pazze, ancora a San Giovanni dove trovano delle incisioni sugli scogli.

«Siamo contentissimi dell’ottima riuscita di questo primo appuntamento – afferma Simona Marinosci, volontaria del Servizio civile di Alliste – ci abbiamo messo tanto impegno e vedere questa partecipazione è gratificante. Ora ci aspettiamo ancora di più dai prossimi appuntamenti».

Sono sette i volontari del Servizio civile nazionale ad Alliste: Maria Rosaria Renna, Giacomo Fersini, Claudia Lannocca, Maruccia Francesca, Pierangelo Tempesta, Francesca Russo e, apponto, Simona Marinosci.

CP