Con l’olio la crisi scivola lontano

by -
0 1748

Fernando, Rocco e Mimino Primiceri (da destra nella foto) per l’inaugurazione del nuovo frantoio.

Casarano. Mimino cura la produzione, Rocco la trasformazione e Fernando la rete commerciale. Sono i tre fratelli Primiceri, artefici dell’impresa Primolio che dal 1990 ha conquistato i mercati internazionali con l’olio salentino.

In questi giorni sono al Salone internazionale del gusto, al Lingotto di Torino, mentre di recente hanno inaugurato il nuovo stabilimento presso la zona industriale di Casarano. Si estende su 3.500 metri quadrati e sarà adibito, almeno per il primo anno, alla sola produzione in attesa che si possa effettuare anche il confezionamento che per ora rimane nella vecchia sede  sulla provinciale per Supersano.

Sorto nel 1990, con l’obiettivo di garantire tracciabilità, genuinità e provenienza del prodotto finale, il frantoio ha, però, origini ben più lontane. Erano, infatti, gli anni Settanta quando il padre Marco (poi prematuramente scomparso) avviò l’attività di raccolta e trasformazione delle olive. Con fatica e sacrifici riuscì a fondare una piccola ditta a Parabita diventando presto un punto di riferimento del settore. I suoi tre figli fondarono, poi, l’azienda Primoljo, oggi  leader del settore agroalimentare apprezzata anche a livello internazionale.

Il frantoio casaranese non si limita alla sola produzione di olio, ma effettua anche raccolta diretta, confezionamento, vendita ed esportazione dei prodotti oleari d’eccellenza, puntando su una forte innovazione tecnologica pur restando legato a metodi di lavorazione tipici della tradizione salentina. L’inaugurazione del nuovo stabilimento giunge ad appena otto anni di distanza dall’ampliamento della sede di via Supersano.

«Questa nuova impresa, in questo particolare momento storico, rappresenta un successo per la città intera che ha bisogno di esempi positivi», ha affermato durante l’inagurazione il sindaco Gianni Stefàno.

Tra i presenti alla cerimonia (oltre ad un migliaio di invitati ed al vescovo Domenico Caliandro che ha benedetto la struttura) anche il presidente della Commissione agricoltura della Comunità europea Paolo De Castro, l’assessore regionale all’agricoltura Dario Stefàno, il suo omologo alla Provincia Francesco Pacella, il presidente di “Oliveti d’Italia” Nicola Ruggiero ed il direttore della Banca Popolare Pugliese di Matino Vito Primiceri il quale ha ricordato “gli ottimi rapporti già avviati con Marco Primiceri”.

Lucio Protopapa

Commenta la notizia!