«Cittadini e pure sentinelle», a Racale convegno sull’incidenza dell’ambiente sui tumori

Luigi Russo Csv Salento - Racale 19 02 2015RACALE. «La Terra dei fuochi siamo noi». Sono nette le parole pronunciate dal presidente del Csvs (Centro servizi volontariato Salento) Luigi Russo (foto) durante il convegno “Ambiente, veleni e tumori nel Salento” che si è svolto il 19 febbraio presso il centro polivalente “Agorafollia”. Il dato più allarmante è l’aumento della mortalità per tumore nella provincia di Lecce, passata dal 20 al 27% negli ultimi vent’anni. Illustrando dati ufficiali, il relatore ha ricordato che la nostra provincia è anche la prima in Italia per tumori al polmone. Per Russo, tutto ciò è dovuto a diverse cause, tra cui l’interramento di rifiuti tossici nel sottosuolo “che per decenni hanno inquinato il territorio e la falda acquifera”, lo sregolato uso di pesticidi “per i quali, in Puglia, non c’è alcun controllo” e l’inquinamento elettromagnetico. Cosa fare, allora? «Bisogna – ha detto – agire sull’informazione creando dei comitati civici per l’ambiente con ‘cittadini sentinelle’». Ivano Gioffreda (associazione “Spazi popolari”) ha parlato dei rimedi naturali e alternativi (la “poltiglia bordolese”, a base di rame e calce viva) per combattere la Xylella che sta attaccando gli ulivi salentini. Il sindaco Donato Metallo ha dato la sua disponibilità per avviare un percorso di collaborazione col Csvs. Per info: www.csvsalento.it.

Commenta la notizia!