Il primo tratto adesso è realtà

by -
0 593

Nella foto di Fernando Stefanelli il taglio del nastro del presidente della Provincia Gabellone e del commissario D’Onofrio

Casarano. Il primo tratto dell’imponente “Circonvallazione di Casarano” è stata aperta ufficialmente al traffico il 6 luglio scorso.

La tangenziale, che servirà a decongestionare la caotica viabilità urbana, si snoda tra la strada statale per Taurisano (SS 475) e la provinciale per Taviano (SP 321), in contrada “Vora”, aggirando a sud-ovest la città.

Si tratta solo del primo tratto dell’opera (1° e 2° lotto), finanziato per 14,5 milioni di euro, ma ora la sfida delle istituzioni, della Provincia in primis considerato che è l’ente proprietario, è intercettare i fondi necessari per completare l’opera (3° lotto). Su questo argomento, nelle scorse settimane, l’opposizione di centrosinistra di Palazzo dei Celestini ha fortemente polemizzato con la maggioranza.

Gabriele Caputo, consigliere provinciale del Pd, rappresentante del collegio di Casarano-Supersano, da mesi lancia l’allarme sul presunto bluff dell’amministrazione diretta da Antonio Gabellone. «La circonvallazione di Casarano – ribadì l’ex vice sindaco il 14 maggio scorso – rimarrà ormai un sogno, e la funzione importante di questa arteria ha lasciato il posto ad un solo, semplice, inutile ed a questo punto evitabile, sfregio del territorio e sperpero di denaro pubblico». Nonostante le rassicurazioni ufficiali, Caputo sostiene che l’opera non sarà mai completata.

Secondo l’esponente del Pd, la Provincia avrebbe inserito tra le richieste inviate alla Regione Puglia il relativo progetto con ritardo, «solo dopo la mia segnalazione». Di conseguenza, «la Regione ha assegnato alla nostra provincia ben 21.673.616 di euro, lasciando fuori il progetto della Circonvallazione di Casarano, come era prevedibile». La Provincia, naturalmente, respinge tali accuse e sostiene di aver fatto tutti i passi burocratici necessari per ottenere il finanziamento di 4milioni e.900mila necessari a completare l’opera.

«Ma come si può affermare che la Provincia non finanzia più la Circonvallazione di Casarano? – si domanda perplesso Gianni Stefano, assessore provinciale alla Gestione del Territorio – il completamento dell’importante infrastruttura è stato regolarmente inserito nel piano triennale delle opere pubbliche e si è in attesa di finanziamento da parte della Regione o del Ministero così come regolarmente richiesto. Pertanto, se pressione deve essere fatta – conclude polemico Stefano – questa deve essere indirizzata alla Regione Puglia che è amministrata anche dal PD ed al Ministero».

Commenta la notizia!