Il centro storico di Nardò presenta il suo presepe vivente

Nardò. Presidiato da un picchetto di soldati romani, nella splendida cornice di piazza Salandra, ha preso il via ieri il presepe vivente del centro storico di Nardò. Taglio del nastro augurale per il sindaco Marcello Risi, con a fianco la presidente della Consulta dott.ssa Tacelli, alla presenza di centinaia di studenti della città. Il presepe, realizzato dall’associazione Pro Loco Nardò, con il patrocinio del Comune di Nardò, ha visto la collaborazione dell’associazione Amici Museo di Porta Falsa, che ha concesso gli attrezzi delle antiche botteghe, degli alunni del liceo artistico Vanoni nella realizzazione di diverse scene del presepe e dell’associazione “Alla conquista della Vita” di Nardò.

Tutto ciò è stato possibile grazie alla Pro loco Nardò ed al suo Presidente Giovanni Portorico, al responsabile di questo ambizioso progetto Mimino Tondo e gli instancabili amici Liberato Orlando e Gregorio Polo che insieme, con tanta passione, hanno lavorato nel valorizzare il centro storico neretino con l’autentica riproduzione delle antiche botteghe dei mestieri più antichi e quasi spariti, nei vicoli nascosti della città arricchiti dalle luci, tra musiche e canti del Natale.

La grotta della Natività è stata allestita nell’antica chiesetta di San Bartolomeo, riaperta dopo diversi decenni per questo evento, dove Mons. Fernando Filograna, vescovo della diocesi di Nardò e Gallipoli ha voluto lasciare un messaggio augurale di buon Natale e di amore e fratellanza a tutti i visitatori del presepe e verso le persone che soffrono.
Il presepe sarà visitabile nei giorni 25, 26, 28 dicembre 1 e 6 gennaio 2015 dalle ore 18,00 alle 21,00 e non mancheranno le attrazioni per i più piccoli, i zampognari, Babbo Natale sul motopattino, la Befana, il pony Sasà, e tanto altro.

 

Commenta la notizia!