Casarano: utenti morosi e Aqp chiude i rubinetti

by -
0 900

case iacp via abruzzi  casaranoCASARANO. Colpisce anche Casarano l’emergenza idrica causata dal taglio nell’erogazione da parte della società Acquedotto pugliese. Nel ponte di “Ognissanti”  una cinquantina di famiglie di palazzine Iacp della zona a nord-est della città, tra le vie Marche, Campania e Abruzzi (nei pressi della cittadella commerciale) sono rimaste a secco. Il problema è sempre quello del mancato pagamento di alcune bollette da parte degli utenti. I contatori non sono, però, individuali e allora   accade che qualcuno si nasconda dietro altri per non pagare.

Per ripristinare la normalità è dovuto intervenire il Comune che con tre ordinanze urgenti del Sindaco è riuscito a riaprire i rubinetti e riportare l’erogazione idrica nelle case delle famiglie interessate. Palazzo dei Domenicani ha parlato di violazione di servizio pubblico e di emergenza igienico-sanitaria” chiedendo ad Aqp di far ricorso al “Fondo sociale” per coprire il disavanzo di circa 100mila euro maturato.

Da tempo la questione (che coinvolge quasi tutti i Comuni della Provincia) è all’attenzione sia dell’Aqp sia dell’Istituto autonomo case popolari. A Casarano stesso problema si verifica periodicamente in contrada Botte dove si è giunti ad un accordo con l’ente erogatore.

Commenta la notizia!