Casarano sprint, tutti doppiati

by -
0 1288
Antonio Casarano

Antonio Casarano

 

SECLì. Antonio Casarano vince con un enorme margine le comunali di Seclì succedendo nella carica di Sindaco a Luigi Negro, che aveva già da tempo deciso di non concorrere per un secondo mandato.  “Al servizio di Seclì”  raggiunge ben 909 voti, contro i 361 di “Insieme per una nuova Seclì”, la civica di orientamento di centrosinistra, guidata da Sonia Giaffreda, e i 100 degli indipendenti di “Seclì Viva”, guidati da Anacleto Epifani. Nella precedente Amministrazione Casarano svolgeva il ruolo di vicesindaco e di assessore al Personale. Sin dalle prime battute dello scrutinio, nei due seggi di viale San Paolo, è apparso subito chiaro il risultato finale con il distacco sempre più evidente con gli altri due candidati.

Ciò ha permesso di iniziare in anticipo i festeggiamenti per il neosindaco che sono poi proceduti con caroselli di auto per le vie del paese fino a tarda sera. Fuori dai seggi, evidentemente emozionato, Casarano ha ringraziato e abbracciato tutti,  deciso a rinviare ai giorni seguenti la risoluzione dei problemi legati alla nuova Giunta. Il recente decreto “Del Rio” riconosce, infatti, ai comuni inferiori a 5mila abitanti, oltre al Sindaco, sette consiglieri di maggioranza, tre di minoranza ed una Giunta composta non più da quattro ma da due soli assessori. Questo significa che qualcuno dei precedenti assessori non potrà essere riconfermato. Al momento non è ancora chiaro quale criterio verrà adottato per la loro scelta. Non si sa, cioè, se si punterà su alcune “insostituibili” competenze o sul numero di preferenze ottenute.

Sarà questo sicuramente il primo problema da risolvere. «In questo paese siamo tutti in qualche modo imparentati. Fin da subito mi farò promotore di una pacificazione generale dopo gli inevitabili screzi di questa campagna elettorale», afferma il nuovo Sindaco. Sugli impegni di programma il percorso è segnato: completare i progetti avviati ed in via di definizione, promuovere  ogni iniziativa per le problematiche ancora aperte. Quindi rivitalizzazione del centro storico, con il completamento del castello e del convento dei frati minori,  e grande attenzione all’ambiente.

«Fra le primissime cose che intendo fare c’è la risoluzione di qualsiasi problema legato alla situazione di alcuni pozzi posti fra Seclì e Neviano, per i quali sono previsti in questi giorni analisi dell’Arpa Puglia per capire se c’è contaminazione da Pcb, la pericolosissima sostanza cancerogena  individuata  a partire dal 2009. Contemporaneamente punterò al miglioramento della raccolta differenziata», precisa Casarano. Per quanto riguarda  i consiglieri eletti da segnalare l’uscita dal Consiglio comunale di Anna Stifani (per un solo voto di differenza) e di Andrea Rizzello. Entrano con la maggioranza nel consesso cittadino Fabio Greco, Giuseppe Greco e Otello Chetta. Alla prima esperienza i consiglieri di minoranza Sonia Giaffreda, Antonio Pepe e Ivan D’Amico. Per circa 20 voti non ce la fa Anacleto Epifani, leader di “Seclì Viva”.

Commenta la notizia!