Per loro le star si chiamano Dante e Cicerone

by -
0 1427

ITALIANO E LATINO Due certamina d’eccellenza, uno sulla conoscenza di Dante, e non solo quello delle opere maggiori, e l’altro sulla lingua latina. Un’opportunità per i ragazzi per mettersi alla prova e misurarsi con i pilastri del mondo classico

Casarano. Si è svolta nei giorni scorsi la cerimonia di premiazione relativa al Certame dantesco e al Certamen latinum salentinum, entrambi giunti alla terza edizione e organizzati dal Liceo classico con il patrocinio del Miur.

Ad introdurre i lavori è stata Tonina Solidoro, vicepreside dell’istituto e referente del progetto. Sono intervenuti il consigliere provinciale con delega alle politiche educative Antonio Del Vino, il presidente della società «Dante Alighieri» di Casarano, Fabio D’Astore, e il dirigente scolastico del classico Giuseppe Sabato.

La data scelta per la premiazione non era casuale. «È ormai consuetudine – commenta D’Astore – far coincidere la cerimonia di premiazione del certame dantesco con la “Giornata della Dante” organizzata a livello nazionale. Del resto, le finalità della “Dante Alighieri” ben si sposano con lo spirito del certame, vale a dire la tutela e la diffusione della lingua e della cultura italiane. Non posso che essere soddisfatto per il riscontro registrato e per la qualità degli elaborati, soprattutto se si considera che gli studenti sono chiamati a riflettere su alcuni aspetti particolari e poco noti delle opere dantesche, ivi comprese le cosiddette opere minori».

A vincere il certamen latino sono stati, per il terzo anno, Federica Sammarco del classico “De Sanctis” di Manduria, Giuseppe Balice del “Socrate” di Bari e Giovanna Riccio del “Carducci” di Nola; per il quarto anno, Elena Lezzi del “Capece” di Maglie, Irene Mondolfo del “Galilei” di Nardò e Francesco Macchia del “Palmieri “di Lecce; per il quinto anno, Valeria Cagnazzo del “Palmieri”, Vittorio Ruggieri del “De Sanctis “e Anxhela Dardha del “Palmieri”.

Nella categoria interni, a vincere sono stati Pierluigi De Paola, Federica Bellisario e Silvia Lombardo, rispettivamente del terzo, quarto e quinto anno.

Ad aggiudicarsi il certame dantesco sono stati Andrea Di Biasi da Canosa, nella categoria esterni, e Stefano Di Paola, nella categoria interni.                   AN

Commenta la notizia!