Serre salentine, il parco piace «I soldi ci sono?»

di -
0 620

Perplesso il sindaco di Parabita, Cacciapaglia

Casarano. Il Salento potrebbe avere, prossimamente, una nuova zona di verde protetta. Il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, e il presidente della commissione provinciale Ambiente, Francesco Bruni, hanno annunciato nei giorni scorsi l’avvio dell’iter amministrativo per l’istituzione del “Parco rurale delle serre salentine“.

Questa proposta, affrontata nella quarta commissione consiliare della Provincia, prevede interventi omogenei di tutela, risanamento e valorizzazione delle risorse ambientali e paesaggistiche dei luoghi compresi nell’area delle serre salentine, in cui rientrano i comuni di Casarano, Collepasso, Galatone, Matino, Neviano, Parabita, Ruffano, Sannicola, Seclì, Supersano e Tuglie.

«Sarebbe un traguardo importante – ha dichiarato Gabellone il giorno dell’annuncio – in grado di valorizzare le tipicità di una zona della nostra provincia tuttora incontaminata e da sempre ricca di bellezze naturali. Senza dimenticare la volontà della Provincia di Lecce di chiudere il cerchio delle nuove istituzioni di parchi e riserve protette in grado di tutelare e preservare l’ambiente salentino e le sue ricchezze naturali, garantendo al Salento – ha concluso il presidente della Provincia – l’integrità, la cura, la valorizzazione e la continuità del suo tesoro più grande».

Ma cosa ne pensano i sindaci interessati? I primi commenti non sono entusiasti e fortemente condizionati dalla scarsità di risorse pubbliche. «L’idea è ottima, anche se all’atto pratico bisogna verificare se ci sono le risorse economico-finanziarie per realizzarla – ha commentato Alfredo Cacciapaglia,  sindaco di Parabita – l’iniziativa di un parco potrebbe anche avere un ritorno in termini economici, ma bisogna inserirlo in un percorso turistico-ambientale attrezzato, essere adeguatamente sostenuto a livello di promozione turistica, trovare il personale adeguato eccetera. Poi – conclude il sindaco – non sarà semplice il dopo realizzazione, ossia la manutenzione di una struttura così grande. Ripeto: l’idea è bellissima e condivisibile, però servono i soldi»

ES

Commenta la notizia!