Carnevale di Gallipoli: «Possiamo dirci davvero soddisfatti»

GALLIPOLI. Si è concluso il Carnevale gallipolino organizzato dalla “Fabbrica del Carnevale”. Domenica 15 febbraio su Corso Roma c’è stata la premiazione dei carri allegorici, realizzati dai maestri della cartapesta gallipolini con la direzione artistica di Alberto Greco aventi come tema “La Divina commedia”. In testa “Preferisco il Paradiso” dei fratelli Coppola, seguito da “Errata corrige. Tutto da rifare. Ovvero la Divina commedia” di Roberto Pero. Terzo posto per l’“Arpia” (Inferno) di Cosimo Perrone,  quarto per “Lasciate ogni speranza voi ch’entrare” del maestro Franco Monterosso, quinto per “Dove l’allegro spirito si purga” (Purgatorio) del maestro Giovanni Pacciolla. Dopo la premiazione è stata la volta dei gruppi mascherati, con il grande ritorno de “ Lu Titoru”. Partiti dal piazzale del Canneto e arrivati in via Antonietta de Pace, si sono poi fermati sul sagrato della Chiesa di San Francesco d’Assisi; qui i rin tocchi della campana ha decretato la fine del Carnevale.
«A manifestazione conclusa con la benevolenza di Giove pluvio – afferma Alberto Greco, presidente della Fabbrica del Carnevale – possiamo dirci veramente soddisfatti per l’ottima riuscita della kermesse. Siamo felicissimi della partecipazione dei paesi vicini i quali hanno portato i loro splendidi gruppi. Di successo anche la chiusura del Carnevale il martedì grasso che ha dato uno scossone al centro storico assopito dal freddo invernale».

Commenta la notizia!