Bus elettrici, ape-calessi e teatro tenda con il Sac Arneo-Costa dei Ginepri

by -
0 1528

NARDÒ. Attraverso i cinque bandi, già tutti pubblicati, del Sac  (Sistema ambientale culturale) “Arneo-Costa dei Ginepri” (finanziato con 850mila euro circa), entro l’estate prossima si potranno intraprendere azioni finalizzate alla crescita dell’attrattiva turistica anche di Nardò. I 14 Comuni ricompresi in questo Sac, di cui Nardò è capofila, potranno finalmente cominciare ad operare concretamente nella direzione indicata nel progetto di valorizzazione integrata (ambiente e cultura di una vasta area), di sviluppo sostenibile e di cooperazione interistituzionale.

Per quanto riguarda Nardò, le azioni messe in campo interessano questi “nodi attrattori”: Parco naturale regionale di Portoselvaggio – Palude del Capitano (Masseria Torre Nova e Casa del Capitano); Torre S. Isidoro ed altre eccellenze culturali e ambientali del territorio. Gli interventi consisteranno in  servizi innovativi di fruizione e produzione culturale riguardanti passeggiate tematiche con rappresentazioni teatrali durante gli itinerari e percorsi simili con audio guida, acquisto di un teatro tenda itinerante da 500 posti; potenziamento culturale attraverso il completamento e il potenziamento delle dotazioni di supporti funzionali all’erogazione di servizi di informazione e didattica, di produzione e socializzazione culturale, presso la Casa del Capitano e Torre S. Isidoro: questi contenitori verranno allestiti come laboratori didattici e servizi di accoglienza finalizzati agli aspetti legati ai parchi e alle risorse naturalistiche ed enogastronomiche. Inoltre, ecco un sistema della mobilità sostenibile del Parco di Portoselvaggio – Palude del Capitano, dell’Area marina protetta di Porto Cesareo e dei centri storici del Sac, attraverso l’acquisto di due bus elettrici da 14 posti ciascuno, sei Api Calessino, tre taxi boat (imbarcazioni da noleggio adibite al trasporto dei turisti e non solo).
Il documento programmatico relativo è in questi giorni all’esame della Consulta della cultura presieduta da Maria Luisa Tacelli (nella foto in alto a sinistra).

Commenta la notizia!