Bulli in azione: due giovanissimi arrestati dopo il video choc

Nardò – Due minori di Nardò sono stati arrestati dai carabinieri nelle ultime ore. Su di loro le accuse pesantissime di rapina, sequestro di persona, violenza sessuale, pornografia minorile ed estorsione. Tali reati sarebbero stati commessi lo scorso 21 novembre ai danni di un altro minore, appena 15enne. I due (di età compresa tra i 16 e 17 anni) sono stati arrestati su ordine del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale per i minorenni di Lecce. L’operazione è stata condotta dai carabinieri della Stazione di Nardò e della Compagnia di Gallipoli. Sconcertanti i contorni degli episodi incriminati: i due bulli avrebbero portato con la forza la vittima in un bagno pubblico della città costringendola a toccarsi i genitali davanti a loro e filmando la scena con un cellulare. Il video ha, purtroppo, “fatto il suo giro” sui social e la denuncia è scattata non appena la madre della vittima ne è venuta a conoscenza. L’accusa di estorsione è collegata al fatto che per restituire gli abiti rubati alla vittime, gli aguzzini avrebbero pure richiesto una piccola somma di denaro.

Commenta la notizia!