Negata al “Bottazzi” i corsi di Alberghiero coordinati a Leuca

by -
0 899

Casarano. Niente da fare per l’Istituto professionale «Bottazzi» che, per il momento, dovrà rinunciare all’idea di aprire una sede coordinata ad indirizzo «Servizi per enogastronomia e ospitalità alberghiera» a Castrignano del Capo, frazione di Santa Maria di Leuca.

L’istituzione della succursale, in risposta alle richieste provenienti da un territorio dalla forte vocazione turistica, era condizionata alla conferma da parte della Caroli Hotel di Santa Maria di Leuca della massa a disposizione a titolo gratuito per due anni dei locali per le aule e per i laboratori. In realtà, però, il problema è stato un altro.

Dall’Ufficio scolastico regionale e dalla Provincia di Lecce è giunto, sfortunatamente, parere negativo. A motivare la contrarietà espressa dalla Regione, l’assenza di una formale assunzione di oneri da parte della Provincia.

«Prendiamo atto di quanto stabilito dalla Giunta regionale – commenta il preside Franco Fasano – che si è espressa dicendo che l’Amministrazione provinciale avrebbe dovuto accollarsi gli oneri per il funzionamento del laboratorio e, in mancanza di ciò, è stato espresso parere negativo».

Non fa drammi, però, il preside Fasano, che è convito del fatto che l’istituzione di una sede a Castrignano sia solo rinviata. Se, infatti, la sede di Ugento dovesse diventare un istituto autonomo, allora la strada verso l’apertura di una sede coordinata a Leuca sarebbe molto breve.

Intanto, è ora di pensare all’offerta formativa per il prossimo anno scolastico. L’istituto diretto dal preside Fasano aveva volutamente preso tempo in attesa del pronunciamento della Regione sulla sede di Castrignano. Adesso il «Bottazzi» si adeguerà, ma senza smettere di guardare al futuro.

Anche perché, al momento, il «Bottazzi» vanta ben nove indirizzi di studio e cinque sedi dislocate nei comuni di Casarano, Racale, Ruffano, Taurisano e Ugento.

«Aspettiamo – conclude il preside – che nel corso dell’anno la Provincia ci consegni la nuova sede dell’istituto di Ugento. In tal modo, quest’ultimo potrebbe diventare autonomo e, conseguentemente, potrebbe aprire una sede coordinata a Leuca».

Niente di grave, dunque, la scuola va ed è un sicuro punto di riferimento per gli studenti di tutto il basso Salento.

Alberto Nutricati

Commenta la notizia!