Bici e treno, ora si può grazie ai percorsi turistici dell’Ecomuseo delle serre

stazione seclì neviano aradeo copiaNEVIANO. Le bellezze di Neviano e dintorni da gustare sul sellino di una bicicletta. È questa l’ultima proposta dell’associazione “Ecomuseo del paesaggio delle Serre di Neviano”, presieduta da Rita Stefanelli (foto) e nata con lo scopo di promuovere e tutelare il territorio nevianese (e non solo) dal punto di vista turistico, ambientale e culturale. Sabato 12 luglio, alle 18,30, presso la stazione ferroviaria di Neviano-Seclì-Aradeo (foto) ci sarà la presentazione finale del progetto “Good bike Neviano!”, con la distribuzione delle mappe ciclabili, nonché l’inaugurazione ufficiale del servizio di bike sharing comunitario promosso dall’associazione in collaborazione con la cooperativa “AB-Città” e “Play your place”.

L’originale iniziativa, che mira alla valorizzazione delle bellezze naturali e culturali anche più periferiche, è stata finanziata dall’assessorato alla Mobilità della Regione Puglia attraverso il bando “PugliA Pedali”, nell’ambito del più vasto programma volto alla mobilità sicura e sostenibile denominato “Crea-Attiva-Mente”. Per l’occasione, l’Ecomuseo nevianese ha da tempo avviato una raccolta collettiva di bici usate o inutilizzate (alcune sono state fornite in comodato d’uso dal Comune di Seclì) da mettere a disposizione degli utenti. L’idea, infatti, è quella che chi giunga a Neviano in treno o in auto possa poi scegliere di visitare il paesaggio vicino utilizzando la propria bicicletta oppure noleggiando gratuitamente quelle messe a disposizione dall’Ecomuseo grazie proprio al servizio di bike sharing comunitario, garantito da maggio a settembre, dal lunedì al sabato, dalle ore 9 alle 19. DC

Commenta la notizia!