Gallipoli: Baia verde ancora inaccessibile, a due giorni dalle forti piogge. Proteste

Gallipoli – Per fortuna ieri ed oggi di pioggia non se n’è vista ma della copiosa e prolungata precipitazione del fine settimana ed oltre ci sono ancora tracce pesanti a Gallipoli, in località Baia verde. Tanto pesanti che questo pomeriggio in redazione è giunta un’altra protesta. A farla è una dei residenti che abitano tutto l’anno. “Quando sono arrivata vicino alla Baia verde provenendo da Lecce, ho trovato un’amara sorpresa – racconta Maria Pia Romano, scrittrice e giornalista – che mi ha impedito praticamente di raggiungere la mia abitazione”. Con l’auto la residente non ha potuto procedere né dalla litoranea sud, bloccata anche con transenne per i lavori in corso, né dalla Statale 274, con l’accesso a Baia verde interrotto da transenne ancora oggi (foto). Ma la cosa che ha fatto infuriare alcuni componenti delle circa 50 famiglie che risiedono per davvero a Baia verde è stato il fatto che fino ad oggi nessun avviso sulla inacessibilità della zona è stato loro inviato in qualche forma: da un annuncio sul sito ufficiale del Comune ad un sms o un tweet. Romano ha infatti pubblicato su facebook: “Fino ad ora #BaiaVerde #Gallipoli è chiusa per allagamento. I residenti non possono raggiungere le abitazioni. Sul sito del Comune di Gallipoli nessun avviso. Possibile? Non sapete usare gli #hashtag?”.

La situazione comunque, al di là del black out informativo, resta seria, come hanno potuto constatare ancora una volta questa mattina gli amministratori comunali (il vicesindaco Cosimo Alemanno), i carabinieri della Forestale, i tecnici del consorzio di bonifica Ugento Li Foggi, con i vigili del fuoco di Gallipoli e Maglie impegnati al massimo delle loro possibilità. La piccola rete bianca esistente non è sufficiente davanti a precipitazioni così copiose come quelle dei giorni scorsi. Inoltre, entrambe le pompe che smaltiscono l’acqua riversandola in mare, nei pressi della rotonda principale, si sono bruciate per il continuo uso.

Consorzio di bonifica e canale (ormai insufficiente”) sotto accusa. “Il problema è che il canale (dei Samari, ndr) non è più sufficiente rispetto al carico umano che lo interessa, che è aumentato rispetto a quando fu realizzato”, è stato ribadito dagli addetti del consorzio di bonifica; la sua portata andrebbe ampliata, operazione non semplice sia per i costi che per gli impedimenti rivenienti dal fatto che ci si trova in pieno parco naturale. Intanto però il consorzio, anche in questo caso, sarà probabilmente chiamato nelle aule giudiziarie per rispondere delle presunte carenze di manutenzione con relativi danni.

In via delle Acacie questo pomeriggio ancora 40 cm d’acqua. “Ancora in questo momento e sono le 18 – racconta un altro residente, Cosimo Solida, originario di Alezio – in via delle Acacie ci sono 40 centimetri d’acqua. Tutti i pianoterra di un’ampia zona sono stati allagati; a casa mia ce n’erano almeno 15 centimetri e solo adesso, in qualche modo, siamo riusciti a far tornare l’asciutto”.  Con altri componenti dell’associazione Baia verde, Solida ha seguito le operazioni in corso: “Devo dire che l’interessamento e gli sforzi ci sono stati, lo abbiamo visto da parte del Comune, dei vigili del fuoco, dei carabinieri – racconta – ma devo anche aggiungere che abbiamo riscontrato, ad ogni cambio di turno dei pompieri strategie nuove, spostamenti di idrovore, poi di nuovo rimesse al posto di prima… ci è sembrato che non ci fosse un piano d’azione coordinato”. Oltre al fatto che “a quella piccola fognatura bianca che c’è ancora non si fa una manutenzione periodica e, soprattutto, prima della stagione in cui sono previste piogge”. “Lo abbiamo detto al Sindaco in uno dei nostri incontri – conclude Solida – e speriamo che si provveda”.

Commenta la notizia!