Home Authors Posts by Rocco Pasca

Rocco Pasca

335 POSTS 0 COMMENTS

Taviano – Due città, Taviano e Racale, accomunate da un unico Duc (Distretto urbano del commercio) per l’integrazione e la valorizzazione delle risorse di ciascun territorio. L’incontro pubblico con gli operatori commerciali delle due città è previsto per giovedì 22 febbraio alle ore 19, presso il palazzo Marchesale di Taviano. Sarà presentata l’associazione del Duc “Taviano-Racale”, formata oltre che dai due Comuni, da Confcommercio Lecce, da Confesercenti Puglia e presieduta dal sindaco di Taviano, Giuseppe Tanisi. Con il Distretto urbano del commercio si potranno valorizzare le produzioni locali dell’artigianato e dell’agricoltura, le relazioni tra produttori e tessuto commerciale, sviluppare attività di marketing, migliorare la distribuzione, riqualificare l’arredo urbano, mettendo a punto azioni sulla sicurezza. “Questo strumento – dichiara Paola Cornacchia, consigliera delegata alle Attività produttive – è una grande opportunità per il rilancio del commercio e, più in generale, per la crescita delle due città. Il Distretto ha bisogno di essere riempito delle idee e dei suggerimenti preziosi di chi vive quotidianamente di commercio e ne conosce le esigenze, i problemi e le prospettive”.  “Con l’associazione del Duc – conclude il primo cittadino di Taviano, Giuseppe Tanisi – ci proponiamo come soggetto di riferimento per la realizzazione di progetti in rete finalizzati alla valorizzazione, promozione e riqualificazione del  territorio. E’ una straordinaria opportunità per le imprese e il commercio e per rilanciare le attività produttive di Taviano e Racale”.

Taviano – Come e in che misura gli agricoltori salentini potranno accedere ai finanziamenti regionali per l’espianto e il reimpianto degli ulivi attaccati dalla Xylella fastidiosa. Di questo si parlerà in un importante convegno organizzato dalla Vueffe Consulting, di Terlizzi, in collaborazione con il Centro studi Olea – Orto degli Ulivi e la Cooperativa BioSalento, in programma mercoledì 21 febbraio alle ore 17.30 presso la sala “Armando Ria” del Palazzo Marchesale di Taviano. L’evento è patrocinato dall’assessorato all’agricoltura del Comune di Taviano. Durante l’incontro verranno illustrati gli interventi a sostegno per gli investimenti per la redditività, la competività e la sostenibilità delle aziende olivicole della zona infetta colpita dalla Xylella previsti dalla Misura 4.1.C e dalla Sottomisura 5.2 del PSR Puglia. Dopo il saluto del sindaco, Giuseppe Tanisi, sono previsti gli interventi dell’assessore all’agricoltura, Marco Stefano e le relazioni dell’agronomo Giuseppe Vergari, Presidente del Centro studi Olea – Orto degli Ulivi e di Piero Tunno, direttore tecnico della cooperativa BioSalento. Concluderà i lavori l’agronomo Francesco Vendola, amministratore della Vueffe Consulting.

 

Taviano – Settimana di fede a Taviano che culminerà, domenica 18, con la ricorrenza della festa della Madonna del Miracolo presso il Santuario del Convento, in piazzetta don Luigi Antonazzo. La settimana si è aperta lunedì 12 e proseguirà con il settenario in chiesa, con la recita del rosario e la messa serale alle 18. Venerdì 16 febbraio, poi, alle ore 19.30 la Confraternita B.V. Maria Addolorata organizza, nel Santuario, “Note e Fede”, una serata di riflessione e musica sulle parole di Gesù in croce. La serata sarà allietata dai solisti Antonella Marzi (soprano) e Dario De Micheli (tenore) con il Coro del Santuario diretto dal maestro Enrico Zullino e con Dolores Corlianò che suonerà l’Arpa , insieme alla presenza di altri strumenti musicali. La settimana di fede si concluderà, infine, domenica 18 febbraio alle 19.00, con la solenne processione che si snoderà per le strade del paese. Al termine della processione, dal campanile del Santuario si potrà godere lo spettacolo pirotecnico in onore della Madonna. La ricorrenza della festa della Madonna Addolorata è molto sentita dai tavianesi che, secondo la tradizione popolare, salvò il paese, nel 1894, da una epidemia virulenta che  provocò centinaia di morti.

Taviano – Si alza il sipario sul terzo appuntamento con il teatro a Taviano. In scena il 13 febbraio alle ore 21 presso il Teatro Fasano un cast eccezionale composto da Maurizio Micheli, Benedicta Boccoli, Ninì Salerno e Antonella Elia, nella commedia del canadese Norm Foster “Il più brutto weekend della nostra vita”. La commedia diretta da Micheli gioca su un ritmo pirandelliano, con battute a ritmo serrato e piccoli cambi di scena, guidati dalle luci sul palco. Tutto si muove intorno alle due coppie che non nutrono stima reciproca, anzi arrivano a detestarsi. Credono di essere innamorati ma non lo sono, credono di trascorrere le giornate divertendosi ma si annoiano. Prossimo appuntamento con la rassegna del circuito Teatro Pubblico Pugliese venerdì 23 febbraio con “Il Misantropo” di Moliere, a cura di Factory Compagnia Transadriatica – Accademia perduta/Romagna teatri. Per info e prenotazioni: 0833. 916200/916238 (Ufficio Affari Generali). Costo biglietti: 1° settore intero 15 euro, ridotto over 60 e card 12 euro. 2° settore intero 12 euro, ridotto over 60 e card 10 euro. Ridotto studenti 8 euro.

Taviano – Con la sudata vittoria al tie break (3-2) sulle Messaggerie Bacco Catania di sabato 3 febbraio, la Pag Volley Taviano ha iniziato bene la seconda fase della Pool C della A2 di pallavolo maschile. La vittoria è stata sofferta in quanto la squadra siciliana non ha mai mollato, fino al quinto set quando ha ceduto il campo. A fare la differenza i 28 palloni vincenti di Bigarelli e soprattutto il calore del pubblico tavianese che ha infiammato e coinvolto tutto il PalaIngrosso. Coach Licchelli ha avuto parole di ringraziamento per tutto il gruppo che ha saputo lottare fino alla fine, senza molte sbavature. La società,d a parte sua, ha rivolto un plauso particolare al centrale Mirko Torsello che è rimasto in campo nonostante un infortunio in partita che gli è costato un dito lussato e una vistosa fasciatura. Adesso la squadra tavianese guida la classifica della Pool C con 17 punti. Dopo il turno di riposo dell’11, la Pag Taviano tornerà sul parquet di casa il 18 febbraio alle 19.30 contro Massa prima di rendere visita al Castellana Grotte il 25 febbraio alle 16.

Taviano – L’avvocato Alberto Longo, 33anni, di Taviano (foto) è stato nominato componente della Commissione Provinciale di Garanzia del PD. La nomina è avvenuta nel corso della seconda Assemblea provinciale del Partito Democratico, in corso in questi giorni a Lecce. Hanno giovato a suo favore l’attività svolta insieme al Segretario del circolo di Taviano, Mauro Gaetani, ma anche il suo impegno nel siglare l’accordo elettorale tra le componenti di “Taviano Città aperta” di Francesco Pellegrino e “Insieme per Taviano” di Giuseppe Tanisi, in occasione delle elezioni amministrative del giugno 2016, che hanno visto il ritorno del centrosinistra alla guida della Città. Non da ultimo, infine, il lavoro svolto nell’ultima Commissione Provinciale per il Congresso del PD, della quale Longo era componente. «Sono onorato e ringrazio il partito – dichiara Longo – per questo ruolo assegnatomi. Non c’è tempo da perdere. Abbiamo poco più di un mese per affrontare una campagna elettorale dura ma importante per il Paese e per tutto il territorio salentino». L’avvocato Longo è ritenuto essere molto vicino all’assessore regionale Loredana Capone, al sindaco di Racale, Donato Metallo e al vice sindaco di Taviano, Francesco Pellegrino.

Taviano – Secondo appuntamento con la nuova stagione di prosa organizzata dal comune di Taviano in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese. Il 23 gennaio arriva a Taviano Francesco Pannofino con la commedia “Bukurosh, mio nipote ovvero il ritorno dei suoceri albanesi”, in scena alle 21 al Teatro Fasano. Sul palco, oltre a Pannofino ed Emanuela Rossi anche Andrea Lolli, Silvia Brogi, Maurizio Pepe, Filippo Laganà ed Elisabetta Clementi. La commedia di Gianni Clementi è il seguito de “I suoceri albanesi” che ha divertito gli italiani con una tournée di 200 repliche. Il gruppo di attori mette in scena una divertita analisi della società attuale con tutte le contraddizioni e i pregiudizi di un mondo borghese che vede affievolirsi, giorno dopo giorno, le conquiste del passato. I prezzi dei biglietti sono i seguenti: 15 euro (ridotto Over 60 e Card 12 euro) per il 1° settore. 2° settore:  intero 12 euro, ridotto Over 60 e Card 10 euro, ridotto studenti 8 euro. Prenotazioni ai numeri:  0833 916238/ 916200, dal lunedì a venerdì (ore 10 – 12) e giovedì (16-18).

Taviano –  Due focare – per due parrocchie – il 16 gennaio a Taviano, in occasione della festa di Sant’Antonio Abate. La prima si svolgerà in piazza San Martino, organizzata dalla parrocchia san Martino, dall’associazione “Cultura e Salento” e con il patrocinio del Comune di Taviano. Si inizia alle 17.15 con la Tombolata dei bambini con ricchi premi. Alle 18 il parroco don Lucio Borgia (di Casarano, nella foto) celebrerà la messa e benedirà gli animali. A loro sarà dedicata anche la premiazione per le “migliori decorazioni” con nastrini e fiocchi, dopo l’accensione della focareddha. Alle 19 avrà inizio la serata musicale con il complesso Eugenio & Eloise che canteranno canzoni anni ’60, ’70 e ’80. Nel corso della serata si esibirà la Banda municipale “Santa Cecilia Città di Taviano”. L’altra focara si svolgerà presso la chiesa di Santa Marina, alla periferia del paese. Ad organizzarla saranno la parrocchia Santuario “Beata Vergine Maria Addolorata”, il Comitato Festa e con il patrocinio del Comune di Taviano. Il programma prevede, alle 18, la celebrazione della messa da parte di don Francesco presso la parrocchia Santuario in piazzetta don Luigi Antonazzo. Alle 19.30 il trasferimento  alla chiesa di santa Marina dove nello spiazzo adiacente sarà accesa la focareddha con la benedizione degli animali e del fuoco. Seguirà un momento di fraternità e di festa. Al termine della serata accensione di fuochi pirotecnici.

by -
0 2056

Taviano – Lotta agli sporcaccioni che deturpano il paesaggio con l’abbandono indiscriminato di rifiuti di ogni genere nelle campagne o lungo le periferie cittadine. L’amministrazione comunale di Taviano ha deciso di usare le maniere forti contro questi vandali dell’ambiente, installando alcuni dispositivi di sorveglianza portatili, chiamati comunemente “fototrappole”, da posizionare in punti strategici del territorio per cercare di contrastare il fenomeno. “Abbiamo deciso di adottare un sistema di videosorveglianza –afferma il primo cittadino, Giuseppe Tanisi – basata sull’impiego di fototrappoleed accessori informatici, in quanto da tempo lungo le strade del Comune e nelle aree ad elevato valore ambientale, vengono abbandonate notevoli quantità di rifiuti, anche speciali, con effetti devastanti sia sul piano della tutela ambientale che della normale convivenza civile. Questo nell’ottica di scoraggiare l’abbandono dei rifiuti e sanzionare tale pratica”. A venire incontro alle esigenze dell’amministrazione è sta la Gial Plast, ditta appaltatrice del servizio di igiene urbana a Taviano, che ha deciso di fornire 5 dispositivi portatili da utilizzare sul territorio al fine di contrastare il fenomeno dell’abbandono di rifiuti. E’ utile ricordare che negli anni scorsi gli amministratori di Taviano hanno dovuto attuare interventi di pulizia straordinaria dai rifiuti accumulati alla periferia del paese o lungo le strade che portano in campagna.

Taviano – Anno nuovo, atti vandalici vecchi. Il luogo preso di mira è il Parco Ricchello, dove alcuni vandali, approfittando della scarsa illuminazione, ieri sera hanno sparato alcuni petardi all’interno di un cassonetto che è andato a fuoco. Qualcuno ha avvertito i Carabinieri della locale stazione, i quali hanno provveduto a mettere in sicurezza la zona. Non si è fatta attendere la reazione dei cittadini sui social, tra denunce, testimonianze e proposte concrete. “Il parco fa paura. Dovrebbe essere un luogo di svago per adulti e bambini, invece si sta rivelando un raduno di vandali”, scrive un utente. La parola d’ordine è “controllo”, per una zona sprovvista di telecamere e con ridotta visibilità. “Devono togliere tutta quella recinzione di muro e cancelli – c’è chi propone – deve essere aperto, sotto gli occhi di tutti”, mentre qualcuno auspica la riapertura di un bar, un’attrazione che permetta al parco di non rimanere in balia di pochi vandali. Per fortuna l’episodio non ha causato danni agli immobili e agli impianti della zona e gli operatori della nettezza urbana hanno potuto ripulire i residui bruciati del cassonetto. «Siamo alle solite – dichiara il sindaco, Giuseppe Tanisi – ancora una volta il Parco Ricchello è teatro di atti vandalici, approfittando della scarsa illuminazione. Purtroppo non c’è ancora videosorveglianza e i pochi lampioni non offrono garanzia di sufficiente illuminazione. Mancano le risorse e i comuni si trovano spiazzati con questi avvenimenti. Cercheremo, comunque, nei prossimi giorni di posizionare dei fari per cercare di potenziare l’illuminazione e soprattutto di potare gli alberi, operazione che non viene effettuata da anni».

Non è la prima volta che accadono atti di vandalismo al Parco Ricchello. Nell’estate del 2014 il parco rimase chiuso, a ridosso di ferragosto, per almeno due mesi per gravi pericoli igienici alla salute pubblica. L’anno successivo fu bruciata una parte della struttura del pallone tensostatico che fu, poi, rimesso a nuovo. Infine l’anno scorso alcuni vandali avevano abbandonato rifiuti all’interno dei viali e divelto alcuni alberi.

Taviano –  Ultime manifestazioni a Taviano prima della fine delle festività natalizie con l’arrivo della Befana. L’evento più importante è, senza dubbio, la “Caccia alla strega medievale”, lo scorso 2 gennaio rinviata al venerdì 5 per maltempo. Ecco il programma dell’evento, giunto all’ottava edizione e organizzata dall’associazione “Eventi di contrada”. Si inizia alle 15 con la partenza del Corteo delle contrade tavianesi all’altezza del Bar Blue Moon, si percorre corso Vittorio Emanuele II, via Immacolata e via Matteotti per giungere in piazza del Popolo dove si svolgerà lo spettacolo degli sbandieratori.  Alle 16.15 ci sarà il giuramento delle Contrade: Pigna, Rine, Fichelle,  Gallari e Trapizzo. Iniziano poi i giochi  su domanda-risposta, gare  sportive, prove di canto  e duelli improvvisati che stabiliranno la contrada vincitrice. Alle 19 spettacolo di chiusura con gli sbandieratori di Oria, Rione Lama. Da non perdere, sempre il 5 gennaio alle ore 19, lo svolgimento del Concerto saggio, tenuto dall’associazione “Musica e…” e dall’Orchestra comunale di Musica nella chiesa dell’Immacolata. Per ultimo, il giorno della Befana, il centro storico intorno al Palazzo Marchesale sarà animato dal presepe vivente organizzato da alcune associazioni tavianesi. A seguire lo spettacolo dell’Albero della Solidarietà in piazza del Popolo.

TAVIANO – Un tris di vittorie di fila che nessuno si aspettava: le ha infilate, tutte d’un colpo, la Pag Volley Taviano che, nell’ordine, ha fatto fuori Lagonegro, Club Italia Crai (a Bracciano) e (nel giorno di Santo Stefano) il Brescia in al PalaIngrosso. Un bel salto in avanti, quindi, nella classifica del  girone blu della Lega due di volley che vede attualmente il Taviano all’8° posto, con 20 punti e quattro squadre alle spalle. Dopo un inizio tempestoso, insomma, si respira finalmente aria di festa nell’entourage della squadra salentina e i tifosi tornano a sognare. “Certo dobbiamo lavorare parecchio. Anche se la squadra è in crescita – afferma coach Licchelli – siamo consapevoli che c’è spazio per migliorare. Dobbiamo restare uniti e concentrati e pensare a giocare bene e a imporre la nostra forza. Andiamo comunque avanti perché il cammino è ancora lungo”. Significativi, a tal proposito, saranno i due ultimi turni del girone di andata: il 30 dicembre a Cantù e il 3 gennaio tra le mura domestiche contro la “New Real Volley Gioia del Colle”.  I tifosi hanno  visto finalmente all’opera il messicano Alejandro Barajas, che ha inciso parecchio sul risultato finale dell’ultimo incontro vinto contro il Brescia. Con lui la squadra gira meglio e sa imporre la propria forza. Questi risultati hanno portato euforia ed entusiasmo nelle fila dei tanti tifosi che sembrava avessero preso la piega di non frequentare più il PalaIngrosso.

Taviano – Anche per le prossime festività di Capodanno e della Befana sono tante le manifestazioni che si svolgeranno a Taviano. Ad iniziare dal “Concerto di Natale” dell’associazione “Note Libere” che si terrà il 29 dicembre, alle ore 19, nella Parrocchia Santuario Beata Vergine Maria Addolorata in piazzetta don Luigi Antonazzo. Si prosegue il giorno successivo, sempre alle ore 19, con la rappresentazione teatrale della compagnia “La Busacca” con il classico “Natale in casa Cupiello” presso il Teatro Fasano.  Ritorna il 2 gennaio, dalle ore 16 in poi, la singolare e pittoresca iniziativa della “Caccia alla strega medievale”, curata dall’associazione “Eventi di contrada” (in foto un momento dell’ultima edizione). La Befana è stata rapita dalla Strega medievale e i bambini di Taviano non riceveranno i doni. Dopo una lunga caccia la Strega viene imprigionata. Il 4 gennaio, poi, alle ore 19, nel Centro sociale polivalente verranno consegnati tanti giocattoli da parte della Commissione Pari Opportunità. A seguire, il 5 gennaio alle ore 19, nella Chiesa dell’Immacolata, le associazioni “Musica e…” e “L’orchestra comunale di Musica” terranno un concerto con i ragazzi che hanno frequentato i corsi annuali. Si chiude il giorno della Befana, alle ore 18.30, con il Presepe vivente nel Centro storico alle spalle del palazzo Marchesale e con l’albero della solidarietà in piazza del Popolo.

Taviano – Sono tante le manifestazioni in programma, in occasione delle prossime festività, che l’amministrazione comunale di Taviano ha programmato con l’ausilio delle parrocchie e delle tante associazioni. Si inizia il 23 dicembre con “La Sfilata della solidarietà” presentata dalla “Band di Babbo Natale”. La raccolta fondi viene destinata ai bambini ammalati  presso il reparto di Pediatria oncologica dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce. La manifestazione inizierà alle 18.30 in piazza del Popolo. Il giorno di Natale si potrà visitare, nel centro storico presso il palazzo Marchesale un presepe vivente preparato da alcune associazioni tavianesi. L’inizio è fissato alle 18.30. Per la festività di santo Stefano, il 26, nella parrocchia di san Martino, alle ore 19, concerto “Natale d’incanto” con la Schola Cantorum ad una voce. Il 27 dicembre invece presso l’Auditorium comunale Scuole Medie si potrà ridere con lo spettacolo “Cabaret di Natale”. Start alle ore 20.30. Infine per tutte le festività si potrà visitare il coreografico presepe allestito presso la parrocchia Santuario “Beata Vergine Maria Addolorata” in piazzetta don Luigi Antonazzo. Vi hanno lavorato molti volontari attenendosi al tema degli olivi attaccati dalla Xylella. “Da qualche anno ci stiamo misurando – afferma il parroco don Francesco Marulli – con il fenomeno Xylella. Questo presepe con il simbolo dell’olivo, richiama il bisogno di continuare ad affidarci a Dio perché questo male venga debellato”.

Taviano. Nella scuola media è tempo di attività e progetti. In particolare tre classi della prof.ssa Annunziata Macrì, insegnante di storia, 1A- 1D-3F (foto) hanno programmato proprio in questo mese di dicembre, due progetti curriculari di storia: “La Storia siamo noi, storia della Terra d’Otranto e della Provincia di Lecce” e “I giovani incontrano le Istituzioni”. I progetti camminano e si intersecano in maniera parallela in quanto il primo porta gli studenti a conoscere i luoghi e i paesi dove loro stessi vivono e il secondo li avvicina alle istituzioni che reggono e amministrano il quotidiano e il vissuto. Inizialmente, dunque, si prevedono visite guidate per rafforzare le conoscenze storico-artistiche-architettoniche  e geografiche del Salento e della provincia di Lecce in generale. In particolare quest’anno gli alunni saranno accompagnati a visitare la Basilica di Santa Caterina D’Alessandria a Galatina, il Palazzo della Provincia a Lecce e il Palazzo della Regione a Bari. “Conoscere la storia dei luoghi dove si vive è molto importante –afferma la prof.ssa Macrì – però molto spesso i nostri ragazzi non la conoscono affatto. Attraverso questi percorsi curriculari gli studenti vengono messi nella condizione di apprendere il passato e il presente del Salento”. Le conoscenze e le attività dei progetti saranno affrontate nel corso di un convegno organizzato dalla Consulta giovanile di Taviano, di recente nomina, con il coinvolgimento del prof. Saverio Di Benedetto dell’Università del Salento. “Con questi progetti – conclude la docente – intendiamo avvicinare i nostri ragazzi al vissuto quotidiano per farli diventare cittadini consapevoli del mondo”.

by -
0 432

TAVIANO – Al via a Taviano la 33° edizione della stagione teatrale, realizzata in collaborazione con il Consorzio Teatro Pubblico Pugliese. Anche quest’anno nomi importanti del panorama teatrale nazionale si alterneranno sul palcoscenico del Teatro Fasano. Sei gli spettacoli in calendario: si inizia il 14 dicembre con Biagio Izzo e Rocio Munoz Morales nell’esilarante commedia “Dì che ti manda Picone”. Il 23 gennaio 2018 sarà la volta della commedia “Bukuros, mio nipote” con Francesco Pannofino e Antonella Rossi. Due gli spettacoli nel mese di febbraio: il 13 la commedia “Il più brutto weekend della nostra vita” con Maurizio Micheli, Benedicta Boccoli, Nini Salerno e Antonella Elia. Il 23, invece, la Compagnia Factory presenterà “Il misantropo”.  Il 16 marzo in scena Pino Ingrosso con il suo ultimo lavoro “Napul’è…passione”. Infine Carlo Buccirosso e Maria Nazionale presenteranno, il 10 aprile “Il pomo della discordia”. Per gli abbonamenti è possibile rivolgersi all’ufficio Affari generali presso il Comune oppure contattare i numeri 0833.916200, 0833.916238, 0833.916241; dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 e il giovedì dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.

TAVIANO. Conoscenza sui temi della disabilità, valorizzazione dello sport quale strumento di inclusione sociale e di lotta contro qualsiasi forma di discriminazione ed emarginazione: sono questi i temi che tratterà mercoledì 6 dicembre alle ore 18 presso la sala “A. Ria” del Palazzo Marchesale il convegno sul progetto “Sport senza Barriere”, realizzato dall’Amministrazione comunale, in occasione della Giornata Internazionale delle persone con disabilità.  In collaborazione con il Centro Sportivo Grimaldi di Taviano, le persone diversamente abili, residenti nel comune di Taviano avranno la possibilità di svolgere gratuitamente attività motorie in piscina o in palestra, intraprendendo un percorso volto ad intensificare la coscienza di sé e del proprio corpo. Presenzieranno all’incontro il sindaco, Giuseppe Tanisi e l’assessore allo Sport e alle Politiche Sociali, Serena Stefanelli. “Attraverso l’attività sportiva – commenta l’assessore – le persone con disabilità, sia fisiche che psichiche, hanno l’opportunità di uscire dalla condizione di isolamento in cui spesso sono relegate, sviluppando una più ampia consapevolezza della propria fisicità ed acquisendo maggiore fiducia nelle proprie capacità”. Al tavolo dei relatori siederanno Marcello Grimaldi, Presidente provinciale Csen Lecce, la psicologa Federica Pasca e il Fiduciario Coni, Sergio Perchia. “Un’occasione di dialogo e confronto – conclude il primo cittadino – affinchè la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità si trasformi in un momento di riflessione per l’intera comunità, nella convinzione che lo Sport sia veicolo di affermazione del diritto all’inclusione sociale, alle pari opportunità, alla felicità”.

by -
0 276

TAVIANO – Ritorna l’entusiasmo tra i tifosi tavianesi dopo la bella prestazione della Pag Volley contro i primi della classe del Tuscania. La formazione di Licchelli ha vinto per 3-1 mettendo a frutto le prodezze del suo uomo migliore, Ruiz, che è riuscito a realizzare 23 punti. Ma con lo spagnolo tutti hanno giocato bene. Torna il sereno, dunque, nel team del presidente Francesco  Santantonio che, ultimamente, aveva lasciato un po’ troppi punti alle squadre avversarie e che ora riprende con vigore la corsa verso la salvezza in serie A2. «Per il Taviano è stata una serata veramente magica – dichiara il Direttore sportivo  Massimo Portaccio – con una gara da incorniciare. Bisogna adesso continuare su questa strada e imporre agli altri la nostra qualità di gioco e la nostra forza. Solo così riusciremo a tener duro fino alla fine del campionato». Per  i tifosi tavianesi e dei paesi vicini è stata una partita straordinaria in una serata indimenticabile. Il Pala “Ingrosso” di Taviano è letteralmente esploso di gioia man mano accompagnando i suoi beniamini verso una vittoria alla vigilia ritenuta quasi impossibile. «Ora bisogna continuare su questa strada e battere il chiodo fino a quando è caldo – è il commento di un gruppo di tifose – non ci devono essere distrazioni di sorta e pensare a vincere già da domenica prossima ad Ortona». Intanto la squadra, agli ordini di mister Licchelli,  si prepara al meglio per il prossimo incontro. In classifica, la Pag ha agganciato il treno delle squadre a 13 punti con Lagonegro e Mondosì, mentre il Bolzano è a 9 e il Club Italia a 6.

TAVIANO – Ancora l’agricoltura salentina e i suoi problemi in primo piano a Taviano, a testimonianza del grande interesse che l’argomento provoca sull’opinione pubblica. Dopo i convegni sulla fase calante della floricoltura e sui problemi causati agli oliveti dalla Xylella, ci si chiede quale strada imboccherà l’agricoltura salentina nel prossimo futuro. Il convegno in programma lunedì 4 dicembre, alle ore 18.30 presso il palazzo Marchesale in piazza del Popolo, organizzato dalle associazioni “La Piazza”, “Bachelet”, “Terre Bruciate” e “Paideia” cercherà  di mettere a confronto alcune esperienze innovative in atto nel Salento per far conoscere i risultati ottenuti. Interverranno i responsabili di diverse aziende agricole: “Cairo &Doutcher Uzi Cairo” di Copertino, cooperativa che cerca di sperimentare nuove tecniche di coltivazione; “Domenico Rausa” di Otranto, con il suo allevamento di bestiame all’aperto e fasi di trasformazioni dei prodotti agricoli; la cooperativa “Casa delle Agricolture” di Donato Nuzzo di Castiglione d’ Otranto, che attua da tempo una economia solidale con rispetto per quanto viene coltivato; la “Fattoria Salento” di Posto Rosso Alliste, mette in pratica una agricoltura biologica e biodinamica producendo la famosa patata viola, esportata in tutta Italia; la “Giorgio Fonto’” di Felline con i suoi metodi innovativi. Infine due aziende votate al settore vinicolo: la “Antongiulio Greco” di Seclì  e “Terre del Sud” di Rocco Venneri a Melissano con i loro prodotti assai richiesti sui mercati europei.

by -
0 1042

TAVIANO – Un incarico alla madre di un assessore e scoppia la polemica a Taviano. Con determinazione n. 969 del 17 novembre scorso, il responsabile del primo settore, Marilena Lupo, ha impegnato 720 euro per liquidare le competenze della  professoressa Pasqualina Inguscio, madre dell’assessore Francesco Lezzi, impegnata anche quest’anno nell’attività di docenza per gli otto ragazzi del Servizio civile nazionale. La stessa determinazione precisa che è stata la Regione Puglia ha versare al Comune la somma in questione “quale rimborso per l’attività formativa”. La polemica non è sfuggita ai commenti tra i cittadini, anche nella piazza virtuale del social. Il gruppo consiliare di “Taviano Libera”, dell’ex sindaco Carlo Portaccio, nel presentare  una interrogazione, bolla la questione come “il tempo della moralità perduta”. «Quando ero sindaco – chiarisce Carlo Portaccio – gli attuali amministratori si indignavano, si stracciavano le vesti e indossavano i panni della moralità. Oggi, però, loro stessi scivolano sulla buccia di “parentopoli”».

Sulla questione interviene il sindaco Giuseppe Tanisi che afferma: «La professoressa Inguscio svolge da quasi 10 anni il ruolo di formatore accreditato per il nostro Comune nell’ambito dei progetti del Servizio Civile. Peraltro è l’unica persona accreditata, sul portale Helios della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a svolgere le funzioni di formatore. La polemica rappresenta, quindi, una concertata operazione di sciacallaggio». Sulla vicenda interviene anche l’assessore Francesco Lezzi, direttamente chiamato in causa, il quale precisa che :«Nessuna somma è stata materialmente erogata a mia madre. Nonostante la mia famiglia svolge le buone azioni in silenzio, le menzogne ci costringono a rendere pubblico il fatto di aver già destinato ogni compenso, ad oggi mai ricevuto, in beneficenza». La discussione non accenna a placarsi e vedrà interessato il prossimo Consiglio comunale, già convocato per le 19 di mercoledì 29 novembre.

TAVIANO. Quale futuro per l’agricoltura nella fascia costiera jonica dopo la perdita dell’olivicoltura? Se ne è parlato in un convegno a Taviano, organizzato dall’associazione “Cambia-Menti”, che ha visto la presenza di alcuni ricercatori dell’Università del Salento. L’agronomo Fabio Ippolito ha esposto un progetto elaborato tra Università del Salento, Antonio Longo dello Studio Project in collaborazione con il comune di Gallipoli, che riguarda la possibilità di utilizzare le acque reflue affinate provenienti dal depuratore di Gallipoli ed attualmente sversate in mare per il 95%, per favorire la coltivazione irrigua di alcune specie alternative all’olivo, come fico, pero, cotogno, melograno, pistacchio e avocado. In sostanza il futuro dell’agricoltura dei nostri paesi potrebbe puntare su altre varietà colturali per diversificare.

Si è pure parlato di estirpazione e reimpianto: normativa, varietà consigliate, tecniche colturali, aree geografiche votate e risorse finanziarie disponibili nel Psr (Piano sistema Rurale) 2014-2020. L’ha fatto Pierpaolo Luca del Consorzio “Oro di Puglia” che ha cercato di fare chiarezza sui possibili reimpianti attingendo a misure di finanziamento all’interno del Piano Sistema Rurale. Infine Antonio Longo dello Studio Proiect ha dato conto di alcuni risultati ottenuti da prove sperimentali in un campo pilota di Neviano, messe in atto per il contenimento del batterio Xylella fastidiosa. “Nello specifico – ha sottolineato il professore Longo – l’utilizzo del rame chelato, iniettato nei vasi xillematici consente alla pianta di assorbire lo stesso elemento e di abbassare notevolmente la carica batterica con una ripresa vegetativa notevole della pianta stessa”.

TAVIANO – Viaggiano “on line” le speranze del Mercato dei fiori di Taviano. Se il settore florovivaistico, salentino e nazionale, batte la fiacca ormai da tempo, le ipotesi di rilancio passano tutte dal commercio in Rete. «Se guardiamo all’Italia registriamo la chiusura di molti Mercati Florovivaistici, con in testa quello di Sanremo, che non opera più da oltre un anno. Noi –afferma Antonio Tenuzzo, referente per il Mercato di Taviano – bene o male continuiamo a restare aperti. Però rallentamenti nel settore si sono registrati un po’ dappertutto, soprattutto dove non è stata attuata una politica di commercializzazione su piattaforma on line. In Puglia, in particolare, poco è stato fatto per il “Piano sistema rurale”, soprattutto per quanto attiene il concetto di ‘fare sistema’ cioè riunire in cooperative  più gruppi di floricoltori per immettere più fiori sul mercato e attuare una commercializzazione on line». Ed è proprio questa strada che alcuni giovani, anche a Taviano, stanno iniziando a percorrere. È il caso dell’azienda floricola “Li Foggi” dei cugini Mirko e Luca Rainò. «Abbiamo continuato il lavoro dei nostri genitori investendo anche in tecnologia e vogliamo andare avanti per far crescere la nostra azienda. Ci unisce – dichiara Mirko, 37 anni – la passione e la volontà. Frequentiamo il mercato di Taviano ma siamo presenti sulle piattaforme on line e spediamo i nostri lilium, violacciocche, lisiantum e solidago per il 90% al Nord e il resto nel Meridione. Con la nostra azienda diamo lavoro a 12 giovani. Purtroppo siamo penalizzati dalla mancanza di una logistica troppo lenta e dalla lontananza con i centri europei e dei paesi orientali che richiedono i nostri fiori». Sempre a Taviano c’è un’azienda tutta al femminile, la “Orazzo fiori”, che da tempo opera la commercializzazione su piattaforma on line. L’azienda è in mano a quattro donne che hanno preso le redini in mano, dopo la morte dei due uomini della famiglia, il padre Salvatore e il figlio Alberto: sono le figlie Gabriella e Daniela, la mamma Maria Teresa e Ornella, la fidanzata di Alberto, morto in un incidente con la moto. «Gli eventi della vita – dichiara Gabriella – ci hanno portate a guidare un’impresa a cui papà teneva tanto. Dopo anni di sacrifici la nostra azienda è abbastanza florida anche se produciamo solo il lilium orientale che vendiamo per il 30% al Nord Italia, il 20% presso il mercato di Taviano e il 50% in Grecia e presso i principali mercati europei».

Sono esempi virtuosi che fanno ben sperare per il futuro anche se ripetere il boom degli anni ’70 e ’80 è pura chimera. A Taviano, il Mercato dei Fiori di Taviano “Salvatore Fitto”, nella zona Industriale, sorge negli anni ’80 (sindaco Lorenzo Ria) per venire incontro alle esigenze dei produttori di fiori e di piante in vaso che, con Taviano capofila, insieme ai floricoltori di Racale, Alliste, Felline e Melissano, superavano le 5mila aziende, quasi tutte a conduzione familiare. Il Mercato, con una superficie coperta di oltre 6mila mq e con una zona di parcheggio di 2 ettari, era il secondo a livello regionale, dopo quello di Terlizzi. Lo completavano: 12 celle frigo, 14 posti box e oltre 300 posteggi. Il Mercato fece conoscere il settore florovivaistico del Basso Salento che, insieme a quello di Terlizzi, collocavano la Puglia dopo la Liguria con Sanremo e la Toscana, con Pescia, al terzo posto a livello nazionale. Le serre dei fiori coloravano la vasta campagna salentina a ridosso della fascia jonica. Il boom della Floricoltura era il giusto riconoscimento per quei contadini che, dopo la guerra, erano andati a lavorare a Sanremo e che, a ridosso degli anni ’70 e ’80, erano tornati nel Salento per impiantare le prime serre di fiori. Almeno fino alla soglia del 2000 (sindaco Francesco Longo), le contrattazioni si svolgevano ogni mattina, all’alba, tutti i giorni della settimana. Si producevano e si vendevano grosse quantità di garofani, rose, anthurium, gerbere, crisantemi e lilium. Addirittura molte partite di garofani venivano vendute al Mercato di Sanremo in quanto i floricoltori liguri avevano diversificato le varie produzioni di garofani, rose e gerbere, passando a quelle più redditizie e ricercate dai mercati europei del Nord come cycas, cocus, gladioli e iris.

Da una decina d’anni, ormai, sono appena 10-15 le aziende locali ed una quarantina quelle della zona di Leverano che vengono a commercializzare  nel mercato tavianese. Le contrattazioni avvengono per tre giorni a settimana, nel pomeriggio. Il mercato di Taviano, in pratica, si mantiene in vita grazie ai fiori che vengono da Leverano, dove non pochi giovani hanno seguito le orme dei padri. A Taviano i contadini più giovani si sono riversati verso le primizie di insalatina, rucola, zucchine, melanzane e peperoni. «Il settore florovivaistico salentino –afferma un anziano floricoltore che preferisce restare anonimo – ha perso il suo vigore con la globalizzazione e per la mancanza di una politica tesa a suggerire nuove tecniche e metodologie di produzione e gestione, per porre rimedio a quelle carenze che si registravano da anni in maniera fisiologica nel comparto, vedi il problema dei trasporti o la mancanza di benefici fiscali».

TAVIANO. Tre giorni di festa per San Martino di Tours. Sono quelli che Taviano dedicata da venerdì 10 a domenica 12 novembre al patrono per una ricorrenza attesa da tutta la comunità. Venerdì 10 si inizia alle ore 19 con la solenne processione dalla chiesa matrice alla presenza del vescovo Fernando Filograna e dei sacerdoti della città. Si parte da piazza san Martino per attraversare buona parte del paese. La processione sarà accompagnata dalla Banda municipale “Città di Taviano”. I festeggiamenti proseguono sabato 11 novembre con il gran concerto bandistico “Città di Francavilla Fontana” diretto da Ermir Kratja. I tre giorni di festa saranno animati dalle luminarie musicali e dalla castagnata curata dal Comitato Festa. Non mancherà, secondo tradizione, la degustazione del vino novello prodotto nella zona. Domenica 12, nel giorno di “santu martineddhu”, è in programma la grande fiera mercato, per tutto il giorno, sulle strade del centro storico e intorno a Parco Ricchello. La sera, con inizio alle 20.30, musica per tutti gusti ma soprattutto per i giovani con il cantautore Tommaso Greco e i Dj Michi Jay e Simone Manni. A seguire Dj Osso e Radio m2o con il Trio Medusa.

TAVIANO  – Torna a riunirsi il Consiglio comunale di Taviano. Martedì 7 novembre l’appuntamento è alle ore 18 per discutere 12 punti all’ordine del giorno. Si inizia con l’adozione del Piano particolareggiato “Gemma” nei pressi del Campo sportivo comunale. Si tratta di un complesso urbanistico di quasi sei ettari che, con la completa copertura della cubatura  disponibile, potrà accogliere ben 566 residenti.«Stiamo avviando le procedure di questo Piano – dichiara l’assessore ai Lavori pubblici, Francesco Pellegrino – che reputiamo importante per le possibilità di costruire. È da tempo che gli amministratori, anche negli anni scorsi,  ne volevano la sua adozione. Per questo intendiamo dare alla nostra città uno sbocco urbanistico di grande rilievo». Il Consiglio comunale dovrà anche risolvere un vecchio contenzioso con la Gial Plast, l’azienda dei rifiuti urbani, per alcuni pagamenti non effettuati. «Abbiamo finalmente raggiunto un’intesa con l’azienda e – dichiara il sindaco, Giuseppe Tanisi – siamo d’accordo per una soluzione conciliativa che appianerebbe il contenzioso». In Consiglio si discuterà anche dell’Albo delle associazioni, che si arricchisce di nuovi sodalizi, e del Programma comunale degli interventi per il diritto allo studio per il prossimo anno, oltre alla revisione delle società partecipate ed all’approvazione dello schema costitutivo del Distretto urbano del Commercio.

TAVIANO – Cordoglio e sconcerto a Taviano alla notizia della morte di Gimmi Salvatore Manni, l’autista dell’ambulanza del 118 travolta questa mattina sulla  Statale 101, all’altezza dello svincolo di Galatone. Aveva 60 anni e viveva nella marina di Mancaversa, dopo essersi separato dalla moglie. Lavorava da anni presso il Pronto soccorso dell’Ospedale di Gallipoli e amava profondamente la sua professione, al punto da voler continuare a guidare le ambulanze anche quando avrebbe potuto ottenere un altro incarico. Lascia nel dolore il figlio Valentino, poliziotto a Roma, la mamma Maria Massaro, il fratello Goffredo ed una comunità intera. La sua scomparsa ha destato, infatti, grande commozione in paese.  Il sindaco, Giuseppe Tanisi,  lo ricorda come cittadino affabile e gentile nei modi. «Era una persona straordinaria – sono le parole del Primo cittadino – di buona famiglia. Dispiace perdere all’improvviso un amico così». I parenti lo ricordano come persona riservata e discreta, con un grande amore per il figlio Valentino. Già due anni fa la sorte sembrò accanirsi contro di lui che però ebbe la forza di superare, con tenacia,  un delicato intervento al cuore. Anche gli amici lo ricordano come persona posata e seria. «Da giovane – dice di lui l’amico Andrea – amava la musica e avevamo messo su un complessino con il quale ci esibivamo a Mancaversa in casa di amici nelle sere d’estate».

Cordoglio per la scomparsa di Manni, “vittima oggi di un incidente mortale sul lavoro” viene espresso anche dalla segretaria generale della Cgil di Lecce e dalla collega della Fp-Cgil Fiorella Fischetti nel ricordare che l’autista dell’ambulanza era  un iscritto al loro sindacato. «“Gimmi” faceva parte della famiglia Cgil, iscritto da tempo al sindacato della Funzione Pubblica. Persona molto riservata e discreta, amava profondamente la sua professione, al punto da voler continuare a guidare ambulanze anche quando avrebbe potuto ottenere un altro incarico. Oggi la sua corsa si è fermata per un tragico incidente. Cgil ed Fp-Cgil sono vicine ai suoi familiari ed esprimono vicinanza anche alle altre vittime dello scontro, il paziente purtroppo deceduto, il medico e l’infermiera rimasti gravemente feriti ma fortunatamente fuori pericolo».

Il drammatico incidente è costato la vita anche all’85enne Luigi Durante di Nardò, il paziente trasportato verso Lecce per un esame, mentre feriti sono rimasti un medico di Nardò e l’infermiera 38enne di Tuglie, Valentina Leo che viaggiavano sull’ambulanza travolta dal tir (che ha saltato la corsia) guidato dal 57enne M.D.G. di Vernole ma domiciliato a Tuglie. Ricoverati anche il figlio e la moglie dell’anziano deceduto sul colpo: i due seguivano il trasferimento verso il “Fazzi” di Lecce del loro congiunto con un’altra auto.

 

Voce al Direttore

by -
Il recente rinvio a giudizio per 23 persone di Parabita, Matino, Casarano, Racale, Alliste, Alezio per "diffamazione aggravata a mezzo internet", con minacce e...