Home Authors Posts by Rocco Pasca

Rocco Pasca

315 POSTS 0 COMMENTS

TAVIANO. Quale futuro per l’agricoltura nella fascia costiera jonica dopo la perdita dell’olivicoltura? Se ne è parlato in un convegno a Taviano, organizzato dall’associazione “Cambia-Menti”, che ha visto la presenza di alcuni ricercatori dell’Università del Salento. L’agronomo Fabio Ippolito ha esposto un progetto elaborato tra Università del Salento, Antonio Longo dello Studio Project in collaborazione con il comune di Gallipoli, che riguarda la possibilità di utilizzare le acque reflue affinate provenienti dal depuratore di Gallipoli ed attualmente sversate in mare per il 95%, per favorire la coltivazione irrigua di alcune specie alternative all’olivo, come fico, pero, cotogno, melograno, pistacchio e avocado. In sostanza il futuro dell’agricoltura dei nostri paesi potrebbe puntare su altre varietà colturali per diversificare.

Si è pure parlato di estirpazione e reimpianto: normativa, varietà consigliate, tecniche colturali, aree geografiche votate e risorse finanziarie disponibili nel Psr (Piano sistema Rurale) 2014-2020. L’ha fatto Pierpaolo Luca del Consorzio “Oro di Puglia” che ha cercato di fare chiarezza sui possibili reimpianti attingendo a misure di finanziamento all’interno del Piano Sistema Rurale. Infine Antonio Longo dello Studio Proiect ha dato conto di alcuni risultati ottenuti da prove sperimentali in un campo pilota di Neviano, messe in atto per il contenimento del batterio Xylella fastidiosa. “Nello specifico – ha sottolineato il professore Longo – l’utilizzo del rame chelato, iniettato nei vasi xillematici consente alla pianta di assorbire lo stesso elemento e di abbassare notevolmente la carica batterica con una ripresa vegetativa notevole della pianta stessa”.

TAVIANO – Viaggiano “on line” le speranze del Mercato dei fiori di Taviano. Se il settore florovivaistico, salentino e nazionale, batte la fiacca ormai da tempo, le ipotesi di rilancio passano tutte dal commercio in Rete. «Se guardiamo all’Italia registriamo la chiusura di molti Mercati Florovivaistici, con in testa quello di Sanremo, che non opera più da oltre un anno. Noi –afferma Antonio Tenuzzo, referente per il Mercato di Taviano – bene o male continuiamo a restare aperti. Però rallentamenti nel settore si sono registrati un po’ dappertutto, soprattutto dove non è stata attuata una politica di commercializzazione su piattaforma on line. In Puglia, in particolare, poco è stato fatto per il “Piano sistema rurale”, soprattutto per quanto attiene il concetto di ‘fare sistema’ cioè riunire in cooperative  più gruppi di floricoltori per immettere più fiori sul mercato e attuare una commercializzazione on line». Ed è proprio questa strada che alcuni giovani, anche a Taviano, stanno iniziando a percorrere. È il caso dell’azienda floricola “Li Foggi” dei cugini Mirko e Luca Rainò. «Abbiamo continuato il lavoro dei nostri genitori investendo anche in tecnologia e vogliamo andare avanti per far crescere la nostra azienda. Ci unisce – dichiara Mirko, 37 anni – la passione e la volontà. Frequentiamo il mercato di Taviano ma siamo presenti sulle piattaforme on line e spediamo i nostri lilium, violacciocche, lisiantum e solidago per il 90% al Nord e il resto nel Meridione. Con la nostra azienda diamo lavoro a 12 giovani. Purtroppo siamo penalizzati dalla mancanza di una logistica troppo lenta e dalla lontananza con i centri europei e dei paesi orientali che richiedono i nostri fiori». Sempre a Taviano c’è un’azienda tutta al femminile, la “Orazzo fiori”, che da tempo opera la commercializzazione su piattaforma on line. L’azienda è in mano a quattro donne che hanno preso le redini in mano, dopo la morte dei due uomini della famiglia, il padre Salvatore e il figlio Alberto: sono le figlie Gabriella e Daniela, la mamma Maria Teresa e Ornella, la fidanzata di Alberto, morto in un incidente con la moto. «Gli eventi della vita – dichiara Gabriella – ci hanno portate a guidare un’impresa a cui papà teneva tanto. Dopo anni di sacrifici la nostra azienda è abbastanza florida anche se produciamo solo il lilium orientale che vendiamo per il 30% al Nord Italia, il 20% presso il mercato di Taviano e il 50% in Grecia e presso i principali mercati europei».

Sono esempi virtuosi che fanno ben sperare per il futuro anche se ripetere il boom degli anni ’70 e ’80 è pura chimera. A Taviano, il Mercato dei Fiori di Taviano “Salvatore Fitto”, nella zona Industriale, sorge negli anni ’80 (sindaco Lorenzo Ria) per venire incontro alle esigenze dei produttori di fiori e di piante in vaso che, con Taviano capofila, insieme ai floricoltori di Racale, Alliste, Felline e Melissano, superavano le 5mila aziende, quasi tutte a conduzione familiare. Il Mercato, con una superficie coperta di oltre 6mila mq e con una zona di parcheggio di 2 ettari, era il secondo a livello regionale, dopo quello di Terlizzi. Lo completavano: 12 celle frigo, 14 posti box e oltre 300 posteggi. Il Mercato fece conoscere il settore florovivaistico del Basso Salento che, insieme a quello di Terlizzi, collocavano la Puglia dopo la Liguria con Sanremo e la Toscana, con Pescia, al terzo posto a livello nazionale. Le serre dei fiori coloravano la vasta campagna salentina a ridosso della fascia jonica. Il boom della Floricoltura era il giusto riconoscimento per quei contadini che, dopo la guerra, erano andati a lavorare a Sanremo e che, a ridosso degli anni ’70 e ’80, erano tornati nel Salento per impiantare le prime serre di fiori. Almeno fino alla soglia del 2000 (sindaco Francesco Longo), le contrattazioni si svolgevano ogni mattina, all’alba, tutti i giorni della settimana. Si producevano e si vendevano grosse quantità di garofani, rose, anthurium, gerbere, crisantemi e lilium. Addirittura molte partite di garofani venivano vendute al Mercato di Sanremo in quanto i floricoltori liguri avevano diversificato le varie produzioni di garofani, rose e gerbere, passando a quelle più redditizie e ricercate dai mercati europei del Nord come cycas, cocus, gladioli e iris.

Da una decina d’anni, ormai, sono appena 10-15 le aziende locali ed una quarantina quelle della zona di Leverano che vengono a commercializzare  nel mercato tavianese. Le contrattazioni avvengono per tre giorni a settimana, nel pomeriggio. Il mercato di Taviano, in pratica, si mantiene in vita grazie ai fiori che vengono da Leverano, dove non pochi giovani hanno seguito le orme dei padri. A Taviano i contadini più giovani si sono riversati verso le primizie di insalatina, rucola, zucchine, melanzane e peperoni. «Il settore florovivaistico salentino –afferma un anziano floricoltore che preferisce restare anonimo – ha perso il suo vigore con la globalizzazione e per la mancanza di una politica tesa a suggerire nuove tecniche e metodologie di produzione e gestione, per porre rimedio a quelle carenze che si registravano da anni in maniera fisiologica nel comparto, vedi il problema dei trasporti o la mancanza di benefici fiscali».

TAVIANO. Tre giorni di festa per San Martino di Tours. Sono quelli che Taviano dedicata da venerdì 10 a domenica 12 novembre al patrono per una ricorrenza attesa da tutta la comunità. Venerdì 10 si inizia alle ore 19 con la solenne processione dalla chiesa matrice alla presenza del vescovo Fernando Filograna e dei sacerdoti della città. Si parte da piazza san Martino per attraversare buona parte del paese. La processione sarà accompagnata dalla Banda municipale “Città di Taviano”. I festeggiamenti proseguono sabato 11 novembre con il gran concerto bandistico “Città di Francavilla Fontana” diretto da Ermir Kratja. I tre giorni di festa saranno animati dalle luminarie musicali e dalla castagnata curata dal Comitato Festa. Non mancherà, secondo tradizione, la degustazione del vino novello prodotto nella zona. Domenica 12, nel giorno di “santu martineddhu”, è in programma la grande fiera mercato, per tutto il giorno, sulle strade del centro storico e intorno a Parco Ricchello. La sera, con inizio alle 20.30, musica per tutti gusti ma soprattutto per i giovani con il cantautore Tommaso Greco e i Dj Michi Jay e Simone Manni. A seguire Dj Osso e Radio m2o con il Trio Medusa.

TAVIANO  – Torna a riunirsi il Consiglio comunale di Taviano. Martedì 7 novembre l’appuntamento è alle ore 18 per discutere 12 punti all’ordine del giorno. Si inizia con l’adozione del Piano particolareggiato “Gemma” nei pressi del Campo sportivo comunale. Si tratta di un complesso urbanistico di quasi sei ettari che, con la completa copertura della cubatura  disponibile, potrà accogliere ben 566 residenti.«Stiamo avviando le procedure di questo Piano – dichiara l’assessore ai Lavori pubblici, Francesco Pellegrino – che reputiamo importante per le possibilità di costruire. È da tempo che gli amministratori, anche negli anni scorsi,  ne volevano la sua adozione. Per questo intendiamo dare alla nostra città uno sbocco urbanistico di grande rilievo». Il Consiglio comunale dovrà anche risolvere un vecchio contenzioso con la Gial Plast, l’azienda dei rifiuti urbani, per alcuni pagamenti non effettuati. «Abbiamo finalmente raggiunto un’intesa con l’azienda e – dichiara il sindaco, Giuseppe Tanisi – siamo d’accordo per una soluzione conciliativa che appianerebbe il contenzioso». In Consiglio si discuterà anche dell’Albo delle associazioni, che si arricchisce di nuovi sodalizi, e del Programma comunale degli interventi per il diritto allo studio per il prossimo anno, oltre alla revisione delle società partecipate ed all’approvazione dello schema costitutivo del Distretto urbano del Commercio.

TAVIANO – Cordoglio e sconcerto a Taviano alla notizia della morte di Gimmi Salvatore Manni, l’autista dell’ambulanza del 118 travolta questa mattina sulla  Statale 101, all’altezza dello svincolo di Galatone. Aveva 60 anni e viveva nella marina di Mancaversa, dopo essersi separato dalla moglie. Lavorava da anni presso il Pronto soccorso dell’Ospedale di Gallipoli e amava profondamente la sua professione, al punto da voler continuare a guidare le ambulanze anche quando avrebbe potuto ottenere un altro incarico. Lascia nel dolore il figlio Valentino, poliziotto a Roma, la mamma Maria Massaro, il fratello Goffredo ed una comunità intera. La sua scomparsa ha destato, infatti, grande commozione in paese.  Il sindaco, Giuseppe Tanisi,  lo ricorda come cittadino affabile e gentile nei modi. «Era una persona straordinaria – sono le parole del Primo cittadino – di buona famiglia. Dispiace perdere all’improvviso un amico così». I parenti lo ricordano come persona riservata e discreta, con un grande amore per il figlio Valentino. Già due anni fa la sorte sembrò accanirsi contro di lui che però ebbe la forza di superare, con tenacia,  un delicato intervento al cuore. Anche gli amici lo ricordano come persona posata e seria. «Da giovane – dice di lui l’amico Andrea – amava la musica e avevamo messo su un complessino con il quale ci esibivamo a Mancaversa in casa di amici nelle sere d’estate».

Cordoglio per la scomparsa di Manni, “vittima oggi di un incidente mortale sul lavoro” viene espresso anche dalla segretaria generale della Cgil di Lecce e dalla collega della Fp-Cgil Fiorella Fischetti nel ricordare che l’autista dell’ambulanza era  un iscritto al loro sindacato. «“Gimmi” faceva parte della famiglia Cgil, iscritto da tempo al sindacato della Funzione Pubblica. Persona molto riservata e discreta, amava profondamente la sua professione, al punto da voler continuare a guidare ambulanze anche quando avrebbe potuto ottenere un altro incarico. Oggi la sua corsa si è fermata per un tragico incidente. Cgil ed Fp-Cgil sono vicine ai suoi familiari ed esprimono vicinanza anche alle altre vittime dello scontro, il paziente purtroppo deceduto, il medico e l’infermiera rimasti gravemente feriti ma fortunatamente fuori pericolo».

Il drammatico incidente è costato la vita anche all’85enne Luigi Durante di Nardò, il paziente trasportato verso Lecce per un esame, mentre feriti sono rimasti un medico di Nardò e l’infermiera 38enne di Tuglie, Valentina Leo che viaggiavano sull’ambulanza travolta dal tir (che ha saltato la corsia) guidato dal 57enne M.D.G. di Vernole ma domiciliato a Tuglie. Ricoverati anche il figlio e la moglie dell’anziano deceduto sul colpo: i due seguivano il trasferimento verso il “Fazzi” di Lecce del loro congiunto con un’altra auto.

 

TAVIANO –  Taviano e Racale insieme per un unico Distretto urbano del commercio. L’innovativo strumento promosso dalla Regione Puglia per la promozione e il potenziamento del commercio, e non solo, è stato finanziato con 70mila euro ed rappresentato da una vasta area comprendente i due territori. Le istituzioni e le aziende pubbliche e private coinvolte avranno come obiettivo quello di offrire nuovi servizi al cittadino tramite la riqualificazione e il potenziamento del commercio.

«Il “Duc” – afferma il sindaco di Taviano, Giuseppe Tanisi – serve a promuovere progetti condivisi tra Regione, Comuni e associazioni di categoria maggiormente rappresentate a livello regionale per valorizzare il commercio attraverso il marketing territoriale o promuovere l’attrattività dei territori, le eccellenze turistiche ed eno-gastronomiche. Ma anche a favorire la ripresa degli investimenti e dei consumi e stimolare la creazione di organismi collettivi fra operatori e migliorare gli spazi pubblici attraverso la riqualificazione urbana».

Il prossimo passo implicherà la costituzione di un’associazione autonoma a cui potranno aderire imprenditori, associazioni culturali e associazioni di cittadini con lo scopo di fruire e partecipare alle iniziative del Distretto. «Continuiamo a programmare il futuro della nostra città – dichiara Tanisi – cercando di conquistare ogni finanziamento per valorizzare il commercio e le occasioni di lavoro».

«Siamo impegnati – aggiunge il Primo cittadino di Racale, Donato Metallo – per avviare il progetto come previsto dal programma di finanziamento a beneficio di tutti gli operatori commerciali dei nostri Comuni».

Mauro Gaetani

TAVIANO. Dopo la campagna per il tesseramento 2017, il Circolo Pd di Taviano si affida al voto per il rinnovo delle cariche direttive. Il circolo dem e il suo segretario, Mauro Gaetani, hanno portato a casa risultati giudicati “importanti e frutto di una confermata volontà politica di ricompattamento e ricostruzione del partito stesso”. Un impegno riconosciuto anche dai nuovi iscritti e da alcuni amministratori della maggioranza comunale tavianese facenti parte del movimento “Città Aperte”, come Marco Stefano, Germano Santacroce ma anche Dante Coronese, Rocco Caputo, Alberto Longo, Stefano Lupo e altri, i quali hanno aderito al progetto del Pd locale. “A conclusione della campagna di tesseramento non posso che dirmi soddisfatto dell’entusiasmo dimostrato dai cittadini e dagli amministratori nei confronti del nostro progetto – fa sapere il segretario cittadino, Mauro Gaetani – anche in questo nuovo assetto il Pd di Taviano conferma il pieno sostegno alla maggioranza di “Taviano insieme” del sindaco Tanisi. Ora in vista dell’imminente fase congressuale, auspico che tanto a livello locale quanto a livello provinciale il Pd riesca a dimostrare la sua capacità di unione e quella responsabilità di azione congiunta e orientata alla crescita del territorio che i cittadini si aspettano”. In programma ci sono alcune iniziative territoriali come giornate all’insegna della “partecipazione attiva” su temi condivisi anche con gli altri circoli salentini.

Francesco Lezzi

TAVIANO. Dopo le dimissioni dell’assessore Luca Palamà, avvenute in piena estate, il Sindaco Giuseppe Tanisi ha in questi giorni integrato la Giunta comunale. Sarà Francesco Lezzi, attuale capogruppo, a diventare assessore. Inoltre il primo cittadino ha assegnato nuovi compiti ai consiglieri comunali, allo scopo di rendere più efficace l’azione amministrativa. Al neo assessore Lezzi vanno intanto la programmazione e lo sviluppo economico della zona industriale, la pianificazione territoriale e costiera, l’edilizia privata e i rapporti con gli enti preposti alla tutela del paesaggio. All’assessore Francesco Pellegrino, oltre alla carica di vicesindaco, vanno i Lavori pubblici, il Personale e la Polizia municipale. A Serena Stefanelli i settori Sport, Servizi sociali, Turismo e pari opportunità; ad Antonella Previtero il Bilancio e Tributi. Marco Stefano mantiene la Protezione civile, l’agricoltura e la sicurezza e l’ordine pubblico.

Per i consiglieri comunali: Gianni Fonseca continuerà ad occuparsi di viabilità e traffico, patrimonio comunale e arredo urbano. Politiche giovanili e Volontariato sono competenza di Viviana Calzolaro; Paola Cornacchia s’interesserà di  attività produttive, avvocatura e contenzioso, attività produttive. Barbara D’argento curerà la Marina di Mancaversa, l’igiene urbana, i rifiuti e le politiche comunitarie. Infine ad Irene Giannì vengono assegnate le aree di Partecipazione democratica e Mercato floricolo con la promozione del marchio “Città dei Fiori”.

TAVIANO – Dopo il forzato forfait della prima gara di campionato di serie A2 di volley domenica 24 settembre contro il Mondovì per impraticabilità di campo, l’Amministrazione comunale  si è mossa per  eliminare il problema delle infiltrazioni di acqua dal solaio del PalaIngrosso,  in vista del match di domenica 8 ottobre, alle ore 18,  contro la Sieco Service Ortona. “I lavori necessari sono in fase di ultimazione e a ore si farà il collaudo dell’intervento –assicura Gianni Fonseca, consigliere delegato alla manutenzione del patrimonio comunale – alla riparazione e all’adeguamento della gronda e al sistema di smaltimento delle acque meteoriche della copertura del nostro Palazzetto dello Sport.  Abbiamo preferito far eseguire un tipo di intervento risolutivo e non semplicemente limitativo usando per la gronda una lamiera zincata dello spessore 8/10 mm e per l’impermeabilizzazione una guaina al poliestere di 4 mm”. Intanto la società sportiva della Pag Volley Taviano prepara al meglio la prossima gara dopo la sconfitta di domenica scorsa in casa del Tuscania, per 3-1. “I giocatori stanno bene – afferma l’allenatore Fabrizio Licchelli – e ci prepariamo per la prossima gara che per noi sarà molto importante per cercare di guadagnare i primi punti. Intanto aspettiamo l’arrivo del messicano Jorge Alejandro Barajas, nuovo schiacciatore di banda che farà aumentare il nostro tasso di agonismo in campo”. Attualmente Barajas è impegnato con la Nazionale del suo Paese. Appena libero, prenderà il primo volo per l’Italia.

Giulio Regeni

TAVIANO. Una serata per ricordare Giulio Regeni e il tragico caso della sua morte avvenuta nel febbraio del 2016 al Cairo, in Egitto, in seguito ad un rapimento (con annessa tortura) dai contorni quanto mai oscuri. È quella organizzata dalla Consulta giovanile di Taviano venerdì 6 ottobre, alle ore 19, presso la sala “A. Ria” del Palazzo Marchesale. «Noi della Consulta giovanile tavianese – afferma Maurizio Nicchiarico – vogliamo ricordare a tutti i ragazzi della nostra comunità l’importanza libertà di espressione e di autodeterminazione di ogni soggetto oltre a costituire il miglior modo per rilanciare le tematiche giovanili all’interno della discussione pubblica cittadina». Nel corso dell’evento è prevista la lettura di diversi pensieri di vicinanza a Giulio e l’esposizione di lavori sul tema, da parte delle classi Terze della locale scuola media, coordinati dalle professoresse Lucia Chetta e Ilaria Spiri. Sono previsti anche interventi da parte di Eduardo Murrieri della Consulta provinciale degli studenti di Lecce oltre che del professor Saverio Di Benedetto, docente di Diritto internazionale presso UniSalento e di Danilo Scarafile, attivista di Amnesty International.

Salva

by -
0 247

TAVIANO – Appuntamento sabato 30 settembre a Taviano, alle ore 18 presso la Biblioteca comunale di piazza del Popolo, per il primo dei cinque incontri filosofici d’autunno incentrati sul tema “L’Umanesimo della solidarietà”. L’iniziativa è del “Centro culturale San Martino” ed ha come obiettivo quello di favorire la partecipazione dei cittadini “al fine di riscoprire, attraverso la cultura umanistica e filosofica, il valore della solidarietà, della condivisione, della riflessione”. “Persona, diritti umani  e solidarietà” il tema del primo incontro. Ai saluti del sindaco Giuseppe Tanisi e del filosofo Silvio Spiri, coordinatore del Centro “San Martino” seguiranno gli interventi moderati da don Angelo Corvo, rettore del Ss. Crocifisso e parroco dell’Assunta a Galatone e direttore dell’Ufficio diocesano per il laicato. Vincenzo Tondi della Mura tratterà il tema “Il principio personalista e la solidarietà nella Costituzione italiana”, Attilio Pisanò “I diritti umani e il principio di solidarietà a livello internazionale” e Antonio Tarantino “Diritti umani, bioetica e solidarietà”. I tre relatori sono docenti dell’Università del Salento.

Gli altri incontri saranno il 14 ottobre (“La Filosofia con i bambini e con i ragazzi”),  27 ottobre (“Il culto di San Martino di Tours, personaggio europeo in Puglia”), 18 novembre (“Ecologia umana, sviluppo solidale e sostenibile”), 2 dicembre (“L’inclusione delle persone con disabilità”).

TAVIANO. Presenze d’“eccellenza” lunedì 2 ottobre in piazza del Popolo a Taviano per il Consiglio comunale monotematico sul tema “Legalità e sicurezza nel nostro territorio”. Per rispondere all’escalation  delinquenziale dell’ultimo periodo, culminata con l’attentato del 7 agosto scorso ai danni del vice sindaco Francesco Pellegrino e della sua famiglia (due auto bruciate nella residenza di mare) saranno presenti, alle ore 16 (al Teatro Fasano in caso di pioggia), anche il Capo della Polizia Franco Gabrielli, il presidente della Regione Michele Emiliano, il Prefetto Claudio Palomba, il sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore, il presidente della Giunta delle elezioni e immunità parlamentari Dario Stefàno ed il presidente della Provincia Antonio Gabellone.

«Abbiamo convocato questo Consiglio comunale – dichiara il Presidente,  Germano Santacroce –  per mettere al centro dell’attenzione i temi della sicurezza e della vivibilità, iniziative che prevedono momenti di pubblico confronto e di testimonianza viva e restando in costante contatto con le Istituzioni. Tutto questo nella convinzione che i fatti criminali non riguardano soltanto le vittime ma anche le Istituzioni ed investono l’intera comunità cittadina». Comunità che da un po’ di tempo a questa parte fa fatica a convivere con i furti nelle abitazioni, con minacce che non sempre vengono denunciate ed auto date alle fiamme. «La città di Taviano –assicura il sindaco, Giuseppe Tanisi – è una realtà di gente per bene, che non consentirà a nessuno di minare le fondamenta della propria comunità. È necessario, però, mantenere alto il livello di attenzione e intervenire con tempestività per non correre il rischio di cadere nella trappola dei silenzi e dell’indifferenza». Il programma del Consiglio comunale prevede i saluti del Sindaco, del “Sindaco baby” Lorenzo Errico e del  Presidente  Santacroce.

by -
0 1408

TAVIANO – Tutto pronto per la 27° Fiera della Madonna delle Rine che si svolgerà sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre. A organizzarla, come da tradizione, l’associazione “Cultura e Salento”, insieme al Comune di Taviano, Circolo musicale di Santa Cecilia e l’associazione Salentflor. Ricco di eventi, come sempre, il programma della ricorrenza. Si inizia sabato 30 settembre, alle ore 20,30, con lo spettacolo teatrale “Caro Totò”, omaggio al principe della risata, a cura della compagnia La Busacca, nell’ambito dei “Sipari di periferia”. Domenica, invece, si apre con la grande fiera del bestiame con premiazione e consegna del Trofeo “Italo Vizzi”. A seguire il 1° Raduno delle auto d’epoca con premiazione del Trofeo “Franco Mergola”. La fiera mercato dell’usato e dell’artigianato si svolgerà sulle strade circostanti la cappella della Madonna delle Rine, sul prosieguo di via per Matino. Nel pomeriggio, dopo il rosario e la santa messa, dalle 17,30, il concerto bandistico “Città di Taviano”. A seguire l’esibizione canora del soprano Antonella Alemanno e del tenore Massimo Licci. Dirige l’orchestra il maestro Daniele De Pascali. Poi spettacolo musicale con il duo “Il peccato di Eva” e fuochi pirotecnici. Presenti per tutta la durata della festa vari stand gastronomici con vino e birra.

TAVIANO – Stop alla gara d’esordio in A2 di domenica 24 settembre tra Taviano e Mondovì. Piove dal solaio di copertura del palazzetto dello Sport “W. Ingrosso” di Taviano e la prima di campionato volley maschile serie A2, tra Pag Taviano e VCB Mondovì, viene rinviata. Molto contrariati non solo gli ospiti della squadra piemontese ma anche i tantissimi spettatori salentini accorsi per questa importante gara d’esordio. “Purtroppo – hanno dichiarato gli arbitri  – c’era un gocciolamento in campo troppo evidente che impediva una normale attività di gioco”. Gli stessi hanno avuto la pazienza di aspettare per un’ora e mezza poi hanno dato forfait, mandando tutti a casa. A questo punto l’amministrazione comunale cerca di risolvere il problema. “Questi problemi  alla copertura del solaio – dichiara il consigliere delegato Gianni Fonseca – si sono già manifestati all’indomani dell’inaugurazione del palazzetto. Purtroppo le amministrazioni passate hanno effettuato interventi tampone che non hanno risolto il problema alla radice. Noi, per la verità, avevamo l’intenzione di farlo tanto è vero che abbiamo chiesto il preventivo a ditte specializzate. Si tratta di valutare, a questo punto, la soluzione ottimale dal punto di vista tecnico ed economico”. La partita dovrebbe essere rinviata a mercoledì 25 ottobre anche se occorre attendere l’ufficialità da parte della Lega Pallavolo che avverrà nei prossimi giorni.

TAVIANO – Taviano accoglie l’invito del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e ospita, in una  struttura di Mancaversa, dieci bambini provenienti dalle zone contaminate dalla centrale nucleare di Chernobyl e affetti da gravi patologie oncologiche in fase remissiva. A farlo, con grande disponibilità, sono i soci dell’associazione Gabb (Gruppo accoglienza bambini Bielorussia) di Taviano e Racale,  che stanno curando sia l’arrivo che il soggiorno dei minori, accolti insieme ad un medico specialista e un’interprete proveniente dalla Bielorussia. “Siamo stati disponibili ad attuare questa accoglienza – dichiarano Mauro Giannì e Dino Panico, genitori referenti dell’associazione regionale Gabb di Modugno – per venire incontro alle esigenze di questi bambini ammalati. Questo soggiorno marino in un ambiente salubre e accompagnato da un’alimentazione sana e nutriente, consentirà loro di accelerare il processo di guarigione, rinforzandone le difese immunitarie. Per questo progetto, di grande impatto sociale –concludono i due genitori – e dall’alto valore umanitario, si ringraziano la dottoressa  Federica Carluccio che ha messo a disposizione la propria struttura ricettiva “Stelle del Salento” a Mancaversa e tutte le associazioni che, durante il soggiorno, coinvolgeranno questi ragazzi in attività di gruppo e di animazione”. Tra queste le associazioni di Racale “Misericordia”, “Amici di Anastasia” e il gruppo delle Majorette di Taviano guidato dalla professoressa Antonella Manni.

TAVIANO – Vuoi ricevere in tempo reale tutte le notizie dalla casa comunale o segnalare, eventualmente, proposte o suggerimenti? L’Amministrazione comunale di Taviano te ne da la possibilità tramite l’App gratuita “ComunicaCity” che vuole essere un ponte tra cittadini e amministratori. «Sempre più spesso –afferma il sindaco, Giuseppe Tanisi – i cittadini nella vita di ogni giorno, per svago o utilità utilizzano dispositivi telefonici mobili o tablet. Per questo abbiamo pensato ad una App mobile che permette alla pubblica amministrazione di inviare messaggi, comunicati, news ed informazioni direttamente ai cittadini, senza intermediari tramite smartphone e tablet». L’App consente di ricevere informazioni relative all’ambiente, alle attività produttive, bandi e concorsi, cultura, eventi, manifestazioni e lavori, mobilità, notizie e informazioni, pubblica sicurezza, sport, servizi sociali, tributi e finanza, urgenze e allerta. Sono compresi: le informazioni sugli uffici comunali, i recapiti e gli orari di apertura del Comune. Il progetto sarà presentato alla cittadinanza giovedì 21 settembre alle ore 18.30 presso il palazzo Marchesale dal sindaco Tanisi e dai relatori Paolo Pagliaro, presidente gruppo Mixer Media e Benedetto Pacitto, ing.  Ceo Foundation di “ComunicaCity”.

by -
0 1457

TAVIANO. Giovedì 14 e venerdì 15 settembre appuntamento, a Taviano,  con i festeggiamenti in onore della Madonna Addolorata presso la parrocchia Santuario Beata Vergine. Ricco il programma degli appuntamenti: si apre la vigilia, giovedì 14 settembre, con la fiera lungo le strade antistanti il santuario e corso Vittorio Emanuele II. Alle 21.30 spettacolo di cabaret con Pippo Franco. Per venerdì 15, dopo la mattinata della fiera, alle 19.30 la solenne processione per le vie della città cui seguirà il concerto bandistico e, alle 23, molto atteso  lo spettacolo piromusicale proprio di fronte alla facciata del santuario, in piazzetta don Luigi Antonazzo. E’ una festa ricca di fascino, di fede e, soprattutto, di memoria. Secondo la tradizioni, infatti, a Taviano si ricordano due epidemie, quella di colera del 1866 e l’altra di meningite cerebrospinale del 1894. Il paese era completamente isolato per la malattia e i tanti morti che venivano seppelliti senza funerale per evitare contagi. I monaci basiliani del santuario portarono la statua della Madonna per le strade del paese e la situazione migliorò.

by -
0 1569

Taviano – Giovedì 7 e venerdì  8 settembre ritorna a Taviano la “Fiera ta’ Cappeddha” con il mercato tradizionale dell’artigianato figulo salentino. Molte le novità nell’edizione di quest’anno, ad iniziare dal fatto che (per la prima volta) saranno due i giorni di festa. Su corso Vittorio Emanuele II e sulle stradine laterali si potranno trovare oggetti in terracotta, lavorazioni in ferro, canestri  e tanto altro. Ricco e articolato anche il programma collaterale alla Fiera, organizzato dal Comune di Taviano e dall’associazione “Terrebruciate”. Si terranno rappresentazioni di artigiani figuli creatori di ceramiche sonore (Galleria Grimaldi), l’esposizione di terracotte dell’artista Claudio Capone (Chiesetta della Cappaddhuzza), la mostra di pittura curata dall’associazione culturale “Accademia del Salento” (stradine del centro storico). Il pittore-scultore Mario Calcagnile realizzerà in diretta, con una performance di “action painting”, un dipinto di grandi dimensioni presso i locali dell’ex Bar Italia in piazza San Martino mentre il Marchesale ospiterà la mostra di fotografia del collettivo fotografico Xima di Casarano. Ma ci sarà spazio anche, giovedì 7 dalle ore 19 al Marchesale, per le presentazioni dei libri “Tornerà la lepre a Buna” di Luigi Pisanello e a seguire “Alla mensa degli Angeli, storie di ceramiche botteghe e vasai a Nardò tra XVI e XIX” di Riccardo Vignanò. Tra gli “ospiti d’onore” della due-giorni anche Erica Liverani e Lorenzo De Guio, da Masterchef Italia. Insieme al buon cibo di strada pugliese non mancherà la musica popolare salentina: gli “Skarkanizzi” il 7 sul sagrato dell’Immacolata, l’8 il “Trio Jieangot” (per l’occasione in quartetto) in piazza San Martino e la “Be Dixie Band” con le sue improvvisazioni itineranti. Per la “Cappeddha” 2017 spazio anche al teatro, venerdì 8 alle 21 largo Sant’Anna, con Chiara e Flavio Corina in “Mai sia andiamo a finire sui giornali” dell’associazione teatrale Neroghi. La tradizionale “fischiettata t’a Cappeddha” ritorna, poi, giovedì 7 settembre dalle 21 per le vie del centro nell’ambito della rassegna “Girodicorte”.

TAVIANO – Tragedia in mare questa mattina tra Capilungo e Torre Suda, in località Campure: a perdere la vita un pensionato di Taviano, Settimio Mercutello, mentre faceva il bagno. Erano circa le 10.30 quando il 72enne ha avvertito la moglie Cecilia del malore in corso. Accompagnato sulla riva da altri bagnanti, Settimio Mercutello, tra lo sgomento della moglie, è morto a causa di un infarto. Inutili i soccorsi del 118 che hanno constatato il decesso. Sul luogo anche i Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Casarano, i quali hanno avvertito il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, Paola Guglielmi. Il pm ha disposto la restituzione della salma ai suoi famigliari per il rito funebre. Settimio Mercutello era molto conosciuto a Taviano perchè discende da una famiglia di pescivendoli. Lui stesso lo ha fatto per anni presso a “chiazza tu pesce” a pochi passi dal comune di Taviano, per poi lasciare il banchetto al fratello Martino, più giovane di lui.

Giuseppe D’Amilo

MANCAVERSA. Una serata in rosso da condividere con tutti i donatori per richiamare l’attenzione sulla necessità di raccogliere sangue. Si svolgerà sabato 26 agosto, a partire dalle 21, una lunga e articolata “tavolata”ben preparata e imbandita, dove i donatori potranno accomodarsi a condizione che indossino almeno un capo di colore rosso, il colore appunto del sangue. La location scelta è il lungomare Caracciolo, tra le spiagge di Paterte e Mancaversa dei Cavalli. “Ci è sembrata una iniziativa simpatica e coreografica per richiamare tutti a donare – afferma il presidente Giuseppe D’Amilo – che soprattutto d’estate è molto sentito a Gallipoli in quanto aumenta la popolazione a dismisura”. Da ormai 45 anni al servizio della solidarietà, l’associazione Donatori volontari di sangue di Taviano, con opera nel sociale nel settore delle donazioni. I donatori, a Taviano, sono oltre 1.300, di cui tanti al di sotto dei 28 anni. “Questi dati – conclude il presidente – sono il frutto di un lavoro costante che vede tutto il direttivo e i volontari lavorare in sinergia, spendendo parte del loro tempo per dare il proprio contributo all’attività associativa”.

TAVIANO. Anche quest’anno l’appuntamento agostano con “Arte & fiori”, a Taviano, non ha deluso quanti hanno trascorso la notte tra vie e piazze profumate di fiori, nel centro storico intorno al palazzo Marchesale. Per tutta la notte turisti, villeggianti e, soprattutto, tanti gruppi di giovani hanno invaso il suggestivo percorso animato con musica, colori e la profumata magia dei fiori. Tutto questo a ricordare l’importanza del fiore a Taviano e nel comprensorio malgrado oggi la floricoltura sia un po’ sottotono.

Quest’anno, in particolare, come lo era stata l’edizione 2016, i fiori hanno aperto al mondo dell’arte e dell’artigianato, così ricco a Taviano e, in genere, in tutto il Salento. Nel palazzo Marchesale è stata apprezzata una interessante collettiva di artisti salentini e una sfilata di abiti floreali. Musica e fiori, dunque, ad animare la notte più profumata dell’anno. I girasoli in piazza del Popolo, i tralci di vite in piazza san Martino, i fiori rossi lungo la caratteristica via Matteotti e poi gabbiani volanti e mazzi di fiori appesi lungo le stradine, sono stati la cornice ideale di una serata speciale. La musica in sottofondo ha coronato il tutto negli angoli più caratteristici con i Papaveri rossi che hanno riproposto De Andrè , il Salento Ballet Teatrarte, il concerto dei The Storm, la Banda municipale diretta da Antonio Mariani e Note Libere live di Daniela Toma.

Foto di Lorenzo Spiri

MARINA DI MANCAVERSA. Gli avvelenano la cagnetta e loro decidono di non venire più a trascorrere le ferie a Mancaversa, marina di Taviano. Il brutto episodio è successo qualche giorno fa: dopo aver ingerito qualcosa di tossico, la cagnetta di nome Kyra era stata portata subito dal veterinario, ma la bestiola era morta tra forti dolori e sofferenze. Adesso i suoi padroncini per reazione a quanto subito, non vogliono più sentire parlare del Salento e soprattutto di Mancaversa.

Luciana e Sabino Lacalamita, originari di Modena, più di dieci anni fa scoprirono e s’innamorarono di Mancaversa a tal punto da decidere di comprare casa per trascorrervi le ferie. Quest’anno, però, dopo la morte della loro amata Kyra per avvelenamento, hanno deciso di finire qui un rapporto con questa marina che sembrava ormai indistruttibile. “E’ vero, siamo rimasti proprio male nel vedere avvelenata la nostra cagnetta che vi assicuro –dice la signora Luciana – non faceva del male a nessuno, anzi era amica dei bambini. Eppure è successo e dunque abbiamo deciso di vendere casa e andare via dal Salento”. Per Matteo Cazzato, animalista convinto e noto nella zona, non servono molte parole per capire il dolore e il dramma di questa famiglia per la perdita del loro animale domestico. “Ancora una volta – conclude amaro Cazzato – il nostro Sud si contraddistingue per questi orribili atti che sono sempre da condannare, ma che purtroppo nella maggior parte dei casi restano impuniti”.

 

TAVIANO. Dopo le polemiche dei primi mesi del 2015 (locale d’intrattenimento in zona agricola; abbattimento di ulivi…) mostratesi senza fondamento, in contrada Fontana a Taviano, nei pressi dell’hotel “Li Sauli”, a ridosso, quindi, delle spiagge di Gallipoli, la discoteca “Picador” dell’imprenditore tavianese Oscar Peschiulli taglia il nastro del secondo anno di attività e diventa Picador Village”. Gli alberi sono al loro posto e i permessi per aprire, da parte del Comune e della Regione Puglia, sono da tempo acquisiti. “E’ sempre un pienone ogni sera soprattutto in queste settimane – dicono gli organizzatori – con artisti di levatura internazionale che si alternano per intrattenere gli ospiti”. Già punto di riferimento della vita notturna salentina, il locale è ormai aperto ogni sera della settimana (era stato programmato solo per i sabati inizialmente). Nato lungo la litoranea sud di Gallipoli nel 2006 come locale di ritrovo e svago della comunità Glbt e friendly, il “Picador” ha poi progettato e realizzato diversi passaggi fino a quello attuale. Quest’anno il “Village Picador” si è arricchito di una braceria ed è diventato una vera e propria discoteca con 1500 posti auto custoditi, due piste, due privè, un grande palco, il tutto tra alberi, palme e macchia mediterranea.

MANCAVERSA. Entra finalmente in funzione il bancomat nella marina di Mancaversa, voluto fermamente dall’amministrazione Tanisi. Si tratta di un servizio che è mancato negli ultimi anni e che ora, grazie al servizio della Banca Popolare Pugliese, potrà essere a disposizione per prelevare denaro contante per una vacanza più tranquilla. Il bancomat è situato sulla litoranea Gallipoli-Santa Maria di Leuca all’altezza dell’incrocio con via Cristoforo Colombo. “Il servizio renderà più facile e serena la vacanza non solo dei tavianesi – dichiara con soddisfazione il primo cittadino, Giuseppe Tanisi –  ma soprattutto delle tante famiglie di villeggianti provenienti da ogni parte d’Italia, agevolando in tal modo il lavoro di tutti gli operatori commerciali della nostra marina. E’ anche attraverso l’offerta di questo tipo di servizio che si rende più avanzata e progredita una comunità”. Soddisfazione anche da parte della Banca Popolare Pugliese. “E’ anche attraverso questo tipo di servizio – afferma il Direttore Generale, Mauro Buscicchio – che la nostra Banca svolge il proprio ruolo, agevolando così la permanenza serena dei vacanzieri nelle nostre contrade”.

TAVIANO. Alba di fiamme nella residenza estiva del vicesindaco di Taviano, Francesco Pellegrino, sulla via del mare tra Torre Suda (Racale) e Marina di Mancaversa. Sono andate completamente distrutte dal togo appiccato da ignoti due auto: una Range Rover Evoque usata dall’avvocato Pellegrino e quella della moglie Serena, una Fiat 500 L, entrambe parcheggiate nel giardino dell’abitazione. I Vigili del Fuoco avrebbero appurato che è stato utilizzato del liquido infiammabile che ha devastato le autovetture. Il tutto è accaduto ai primi albori: erano le 5 del mattino quando lo stesso Pellegrino si è accorto del bagliore del fuoco che ormai avvolgeva le macchine, parcheggiate  a pochi passi dalla finestra della stanza da letto. Lui stesso ha allertato i soccorritori del 115. Sono intervenuti sul posto i Vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli e i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Capitaneria di Casarano, sotto la guida del Luogotenente, Angelo Cimbassi. Nelle prossime ore si cercherà di ricostruire tutte le fasi dell’incendio per cercare di risalire agli autori e quindi alle motivazioni alla base di questo gesto intimidatorio. Tutto il mondo politico tavianese ha condannato il fatto ed espresso solidarietà al vicesindaco pellegrino. Tra le altre anche quella del senatore Dario Stefàno che ha chiesto piena luce sull’accaduto.

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...