Home Authors Posts by Roberto Barone

Roberto Barone

401 POSTS 0 COMMENTS

Aradeo – Per i cittadini di Aradeo, lunedì 25 giugno apre in via Borsellino l’ecocentro, il centro comunale di raccolta.  Nella mattinata del lunedì, mercoledì e sabato e nel pomeriggio del giovedì potranno conferire imballaggi di plastica, metallo e vetro, oli e grassi vegetali e minerali, contenitori tossici o infiammabili, rifiuti inerti, apparecchiature elettriche ed elettroniche, batterie ed accumulatori (batterie), sfalci di potatura, rifiuti ingombranti, carta e cartone, indumenti usati, legno, farmaci, toner e cartucce esaurite. Una struttura indispensabile anche in vista dell’avvio, a fine estate, della raccolta differenziata “porta a porta” (l’ultimo dato sul portale regionale registra una percentuale dell’11,53) e per riuscire finalmente ad eliminare dalle strade i grandi cassonetti di raccolta indifferenziata, troppe volte impropriamente usati in questi anni da non residenti, con la beffa dei cittadini del luogo di pagare anche la spazzatura dei comuni vicini.

L’inaugurazione dell’Ecocentro Mercoledì 20 giugno l’inaugurazione in un clima di festa. Tangibile la soddisfazione degli amministratori, dal sindaco Luigi Arcuti all’assessore all’ambiente Giovanni Mauro, che più di tutti hanno seguito da vicino il completamento del progetto. La struttura era stata realizzata durante la prima Amministrazione Perulli nel 2010 ma poi lasciata priva dei passaggi necessari per la sua messa in funzione, divenendo il regno incontrastato delle erbacce. Dal loro insediamento, nel maggio dell’anno scorso, i nuovi amministratori si sono dati da fare per la sua attivazione realizzando l’allaccio Enel e l’impianto idrico e fognante con subirrigazione. Hanno poi ottenuto l’autorizzazione provinciale per lo smaltimento delle  “acque meteoriche di prima pioggia” e sono arrivati infine al certificato di agibilità che ne ha permesso l’apertura. «La messa in funzione dell’Ecocentro costituisce una tappa fondamentale – ha sottolineato l’assessore Mauro – per contribuire in maniera significativa alla riduzione della quantità di rifiuti da conferire in discarica.  E’ un intervento per proteggere l’ambiente, migliorare la qualità di vita dei cittadini e speriamo porti pure ad un progressivo abbattimento dei costi relativi alla tassa sui rifiuti».

Aradeo – Ricco come non mai il cartellone di eventi estivi allestito dall’Amministrazione comunale di Aradeo che prende il via giovedì 21 giugno con la “Festa Europea della musica” a cura degli “Amici della musica”, alle 20.30 al teatro Modugno. Il sindaco Luigi Arcuti e l’assessore alla Cultura Georgia Tramacere hanno coinvolto tante associazioni del paese per valorizzarne l’immagine e promuovere il suo sviluppo culturale e turistico. Tutti di livello gli appuntamenti proposti: musica, teatro (curato da Koreja),danza, sport, cinema,  scacchi in piazza e moltro altro. Tornano la sagra “te lu pummitoru schiattarisciatu”, la “sagra taraddota” e la “sagra dell’uva” così come  ritorna la “Festa dei nuovi 18enni”, ai quali verrà consegnata copia della Costituzione italiana. Non mancherà l’ormai imperdibile serata culturale “Serata di versi – Notte della Cultura”, con la presenza di vari scrittori e le incursioni musicali del cantautore Ciccio Zabini.

A luglio la “Notte de lu Zimba” e pure il Carnevale  La presentazione dell’intero programma, curata da Michele Bovino, si è tenuta martedì 19 giugno nell’accogliente spazio antistante il Kirghisia Bistrot. Tante le novità di quest’anno: dal concerto musicale dei Jant-Africa music&dance from West Africa per la “Giornata dell’integrazione”, con la presenza di Cecilia Strada, alla “Notte de lu Zimba” del 18 luglio, in occasione del decimo anniversario della scomparsa del notissimo artista aradeino. A lui verrà anche intitolato l’Anfiteatro comunale. Attesissima poi “La notte bianca del Carnevale Aradeino” nella quale torneranno in mostra i grandi carri della sfilata carnevalesca in una notte che si preannuncia ricca di sorprese e di  eventi collaterali.

Luxuria e De Andrè Altra importante novità la “Festa dell’emigrante” a cura di Arataion.it e la “Festa del nostro migliore amico a 4 zampe” in collaborazione con l’associazione animalista “Mondo Nuovo” randagi e ambiente. A fine agosto Vladimir Luxuria nella “Ballata degli esclusi, incontrando Faber”, un recital ispirato al repertorio di Fabrizio De Andrè.

Aradeo – “Gran concerto” per la Festa della Repubblica promosso ad Aradeo dall’associazione “Amici della musica” in collaborazione con l’Amministrazione comunale sabato 2 giugno alle ore 20,30 al teatro comunale “Modugno”. L’appuntamento, giunto alla 18^ edizione, è quest’anno con la Youth Orchestra di Aradeo diretta dal M° Luigi Varallo e con il coro polifonico Amici della musica ed il coro voci bianche “Laeti cantores” diretti dal M° Danilo Cacciatore. Novità assoluta di questa edizione è la presentazione della “Youth orchestra” di Aradeo che, come già fatto per la banda, nell’esecuzione di brani classici ma originali, mette insieme musicisti professionisti e giovani studenti.

«Proponiamo un programma che vuole essere una finestra aperta sull’innovazione musicale artistica e divulgativa. L’intento – sottolinea il presidente dell’associazione Enzo Aluisi – è quello di dimostrare, soprattutto ai più giovani, che la musica classica ha modernità e forza di linguaggio pari a quelle di un concerto rock. Nella Youth Orchestra c’è l’incontro di artisti innovativi capaci di far integrare Verdi o Puccini con l’elettronica, il repertorio classico con la modernità». L’intenzione dell’associazione “Amici della musica” è proprio di puntare su questi obiettivi di innovazione e coinvolgimento. A tale scopo il gruppo è al lavoro per la realizzazione (a novembre) di un Festival in collaborazione con istituzioni scolastiche, scuole di danza, radio, compagnie teatrali e della Biblioteca comunale.

Aradeo – Aradeo si candida ad essere “Città dello zafferano”. Intanto, per un giorno, il paese sarà la “capitale italiana” di questa “spezia del buonumore”. Venerdì 25 maggio, con inizio alle ore 9 e chiusura alle ore 13,30, Palazzo Grassi ospita un Forum organizzato dall’Associazione Zafferano Italiano, il più importante e rappresentativo gruppo di imprenditori agricoli del settore che riunisce circa 350 imprese agricole che coltivano questo speciale prodotto, usata non solo in gastronomia ma anche in campo medicinale per le sue sorprendenti proprietà benefiche sull’organismo umano. La manifestazione si svolge in collaborazione con il Comune di Aradeo ed ha il patrocinio dell’Ordine dei Dottori agronomi forestali di Lecce e del collegio dei Periti agrari e Periti agrari laureati della Provincia di Lecce. Dopo i saluti dei presidenti degli Ordini professionali e del sindaco Luigi Arcuti, il moderatore del Forum Sergio Falconieri introdurrà la discussione sulle opportunità di sviluppo dei produttori pugliesi. Le relazioni saranno svolte dagli agronomi Alessandro Mazzuoli e Giovanni Piscolla.

I produttori locali Alle 12,30 Sergio Minerba, della Tenuta Agricola Luna di Aradeo, presenterà il lavoro di alcuni produttori salentini. La sua esperienza sul territorio, pur se relativamente recente, ha già dato ottimi frutti. La decisione di recuperare insieme a Fausto Chirivì e Maurizio Bono questa antica coltura su un terreno alla periferia del paese in contrada “Luna” ha portato ad una produzione “certificata di prima categoria” in base alla normativa vigente. Lo zafferano appartiene alle antiche coltivazioni della nostra terra. È elemento caratterizzante della “scapece” gallipolina e documenti storici riportano vertenze feudali circa il pagamento della “decima sullo zafferano”. L’importanza di questo prodotto è data dai dati Instat: l’Italia produce annualmente fra i 500 ed i 60 kg ed importa 22.500 kg per un valore di circa 23 milioni di euro.

Aradeo – “Io ci sarò sempre” è il tema del convegno in programma lunedì 21 maggio, alle ore 19,30, presso il Teatro “Modugno” di Aradeo organizzato dall’associazione PrendiPosizione. La discussione sulla figura di Aldo Moro partirà dalla valutazione dei diversi atti giudiziari, delle relazioni di commissioni di inchiesta e di tutti gli atti formali prodotti nei 40 anni dal rapimento e dall’uccisione dello statista nato a Maglie. Dopo i saluti del sindaco Luigi Arcuti, l’argomento sarà introdotto dal consigliere regionale Sergio Blasi. Sul tema si confronteranno Giovanni Bianconi, giornalista del Corriere della Sera, Giovanni Pellegrino, già senatore e presidente della commissione bicamerale stragi, e Gero Grassi, già deputato e membro della commissione parlamentare d’inchiesta sul rapimento Moro. Coordina Francesco Gioffredi, giornalista del Nuovo Quotidiano di Puglia. La riflessione sull’esponente della Democrazia cristiana, rapito nel marzo del 1978 ed ucciso il successivo 9 maggio, rimane sempre di stringente attualità anche per i troppi i misteri mai risolti e le troppe le “parziali verità” su un periodo non troppo lontano della storia repubblicana.

Aradeo – “Prendiamoci cura del nostro territorio” è lo slogan che accompagna la giornata ecologica promossa ad Aradeo dall’assessorato comunale all’Ambiente e dall’Ambito territoriale di caccia della Provincia di Lecce. Il programma di sabato 19 maggio prevede alle 8.30 il ritrovo presso la villetta Paolo Borsellino ed alle 9 la prima tappa della “caccia ai rifiuti”, da raccogliere in contrada Oliveto. A partecipare sono state invitati tutti i cittadini e le associazioni presenti sul territorio: a loro verranno distribuiti guanti, rastrelli e buste. Obiettivo: prendersi cura “tutti insieme” del proprio territorio: questa la convinzione dell’intera Amministrazione retta da Luigi Arcuti. Per ogni partecipante l’iniziativa può essere l’occasione buona “per essere in prima linea” nella tutela e nella salvaguardia del territorio. La giornata darà anche l’opportunità ai presenti di prendere visione “in anteprima” del Centro comunale di eaccolta (Ecocentro) di prossima apertura.  Saranno presenti anche la ditta Bianco Igiene ambiente s.r.l. e la cooperativa di manutenzione del verde pubblico. A scolari e studenti sarà, inoltre, mostrato il funzionamento del trituratore di sfalci di potatura, con la conseguente produzione di materiale organico, ottimo “concime” naturale per il terreno. «Questa giornata, facendo perno sulla partecipazione e sull’impegno civico di ogni cittadino, punta ad un lavoro comune per un paese ogni giorno più pulito», afferma l’assessore all’Ambiente Giovanni Mauro.

Aradeo – Anche quest’anno la Biblioteca comunale di Aradeo insieme a Libera Compagnia hanno aderito alla rassegna nazionale “Il maggio dei libri”, dedicando l’intera manifestazione a Mariateresa Merico, la docente di italiano scomparsa poche settimane fa dopo un’intera vita dedicata alla formazione dei giovanissimi studenti della scuola media del paese. Una donna di una grande preparazione e di una grande cultura, “amica” della Biblioteca con la quale stava anche quest’anno attivamente collaborando alla sua programmazione. Il primo appuntamento è venerdì 18 maggio alle ore 19 con la presentazione del romanzo “La maledizione di Toledo” di Giuseppe Pascali. Il libro è centrato sull’Inquisizione sullo sfondo della Spagna del ‘600. Dialogano con l’autore Giovanni Leuzzi e Michele Bovino.

Tutti gli appuntamenti A seguire martedì 22 maggio alle ore 16 “Letture ad alta voce”, a cura degli allievi del Laboratorio teatrale di Libera Compagnia, per gli ospiti della Casa di riposo “Villa Modoni” di Sogliano Cavour. Mercoledì 23 maggio, alle ore 17, “Incontriamo la lingua araba”, fondamenti della lingua tra grafia e pronuncia con la madrelingua Meryeme Hamssi, alle ore 18,30 “Bibliotecario per un giorno”,  seconda edizione riservata a bambini e ragazzi dai sette anni in su, che aspirano ad essere bibliotecari per uno o più giorni. Seguirà giovedì 24 maggio alle ore 19 la presentazione del libro “Italieni” di Paolo Vincenti, uno spaccato ironico sui vizi e virtù degli italiani: Antonio Lupo dialoga con l’autore; intermezzi musicali di Michele Bovino. Venerdì 25 maggio alle ore 16 “Prendimi per mano” – Nonni e nipoti si raccontano”. L’appuntamento è a cura della psicologa Clarissa Marrazzo e dell’insegnante Gloria Aluisi. Martedì 29 maggio alle ore 16 “Cerca la poesia”, laboratorio di scrittura creativa con il metodo Caviardage a cura di Paola Sperti. Interventi di manualità pratica con Giuliana Carlino. Mercoledì 30 maggio alle ore 19, presentazione del libro “Tracce di Eden” raccolta di poesie di Daniela D’Errico. Interviene l’editore Piero Manni. Mercoledì 6 giugno, alle ore 17,30 “Voci dai libri…in radio”, un racconto radiofonico a cura di giovani lettori negli studi di RNS 92,4 fm. Chiude la rassegna, giovedì 7 giugno alle ore 19,30 la presentazione del libro “La ragazza con la valigia” di Caterina Panareo, romanzo che racconta l’emigrazione. Presentazione di Rita Bortone (dirigente scolastico) e di Ninì De Prezzo (curatore della collana “La memoria che resta”.

Aradeo – “Cuore…mente…attesa…speranza” è il titolo del libro che Annunziata Piccinno presenta quest’oggi alle 19.30 presso la Basilica Sancta Maria ad Nives di Copertino. Dopo il saluto del vescovo della diocesi di NardòGallipoli Fernando Filograna e dei monsignori Luigi Manca e Antonio Raho, insieme all’autrice di Aradeo a relazionare sull’opera sarà monsignor Tommaso Sabato (di Casarano). L’incontro è moderato dall’avvocato Fabiana Abbadessa. “La Parola di Dio negli scritti biblico-pastorali di don Giuseppe Sacino” è il sottotitolo del volume nel quale viene esplicato il lavoro d’analisi condotto sulle opere del sacerdote copertinese don Giuseppe Sacino (nella foto con l’autrice), oggi collaboratore della parrocchia Sancta Maria ad Nives di Copertino.

L’autrice Dopo la laurea in Lettere moderne, la Piccinno ha conseguito la triennale in Storia della Chiesa antica e la magistrale in Ermeneutica del testo biblico presso l’Istituto superiore di scienze religiose di Lecce. Suoi “Gli altari del ‘600 – ‘700 a Nardò”, “Studi in memoria di Salvatore Leonardi”, “Carmine, diario di un emigrante” e numerosi articoli e saggi. La Piccino è anche “film maker indipendente” e  collabora con l’associazione artistica ArtAradeo e con l’associazione culturale CCC Sergej Michajlovic Ejzenstejn.

 

Aradeo – L’ingegnere (e consigliere comunale) di Aradeo Emanuela Stifani è stata ospite, martedì 15 maggio, in qualità di “ignota”, al Teatro delle Vittorie di Roma nella trasmissione su Rai 1 di Amadeus “I soliti ignoti”. In paese  ha destato curiosità ascoltare dalla sua voce, nel corso della presentazione, “vengo da Aradeo in provincia di Lecce”. L’identità della donna, “progettatrice di impianti fotovoltaici”, non è stata indovinata dal concorrente di turno, anche se, uno dei tre indizi da lei comunicati (“si spende un po’ di più, ma ne vale la pena”) poteva portare a questa soluzione. Sbagliando, è stata invece ritenuta una “cercatrice di tate”. Come sanno bene i concorrenti, dei tre indizi espressi, uno solo è coerente con l’attività realmente svolta. Gli altri due servono soltanto a raccontare la vita reale dell’ignoto. Avevano infatti a che fare con il suo desiderio di “saper apparecchiare la tavola nel modo più corretto, come sa fare la cognata” e di “saper fare composizioni di fiori, sempre come sa fare la cognata”. In questo caso la donna in questione è appunto la cognata Lucianella Stifani, che svolge l’innovativo lavoro di “decoratrice di ambienti” e che proprio nei giorni scorsi ha tenuto a Sannicola, presso Villa Ravenna, l’evento “Tavole in festa”, una dimostrazione su come si può allestire una bella tavola per le nostre case e per i nostri ospiti.

Aradeo – Il Premio “Civilia Salento 2018”  è stato consegnato, nei giorni scorsi nel Palazzo della Cultura di Galatina, a Michele Bovino (nella foto con la targa), responsabile culturale del Comune di Aradeo, bibliotecario e cantautore, che “ha contribuito a valorizzare la canzone d’autore sul territorio”. Come indicato nella motivazione al premio a firma del presidente dell’Associazione Alberto Minafra, l’artista aradeino è “una personalità dalle mille sfaccettature che riesce a svolgere attività che spaziano dalla musica al teatro, dalla canzone alla regia”. Nel suo percorso artistico, Bovino ha realizzato vari musical e spettacoli itineranti nel Salento, sulle canzoni di Fabrizio De Andrè, Francesco Guccini, Francesco De Gregori, Claudio Lolli ed altri cantautori, valorizzando il “prezioso connubio tra musica e poesia”. Oltre ad occuparsi di regia, Bovino organizza vari laboratori teatrali, nei quali è egli stesso docente di dizione e recitazione, oltreché bravo attore. Ha la sua firma anche la “Notte della Cultura – Intarsi di versi” la manifestazione ormai più che ventennale che si tiene in agosto nel centro storico di Aradeo.

Aradeo – Sono nati quasi negli stessi giorni, rispettivamente il 3 ed il 6 maggio 1914, Maria Crocifissa Giaracuni (chiamata da tutti “Giustina”) e Giuseppe Manta (ex ufficiale comunale d’anagrafe, meglio conosciuto come “Pippi”), i due grandi “nonni” del paese. Entrambi hanno raggiunto la venerabile età di 104 anni. Un motivo di orgoglio e di “speranza di lunga vita” per l’intera comunità cittadina, che ha voluto ufficialmente omaggiarli con il suo sindaco Luigi Arcuti e l’intera Amministrazione comunale, insieme alla banda del paese. Nati in un’epoca decisamente molto diversa dall’attuale (senza energia elettrica né auto, giusto per fare un paio di esempi), i due hanno attraversato con le loro famiglie i disagi ed i problemi delle guerre mondiali, il passaggio dal fascismo alla democrazia, la rinascita dell’Italia dopo il boom degli anni ’60 e, via via, l’era dei telefoni, della televisione ed ora il sofisticato mondo sempre più altamente tecnologico. La loro mente si è adattata a tempi e situazioni sempre nuove ed oggi, nel 2018, i due nonnini guardano con serenità al loro tempo, anche grazie alla fede (entrambi recitano il Rosario ogni giorno: nonno Pippi lo fa immancabilmente ogni sera intorno alle 18). Nonna Giustina ha festeggiato il suo compleanno attorniata da tutti i suoi figli, naturalmente felicissimi. Ancora nel pieno delle sue capacità, è una donna che si può definire “tutta d’un pezzo”. Malgrado abbia un po’ perduto le sue funzioni uditive, riesce ancora a sorridere e a scherzare con sagaci battute di spirito. Mai conosciuto un ospedale, né mai avuto malattie importanti. Nonno Pippi “si mantiene in forma” percorrendo più volte mattina e pomeriggio il corridoio di casa. Cibo misurato, preparato dalla moglie signora Annunziata, rispetto a lui una “ragazzina”, essendo diciotto anni più giovane. Nei giorni di festa ama spesso essere ospite a pranzo dai figli. Grande tifoso del Lecce, ha festeggiato il ritorno della squadra in Serie B.

Aradeo – Giunge alla terza edizione il Premio cittadino “Domenico Tamborrino – Cinquecento LE 78084″, promosso dal “Club degli amici” guidato da Riccardo Lisi, in collaborazione con Radio Noi Stereo e con il patrocinio del Comune di Aradeo. La finalità è quella di premiare ogni anno un cittadino aradeino che si sia distinto per il suo impegno nel campo sociale, culturale, sportivo e civico. Quest’anno il riconoscimento va a Roberta Bruno, per la sua attenzione alla cultura, alla musica, all’arte ed al suo impegno in favore dell’aggregazione giovanile mediante i circoli Arci. La premiazione si terrà nei locali del Club, domenica 6 maggio alle ore 10,30. Ospiti il sindaco Luigi Arcuti e Valentina Fragassi, segretario generale Cgil di Lecce, che daranno vita al dibattito “Un paese che ignora il proprio Ieri non può avere un Domani”.

La premiata Dopo aver conseguito la laurea, Roberta Bruno ha fondato insieme ad un piccolo gruppo di amici il Club Gallery, dove la musica e l’arte sono diventate punti di coinvolgimento di artisti, poeti, scrittori, musicisti provenienti da tutto il territorio nazionale. Preso coscienza del distacco dei giovani dalla vita contadina e dalla propria terra, con degli amici ha fondato  Karadrà (dal greco “acqua che nasce dalla terra e dalla terra viene re-inghiottita) per portare avanti una coltura un tempo tipica dei contadini del luogo, quella del “pomodoro giallo d’inverno”, una varietà tipica del basso Salento, che permette la sua conservazione per tutto l’inverno. L’idea era quella di bonificare terreni abbandonati riportandoli a produzione grazie all’idea dell’aridocoltura e nello stesso tempo portare avanti attività di aggregazione sociale finalizzata alla valorizzazione del territorio pugliese e della biodiversità locale. Karadrà è oggi un’importante realtà, con un parco agricolo di circa otto ettari tra Aradeo e Cutrofiano. Ha partecipato all’Expo di Milano dando notorietà ai nostri pomodori d’inverno.

Aradeo – Importanti riconoscimenti a livello nazionale per gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Aradeo. La squadra “Einstein” della Primaria ha la meglio nella fase finale su circa 400 alunni vincendo a Cesena  le Olimpiadi di Problem solving. I “magnifici quattro” del gruppo sono Sofia Baldari, Gioele Bruno, Chiara Cardinale e Margot Simone. Li hanno accompagnati in questa bella esperienza le docenti Carmela Cardinale (referente del progetto), Anna Cascione, Gabriella Mastroleo e Concetta Merico. Sempre per la Primaria, medaglia d’argento a Riccia, in Molise, per la squadra delle Olimpiadi di Italiano, composta da Gianpaolo Blanco, Andrea De Paolis, Maria Pia Donadei, Chiara Giustizieri, Giulia Tondi e Niccolò Zizzari. Ad accompagnarli, la docente referente Cosima Manta e le docenti Melissa Carallo, Anna Cavalera, Carmen Scrimieri e Simonetta Baldari, che hanno partecipato alla contestuale giornata di formazione indirizzata alle scuole partecipanti.

La soddisfazione della scuola Il lavoro dei docenti è stato selezionato dal Comitato scientifico delle Olimpiadi di Lingua Italiana per essere presentato nel workshop del 26 aprile sulle “buone pratiche didattiche” nell’ambito dell’educazione linguistica. Nelle finali delle due competizioni si è classificata anche la Secondaria di primo grado per le Olimpiadi di Italiano con la squadra formata da Umberto Miglietta, Giacomo Congedo, Stefano Casaluci, Letizia Papadia e Francesco Pagliara, guidata dalle docenti Loredana Guido e Maria Lucia Carlino. L’alunna Maria Legittimo si è invece classificata per la gara individuale di Problem solving.  «I risultati raggiunti – afferma soddisfatta la dirigente Carmela Cezza – si sono resi possibili grazie all’impegno di tutti i docenti all’interno di attività progettuali curricolari ed extracurricolari indirizzate a tutti gli alunni. Solo nella fase finale sono stati rigorosamente selezionati i partecipanti alle gare finali».

Aradeo – Passano da una nuova sfida con il Bisceglie le speranze dell’Atletico Aradeo di conservare il suo posto in Eccellenza. Nell’ultimo turno disputato sul terreno amico, la squadra di mister Totò Nobile ha salutato il pubblico di casa vincendo con un netto 3 a 0 proprio sul Bisceglie, la formazione che di certo affronterà nel play-out per la permanenza. I tifosi sperano si sia trattato di un buon viatico per la prossima sfida. Sarà l’ultimo turno di campionato a stabilire su quale terreno si disputerà la gara di spareggio: al momento le due squadre sono appaiate a 26 punti con l’Atletico Aradeo atteso dal Molfetta e l’Unione calcio Bisceglie impegnata in casa contro il Barletta 1922. Per la società guidata da Luigi Colizzi, e per il paese, quella dell’Eccellenza rappresenta una vetrina calcistica molto importante da difendere a tutti i costi. Se l’obiettivo salvezza verrà conseguito, come tutti gli sportivi del paese si augurano, sarà un’altra grande conquista per l’Aradeo, una matricola giunta nel massimo campionato dilettantistico regionale dopo quattro promozioni consecutive. All’inizio di questa stagione la squadra guidata da Gianluca Politi ha disputato buone prestazioni e suscitato ottime impressioni su tutti i campi di gioco raccogliendo, però, pochi punti.  Subentrato Mister Totò Nobile nell’ultima partita di andata, la squadra ha subito vinto in casa con il Molfetta. Si è poi rafforzata con l’innesto di nuovi calciatori: l’attaccante argentino Lucio Cereseto, l’attaccante under ’99 Pape Tourè, l’attaccante francese Baky, il centrocampista Pape Demba, il difensore Alessio Schirinzi (classe ’99) ed il difensore Michele Ludovico (classe ’98). Nel suo nuovo assetto, l’Aradeo ha via via recuperato terreno, giungendo a disputare i play-out. “E’ stato un onore” sottolinea il direttore sportivo Marcello De Paolis, “l’esserci confrontati con società altamente blasonate quali il Bitonto, il Trani, il Fasano, il Gallipoli, il Casarano. Nello sprint finale ce la metteremo tutta per rimanere in Eccellenza. Lo dobbiamo a tutti quelli che hanno creduto in questo gruppo: presidente, dirigenti, collaboratori, sponsor amministrazione comunale. Servirà inoltre a porre le basi per ricominciare con una programmazione degna della categoria nel prossimo campionato”.

Aradeo – Grazie alle quattro vittorie nelle ultime cinque gare di campionato ora l’Aradeo calcio a 5 può addirittura sognare il salto in C1. Si giocherà, infatti, sabato 31 marzo sul campo del Fasano la prima partita di play off del campionato di C2. «Come matricola ci aspettavamo una stagione sofferta, ma abbiamo subito capito che il gruppo aveva le potenzialità per competere alla pari con società più esperte. Non è un caso che alcune formazioni che l’Aradeo affronterà nei play off giocano in queste categorie da dieci anni», afferma Cardinale.  Il Campionato si è chiuso lo scorso 17 marzo con il trionfo per 8 a 2 sul Noci. Eppure a metà campionato, anche per una serie di combinazioni sfortunate, la situazione sembrava fortemente compromessa, con la squadra addirittura ultima, per infortuni, squalifiche ma anche per molte gare perse oltre il tempo regolamentare, e a volte anche oltre il recupero. Poi il “vento è cambiato” e l’Aradeo è riuscito a scalare diverse posizioni in classifica fino a giungere a disputare i play off. Il merito è sicuramente dell’intero gruppo che ha creduto nell’obiettivo e di mister Walter Riso, l’allenatore-giocatore al quale lo scorso dicembre è stata affidata la conduzione tecnica della squadra. Il tecnico è riuscito a trarre il gruppo fuori da un momento complicato, dimostrando bravura e ottime capacità. Fra i tanti meriti della società e della squadra da segnalare il fatto che grazie a loro il “futsal” ad Aradeo non è più il semplice “calcetto fra amici”.  In poco tempo (la società è stata fondata soltanto nel 2015 da Marcello Minerba) si è diffusa nel paese una vera e propria cultura del Calcio a 5, tanto che quest’anno il giovanissimo aradeino Ismaele De Pascali (classe 2001) è stato fatto esordire nel campionato di Serie C. Comunque, indipendentemente dai risultati dei play off per i quali la squadra è fortemente fiduciosa, il gruppo dirigente è già al lavoro per migliorare la formazione in vista del prossimo campionato.

Seclì – Prosegue l’impegno della compagnia teatrale secliota “Li Sichiliati …e non solo”, diretta dalla sua nascita nel 2010 da Salvatore Cardinale, che oltre che presidente del gruppo è anche il creatore della stragrande maggioranza degli spettacoli messi finora in scena. È sempre lui ideatore e regista di “10, 100, 1000 …scarpette rosse”, lo spettacolo che andrà in scena domenica 18 marzo alle ore 19 al Palazzo Ducale. La storia percorre le vicende umane di alcune donne vittime di umiliazioni, abusi e violenze, puntando il dito anche sul triste fenomeno del femminicidio. Il messaggio che si intende trasmettere è quello del rispetto, “sempre ed in ogni caso”, della persona, inviolabile nei suoi diritti e nel suo corpo. Il tema è brillantemente trattato con monologhi, dialoghi, poesie e scritti personali recitati da Salvatore Cardinale, Giacomo Serra, Patrizia Casarano, Celestino Miglietta, Patrizia Donadei, Luigina Negro, coadiuvati da Katiuscia Casarano ed Elizabeth Santos. Alla chitarra c’è il maestro Mattia Carluccio, autore di numerosi arrangiamenti. I canti sono interpretati da Andrea Greco.  Lo spettacolo nasce dalla collaborazione degli “Sichiliati” con il Comune di Seclì e con il Centro antiviolenza “Il Melograno”, che opera nell’Ambito territoriale sociale di Nardò presso il Palazzo Ducale, dove c’è anche la sede della compagnia teatrale.

Seclì – Con una cerimonia a Palazzo Ducale, alla presenza del vescovo Fernando Filograna, giovedì 15 marzo Seclì ha ricordato i 400 anni dalla nascita di suor Chiara (al secolo Isabella) D’Amato, di certo uno dei personaggi più importanti della storia del paese. L’antica chiesa parrocchiale è stata eccezionalmente riaperta al pubblico per permettere la celebrazione liturgica del “rinnovo delle promesse battesimali”, proprio là dove il 15 marzo del 1618 Isabella D’Amato fu battezzata. Un evento significativo dell’adolescenza della mistica fu l’apparizione della Madonna, vestita di bianco e circondata di angeli, nella cappella del suo palazzo. Un miracolo al quale tutti i cittadini di Seclì hanno nei secoli sempre fortemente creduto con immensa fede. A fare gli onori di casa, in occasione di questo importante anniversario, il sindaco Antonio Casarano, l’assessore alla Cultura Concettina Bongiorno ed il parroco don Antonio Bruno. Alla tavola rotonda ha preso parte anche padre Michele Carriero. Il giorno prima, presso il monastero di Nardò, c’è stata la messa e a seguire l’esposizione dei reperti appartenuti alla suora.

La storia La mistica morì in odore di santità nel 1693: il processo di beatificazione si aprì in tempi rapidissimi ma non giunse a conclusione perché, secondo le testimonianze dell’epoca, il sarcofago che avrebbe dovuto conservare le sue spoglie risultò vuoto ed il suo corpo non venne mai ritrovato. . Fu certamente donna concreta, messaggera di pace, animatrice della riforma della vita del monastero delle Clarisse di Nardò, dove era entrata nel 1638. La “grande mistica del mezzogiorno” era figlia dei castellani di Seclì, il barone Francesco D’Amato e la nobildonna Caterina D’Acugna.  Nacque il 14 marzo del 1618 nel palazzo di famiglia ed il giorno successivo fu battezzata nell’antica chiesa del paese, dedicata a Santa Maria delle Grazie, situata sull’asse principale che dal castello conduce a quello che un tempo era il convento dei frati minori (oggi chiesa-santuario dedicata a sant’Antonio).

Aradeo – Omaggio al grande “Mimmo nazionale” nella programmazione della stagione teatrale del teatro comunale “Domenico Modugno” di Aradeo. Sabato 10 marzo, con sipario alle ore 21, va in scena “Io provo a volare”, dedicato proprio a Domenico Modugno. Il recital viene proposto dalla compagnia Berardi Casolare, con il sostegno di Festival Internazionale Castel dei Mondi, di e con Gianfranco Berardi (foto), attore-cantante non vedente. Vi partecipano Davide Berardi (voce solista e chitarra) e Bruno Galeone (fisarmonica). La regia e le luci sono di Gabriella Casolari, i costumi di Pasqualina Ignomeriello. La storia vede lo spirito di un custode di un teatrino di provincia che, come una sorta di capocomico, ritorna ogni notte in scena con i suoi musicisti, nel teatro in cui mosse i primi passi. Le vicende raccontate sono uno spunto per ricordare la vita del grande cantante pugliese, partendo dalle alterne fortune degli inizi della sua carriera artistica. Lo spettacolo è anche l’occasione per rendere omaggio agli sforzi che compiono tanti lavoratori, in particolare dello spettacolo, per coronare i propri sogni. Il recital ha ricevuto il Premio del Pubblico ed il Premio Speciale della giuria per “l’emozione estetica pura e gioiosa che ha reso il pubblico allegro” nel JoakimInterFest di Kragujevac in Serbia. Gli è stato inoltre assegnato a Napoli il Premio Antonio Landieri come miglior spettacolo del 2011.

Aradeo – La Nuova Pro Loco ha celebrato lo scorso 26 febbraio l’assemblea annuale dei soci approvando, all’unanimità, sia il bilancio 2017 (chiuso con un attivo di 5mila euro) che l’operato dell’intero direttivo nella gestione dei primi mesi di vita dell’associazione. Significativi gli impegni assunti finora, che vanno dal coinvolgimento dei neo-diciottenni del paese, iscritti gratuitamente in occasione della loro prima festa annuale istituita dall’Amministrazione comunale lo scorso 6 agosto, alla piena disponibilità ad essere di sostegno, di aiuto e di coordinamento alle iniziative del territorio.

La presidente Florinda Giuri – «È nostra intenzione essere presenti senza mai oscurare le manifestazioni promosse dalle diverse associazioni che operano sul territorio», ribadisce la presidente Florinda Giuri. «La Pro Loco – prosegue la presidente – deve entrare nella mentalità di tutti i cittadini semplicemente come una risorsa in più da utilizzare per lo sviluppo del paese, puntando in tutte le occasioni semplicemente a valorizzare la sua storia, i suoi monumenti, le sue feste, sagre, iniziative culturali e sportive».

Le iniziative – Con questo spirito, l’assemblea ha accolto favorevolmente la proposta del direttivo di acquistare a breve un palco che potrà essere utilizzato per tutte le manifestazioni del paese, senza bisogno di ricorrere, come si fa ora, all’esterno. Riuscitissima, a fine anno, la lotteria “Il tuo regalo di Natale”, che ha coinvolto 46 attività e tre sponsor, con vincitori che hanno vinto complessivamente 2.000 euro in buoni spesa. Nei giorni scorsi, in occasione della 30^ edizione del Carnevale Aradeino, oltre ai ricchi premi assegnati ai partecipanti da parte del Gruppo Carnevalesco, c’è stato anche il premio Pro Loco di 300 euro assegnato ad uno dei gruppi mascherati. Fra i prossimi appuntamenti da segnalare, il prossimo 22 aprile, la presenza in piazza San Nicola dell’associazione in rappresentanza dell’Unicef, in occasione della manifestazione “L’Orchidea dell’Unicef per i bambini”. Obiettivo: raccogliere fondi per interventi salvavita dei più piccoli.

Aradeo – Un successo a tutto tondo per la 30^ edizione del Carnevale Aradeino che domenica 18 febbraio ha salutato il 2018 con la seconda sfilata. Fugate le preoccupazioni per la pioggia (che già aveva costretto gli organizzatori a rinviare la data del 13), la giornata di festa è durata fino a tarda sera, animata lungo il percorso da Maria Neve Arcuti, Mariasole Giuri e Andrea Seterino, speakers/animatori di RNS 93.4, l’emittente radiofonica che segue la sfilata fin dalle origini. Curatissimi e affollatissimi i gruppi mascherati ed i grandi carri allegorici in cartapesta. Coinvolte le quarte classi della scuola primaria che hanno anche vinto il primo premio nella loro categoria con un lavoro sui 70 anni della Costituzione italiana. In piazza la grande festa, animata dall’ormai storico presentatore Michele Bovino e da Cesko degli Après la Classe. Quello del 2018 verrà ricordato come il carnevale dei grandi numeri con diverse migliaia di spettatori,  molti venuti dai paesi vicini. «È stata una scommessa vinta dopo il fermo di due anni della manifestazione, quando sembrava difficile ricominciare», afferma soddisfatto Damiano Mascello, il presidente del Gruppo carnevalesco. Entusiasmo anche nelle parole del sindaco Luigi Arcuti (con un passato di 11 anni da presidente del Gruppo Carnevalesco): «La festa segna il ritorno del Carnevale aradeino nel panorama delle importanti manifestazioni artistico-culturali del Salento, un evento che dà grandi possibilità di rilancio dell’intera comunità». A conferma di ciò la notizia che il Carnevale Aradeino ha vinto, insieme ad un ristretto numero di altri Comuni, un bando regionale che permette di finanziare la manifestazione per i prossimi tre anni. Quest’anno una mano importante, oltre che dagli sponsor, è stata data da Antonello Minerba che ha concesso gratuitamente alcuni suoi capannoni per costruire e conservare i carri allegorici. Molte le iniziative in cantiere del Gruppo carnevalesco: avviare corsi per la lavorazione della cartapesta, organizzare una sfilata in piena stagione estiva, promuovere un evento natalizio, puntare ad un evento ancora migliore per l’anno prossimo. Intanto gli organizzatori fanno sapere di aver assegnato il premio Solidarietà, frutto della generosità dei cittadini di Aradeo e dei gruppi partecipanti, all’associazione “Per un sorriso in più”.

Aradeo – Il Carnevale di Aradeo si conferma uno degli appuntamenti più importanti dell’intera provincia. Dopo il grande successo di domenica scorsa, che ha fatto registrare la presenza di diverse migliaia di spettatori, i carri ed i gruppi mascherati della 30^ edizione del Carnevale aradeino torneranno in strada nel primo pomeriggio di domenica 18 febbraio lungo lo storico percorso che va da viale della Libertà fino a piazza San Nicola. C’è grande attesa per questa seconda sfilata, inizialmente prevista per martedì 13 e poi rinviata a causa del maltempo, perché gli organizzatori del Gruppo Carnevalesco “Oscar Tramacere”, con in testa il loro presidente Damiano Mascello, sono riusciti a coinvolgere non solo tantissimi cittadini (grandi e piccoli) del luogo, ma anche numerosi gruppi provenienti da Neviano, Maglie, Seclì e Sogliano. In testa ci saranno sempre i musicisti della Banda Città di Aradeo, anche se non in divisa ufficiale perché successivamente impegnati in vari gruppi mascherati. Allestiti due palchi lungo il percorso, entrambi con spazi destinati alle performance musicali e scenografiche. Sul palco centrale, in piazza, i due presentatori, Michele Bovino e Cesko degli Après la Classe. Radio ufficiale dell’evento è RNS 93.4. Da sottolineare la presenza tra i gruppi mascherati di due associazioni di diversamente abili, “Santa Laura” di Seclì e “Abilmente insieme” di Noha. Domenica si conosceranno i vincitori delle sette categorie stabilite dagli organizzatori: gruppi mascherati, gruppi mascherati con lavori in cartapesta, carri (di 1^ e di 2^ categoria), gruppi mascherati abbinati ai carri, premio simpatia e premio solidarietà.  Prima della premiazione finale verrà estratto il vincitore della “Lotteria dello Sciacuddhruzzi”, che prende il nome dal folletto simbolo del carnevale aradeino. Al servizio d’ordine collaborano 185 volontari di Protezione civile, Misericordia, Pro Loco e “Appassionati dell’ultima ora”. Questa edizione riporta il carnevale aradeino allo splendore degli anni passati, dando lustro, dopo due anni di fermo, ad una manifestazione che è ormai entrata a fra parte delle tradizioni culturali salentine e questo grazie ad un gruppo di infaticabili che oltre all’entusiasmo, hanno dimostrato di possedere consolidate competenze nella lavorazione della cartapesta e nella costruzione dei carri meccanici.

Aradeo – Torna la pioggia e il canale dell’Asso torna a far parlare di se. Nel pomeriggio di giovedì 15 febbraio il fiume d’acqua che ha cancellato la strada ha ingoiato una Fiat Punto con a bordo due signore di Galatina che se la sono vista davvero brutta. La loro disavventura è finita bene ma la paura è stata davvero tanta. Pensando di evitare gli allagamenti della strada provinciale 50 che da Noha porta ad Aradeo (chiusa al traffico fin dalle prime ore del mattino per lo straripamento del Canale dell’Asso), le due si sono dirette ad Aradeo utilizzando strade secondarie che attraversano campagne prossime allo spartifeudo tra i due paesi. Ma anche qui hanno trovato campagne e strade attraversate dall’Asso completamente allagate. In zona Roncella le due donne hanno perso il controllo della vettura sulla quale viaggiavano, ben presto trasportata dalla corrente fino ai bordi del canale. La situazione è divenuta ben presto molto critica, con l’acqua sin quasi all’altezza dei finestrini, ma le due non si sono perse d’animo e sono riuscite a trovare riparo dapprima sul tetto dell’auto e poi, a fatica, sulla terra ferma in attesa dei soccorsi. Allertati carabinieri e vigili urbani di Aradeo, è stata chiamata ad intervenire anche la Protezione civile di Aradeo. I volontari Francesco Mighali, Alessandro Mighali e Chevin Pallara, con il supporto dei vigili urbani e della Protezione civile di Galatina, indossando le tute di soccorso fluviale sono riusciti innanzitutto a mettere in sicurezza le due donne recuperando dall’auto quel che si poteva, documenti e beni personali. La stessa autovettura è stata poi trainata fuori dall’acqutrino venutosi a creare sulla strada soltanto con l’aiuto di un trattore.

La nota di protesta inviata a Regione, Provincia e Consorzi di bonifica – Purtroppo non è una novità lo straripamento dell’Asso. Succede ogni volta che piove con maggiore intensità, come nei giorni scorsi. La situazione è stata denunciata con un esposto denuncia che i responsabili del Partito democratico di Aradeo, Noha e Cutrofiano ed il responsabile “ambiente” del Pd provinciale, Andrea Russo, hanno inviato ai presidenti di Provincia e Regione, al consigliere regionale Sergio Blasi ed ai Consorsi di Bonifica dell’Arneo e Ugento Li Foggi denunciando la periodica emergenza ambientale “con disagi nella viabilità, danni strutturali, distruzione delle produzioni agricole e serio rischio per la sicurezza e incolumità delle persone”.

Aradeo – Nasce da una grande voglia di fare e da un sentito spirito di collaborazione fra le associazioni di volontariato del paese l’edizione numero 30 del Carnevale aradeino, promossa dal Gruppo Carnevalesco “Oscar Tramacere”, da novembre con un nuovo direttivo guidato da Damiano Mascello. La grande sfilata è programmata per domenica 11 e martedì 13 febbraio e si registrano già molte adesioni di carri e gruppi mascherati provenienti anche dai paesi vicini. Ad Aradeo grandi e piccoli, dai 10 ai 50 anni si incontrano ogni sera in un capannone della zona artigianale, sulla circonvallazione del paese, per la preparazione di tre grandi carri di cartapesta con movimentazione meccanica. L’intero programma della manifestazione verrà presentato domenica 21 gennaio al Teatro Comunale “Modugno”. Nell’occasione verranno anche assegnati i premi del concorso “Rimaschera il Carnevale – Crea e portaci la tua maschera riciclata”, destinato a ragazzi dai 5 agli 11 anni. Saranno premiate le tre maschere più belle realizzate con materiali di riciclo.

Alla base della nuova edizione del carnevale, che riprende dopo l’interruzione di due anni nei quali la tradizione è stata mantenuta viva da gruppi mascherati della Parrocchia di San Rocco, c’è tanta voglia di divertirsi e di sorridere insieme. Non a caso l’hashtag (#) di richiamo che il gruppo si è scelto è “Sorriso sociale”. Per la buona riuscita della manifestazione c’è l’impegno dell’intero paese.  Due trattorie del luogo, “Lu Bambu” e “Cotto e mangiato”, insieme a molte famiglie, assicurano ogni sera ai volontari del cantiere carnevalesco pizzette e pietanze di vario genere.  Il Comune ha concesso patrocinio e piena collaborazione. D’altra parte non poteva essere diversamente, ricordando che l’attuale sindaco Luigi Arcuti è stato in passato per più di dieci anni presidente del Gruppo Carnevalesco. Grande disponibilità anche da aziende ed attività artigianali e commerciali nello stanziare risorse economiche indispensabili per la buona riuscita della manifestazione. Insomma tutte le premesse perché sia una festa all’altezza delle migliori edizioni del passato.

by -
0 500

Aradeo – Consegnati al dottor Giuseppe Serravezza, responsabile scientifico della Lega italiana per la Lotta contro i tumori di Lecce i fondi raccolti nella serata di solidarietà promossa lo scorso 21 dicembre al teatro “Modugno” di Aradeo da due delle associazioni più antiche del paese: la Società di Mutuo Soccorso tra lavoratori “Iolanda”, presieduta da Silvano Chezzi e l’associazione “Combattenti e Reduci”, guidata da Giuseppe Mangia. In quell’occasione cittadini e soci parteciparono ad uno spettacolo del comico Ciakky e del suo gruppo. La cerimonia per la consegna dei fondi si è svolta nella sede della Lilt di Aradeo in via Dante, che da tempo (diretta da Marisa Spagna) è impegnata sul territorio per favorire attività di prevenzione in questo delicato settore della salute dei cittadini.  Nel suo intervento, il medico di Casarano ha sottolineato “l’enorme importanza della collaborazione fra Lilt e associazioni operanti sul territorio per cambiare la società dal basso, perché il rapporto diretto con i singoli cittadini dà la possibilità di promuovere una corretta informazione e permette di realizzare concreti servizi alla persona”. Da parte loro, sia Chezzi che Mangia hanno sottolineato il lavoro, a volte oscuro, svolto a favore dei cittadini da parte delle due associazioni da loro presiedute.

Aradeo – “Il teatro è casa mia” è lo slogan che accompagna, ad Aradeo, la 12^ rassegna teatrale al “Modugno”. Mercoledì 17 gennaio, sipario alle ore 21, il primo appuntamento della stagione con lo spettacolo “Un borghese piccolo piccolo” che vede sul palco Massimo Dapporto, Susanna Marcomeni, Roberto D’Alessandro, Matteo Francomano e Federico Rubino, con la regia di Fabrizio Coniglio, musiche originali di Nicola Piovani. La storia è tratta dall’omonimo romanzo di Vincenzo Cerami, che aveva già ispirato il capolavoro cinematografico di Monicelli nella pellicola che ha avuto come protagonista il grande Alberto Sordi. La rassegna 2018, ormai tra le poche in provincia di Lecce affiliate al Consorzio del Teatro Pubblico Pugliese (al momento con Lecce, Melendugno, Nardò e Taviano), prevede dieci appuntamenti (il prossimo venerdì 26 gennaio con “Il Sindaco pescatore” che vedrà sulla scena Ettore Bassi), con l’escursione musical-letteraria del 17 febbraio quando protagonista sarà il salentino Nandu Popu con il suo “Salento fuoco e fumo”. Per l’intera rassegna l’abbonamento costa 90 euro nel secondo settore e 110 euro nel primo con pacchetti agevolati per tre spettacoli con lo sconto complessivo di sei euro.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...