Home Authors Posts by Rita de Bernart

Rita de Bernart

247 POSTS 0 COMMENTS

GALLIPOLI. Inizio d’anno all’insegna dell’accoglienza (per le prime classi) e soliti problemi logistici per le scuole di Gallipoli. Proprio  a causa della mancanza di aule, e dopo aver sacrificato un paio di sale e laboratori,  al liceo Quinto Ennio la scorsa primavera sono state regolamentate le iscrizioni attraverso una delibera di Consiglio d’Istituto che limita il numero dei nuovi iscritti entro criteri stabiliti. Il nodo quest’anno però resta la palestra del plesso di corso Roma resa inagibile dal crollo del solaio dello scorso inverno. In attesa che la Provincia risolva i problema i ragazzi si adattano svolgendo le attività motorie nel cortile e in taluni casi in alcuni ambienti chiusi. Noti i problemi dell’Istituto Vespucci in attesa dello sbocco dei fondi per la ristrutturazione della storica sede di via Gramsci. Ma non solo, al momento ci si confronta con la necessità di ricavare una nuova aula poiché sia  la sede centrale che quella di via Pedone risultano al completo; la soluzione è stata individuata nel centro risorse di Via Pagliano, alle spalle del vecchio Nautico, ma occorre effettuare dei lavori.  La Provincia ha autorizzato l’Istituto che ha chiesto a sua volta il sostegno del Comune.  Mediamente soddisfatta delle iscrizioni la dirigente Paola Apollonio che afferma: «Bene la conferma delle tre classi di Nautico si è invece formata una sola classe di turistico. Spiace constatare che proprio a Gallipoli e in un territorio così votato al turismo non ci sia consapevolezza dell’importanza di questo indirizzo».

GALLIPOLI. Vento in poppa e avvio di stagione alla grande.  Si è svolta domenica scorsa la decima edizione della Rotary Cup Governor, regata di beneficenza organizzata dal Circolo della Vela Gallipoli, presieduto da Bartolo Ravenna,  in collaborazione con il Rotay Club di Gallipoli e  l’istituto “Amerigo Vespucci” di Gallipoli.  A causa del forte vento da sud est con raffiche oltre i 25 nodi, la competizione si è svolta nello specchio d’acqua a nord e si è sviluppata su un percorso costiero di circa 7 miglia. Per la categoria Orc vittoria in tempo compensato di “Doctor J” un J24 del dottor Sandro Negro che ha vinto anche il trofeo Challenger, seguita da “Spirit of red mullet” dell’armatore Massimilano Rella e “Vento dell’este” di Marco Laporta. Nella classe metrica per la categoria 1 vittoria dell’imbarcazione “Sailorfly” di Vito Ria mentre nella categoria 2  primo posto per il catamarano “Bellamente” dell’armatore Massimiliano Pezzuto. Alla premiazione hanno partecipato anche il Governatore del Distretto Rotary 2120 Giovanni Lanzillotti  e il Vicepresidente dell’VIII zona F.I.V. Alessandro Cortese (presidente del Comitato di Regata) . Le  quote di iscrizione sono state devolute in favore dell’Associazione Cuore e Mani Aperte verso chi soffre – Onlus, che garantisce, sotto la direzione di Don Gianni Mattia, Cappellano dell’Ospedale Vito Fazzi di Lecce, l’uso della “Bimbulanza” e l’intervento di operatori volontari di “Clown Terapia” negli Ospedali del territorio.

 

GALLIPOLI. Arriva settembre e ritorna come ogni anno la stagione agonistica di vela a Gallipoli. In attesa del Campionato invernale d’altura che avrà inizio il primo ottobre, si parte domenica 10 settembre con la decima edizione del Rotary Cup Governor Trofeo Challenge, regata di beneficenza organizzata dal Circolo della Vela di Gallipoli e dalla sezione vela dell’ITN “A. Vespucci” Gallipoli con la preziosa collaborazione del Rotary Club Gallipoli e con la F.I.V. (Federazione Italiana Vela) , che vedrà la presenza del Governatore del Distretto 2120 Giovanni Lanzilotti. Le quote d’ iscrizione quest’anno saranno devolute in favore dell’Associazione Cuore e Mani Aperte verso chi soffre – Onlus che garantisce l’uso della “Bimbulanza” e l’intervento di operatori volontari di “Clown Terapia” negli Ospedali del territorio. La regata, prenderà il via domenica mattina alle ore 11 nello specchio acqueo a nord della città; la flotta dei partecipanti gareggerà per aggiudicarsi i due trofei messi in palio dal Comitato Organizzatore: Trofeo “Challenge Rotary Cup Governor” al primo in assoluto in tempo corretto per la categoria ORC e Trofeo “Isola di S.Andrea” al primo assoluto in tempo reale. Come ormai consuetudine, grazie anche al contributo di aziende locali, durante la premiazione che si terrà nel primo pomeriggio presso la sede del Circolo Vela Gallipoli oltre ai trofei previsti dal bando saranno assegnati ad estrazione diversi premi messi a disposizione dagli sponsor.

by -
0 2160

Il sindaco Stefano Minerva

Gallipoli – “Tenera è la notte”, Gallipoli prova a ridisegnare il concetto della movida notturna attraverso un modello di turismo sostenibile sempre di notte. Il Comune ha di recente presentato alla Regione un progetto, per un ammontare complessivo di 453mila euro,  per accedere al Fondo di sviluppo e coesione 2014/2020 denominato “Patto per la Puglia”. L’iniziativa rappresenta l’evoluzione delle tesi elaborate in occasione del convegno omonimo di Lecce nel novembre del 2015 per iniziativa del Prefetto di Lecce e con il patrocinio, fra gli altri,  della Presidenza del Consiglio dei ministri. L’idea è stata poi sviluppata insieme alle Amministrazioni della Riviera romagnola con le quali lo scorso ottobre si è aperto un dialogo con una serie di incontri, promossi dall’onorevole Sergio Pizzolante,  fra i Sindaci di Gallipoli, Rimini e Riccione e gli operatori turistici  per costruire un pensiero comune. Anche in questo caso il progetto è curato dalla Scuola superiore del Loisir;  si estende in un triennio ed ha lo scopo di sviluppare gli aspetti più strettamente culturali della notte, tenendo assieme tradizione e contemporaneità. Quattro gli assi principali intorno a cui ruota: l’individuazione, la diffusione e la strutturazione di buone pratiche dell’economia della notte; l’incubazione di progetti rivolti ad un pubblico vasto ; l’affermazione delle culture e dei saperi della notte come espressioni di rilievo e caratterizzanti di una destinazione; lo sviluppo delle competenze e delle qualità professionali degli addetti ai lavori del mondo dell’economia della notte.

GALLIPOLI. Sul gradino più alto del podio della Palermo-Montecarlo e del Campionato Italiano Off-Shore 2017 i colori gallipolini. A vincere in tempo compensato la regata internazionale di vela offshore che percorre il Tirreno è stato l’Ottavo peccato (circolo canottieri Barion di Bari) del giovane armatore Francesco De Nicolò. Un successo conquistato nella categoria Orc (Offshore Rating Council), che ha permesso all’M37 di vincere anche il trofeo Angelo Randazzo. Nell’equipaggio, nel ruolo di tailer, il gallipolino Alessandro Cortese, vicepresidente VIII zona FIV – Federazione Italiana Vela e portacolori dell’istituto tecnico nautico “A. Vespucci” di Gallipoli. “È stata una regata complessa – commenta- dal punto di vista mentale e meteorologico, abbiamo avuti momenti di bel vento e momenti di zero vento. Sono state fatte delle ottime scelte tattiche, siamo stati sempre veloci nelle ariette. Il team era composto da un gruppo di giovani professionisti che ha dimostrato di essere molto affiatato e in grado di fare le giuste scelte”.

Agguerrita la concorrenza lungo il percorso di quasi 500 miglia, con metà della flotta iscritta alla tredicesima edizione di provenienza internazionale, erano 44 le imbarcazioni sulla linea di partenza di cui 24 in rappresentanza dell’Italia e 20 provenienti da altri 8 Paesi: USA, Monaco, Germania, Polonia, Gran Bretagna, Francia, Russia, Ungheria. Vincitore assoluto in tempo reale è stata la statunitense Lucky, un Reichel-Pugh di 19 metri dell’armatore Bryon Ehrhat in gara per il New York Yacht Club. All’Imoca 60 di Pierre Casiraghi, seconda in tempo reale, già vincitore di due edizioni della regata, difensore dei colori dello Yacht Club de Monaco, solo il primato del passaggio davanti a Ustica. La Palermo-Montecarlo contribuisce ad assegnare vari trofei internazionali tra cui appunto l’Off shore appena concluso che vede l’imbarcazione barese con il velista nostrano al primo posto assoluto.

GALLIPOLI. “Niente di nuovo sul fronte occidentale”. Il titolo del libro di Remarque potrebbe ben riassumere i fatti emersi in questi giorni riguardo gli accampamenti a Baia Verde. Decine di extracomunitari, in parte ghanesi, gambiani e nigeriani, vivono accampati nella pinetina al di là della carreggiata che costeggia le spiagge. La situazione, a Gallipoli, è nota da tempo, visto che da ormai da qualche anno questi giovani stazionano in zona per tutta l’estate; di giorno si assiepano sotto gli arbusti a ridosso delle dune, in piccoli gruppetti, vendono di tutto, dai palloni agli occhiali da sole. Trascorrono la giornata così in attesa, ma non di semplici clienti. Al tramonto li si vede tornare con qualche busta della spesa, acqua, pane e poco altro. Dalle 22 in poi li ritrovi ancora accostati alle staccionate fino a notte fonda e alle prime ore del mattino sono già a presidiare la zona. Facile dunque immaginare che abbiano casa di li a pochi passi e che il commercio e l’attività principale non sia quella apparente. Le aree prese di mira sono diverse tutte nei pressi della litoranea, dai primi lidi in avanti. Alle spalle della strada infatti vi sono dei terreni demaniali e in alcuni casi privati, totalmente privi di recinzione, dove non è necessario neppure aprirsi un varco per entrare. Terra di nessuno che con facilità viene utilizzata per il campeggio e l’accampamento abusivo.

Proprio all’inizio dell’estate, su segnalazione, era stato effettuato uno sgombero in queste zone. E già l’associazione  “Pro Baia Verde”, in una lettera al Sindaco del 15 novembre scorso, segnalava  la preoccupazione per quanto accade a Baia Verde e la necessità di intervenire per “bonificare e illuminare una parte di pineta -macchia mediterranea diventata da tempo insediamento fisso di ospiti illegali”. Oggi la questione è tornata all’attenzione, evidenziata in particolare dall’associazione Cna Balneari, in virtù di una escalation di furti in spiaggia verificatisi nel corso dell’estate e di diverse lamentele e segnalazioni da parte dei turisti.

«Il problema – dice Luigi Corciulo del lido Sottovento- è che ora sono davvero tanti. I turisti sono continuamente disturbati da qualcuno che cerca di vendergli qualcosa. E nella confusione passando attraverso i lettini e gli ombrelloni è facile sottrarre qualcosa. Bisogna dire però che ci sono casi e casi. Alcuni gruppi di questi ragazzi sono persone tranquille, i senegalesi ad esempio. Altri invece sono aggressivi e violenti». E i più pericolosi, a detta di molti, sono proprio quanti stazionano lungo le dune. Alcuni descrivono anche una situazione di “lotta per la clientela” fra le diverse frange; proprio qualche giorno fa una rissa, con tentativo di furto, nei pressi di un altro lido tra due gruppi di extracomunitari ha portato all’arresto di due di loro e alla richiesta del 118 per le ferite per gli altri.

GALLIPOLI. Le lezioni iniziano con qualche giorno d’anticipo, rispetto al calendario regionale, per le scuole gallipoline. Il  Polo 3 (di via Gorizia) e il liceo “Q. Ennio” si riservano quattro giorni e partono già lunedì 11 settembre; il Comprensivo secondo borgo e l’istituto d’istruzione secondaria Vespucci danno il via alle lezioni da martedì 12. Chiusura il 12 giugno per tutti tranne che per il “Vespucci” che chiuderà il 9. Fatte salve le festività nazionali da calendario,  le vacanze natalizie e pasquali regolate dalla Regione e il 20 gennaio Solennità del Santo Patrono San Sebastiano le scuole recupereranno i giorni d’anticipo in altre occasioni a discrezione dei Consigli d’Istituto. Niente scuola per tutti il 12 e 13 febbraio in concomitanza con gli ultimi giorni di carnevale e il martedì grasso e il 23 marzo in occasione della festività della Madonna Addolorata; il Vespucci allunga la pausa di carnevale fino al mercoledì delle ceneri. Polo 3 e Liceo Q. Ennio chiudono anche il 7 in occasione dell’Immacolata.

Novità al Polo 2 di piazza Carducci che dal primo settembre cambia dirigente. Conclude l’esperienza, dopo cinque anni, Antonio Maglio (destinato al Liceo di Copertino) e arriva Lucilla Vaglio (foto) di Nardò, che proviene dal comprensivo di San Pancrazio Salentino. «Sono molto contenta per l’avvicinamento a casa – commenta la nuova dirigente –  ma soprattutto perché da sempre considero Gallipoli una cittadina brillante, aperta verso il territorio e i turisti, che offre grandi opportunità. Spero che la scuola possa continuare a crescere come ha fatto in questi anni. Mi auguro di instaurare da subito un rapporto collaborativo con tutto il personale docente e non. Uno dei primi obiettivi che mi prefisso, oltre l’attenzione per l’offerta formativa, è quello di incrementare il coinvolgimento di tutta la comunità scolastica, poiché ognuno, nel suo ruolo e compito, ha delle esperienze da portare e mettere in campo».

Paola Apollonio

GALLIPOLI. Agosto col botto per l’Istituto nautico “A. Vespucci” di Gallipoli che si aggiudica il progetto nazionale Qu@lità 4.0, bandito dal Ministero dell’Istruzione, finalizzato ad implementare la “Qualità della formazione marittima” e guiderà i nautici d’Italia. Il nome sta ad indicare che si è al 4° macrointervento posto in essere dal Miur  la cui finalità generale è quella di migliorare l’analisi e la tenuta sotto controllo dei processi e dei risultati della formazione in ambito marittimo e sostenere l’ innovazione del sistema nazionale di istruzione. Il Progetto nazionale Qfm si inserisce nell’ambito delle attività promosse a sostegno dei processi di innovazione del sistema nazionale di istruzione, in particolare per la filiera della formazione marittima per i cui percorsi è richiesta la conformità con gli standard internazionali e comunitari.

L’istituto gallipolino è capofila di un raggruppamento composto dai nautici  “M. Ciliberto – A. Lucifero” di Crotone; “Gioeni-Trabia” di Palermo;  “Duca degli Abruzzi” di Napoli;  il  “Volterra Elia” di Ancona e il “Tomaso di Savoia Duca di Genova” di Trieste. “Ogni anno – commenta la dirigente Paola Apollonio – il MIinistero mette a bando una somma destinata al mantenimento e miglioramento del sistema gestione quantità per la formazione marittima. Di fatto tutti i nautici erogano un servizio formativo conforme agli standard previsti dalla comunità europea. Le scuole si possono mettere in rete e proporre il loro progetto con relativa offerta tecnica economica. Per il prossimo anno saremo noi capofila a gestire insieme al Miur questo progetto. La nostra offerta ha vinto e ci siamo aggiudicato l’appalto per la gestione del sistema qualità per tutti i nautici d’Italia”.

 

GALLIPOLI. Disordinato e contraddittorio il Ferragosto trascorso ieri a Gallipoli. Atti vandalici, di nuovo un’ambulanza bloccata lungo la litoranea, divieti di sosta e passi carrabili non rispettati, scene di maleducazione. Tutto già visto negli scorsi anni, si dirà. Ma a questo si è contrapposto un dato per nulla confortante: il calo registrato in questi 15 giorni di agosto da molte strutture ricettive rivolte ad un target medio alto di clientela. La domanda è calata e non di poco: dal 10 al 15%, fra tutti il dato dei campeggi sembra essere quello più eloquente, in quanto strutture di grande capienza e che già l’anno scorso avevano tirato la linea del totale a mento 20%. “Anche noi – commenta Michele Minerva del “Camping la Vecchia Torre” – registriamo una forte flessione in questi primi 15 giorni di agosto”.  Il confronto che fanno gli operatori è con i numeri degli ultimi tre anni; quindi vi è una tendenza in atto, su cui riflettere.

“La gente c’è – dicono ad un noleggio di biciclette e motocicli (preferiscono rimanere nell’anonimato) –  ma è sicuramente meno rispetto allo scorso anno; inoltre questo tipo di attività in questi anni si sono moltiplicate e quindi con questo calo si fatica a risultare competitivi e in attivo”. Tutti d’accordo anche sul successo di un giugno sopra la media e il flop di queste settimane in cui erano concentrate le speranze di molti. Ota si guarda al prossimo sabato come ad un punto di svolta per risalire, passato il picco del turismo giovanile e fidando su alcuni ospiti che avevano prenotato – si parla di alberghi – per agosto ed hanno poi preferito spostare il soggiorno o a giugno o a settembre. “E’ in atto una sorta di parabola – continuano – che, a dispetto dell’apparenza, mostra ora una Gallipoli che rientra in uno standard più ragionevole”.

In effetti nei giorni precedenti il 14 la litoranea sud nell’orario di punta risultava scorrevole e il centro storico in notturna chiudeva per buona parte i battenti già intorno alle 2 di notte. La baraonda si è consumata tra il 14 e il 15 anche a causa del concentrarsi di tanti eventi di richiamo nei locali di intrattenimento e nelle spiagge. In zona Lido San Giovanni, dove vige un’ordinanza di divieto di vendita di alcolici dalle 15 del pomeriggio in occasione dei concerti, era in realtà facile reperire bevande alcoliche così come altre sostanze illecite, sia in pieno giorno che di notte. “Ho visto con i miei occhi gli spacciatori all’uscita di un grosso concerto – racconta una lettrice di “Piazzasalento” con le buste di cellophane in mano piene di dosi di diverse droghe”. C’è chi ci fa notare che in qualche locale le capienze massime sarebbero state superate abbondantemente.

Lidi pieni e corsa al lettino lo scenario di giorno; da Lido San Giovanni al canale dei Samari strada intasata di pedoni, ciclisti, auto: un’autoambulanza a sirene spiegate è rimasta di fatto bloccata, Nella notte di ferragosto è stata divelta completamente la staccionata in legno in prossimità del primo lido attrezzato ed ora la situazione si presenta con qualche rischio per i passanti. Disagi e proteste oltre l’ordinario infine a Baia Verde dove “mai come quest’anno – dicono residenti e villeggianti – in tanti se ne sono fregati della zona a traffico limitato”. Lo rileva anche l’associazione lamenta il non rispetto della ztl e gli scarsi controlli per tenere a freno, di giorno e di notte, eccessi, rumori, vandali e spacciatori. “Mai vista una cosa simile – scrivono alcuni interessati sconvolti –  così derisi e irrisi, con auto parcheggiate anche davanti ai dissuasori con passo carrabile, permessi profumatamente pagati al Comune”.

GALLIPOLI. “A Gallipoli adesso c’è troppo caos, meglio andare altrove”. Pare essere questa la considerazione principale, a detta di numerosi operatori turistici, che orienta la scelta dei vacanzieri verso altre mete salentine, in questo particolare periodo “dedicato” all’esercito di adolescenti, o poco più, che già da questo sabato ha invaso la città, mentre calano in quasi tutte le strutture ricettive le presenze nella prima settimana da agosto. Dai campeggi ai B&b, dagli alberghi alle case vacanza, la valutazione in negativo è unanime. La conferma da un altro dato: alcuni grandi tour-operator propongono offerte proprio per questi primi giorni di agosto.

Uno dei motivi considerati fisiologici secondo gli operatori è il fatto che chi le ferie in questo mese, preferisce la seconda settimana. “Certamente – chiosa Mario Emanuele Barba- presidente dell’associazione Bbed and breakfast- tutto questo gran parlare di caos, sporcizia, prezzi elevati ed altro ci sta penalizzando. Così come le difficoltà organizzative relative ai parcheggi e ai trasporti locali. Il clamore mediatico e la pubblicità negativa che purtroppo anche da soli ci stiamo facendo stanno portando questi risultati. C’è un evidente livellamento in basso per tutti nel mese di agosto o per chi lavora solo con una certa clientela”. Commenta Andrea Coppola dell’agricamper Torre Sabea: “Il calo in questa prima settimana è evidente, purtroppo la clientela di giovani adulti e famiglie sceglie sempre meno Gallipoli in questi giorni caotici mentre i più giovani tendono a prenotare a ridosso di Ferragosto”.

Anche luglio non è stato dei migliori, nonostante le rosee aspettative di un giugno, a detta di tutti, sopra la media.  “La tendenza ormai è questa – commenta Vito Ria titolare di tre strutture alberghiere- la prima di agosto si fatica a riempire in particolare ora che l’offerta è aumentata tanto, la tariffa media pro capite per pernottamento è scesa parecchio e per questo periodo la richiesta è calata del 10%. Assistiamo però ad un piacevole aumento di presenze nei mesi di giugno e settembre che vanno a compensare”. Quando evidentemente il turista informato sa di trovare una Gallipoli più godibile. Intanto che si decida il da farsi, a Baia Verde è tutto un altro affare: il primo round è iniziato tra sabato e domenica, in migliaia sono arrivati. Assiepati ad ogni angolo, con trolley e buste della spesa, in fila per un prelievo bancomat, per un cornetto, per fittare una bicicletta o in attesa di una navetta che li traghetti verso la trasgressione. E la litoranea al buio del crepuscolo è tornata ad essere il solito girone infernale.

 

GALLIPOLI. L’inferno si materializza sulla Strada provinciale Gallipoli Alezio con un incendio che dalle 12 del 4 luglio ha devastato la pineta nei pressi dell’ospedale all’altezza del nuovo impianto semaforico. Il fuoco ha interessato il secco ma anche la parte verde degli alberi presenti. Sul posto pronto l’intervento dei vigili del fuoco e della protezione civile che con i propri mezzi non sono riusciti domare le fiamme. Grande paura per gli abitanti della zona che hanno temuto l’attraversamento delle fiamme dall’altro lato della strada. Preoccupazione anche per i pazienti del vicino ospedale, raggiunto presto dal fumo nero. Un canadair giunto in soccorso ha tenatato di frenare l’incendio attraverso una sostanza ritardante.

Scongiurata, in seguito, l’evacuazione dei pazienti dell’ospedale “Sacro Cuore”. Nessuna conseguenza per loro, ha rassicurato il direttore medico del presidio, Egidio Dell’Angelo Custode. Il piano avrebbe interessato i reparti più vicini al focolaio, a partire dalla torre A: cardiologia Utic, pneumologia, oncologia e rianimazione. Sul posto sono giunti il viceprefetto Guido Aprea e il direttore sanitario della Asl Lecce, Antonio Sanguedolce.

studenti vespuci in siciliaGALLIPOLI. Dodici equipaggi a contendersi il titolo di campione d’Italia tra gli Istituti nautici. A Messina si è svolto nelle scorse settimane il IV Trofeo Velico dei Nautici d’Italia organizzato dall’istituto Caio Duilio messinese con la Lega navale, a cui ha preso parte anche l’istituto Vespucci di Gallipoli, diretto da Paola Apollonio. Per l’istituto gallipolino importantissimo risultato con il prestigioso terzo posto conquistato da Giorgio Galati. I giovani velisti si sono sfidati in una competizione di tre giorni, pianificata suddividendo gli studenti in due batterie da sei studenti di cui si sono classificati i primi tre per ogni batteria. Nella finale hanno percorso per tre volte il tragitto designato e da qui sono usciti il vincitore ed il podio. Un riconoscimento che va ad arricchire ulteriormente il ricco medagliere della scuola. Grande soddisfazione da parte di dirigente ed insegnanti per questa nuova avventura. Il nome e il prestigio del Nautico locale continuerà nelle prossime settimane a girare l’Italia. Dal 30 giugno all’8 luglio è previsto a Porto San Rocco, Muggia il campionato velico mondiale classe orc Trieste 2017. L’imbarcazione Verve Camer dell’armatore Giuseppe Greco e tesserata al club velico dell’Istituto nautico gallipolino sarà in gara portando in equipaggio anche Federica Rima direttore sportivo della scuola. Il Campionato è la massima espressione della vela d’altura, poiché permette, attraverso le regole di stazza Orc International, di mettere a confronto imbarcazioni comprese tra gli 8 e i 16 metri di lunghezza, diverse per forma e caratteristiche, creando una classifica unica grazie ad un sistema di compensi.

Kayak club gallipoliGALLIPOLI. È un fine primavera di intensa attività per tutti coloro che praticano gli sport del mare a Gallipoli. Dopo il successo del “vela day” del 2 giugno, nei giorni scorsi a cura del Circolo della vela locale in collaborazione con l’associazione Over Fishing Salento di Santa Maria al Bagno, si è tenuto il Trofeo di Gallipoli Gara di bolentino. Una competizione per gli amanti della pesca a favore di un’associazione benefica, in questo caso Cuore Amico che si è conclusa con una conviviale degustazione del pescato per tutti i partecipanti. Il prossimo 18 giugno invece sempre a cura del circolo e con l’Associazione Gallipoli Kajak guidata da Annarita Miggiano, è prevista una giornata canoistica aperta a tutti alla scoperta del parco naturale dell’isola di Sant’Andrea.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

barche a vela gallipoliGALLIPOLI. Anche quest’anno la Lega navale italiana, con il Comando generale delle Capitanerie di porto, ha indetto per fine maggio la giornata nazionale della sicurezza in mare. La sezione di Gallipoli, che come sempre con il presidente Pantaleo Bacile aderisce all’appuntamento, ha organizzato l’evento per venerdì 19, con il patrocinio del Comune di Gallipoli e in collaborazione con la Capitaneria locale, la Guardia costiera e la Protezione civile.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

GALLIPOLI. Una grande giornata di sport, solidarietà, impegno e partecipazione. Un’onda travolgente di almeno duemila persone tra i 1.255 podisti in gara, staff, accompagnatori e una rappresentanza dei “No Tap” (antigasdotto nella marina di Melendugno), il primo maggio si è ritrovata da- vanti al mare a specchio di Gallipoli per la prima edizione della Gallipoli Run. La manifestazione è stata organizzata dalla Lilt sezione provinciale di Lecce, in particolare da Antonio Serravezza, e dall’associazione Atletica Anxa di Gallipoli di Claudio Polo, nell’ambito della campagna di fundraising “Io sostengo il Centro Ilma”. Parallelamente alla maratona di 10 km, inserita nel calendario nazionale Fidal, si sono svolte inoltre due gare non competitive: una 5km rivolta a tutti gli appassionati e dilettanti e un percorso di 2 km per bimbi da 0 a 11 anni, scuole, mamme con i passeggini e amanti delle passeggiate. Una festa colorata sul piazzale della Torre La Pedata tra podisti giunti da ogni parte d’Italia con al seguito amici o famigliari, tantissimi pugliesi e salentini, babypark, postazione massaggi per gli atleti e punti ristoro. A vincere per la categoria femminile la gallipolina plurimedagliata Luana Boellis seguita da Emanuela Gemma e Pamela Greco; per gli uomini sul podio Giammarco Buttazzo, Francescpo Martini e Crystian Bergamo.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

GALLIPOLI. Una rete di parcheggi strutturati nei punti strategici, con possibilità di trasporto andata e ritorno per il centro, per decongestionare il traffico e rendere la viabilità cittadina più sicura e scorrevole. È quanto dovrebbe accadere nel futuro prossimo secondo i programmi dell’amministrazione comunale guidata da Stefano Minerva. Lunghe code, clacson, ingorghi è quello cui si assiste già oggi, soprattutto nelle giornate di festa, entrando a Gallipoli dagli ingressi principali: tutti in fila verso il centro cittadino dove c’è poi l’assalto al parcheggio. Per chi entra dalla statale 101 Lecce – Gallipoli e dalla provinciale Gallipoli Sannicola al momento il primo ampio parcheggio disponibile è quello di via Rossellini, realizzato la scorsa estate e rimasto però incompiuto, privo di illuminazione e soprattutto troppo lontano dal centro e dunque inutilizzabile senza un servizio costante di transfert cittadino andata e ritorno. Situazione simile per chi arriva dalla statale 274 che collega Gallipoli a Taviano fino a Leuca e per chi arriva da Alezio. Il primo ampio parcheggio è quello del piazzale del cimitero dove c’è il terminal dei bus. Il risultato è dunque un affollarsi di auto in direzione del lungomare o del parcheggio del porto, che risulta sempre sovraccarico. Nel disegno degli amministratori però a breve la situazione sarà degna di una città turistica che registra cifre di presenze giornaliere di centinaia di migliaia di persone.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

GALLIPOLI. Sarà una buona Pasqua in termini di presenze turistiche, meteo permettendo. Rosee le previsioni per il mese di aprile che sta già registrando un buon movimento per tutto il settore sia per quanto riguarda le richieste che le prenotazioni effettive, grazie anche agli eventi organizzati dagli operatori e dai pacchetti integrati proposti. Musica, festival, visite guidate, sport e riti della settimana santa, insomma iniziative per tutte le età. «Stava andando molto bene – commenta Stefan Carlino – fino alla settimana scorsa poi l’abbassarsi delle temperature ha determinato un leggero calo delle prenotazioni che ora però stanno riprendendo con l’approssimarsi del periodo e l’attendibilità delle previsioni. Noi lavoreremo molto grazie alle spiagge, alla pasquetta targata Praja e al Peninsula già a partire da questo sabato. La maggior parte degli artisti sono nostri ospiti e ci sono già diverse prenotazioni». Altre strutture hanno proposto pacchetti offerte a prezzi competitivi per il lungo weekend da sabato a lunedì come il Camping La Masseria che ha puntato sulla riapertura della piscina; altri, come il gruppo Salento Ville, hanno proposto pacchetti integrati con appartamenti vista mare, visite guidate anche su Lecce e altre attività.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

progetto litoranea gallipoliGALLIPOLI. Previsto per lo scorso ottobre, rimandato a febbraio e posticipato a marzo, non è ancora materialmente partito il cantiere per i lavori di riqualificazione della litoranea sud di Gallipoli. Ancora piccole questioni burocratiche che rallentano l’iter ma pare certo che le operazioni partiranno a breve. Anche se a questo punto i tempi sono proibitivi tenuto conto della stagione turistica incombente: la riapertura di alcuni lidi a partire da aprile con i beach party e a seguire le festività di pasqua e i ponti festivi del 25 aprile e Primo maggio. L’intervento previsto parte dalla seconda entrata di Baia Verde fino al canale dei Samari. Ma giunti a metà marzo, molto probabilmente ci si limiterà a piccoli lavori che si interromperanno per poi riprendere ed ampliarsi in un vero e proprio cantiere dopo l’estate.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

Anna Barbieri

Anna Barbieri

GALLIPOLI.È un’evoluzione culturale della percezione della bellezza quella che vede l’immagine esteriore come strumento indispensabile al benessere psicofisico soprattutto in soggetti che vivono situazioni di disagio e che spesso manifestano difficoltà di relazionarsi e integrarsi con l’esterno. In virtù di questa nuova visione il concetto di estetica viene dunque declinato in quello di benessere e accettazione di sé stessi. Per farsi portavoce di questa rivoluzione è nato il progetto  “Estetica Sociale” a cura di Unione Benessere e Sanità C.N.A. In Puglia se ne sta occupando la presidente regionale Anna Barbieri (foto) che nei mesi scorsi ha già avviato dei contatti con alcuni referenti istituzionali fra cui l’assessore regionale alla formazione e lavoro Leo affinchè l’Asl pugliese e gli organismi preposti alla formazione sposino questo progetto che necessita di personale specializzato.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

lezioni di vela gallipoliGALLIPOLI. L’iniziazione alla vela parte dalla scuola. Arriva nella fase esecutiva “Vela Scuola” a cura del circolo velico Ecoresort Le Sirenè che aderisce al progetto nazionale realizzato dalla Federazione Italiana Vela, in collaborazione con il Miur e consente allo sport velico di affiancarsi al percorso didattico durante l’orario curriculare con attività teorica e pratica curata appunto dai Circoli velici affiliati alla Federazione e aderenti all’iniziativa. Il programma organizzato dal Club Le Sirenè prevede un campus di una settimana con pernottamento nei mesi di marzo e aprile, durante il quale si terranno le lezioni teoriche e quelle in mare sulle imbarcazioni trident, accompagnate anche ad attività di tipo culturale e di scoperta del territorio, come la visita ai musei e alla città; un’offerta alternativa alla classica gita scolastica.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

GALLIPOLI. Una giornata di sole dal tepore quasi primaverile, coriandoli e allegria e il Carnevale è servito. Sono giunte oltre trentamila persone a Gallipoli per la prima domenica del Carnevale organizzato dalla “Fabbrica”. Una sfilata ben riuscita ed ordinata, grazie all’impegno degli organizzatori e all’aiuto di tanti volontari. Per la prima volta infatti per questioni legate ai protocolli di sicurezza è stata transennata l’intera carreggiata di Corso Roma, situazione che ha consentito uno svolgimento sereno e godibile. La festa è cominciata intorno alle 11 della mattina con i carri allegorici in corteo lungo il corso per posizionarsi al punto di partenza accompagnati de centinaia di persone. Nel pomeriggio puntuale dalle 15,30 l’apertura della parata Colour of Cartoons con i regnanti del carnevale Re Candallinu e Regina Mendula Riccia.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Da sinistra Mario Caputo, Giuseppe Giovinco e Gianluigi Donnarumma

Da sinistra Mario Caputo, Giuseppe Giovinco e Gianluigi Donnarumma

GALLIPOLI. Non solo calcio e divertimento, ma linfa vitale per il settore turistico. Il torneo under 13 organizzato dal gruppo Caroli, dal 23 al 28 febbraio, porta ogni anno un movimento complessivo di oltre 1.200 persone. Quest’anno, nel dettaglio, saranno ospitati per diversi giorni 750 tra giocatori e staff delle 24 squadre partecipanti, tra cui i più lontani provenienti da Los Aromos (Argentina), 200 tra osservatori, giornalisti, personalità, personaggi sportivi e addetti ai lavori, 350 tra genitori e accompagnatori dei partecipanti. Un numero totale che supera di gran lunga i posti letto Caroli Hotels e che comporta, dunque, il coinvolgimento di altre strutture ricettive, “alcune delle quali – commenta Mario Caputo – aprono per questa circostanza, anche nei comuni limitrofi a Gallipoli e Santa Maria di Leuca”. Arrivato alla 14a edizione, dal 2001 il torneo conta circa 10mila persone, tra atleti partecipanti, genitori e accompagnatori, giunti fuori stagione nel Salento.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

GALLIPOLI. Una partecipazione da protagonista per Gallipoli alla terza edizione di BTM – Business Tourism Management che si è tenuta nei giorni scorsi a Lecce. Presso il Castello Carlo V il Comune era presente, nelle giornate del 16, 17 e 18, con un desk espositivo con l’offerta del sistema museale, mentre nella giornata di sabato si è tenuto un panel specifico sul brand territoriale, organizzato anche con Coworkers Lab; presenti anche alcune aziende locali con propri spazi. «Una fiera molto riuscita ed efficace – ha commentato un operatore dell’emittente Sky presente con uno spazio espositivo – la maggior parte dei visitatori sono persone del settore, non semplici curiosi per cui è più facile rispetto anche a fiere più blasonate riuscire a chiudere delle trattative e portare a casa risultati».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Il Castello dall'alto (foto Pejrò)

Il Castello dall’alto (foto Pejrò)

GALLIPOLI. Destinazione Gallipoli, quali prospettive e quali strategie per renderla sempre più attraente. Se ne è parlato alla terza edizione di BTM – Business Tourism Management, la fiera interamente dedicata al mondo del turismo, dove il comune di Gallipoli ha partecipato da protagonista con la presenza, nelle giornate del 16, 17 e  18, di un desk espositivo, con un panel specifico sul brand territoriale, organizzato anche con Coworkers Lab,  e accogliendo in città per un’intera giornata 50 buyers tra tour operator, agenzie e giornalisti del settore. Lo stand ha messo in mostra il sistema museale della città con la presenza dei collaboratori delle associazioni Amart ed Emys che hanno raccontato le bellezze artistiche nostrane ai tanti visitatori e ai tour operator giunti da tutto il mondo. Emys ha inoltre presentato l’immersione virtuale, un’esperienza avvincente per scoprire in 3D le bellezze sconosciute dei fondali. Presenti anche diversi operatori locali con stand propri o in collaborazione con altri enti come Ria Hotels, Caroli hotels e Camping LA Masseria e Cantina Coppola nello spazio di Confindustria. Un’occasione per raccogliere contatti, per aprire nuove strade e incuriosire i buyers internazionali. “E’ una fiera molto efficace- ha commentato un operatore dell’emittente Sky, presente con uno spazio espositivo. La maggior parte dei visitatori sono persone del settore, non semplici curiosi, e quindi davvero interessate, per cui è più facile rispetto anche a fiere più blasonate riuscire a chiudere delle trattative e portare a casa risultati”. Nel pomeriggio di  sabato con la conferenza Destinazione Gallipoli si è aperto in una sala gremita di uditori del settore,  un dialogo costruttivo che ha coinvolto imprenditori locali ed esperti del settore: Enrico Paolini, Angelo Ria, Attilio Caputo, Carlo Caroppo di Puglia Promosione e il sindaco Stefano Minerva. Un dibattito ricco di spunti da cui è venuta fuori in modo netto la necessità di una stretta collaborazione tra pubblico e privato per lanciare una politica di marketing territoriale e una promozione turistica coordinata efficaco. “Se Gallipoli è oggi una delle destinazioni più richieste- ha commentato il sindaco- è anche grazie ad alcuni imprenditori illuminati che negli anni hanno inventato e costruito dei brand e dei prodotti vincenti. Per questo credo moltissimo nella sinergia tra pubblico e privato. Sono tre le direzioni verso le quali dobbiamo muoverci: diversificare l’offerta per renderla vendibile tutto l’anno valorizzando anche il centro storico, anima della città; valorizzazione dell’ambiente e del nostro parco; turismo balneare al passo con i tempi, poichè l’innovazione è necessaria per essere competitivi. Altro elemento rilevante è la globalità, occorre creare offerte integrate legate ad altri territori”. In questo senso l’amministrazione ha aperto anche un dialogo non solo con importanti realtà salentine e pugliesi ma anche con Rimini. Turismo tutto l’anno con mare, natura, arte e manifestazioni dunque, e Gallipoli d’altra parte ha un patrimonio di oltre 400 eventi già esistenti organizzati da privati o comune, tra sacro e profano, cultura e sport. “Raccoglierli in un calendario unico da presentare ogni anno ad ottobre è essenziale” ha aggiunto Angelo Ria. Ed è uno degli obiettivi del tavolo tecnico del turismo, insieme ad un utilizzo mirato della tassa di soggiorno e alla sicurezza. Sempre sabato i Tour Operator che nei primi due giorni della borsa sono stati impegnati nelle trattative con le aziende presenti, sono stati ospiti per l’intera giornata a Gallipoli, unica tappa dopo Lecce. Pranzo al ristorante Al Pescatore dove hanno ricevuto l’impeccabile accoglienza di Luciano Corciulo che ha preparato un pranzo a base di pescato fresco locale, con un banco del pesce che ha lasciato senza parole gli ospiti, e vino a chilometro zero. “Questi momenti sono importantissimi per la crescita della nostra città. Dobbiamo mettere in mostra ciò che abbiamo e offrire il meglio perché un turista, o in questo caso un ospite,  soddisfatto è la pubblicità più grande” secondo Corciulo.  Nel pomeriggio per loro un giro nel centro storico con visita della cattedrale e dei musei;  pernottamento da Caroli.

 

vespucciGALLIPOLI. Ottima risposta per gli open day dell’istituto Vespucci di Gallipoli. A fine gennaio volata finale per le iscrizioni e tante iniziative per attrarre famiglie e studenti, perché per scegliere una scuola ormai non ci si basa solo sulle proprie attitudini ma soprattutto sulle opportunità di crescita professionale e di inserimento lavorativo che l’istituto scolastico offre. Il Vespucci, guidato da Paola Apollonio, che comprende il Tecnologico con trasporti e logistica (ex Nautico), Conduzione del mezzo (Capitani) e costruzione del mezzo e l’Economico con amministrazione e finanza, marketing, turistico, sportivo e sistemi informativi aziendali, è impegnato in interessanti progetti di alternanza scuola lavoro e quest’anno gli open day hanno riservato degli spazi anche alle aziende con cui la scuola collabora. «Questo – dice la dirigente – perchè ai genitori fosse il più chiara possibile l’attività che si svolge sia in termini di curricolare sia in termini di alternanza cioè di attività ponte tra la scuola e il mondo del lavoro che aspetta i nostri ragazzi.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Voce al Direttore

by -
Le immagini che scorrono e scorreranno sugli schermi fino a sera tardi ed in parte anche domani, sono le ultime che hanno il sapore...