Home Authors Posts by Pierangelo Tempesta

Pierangelo Tempesta

305 POSTS 0 COMMENTS

Torre San Giovanni (Ugento) – Un tuffo per salutare l’anno vecchio e dare il benvenuto a quello nuovo. Con la promessa di importanti novità per la fine del 2018, già in preparazione, almeno a livello di elaborazione mentale. Per il secondo anno consecutivo, l’associazione Officina turistica Ugento

ha organizzato il “Tuffo di fine anno” nelle acque di Torre San Giovanni. Il pomeriggio del 31 dicembre una quindicina di persone si sono ritrovate sulla spiaggia antistante il villaggio “Poseidone” e, con un bagno fuori stagione, hanno brindato al nuovo anno.

“Per la fine del 2018 – spiega il presidente dell’associazione, Manolo Perruccio – stiamo organizzando qualcosa di ancora più particolare, considerato l’interesse che questa nostra iniziativa ha suscitato in questi due anni. È un modo diverso dal solito per brindare alla chiusura del vecchio anno e all’arrivo del nuovo, per salutare ciò che ci stiamo lasciando alle spalle e attendere ciò che il futuro ci riserverà. Abbiamo intenzione di coinvolgere anche i paesi vicini, contattando diverse associazioni, per fare in modo che la nostra iniziativa diventi un appuntamento fisso per Ugento e per le località limitrofe e coinvolga sempre più persone”.

 

TaurisanoIn arrivo mezzo milione di euro per rafforzare il sistema bibliotecario di Taurisano. Il progetto presentato dal Comune (e redatto, per la sua parte culturale, dal filosofo e studioso vaniniano Mario Carparelli), è risultato tra i vincitori del bando regionale “SmartIn Puglia Community Library”. Sono previsti interventi per la biblioteca comunale “A. Corsano”, per l’archivio storico e per la casa-museo Vanini.
«Il nostro progetto – spiega l’assessore alla cultura Katia Seclì – si pone l’obiettivo di realizzare un “Sistema bibliomuseale integrato” attraverso la valorizzazione della biblioteca comunale, la musealizzazione della casa del filosofo Vanini e la definizione di una moderna attrattiva culturale che possa consolidare i già numerosi fruitori e allargare il bacino di utenza con nuovi soggetti». Il progetto prevede allestimenti, arredi, un bookshop e una sala polivalente per congressi, proiezioni e attività di storytelling, storyboard e gamification, oltre alla catalogazione e alla digitalizzazione del patrimonio librario. Particolare attenzione sarà riservata al “Fondo Giovanni Papuli” (un patrimonio librario di oltre tremila volumi appartenuti a uno dei più apprezzati storici della filosofia del panorama internazionale), che il Comune ha ricevuto in dono qualche anno fa dalla famiglia del compianto docente dell’ateneo salentino. I volumi saranno oggetto di catalogazione e informatizzazione.
«Tutto ciò – conclude l’assessore – sarà il fulcro di ogni iniziativa rivolta alla promozione culturale».

 

Felline (Alliste) – Non è ancora chiaro se si sia trattato di una bravata, di un atto sacrilego o di un episodio di natura accidentale. Quello che è certo, al momento, è che nei giorni scorsi la tovaglia e le suppellettili dell’altare della chiesetta della Madonna dell’Alto, a Felline, sono state distrutte da un incendio. Fortunatamente le fiamme non si sono propagate ai banchi e non hanno intaccato gli antichi affreschi.
La speranza del parroco, don Antonio Verardi, è “che non sia stato un atto vandalico o sacrilego, ma semplicemente un’imprudente devozione”. “Forse – afferma il sacerdote – a causare l’incendio è stato un lumino appoggiato sull’altare da un fedele. Voglio sperare che sia andata così e che dietro non ci sia nulla di doloso. Se fosse stato un atto sacrilego, gli autori avrebbero danneggiato anche altro».
Sulla vicenda è intervenuto il consigliere comunale di Alliste e assessore dell’Unione jonica salentina Angelo Catamo, che ha allertato il Sindaco di Alliste, Renato Rizzo, e gli agenti della polizia municipale. «Alcune suppellettili e le tovaglie del piccolo altare centrale – spiega – sono state bruciate. Fortunatamente gli affreschi bizantineggianti raffiguranti la Santissima Trinità e la Madonna col Bambino benedicente, quest’ultimo datato 1577, sono rimasti intatti». Il consigliere ha chiesto al Sindaco “di valutare la possibilità di installare sulla collinetta una telecamera per vigilare sia sulla chiesetta della Madonna dell’Alto, sia sulla prospiciente pineta, che soprattutto in estate è oggetto di roghi, sia sul vicino immobile comunale recentemente ristrutturato». La chiesetta si trova sulla collina che sovrasta il paese ed è stata eretta tra l’ottavo e il nono secolo.

Ugento – Anche il Comune di Ugento, come quello di Nardò e Lecce in questa provincia, ottiene il finanziamento regionale per l’ampliamento della rete ciclabile cittadina. Il progetto prevede il completamento e l’integrazione dei percorsi ciclopedonali già presenti, con lo scopo di eliminare i punti di discontinuità degli itinerari e i punti di pericolo e di creare le condizioni per un maggiore utilizzo dei mezzi non motorizzati. Sarà quindi data continuità agli itinerari e saranno creati percorsi sicuri di raccordo tra scuole, oratori, complessi sportivi, stazione ferroviaria e uffici pubblici. Naturalmente sarà prestata attenzione anche alle esigenze turistiche: anche la ciclabilità extraurbana assumerà particolare importanza, soprattutto per ciò che riguarda il collegamento tra il centro urbano e le marine e tra le località marine stesse.

Il progetto prevede di mettere in relazione diversi quartieri della città, in direzione nord-sud, connettendo in particolar modo la stazione ferroviaria Ugento-Taurisano, le scuole (istituto comprensivo, palazzetto dello sport e istituto superiore alberghiero), il centro storico ai margini della sede del Comune, i futuri parcheggi «park&ride» a servizio del centro storico (che saranno realizzati sia nell’area di via Teano, sia in via Volta), l’oratorio San Giovanni Bosco con le sue strutture sportive, la struttura sportiva di via Acquarelli. Il finanziamento rientra negli interventi per l’aumento della mobilità sostenibile delle aree urbane e suburbane previsti dalla Regione.

Ugento – Grande successo per la “Giornata della solidarietà”, l’iniziativa organizzata dall’assessorato ai Servizi sociali del Comune di Ugento insieme a numerose associazioni per raccogliere beni di prima necessità da destinare alle famiglie bisognose del paese. nel corso della mattina di sabato 16 dicembre sono stati raccolti 370 chili di pasta, 155 scatole di legumi, 93 litri di latte, 165 confezioni di biscotti, 21 chili di riso, 57 chili di zucchero e numerose confezioni di altri prodotti alimentari, per la casa e alimenti per neonati. I volontari hanno prestato servizio vicino agli ingressi dei supermercati aderenti all’iniziativa, consegnando ai clienti i sacchetti nei quali inserire i prodotti acquistati. Inoltre, è stato attivato un centro di raccolta presso la sede della protezione civile. «La solidarietà dimostrata lo scorso anno dagli ugentini – affermano il sindaco Massimo Lecci e il vicesindaco e assessore ai Servizi sociali Salvatore Chiga – ha permesso di far trascorrere un Natale più sereno a molte famiglie, grazie anche anche alla collaborazione delle associazioni locali che, con il loro prezioso contributo, hanno permesso la perfetta riuscita dell’iniziativa». L’auspicio è che anche quest’anno numerose famiglie possano trascorre un Natale più sereno grazie alla generosità dei concittadini. «In questa settimana – spiega Chiga – consegneremo i beni alle famiglie maggiormente bisognose. La distribuzione continuerà anche dopo Natale. A nome dell’Amministrazione, ringrazio tutte le associazioni e i cittadini che hanno collaborato».

 

TRICASE – I vigili del fuoco del distaccamento di Tricase onorano Santa Barbara, la patrona del Corpo. Nella mattinata del 4 dicembre, nella sede del distaccamento si è svolta una cerimonia alla presenza dei bambini delle scuole dell’infanzia e primaria, accompagnati da insegnanti e genitori, e di numerosi cittadini. Presenti anche il sindaco Carlo Chiuri con le autorità locali (amministratori dei paesi vicini, carabinieri, guardia di finanza e polizia locale). La manifestazione si è svolta sotto il coordinamento del caposquadra esperto Cosimo Monsellato, in collaborazione con il funzionario Raffaele De Iaco, che ha rappresentato il comando provinciale. La mattinata è iniziata con la messa, celebrata da don Flavio Ferraro. Alcuni vigili del fuoco, poi, hanno ricevuto le onorificenze: i vigili coordinatori Alessandro Manco e Fernando De Francesco per aver svolto interventi di particolare difficoltà; il caporeparto esperto Odorico Martella per aver raggiunto il pensionamento; il vigile esperto Giuseppe Garofalo per i suoi 15 anni di servizio. Sotto gli occhi pieni di meraviglia dei bambini, poi, i pompieri hanno simulato la ricerca di una persona scomparsa con un cane addestrato per il nucleo cinofili, il salvataggio di una persona incastrata in un’auto dopo un incidente, lo spegnimento di una vettura e di una bombola di gas. Dopo la preghiera del vigile del fuoco, recitata dalla piccola Martina, gli uomini del nucleo “speleo-alpino-fluviale” hanno dispiegato la bandiera italiana sulle note dell’Inno nazionale. Padrona di casa “speciale” la cagnolina Fiamma, mascotte del distaccamento.

Ugento – Per evitare una buca formatasi sul manto stradale a causa delle forti piogge, un autobus delle Sud Est è uscito di strada mentre percorreva il tratto Casarano-Ugento intorno alle 14. Nessuna conseguenza per gli studenti e i pendolati trasportati nell’automezzo che è andato a finire di fianco su di un muretto di cinta dell’arteria provinciale 72, essendo in qauel punto la strada lievemente sopraelevata rispetto al terreno circostante. L’incidente è avvenuto poco dopo il ponte della Statale Leuca-Gallipoli, la n. 274. Sul posto sono intervenuti i vigili urbani di Ugento, la Protezione civile e i vigili del fuoco.

Oronzo Ricchiuto

GEMINI (UGENTO). Anche quest’anno, a Gemini il 31 ottobre si festeggia la luce. Per il quarto anno consecutivo, la comunità geminiana, con i suoi bambini, dedica una serata ai santi protettori. Una festa alternativa alla «moda» di Halloween, per esaltare la luce, le virtù dei santi e la gioia di stare insieme.
L’iniziativa è organizzata dalla Pro Loco Beach, presieduta da Oronzo Ricchiuto, in collaborazione con la parrocchia San Francesco, l’associazione «Granelli di sabbia», il Comune e le catechiste. Si partirà da piazza Regina Elena alle 15.30. Ogni bambino indosserà il vestito di un santo. Il corteo sfilerà per le vie della frazione lungo un percorso abbellito da altarini dedicati ai santi. Ogni bambino racconterà la storia del santo di cui indossa le vesti, portandone in braccio la statua. Al rientro, intorno alle 17.30, sarà celebrata la messa nella chiesa di San Francesco.
Alle 20, poi, nella sede didattica «Dalila Tempesta», in via XXV Aprile, ci saranno giochi e balli con «Ronaldo Show». Non mancheranno prodotti tipici e dolci.

UGENTO. “Il popolo di Ugento protesti contro lo svuotamento della Casa della salute”. Angelo Minenna, a nome del comitato “Ugento nel cuore”, interviene nel dibattito sulla chiusura dei reparti del “Francesco Ferrari” di Casarano e chiede attenzione anche per la situazione, per certi versi simili, della struttura della Asl che a Ugento ospita gli ambulatori specialistici. “In queste ore – afferma l’ex consigliere comunale – il popolo di Casarano ha alzato le barricate contro la chiusura dei reparti di Ostetricia e Pediatria. Da parte nostra c’è piena solidarietà verso il Comitato Pro Ferrari. Abbiamo anche partecipato alle riunioni organizzate per opporsi alla chiusura dei reparti. Ma – continua – un sussulto di dignità è necessario anche a Ugento: nella Casa della salute di via Armida il cardiologo è presente solo tre delle otto ore giornaliere previste, l’endocrinologo non c’è più e la ginecologa è andata in pensione e non è stata ancora sostituita. Renderemo nota questa situazione alla Regione e alla Asl e organizzeremo una petizione. Ci opporremo alla continua sottrazione di servizi che è già in atto e che sta producendo i primi risultati negativi». Minenna ricorda anche un’altra questione: «I lavori presso il nuovo centro per i pazienti dializzati stanno andando a rilento. La struttura sarebbe dovuta essere pronta per maggio, ma ormai siamo ad ottobre. I pazienti sono ancora costretti a raggiungere giornalmente i centri di Casarano e Gagliano».

TAURISANO. Efficientamento della pubblica illuminazione e rigenerazione urbana: due richieste all’Amministrazione del sindaco Raffaele Stasi, a Taurisano, da parte dei consiglieri del Pd William Maruccia, Francesco Damiano, Valeria CaroliÌ e Antonio Ciullo.I Democratici sollecitano la Giunta a revocare la delibera con la quale è stata approvata una proposta di project financing per l’efficientamento, la gestione e la manutenzione ordinaria e straordinaria della pubblica illuminazione, per un importo di un milione e 400mila euro. La scelta del governo cittadino, per i consiglieri di opposizione, “ha di fatto attribuito al promotore una posizione di vantaggio rispetto agli altri potenziali concorrenti, sotto profili diversi e in particolar modo per il fatto che al promotore eÌ riconosciuto l’importante diritto di prelazione, vale a dire il diritto di uniformarsi all’offerta più conveniente per l’Amministrazione se diversa da quella presentata da se stesso”. In sostanza, per il Pd la delibera “altera il principio di trasparenza e di concorrenza leale tra i diversi operatori del settore e comporta un enorme danno sia alle stesse aziende specializzate potenzialmente interessate a partecipare con una propria offerta migliorativa, sia ai cittadini e alla città di Taurisano”.

Dai consiglieri Pd arriva anche l’invito a partecipare al bando regionale per la rigenerazione urbana, come già sta avvenendo in diversi paesi vicini, coinvolgendo i cittadini nella definizione delle scelte progettuali. La richiesta è di organizzare “i forum tematici di partecipazione pubblica aperti alle consulte, alle associazioni, ai partiti e alle forze politiche del territorio, ai comitati, ai sindacati, ai rappresentanti degli ordini e delle categorie professionali e ai cittadini, veri protagonisti della rigenerazione, oltre che a qualsiasi altro soggetto portatore di interesse”.

Porto Torre San GiovanniUgento – Ricomincia l’iter per l’approvazione del Piano comunale delle coste, che regolamenterà i 13 chilometri di costa ugentina con importanti novità per ciò che riguarda le concessioni, soprattutto a partire dal 2021. Nei giorni scorsi la documentazione relativa al Piano è stata pubblicata sul sito del Comune. Fino al 20 settembre i portatori di interesse potranno presentare osservazioni. Nei successivi 30 giorni, poi, gli uffici comunali valuteranno le istanze ricevute e invieranno il piano al Consiglio comunale, che lo approverà, lo invierà in Regione e lo riavrà nuovamente per l’approvazione definitiva. Il Sindaco Massimo Lecci conta di poter concludere tutto il procedimento entro la fine dell’anno.

Va ricordato che sul finire del 2015 la Giunta comunale aveva già approvato il piano (redatto dall’ingegnere architetto Claudia Piscitelli con la supervisione scientifica del professore Francesco Selicato) e lo aveva sottoposto alle osservazioni. Sulla base dei pareri degli organismi superiori, poi, si è reso necessario revocare il documento di programmazione, modificarlo e riaprire tutto l’iter per l’approvazione. «Si è ritenuto opportuno – spiega Lecci – annullare il primo piano e approvarne uno nuovo per consentire a tutti di avere a disposizione la documentazione e nuovi studi scientifici utili a presentare le osservazioni».

Le novità rispetto alla situazione attuale potrebbero essere molte. Alcune le illustra l’assessore comunale all’Urbanistica, Daniela Specolizzi. «A differenza del primo – dice – il nuovo documento regolamenta anche la costa rocciosa di Torre San Giovanni, individuando tre aree da destinare a concessioni per spiagge libere con servizi. Sul litorale sabbioso, invece, è previsto il rilascio di altre cinque concessioni, sempre per spiagge libere con servizi. Il lavoro per redigere il piano è stato notevole e siamo contenti di essere giunti a questo punto. Ci impegneremo per l’approvazione definitiva entro la fine dell’anno».

Ulteriori novità ci saranno dal primo gennaio 2021, data in cui tutte le 40 concessioni esistenti arriveranno a scadenza. Da quel momento saranno disponibili per le concessioni 37 lotti, sei dei quali ricadenti in area rocciosa. Dal Piano è esclusa l’area portuale di Torre San Giovanni, che sarà regolamentata dall’apposito Piano regolatore del porto.

Nel piano si tiene conto anche del fenomeno dell’erosione costiera: le coste, spiega ancora l’assessore, saranno sottoposte a interventi di ripascimento

Salva

Antonio D’Aprile

UGENTO. Si avvia a conclusione, con le ultime manifestazioni, il programma degli appuntamenti estivi organizzato dalle associazioni di Ugento, Gemini, Torre San Giovanni e Marine con il coordinamento dell’assessorato comunale allo Spettacolo. Domani, 22 agosto, e giovedì 24 a Lido Marini ci sarà il corso di pizzica sulla spiaggia, organizzato dalla Pro loco della marina. L’appuntamento è alle 18. Il pomeriggio di giovedì si concluderà con il concerto di Valentina Ricchiuto, sempre a cura della Pro loco.

Venerdì 25, in piazza Tirolo (Lido Marini), andrà in scena una commedia di Antonio D’Aprile. Sabato 26, invece, l’associazione “Granelli di sabbia” e la libreria “Antica Roma” di Taviano presenteranno l’incontro culturale con Kristen Wulf (in arte Tina Lupi) e con il suo ultimo romanzo. L’appuntamento, che rientra nella rassegna “Estate d’autore”, è sul lungomare di Torre San Giovanni alle 21.30. Sempre sabato 26, a Lido Marini si esibirà l’artista Giada Capraro in un concerto organizzato dalla pro loco. L’inizio è previsto per le 21. La giornata di domenica 27 sarà dedicata allo sport, con il campionato provinciale Fiv – Regata pluriclasse, derive e altura, quinta edizione della “Regata dei Messapi”. L’iniziativa è organizzata dalla Lega navale italiana di Torre San Giovanni.

Drammatico scontro nella notte sulla strada statale 274 Gallipoli- Santa Maria di Leuca nei pressi dello svincolo per Taviano e Matino. A perdere la vita sono stati i 23enni Ivan De Blasi, di Matino, e Jasmine Giselle Cherre Quintero, originaria dell’Ecuador ma residente a Tricase. Nell’auto c’era anche il fidanzato della ragazza, il 28enne di Gagliano del Capo Luigi Ruberti, che si è miracolosamente salvato.
La dinamica è ancora in fase di ricostruzione. Quello che appare certo è che la Toyota Yaris a bordo della quale erano i tre ragazzi, viaggiava in direzione Santa Maria di Leuca quando, intorno alle 2.30, è avvenuto lo schianto frontale con una Porsche Carrera guidata da un imprenditore di 38 anni di Zollino operante nel settore farmaceutico. Accanto all’uomo sedeva una 24enne di Lecce.L’impatto è stato violentissimo. La Yaris è sbalzata fuori dalla carreggiata ed è finita oltre il guardrail e dopo un volo di circa 5 metri si è schiantata sulla complanare e dopo qualche minuto ha preso fuoco.
Sul posto sono giunti i vigili del fuoco, che hanno dovuto lavorare duramente per tirare fuori dall’auto il corpo carbonizzato del giovane. Il corpo della ragazza, invece, era già fuori dall’abitacolo. Il sopravvissuto è stato trasferito dal 118 al pronto soccorso dell’ospedale di Lecce ed è stato ricoverato con una prognosi di 30 giorni. Quasi illesi il conducente e la passeggera della Porsche.

La ricostruzione della dinamica è in mano ai carabinieri della Compagnia di Casarano e della stazione di Taviano. I corpi sono stati trasferiti nella camera mortuaria del “Vito Fazzi” di Lecce in attesa di ulteriori disposizioni dell’autorità giudiziaria, mentre le auto sono state sequestrate.

Sconcerto e grande dolore nei paesi di origine dei due ragazzi scomparsi. Ivan De Blasi viveva a Pordedone per motivi di studio ed aveva fatto ritorno a Matino (dove la madre è membro della Frates) per le vacanze estive.

Comune di Taurisano

TAURISANO. Nuovi orari di apertura degli uffici comunali a Taurisano. Anagrafe, Stato civile ed Elettorale, fino al 30 settembre, saranno aperti dal lunedì al mercoledì e il venerdì dalle 9 alle 13 e il giovedì dalle 16 alle 18.30.

Una decisione che placa le polemiche scoppiate qualche settimane fa a causa degli orari ridotti di apertura al pubblico. «Ancora una volta – commenta il consigliere del Pd Francesco Damiano – la maggioranza è stata costretta a ritornare sui propri passi e a fare marcia indietro. I disservizi, il caos e i disagi creati ai cittadini in questi giorni hanno costretto l’amministrazione a rivedere la propria improvvisata e scellerata programmazione, riaprendo finalmente gli uffici comunali».
Sulla vicenda interviene anche il movimento politico “Fuori dal Comune”, che, proprio il giorno prima della decisione di estendere l’orario di apertura, aveva auspicato una riflessione sui “disagi che ha causato alla cittadinanza la riduzione dell’orario di accesso al pubblico”. Lo stesso movimento, appresa la decisione di aumentare le ore di apertura al pubblico, commenta: «Il buon senso da parte di tutti porta sempre a far ottenere dei benefici ai cittadini».

LIDO MARINI. In fiamme una friggitoria a Lido Marini. La notte scorsa un incendio ha distrutto la “Pescheria friggitoria da Claudio”, di proprietà di Claudio Tamborrini. Il locale sorge su via Kennedy, parallela della strada principale della marina. L’incendio è scoppiato intorno alle 2 e ha distrutto la parte anteriore del locale e tutto ciò che conteneva: tavoli, sedie, espositori. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco di Ugento, che hanno spento l’incendio e messo in sicurezza la struttura. È stato necessario evacuare due abitazioni: una al primo piano dello stabile che ospita la friggitoria, l’altra nell’edificio accanto. Fortunatamente non c’è stata nessuna conseguenza per gli occupanti, che sono stati comunque visitati dagli operatori del 118. Il luogo dell’incendio è stato raggiunto dai carabinieri della stazione di Ugento e della Compagnia di Casarano, che insieme ai vigili del fuoco hanno avviato tutti gli accertamenti necessari a stabilire le cause del rogo. Si presume che le fiamme abbiano avuto origine dolosa. Solo pochi giorni fa, sempre a Lido Marini, qualcuno aveva incendiato la vecchia Fiat Panda che i proprietari del locale utilizzavano per pubblicizzare l’attività.

TORRE SAN GIOVANNI (UGENTO) – Avviso di «sfratto» per le imbarcazioni ormeggiate abusivamente nell’area libera da concessioni permanenti del porto di Torre San Giovanni. Martedì i militari dell’Ufficio locale marittimo della guardia costiera hanno affisso su circa trenta natanti una diffida a rimuovere le imbarcazioni entro le 8 del 24 luglio, pena il sequestro penale.

Le barche si trovano ormeggiate nello specchio d’acqua la cui gestione ogni anno viene affidata in via temporanea sulla base di un bando. Quest’anno l’assegnataria è la cooperativa «Nettuno» di Gemini, ma ad oggi non è stata ancora rilasciata la concessione. Molti proprietari, dunque, hanno deciso di ormeggiare le loro barche senza autorizzazioni. E questo nonostante sia in vigore un’ordinanza di sgombero emanata dal sindaco Massimo Lecci lo scorso 11 aprile. Una situazione che ha spinto la guardia costiera a imporre l’aut aut.

Intanto, proprio per ciò che riguarda il bando e la procedura di assegnazione, la cooperativa di pescatori «Padre Pio» (unica partecipante alla gara oltre alla cooperativa vincente) si sta preparando a presentare ricorso al Tar. «Anche quest’anno – afferma il presidente Vincenzo Bruno – ci sono tante incongruenze. E per sette anni di seguito non si è riusciti ad assegnare l’area prima di metà luglio».

Piazza_di_UgentoUGENTO. Arte, cultura, tradizione, piatti tipici e… un tuffo nel passato. Va in scena «Cibus in fabula», manifestazione organizzata per giovedì 20 e venerdì 21 luglio dalla pro loco di Ugento nel centro storico del borgo messapico. Lungo le strade e nelle antiche abitazioni, figuranti in abiti d’epoca riproporranno spaccati di vita quotidiana dei primi del Novecento. Durante il tragitto, gli ospiti, riuniti in piccoli gruppi, saranno accompagnati da guide, anche loro in abiti d’epoca, che forniranno cenni storici sui luoghi in cui sono ambientate le varie scene, sulla vita che vi si svolgeva, sui mestieri, le abitudini e gli usi del popolo.

Naturalmente ci saranno degustazioni di prodotti tipici del territorio, accompagnati dal vino locale. In piazza San Vincenzo sarà allestito un mercatino curato dai produttori locali. Ad animare la serata ci saranno pizzica, mostre fotografiche, di pittura e d’arte e da seminari sull’alimentazione e sul recupero di antiche tipologie di cereali, legumi e ortaggi. «Non si tratta di una sagra – sottolineano gli organizzatori – ma di una manifestazione dedicata all’arte, alla storia, alla cultura e alle tradizioni culinarie del nostro territorio, nata con l’intento di valorizzare le produzioni agroalimentari tipiche».  Si inizia alle 19, l’accesso è previsto fino alle 22.30. Info e prenotazioni: 3889364721 oppure 0833555644.

municipio di taurisano visto dalle spalleTAURISANO. Non si placa la polemica tra un nutrito gruppo di associazioni locali (Arci Circolare G8, Ombre rosse, Odigitria, Flauto Magico, Lab62, Lavori in corso e Nuvole) e l’Amministrazione comunale guidata da Raffaele Stasi, colpevole di aver “messo da parte e accantonato” quanti da tempo svolgono volontariato sociale e culturale in paese.

Il caso che sembra aver fatto saltare il tappo è la convenzione che nei mesi scorsi il Comune ha stipulato con l’associazione “Agimus” di Specchia e Roma (è proprio di questi giorni la concessione di un contributo, da parte del Comune, al sodalizio per la realizzazione di un evento). “Durante quest’anno – tuonano le associazioni – siamo stati incontrati dalla giunta una sola volta, era gennaio e un gruppo di associazioni hanno chiesto spiegazioni in merito alla convenzione stipulata con l’associazione Agimus. In quell’occasione ci è stato detto che gli assessori avrebbero provveduto ad organizzare riunioni per segmenti tematici, cosa mai fatta, e ci è stato più volte ribadito che solo le associazioni d’eccellenza avrebbero potuto avere l’appoggio del Comune. Dobbiamo quindi dedurre che noi non siamo associazioni d’eccellenza? A quanto pare sì. E cosa mai si dovrà fare per essere considerate tali? Pensiamo che impegnarsi per arricchire Taurisano di contenuti, facendo a volte bene e a volte male, sottraendo tempo alla nostra quotidianità e al nostro lavoro e ingegnandoci per poter trovare i soldi necessari, sia già un più che valido motivo per essere considerati eccellenti”.

Le associazioni ricordano l’impegno profuso per organizzare la Giornata della Memoria, lo scorso gennaio: “Abbiamo chiesto solo un piccolo contributo per poter arricchire ulteriormente il palinsesto con mostre e collaboratori esterni che desideravano avere un compenso. Ovviamente ci è stato negato, ovviamente siamo stati tacciati di voler solo soldi, come se fosse un crimine voler organizzare un ricco evento e come se fosse prassi sottrarre denaro dalle proprie tasche per svolgere volontariato e per fare cittadinanza attiva. Quel denaro e molto molto altro è finito nelle mani di comitati, enti religiosi, congregazioni, altre associazioni o beneficiari anonimi: avremmo ritenuto giusto dare un aiuto per manifestazioni d’interesse pubblico, purché questo ausilio sia dato a tutti e non solo ad alcuni, una tantum, trasgredendo già di per sé al regolamento”.

Per le associazioni cittadine, il “primo cittadino non è di tutti e alcune associazioni e tanti cittadini si sono sentiti discriminati perché lontani dal suo pensiero e dal suo credo, facendo così mancare la giusta rappresentanza alla collettività”. Ma ne hanno anche per l’assessore alla Cultura, accusata “di apparire sui giornali pubblicizzando un’estate taurisanese che ci sarebbe stata anche senza di lei, perché gli eventi che fanno da sfondo alla sua foto sono già a diverse edizioni. L’assessore ha mai pensato di fare un incontro per programmare insieme le attività estive? Se non avessimo richiesto noi la prima ed unica riunione a gennaio, l’assessore non ci avrebbe mai interpellato. Chi dovrebbe essere al nostro fianco purtroppo è da tutt’altra parte, preferisce organizzare eventi in autonomia piuttosto che coinvolgere chi questo territorio sociale lo vive da sempre”.

In conclusione, secondo le associazioni “non c’è la volontà di incrementare l’associazionismo a Taurisano e neanche di migliorare la qualità della vita. Speriamo almeno che le associazioni che vengono nominate nell’articolo di Piazzasalento abbiano avuto il privilegio di essere incontrate prima di essere citate su un quotidiano e se così è stato, perché queste associazioni sì e noi no? Il nostro operato è stato da sempre teso a migliorare il tessuto sociale del paese, non è certo frutto di un’esperienza improvvisata, per questo ci dispiace essere dovuti intervenire ma riteniamo necessario far sapere che veniamo trattati con indifferenza e viviamo un clima di tensione e arroganza, in cui non siamo abituati a praticare”.

“È increscioso – concludono Arci Circolare G8, Ombre rosse, Odigitria, Flauto Magico, Lab62, Lavori in corso e Nuvole – raccontare all’esterno quello che per noi è stato un anno spiacevole, perché siamo sicuri che verremo additati come quelli che polemizzano, ma non accettiamo più di dover stare in un angolo, siamo abituati a fare per il bene pubblico. Con il cambio di amministrazione speravamo in un rinnovato interesse nelle associazioni, riconoscendone il lavoro e gratificandole. Ci sarebbe piaciuto poter fare incontri mensili con gli assessori per programmare eventi da organizzare insieme, dando un calendario di attività che passasse dall’animare piazza Castello nei fine settimana a riempire di significato le occasioni importanti, mantenendo ognuno la propria libera autonomia. In questi anni siamo cresciute tanto e pensiamo di aver offerto un grande contributo alla comunità, sognavamo magari di poter essere premiate, dando l’opportunità alle associazioni che non hanno una sede fisica ma anche a quelle che ce l’hanno, di poter avere in concessione un luogo dove potersi riunire, dove poter incontrare il paese, facendo sentire coinvolti i cittadini e magari invogliandoli ad entrare nel fiume di quella che è la società civile. Niente di tutto questo sarà fatto, siamo ormai disillusi e coscienti che per questa giunta il sociale non è più un bene pubblico ma è emblema negativo di persone che non hanno nulla da fare. Eppure non ci arrabbiamo più, nutriamo in fondo una fiducia nel prossimo e aspettiamo il giorno in cui anche noi potremmo godere di un’amministrazione illuminata”.

TAURISANO. Un calendario ancora non definitivo, che nei prossimi giorni si andrà arricchendo di altre iniziative: l’assessorato alla Cultura di Taurisano pre- senta l’elenco delle manifestazioni che, grazie alle associazioni del territorio, animeranno l’estate in paese. «Anche quest’anno – commenta l’assessore Katia Seclì – la nostra Taurisano ha stilato un calendario estivo in cui la cultura, lo svago e l’intrattenimento si incontrano per rispondere ai diversi target e per puntare sull’aggregazione dei cittadini e dei turisti. Il nostro centro storico – continua – farà da cornice all’arte, alle degustazioni dei prodotti tipici, alle danze e alla bellezza. Siamo orgogliosi di essere riusciti, per alcuni appuntamenti, ad avere anche la partecipazione delle istituzioni scolastiche: questo è un segnale di grande spirito di collaborazione e di apertura. Ci saranno delle sorprese che faranno della nostra estate una bella estate».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

tarantaUGENTO. Quasi 90 appuntamenti nel calendario degli eventi estivi organizzati dalle associazioni di Ugento, Gemini, Torre San Giovanni e marine sotto il coordinamento dell’assessorato allo Spettacolo. Sagre, musica, danza, pizzica, sport, arte di strada, tradizioni, teatro: ci saranno manifestazioni per tutti i gusti.Uno degli appuntamenti più attesi è sicuramente la tappa del festival itinerante della «Notte della Taranta», per la prima volta a Torre San Giovanni l’8 agosto. Pizzica protagonista anche del «Festival delle notti pizzicate», il 23 luglio a Ugento, e di numerose altre serate. Tante le sagre: il 21 e il 22 luglio la «Sagra ta Turre» a Torre Mozza; il 3 agosto quella «Te ciciri e tria» a Ugento; il 12 e il 13 agosto quella «Te cose nosce» a Gemini; il 17 e il 18 agosto quella del pesce a Torre San Giovanni.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Ospedale CasaranoTAURISANO. Un malore dopo il vaccino, e in paese scoppia l’allarme. Nei giorni scorsi a Taurisano un bambino di 15 mesi è finito in ospedale in preda alle convulsioni e con la febbre a 40. Secondo i genitori, a causare i malesseri è stata la somministrazione del vaccino «Mprv» (morbillo-parotite-rosolia-varicella) e di quello contro l’epatite A. Fortunatamente il piccolo ora sta bene ed è tornato a casa. Le convulsioni e la febbre sono arrivate dopo otto giorni dalla somministrazione. Il padre del bambino contesta le modalità di vaccinazione: «Secondo le linee guida dell’Aifa – afferma – se al vaccino morbillo-parotite- rosolia si combina quello per la varicella, si aumenta il rischio di convulsioni febbrili. Perché queste linee guida non sono state seguite?

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

TAURISANO. Taurisano nella morsa degli incendiari. E tra i cittadini cresce la preoccupazione. In appena due settimane, tre roghi hanno distrutto il parco mezzi di un’azienda, una pizzeria e due auto. L’ultimo episodio in ordine di tempo risale a pochi giorni fa: qualcuno, dopo aver oscurato gli obiettivi delle telecamere installate nella zona, è entrato nella «Pizzeria del Castello», accanto al palazzo ducale sede del municipio. Ha cosparso l’ambiente di liquido infiammabile e l’ha dato alle fiamme. Il rogo ha danneggiato gravemente la prima stanza, distruggendo anche l’impianto di videosorveglianza e gli infissi.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

piazza taurisanoTAURISANO. «Da sindaco e assessore dichiarazioni diametralmente opposte». Il consigliere di minoranza Francesco Damiano risponde all’assessore alle politiche giovanili Fabrizio Preite sulla polemica scoppiata dopo l’avvio dell’iniziativa «Coloriamo la città». Damiano aveva accusato la maggioranza di non aver ottenuto tutti i pareri necessari per la realizzazione dei murales previsti dal progetto. L’assessore, in risposta, aveva parlato di «polemiche sterili, inutili e a tratti offensive». Dopo qualche giorno, poi, il sindaco aveva comunicato a Damiano di aver sospeso la realizzazione di uno dei murales. «Chi ha il dovere di rappresentare l’istituzione comunale – si chiede Damiano – si informa adeguatamente prima di rilasciare dichiarazioni a vanvera? Ci si confronta in giunta sulle questioni per evitare di cadere nell’inopportuna improvvisazione?». L’augurio del consigliere è che «questo ennesimo pasticcio faccia capire alla maggioranza che i tempi del “praticantato” sono ormai abbondantemente scaduti e che la città si trova oggi più che mai in totale stasi». Sulla questione è intervenuto, nell’ultimo consiglio comunale, il primo cittadino: «Nessuna contraddizione», ha assicurato: «Nella delibera non era stato chiesto il parere di tipo urbanistico. Ho risposto ringraziando il consigliere Damiano per aver focalizzato la questione. Mi sono assunto la responsabilità e ho tranquillamente affermato che avremmo provveduto».

spiaggia ugentoUGENTO. Gli imprenditori balneari investono, gli stabilimenti si rinnovano e anche quest’anno sono pronti ad accogliere i turisti che sceglieranno Ugento e le sue marine. «Le strutture balneari – afferma Angelo Minenna di Cna Balneatori – cercheranno già da maggio di fornire ogni servizio. Alcune hanno rinnovato gli arredi e arricchito i loro servizi. Tutte stanno lavorando per garantire al meglio la sicurezza attraverso corsi specifici. Contestualmente, tra maggio e giugno ci sarà una giornata dedicata alla pulizia dei fondali, organizzata da Cna Balneatori. Naturalmente, auspichiamo di lavorare in sinergia con il Comune e con la Capitaneria di porto perché le nostre spiagge restino meta preferita di vacanzieri e famiglie e affinché l’offerta non sia limitata ai 40 giorni estivi». Parla di «altissima qualità dei servizi», poi, Mauro Della Valle, responsabile di Federbalneari Salento: «I turisti scelgono Ugento – spiega – perché è una località che ha saputo fare del turismo sostenibile il suo punto forte. È un luogo per le famiglie e per chi ama stare a contatto con la natura. Gli imprenditori sono sempre all’avanguardia, molte strutture anche quest’anno hanno investito per migliorarsi». Per Della Valle, però, c’è anche un aspetto preoccupante: «L’erosione costiera, che in alcuni tratti pregiudica l’offerta turistica, specialmente nella zona più a sud.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

piazza taurisanoTAURISANO. È scontro sui murales. Nei giorni scorsi la giunta del sindaco Raffaele Stasi ha promosso la manifestazione «Coloriamo la città», finalizzata a valorizzare le capacità artistiche giovanili con la realizzazione di murales sul muro esterno del teatro-tenda, sulla facciata interna del centro minori «Ileana Ciurlia», sul muro degli spogliatoi del campo sportivo, sulla facciata del centro anziani e sulla facciata dell’ex casa del custode dell’edificio Vanini. Le iscrizioni scadranno il 31 maggio. Tutti i dettagli sono sul sito del Comune. L’iniziativa ha suscitato le perplessità del consigliere dei «Democratici per Taurisano» Francesco Damiano. L’esponente della minoranza, infatti, ha chiesto al sindaco di ritirare la delibera e di sospenderne gli effetti. «Non compare – afferma Damiano – alcun riferimento e alcun parere tecnico sulla compatibilità dei lavori da realizzare, considerato che alcune superfici fanno parte di immobili comunali sui quali sono presenti importanti vincoli». Per altre superfici individuate, continua, «non appare assolutamente chiaro l’indirizzo della giunta, non essendo allegato alla delibera alcun prospetto o planimetria dei luoghi individuati».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Voce al Direttore

by -
Ci siamo. Puntuale come ogni anno, il balletto delle cifre è qui tra noi: quanti ne mancano all’appello? “Almeno il 40%”. “Macché! Siamo al...