Home Authors Posts by Mauro Stefano

Mauro Stefano

435 POSTS 0 COMMENTS

Gallipoli – Nardò – Galatone – Nomi sempre d’eccellenza nel cartellone 2018 del Salento book festival. Gino Castaldo e Serena Dandini sono i protagonisti dei prossimi due incontri della manifestazione culturale itinerante organizzata dall’associazione Festival nazionale del libro, presieduta da Gianpiero Pisanello, tra Gallipoli, Galatone, Nardò, Galatina e Corigliano d’Otranto.

Chiara Galiazzo ed il “viaggio” di Gino Castaldo Venerdì 22 giugno a Galatina, alle 20.30 in piazzetta Orsini (nei pressi della basilica di Santa Caterina), il direttore artistico del festival Luca Bianchini incontra il critico che nel suo ultimo “Il romanzo della canzone italiana” (Einaudi) passa in rassegna l’evoluzione, i personaggi e le tendenze musicali dagli anni ’50 ad oggi: dal “Volare” di Modugno sino ai cantatori come De Andrè, Guccini e Battisti. A trasformare in note il viaggio raccontato da Castaldo, nel corso della serata ci sarà la partecipazione straordinaria della cantante Chiara Galiazzo accompagnata dal musicista Gianluca Longo. L’incontro è preceduto dal laboratorio di lettura e teatro “Tuttaunaltrastoria”, per i piccoli dai 5 agli 11 anni, a  cura di Zeromeccanico teatro con Francesco Cortese e Ottavia Perrone (partecipazione gratuita, prenotazioni al numero 348/3819266).

Serena Dandini al Marchesale di Galatone Sabato 23 giugno il festival itinerante si sposta a Galatone per la serata con Serena Dandini, alle 20.30 nell’atrio di Palazzo Marchesale. “Il catalogo delle donne valorose” (Mondadori) è il volume che vede per protagoniste le vite di 34 donne “intraprendenti, controcorrente, spesso perseguitate,a  volte incomprese ma forti e generose”. Tra le pagine scorrono le storie della giornalista Ilaria Alpi, di Kathrine Switzer, la prima donna a correre la maratona di Boston, fino a Betty Boop, donnina di carta “che ha dovuto subire una censura per via della propria esuberanza. Ad ognuna di loro, la Dandini (intervistata sempre da Luca Bianchini) affianca altrettante rose create per loro da “lungimiranti vivaisti”.

Il Salento book festival a Gallipoli La tappa La manifestazione organizzata dall’associazione culturale  torna a Gallipoli domenica 24 per l’incontro con Giacomo Mazzariol ed il suo “Mio fratello rincorre i dinosauri” (Einaudi), romanzo di formazione con il quale il giovanissimo autore racconta, con un’intensità “disinvolta”, la storia del fratello affetto dalla Sindrome di Down: l’appuntamento è alle 20.30 nell’atrio della cattedrale.

Albano Carrisi a Nardò Lunedì 25 giugno tappa a Nardò con un intenso programma in piazza Salandra: alle 18.30  il laboratorio creativo per ragazzi “L’invenzione che ho inventato” con Alice Montagnini e Rebecca Serchi. Alle 20 l’incontro (moderato da Azzurra De Razza) sul tema “La lettura accessibile a tutti, il modello InBook” con Luisa Carretti, Patrizia Frassanito, elvisa Zaccagnino, Luca Errani e Gianna Rosato. Alle 21.30 sarà Marino Bartoletti a presentare “Bartoletti così ha sfidato facebook”. Il giorno seguente, alle 20.30, l’atteso protagonista in piazza Salandra sarà Albano Carrisi insieme al suo libro “madre mia. L’origine del mio mondo”.

Parabita – “#IncludiamolaDisabilità…nello sport” è l’iniziativa promossa venerdì 22 giugno, alle ore 19, presso il centro sportivo Heffort Sport Village di Parabita. Protagonisti della partita di calcetto a squadre miste saranno i ragazzi ​dell’Academy Insuperabili dell’asd Soccer Dream scuola calcio 2000. L’iniziativa è promossa dalla sezione di Casarano della Fidapa presieduta da Anna Maria Tunno, presente all’incontro insieme a Davide Leonardi, presidente degli “insuperabili”, e a Tommaso Sabato, presidente della Soccer Dream. Interverranno  Fiammetta Perrone, della segreteria nazionale Fidapa Bpw-Italy e Maria Nuccio, segretaria per il distretto sud-est dell’organizzazione non governativa che, solo in Italia conta 300 sezioni. Testimonial della manifestazione, introdotta dalla giornalista Valeria Coi, saranno i calciatori Javier Chevanton e Pasquale Bruno.  «Fidapa Casarano ha condiviso pienamente lo spirito del progetto “Insuperabili” che è quello di far vivere ai dilettanti esperienze da professionisti», afferma la presidente Tunno ricordando l’impegno della locale sezione Fidapa nell’inclusione del disabile nel mondo sociale e lavorativo sia con il  corso sperimentale “Coro mani bianche” svoltosi nel biennio 2013/2015 sia con il meeting che nel biennio 2015-17 ha coinvolto sul tema importanti istituzioni e realtà associative del territorio salentino.

Casarano – I purosangue tornano a sfidarsi sulla pista dell’ippodromo Euroitalia di Casarano. La struttura sita sulla via per Collepasso (nei pressi della zona industriale) si ripresenta agli appassionati di trotto mercoledì 20 giugno, alle ore 15, con sette corse sulla distanza del miglio e del doppio chilometro. Dopo aver riottenuto il pass dal ministero, già lo scorso 6 giugno l’ippodromo gestito dalla Euroitalia srl dei fratelli De Luca ha riaperto per le prime gare della stagione: altre date saranno quelle del 3 e 20 luglio (alle 19) mentre quattro saranno gli appuntamenti ad agosto. Per il pubblico c’è la possibilità di assistere alle gare e di scommettere sul campo e sul circuito Betflag. Vista la crisi del settore, per l’ippodromo casaranese si tratta di una vera e propria sfida. I responsabili della struttura puntano, tra l’altro, ad ottenere una fascia di classificazione superiore per poter ospitare gare ancora più importanti. Per ora, alla luce delle alterne fortune degli ippodromi di Castelluccio nel foggiano e di Taranto, quella di Casarano rimane una struttura di riferimento non solo per la Puglia ma per larga parte del Sud Italia.

 

Tiggiano – “Ho imparato dalla formiche. Il sogni di pace di un afghano in Italia” è il libro di Khalid Kakar che verrà presentato venerdì 15 giugno, alle ore 20, presso la sala conferenze del palazzo baronale di Tiggiano. Il volume (edizioni Esperidi) narra la vita dello stesso autore, giovane ingegnere proveniente da Logar, in Afghanistan, e rifugiatosi in Italia nel 2010 perchè perseguitato dal regime talebano per aver collaborato con la Nato. Con la sua famiglia (moglie e tre figli), Kakar ha poi trovato una nuova vita nel Salento: il suo primo approdo è stato Tiggiano e ora risiede a Casarano. Il suo libro vuole essere una “speciale missione di pace” con la quale ripercorrere la sua vita da bambino, trascorsa tra le bombe e la paura, e da giovane uomo in fuga, desideroso di rifarsi una vita e costruire un futuro.

La serata di presentazione, alla presenza dello stesso autore  e della giornalista Ilaria Lia (di Presicce) che ha curato il volume, è organizzata dalla parrocchia Sant’Ippazio, dal Comune di Tiggiano e dalle Edizioni Esperidi. Al saluto del sindaco Ippazio Morciano, del parroco don Lucio Ciardo e della docente dell’UniSalento Maurizia Pierri, seguiranno gli interventi del vescovo della diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca Vito Angiuli, del presidente della Provincia Antonio Gabellone, dei docenti dell’Università del Salento Attilio Pisanò (di Casarano) e Daniele De Luca e dell’editore Claudio Martino.

Casarano – “Casaranello e il suo mosaico: Per aspera ad astra” è il volume dello storico Francesco Danieli che verrà presentato , sabato 16 giugno alle ore 19, presso la libreria Dante Alighieri di Casarano. All’appuntamento  interverrà Alessandro De Marco, presidente di Archeo Casarano, che introdurrà i due relatori, ovvero l’autore (di Galatone) ed il giornalista Alberto Nutricati. Per l’occasione verranno anche premiati i vincitori del concorso letterario “Scrivi su Casaranello” bandito da ArcheoCasarano per valorizzare la storica chiesetta ed i suoi preziosi affreschi e mosaici. Il concorso, riservato agli studenti dai 16 ai 20 anni iscritti alle scuole superiori della provincia di Lecce, è stato vinto dalla 17enne di Casarano Chiara De Matteis con un’opera dal titolo “L’immortalità di uno sguardo”.

Il progetto Touch Casaranello Lo studio di Danieli (edizioni Esperidi) è dedicato alla Chiesa di Santa Maria della Croce, nota anche come chiesa di Casaranello, ed è il frutto editoriale del progetto Touch Casaranello che mira alla valorizzazione del monumento, ritenuto tra i più antichi e interessanti della Puglia, al fine di inserirlo a pieno titolo nei circuiti turistici. Di assoluto prestigio il curriculum dell’autore, storico e iconologo di fama internazionale, che ha all’attivo centinaia di saggi per riviste cartacee e telematiche nonché decine di pubblicazioni monografiche a carattere storico, artistico e antropologico-culturale. Il volume “Per aspera ad astra”, già presentato nella stessa chiesetta di Casaranello il 25 marzo ed al  Castello de’ Monti di Corigliano d’Otranto il 25 maggio, proseguirà il 7 luglio ad Ugento.

L’attenzione del National Geographic Intanto anche il sito italiano del National Geographic ha proposto, nei giorni scorsi, un articolo l’antichissimo edificio di culto di Casarano (“uno dei capolavori dell’arte paleocristiana e bizantina”), presentando la monografia con la quale Danieli, propone un’interpretazione originale dei mosaici di Casaranello, sulla base di confronti con altri importanti edifici a Cipro e in Turchia, ma anche attingendo alla letteratura e alla filosofia ebraica, greca e cristiana.

Galatone – L’ex ministro ai Beni culturali Dario Franceschini è il protagonista di giornata del Salento book festival, la “festa dei libri” promossa nell’ambito dell’ottava edizione del Festival nazionale del libro, manifestazione itinerante tra Gallipoli, Nardò, Corigliano, Galatina e Galatone. “Disadorna e altre storie” (edizioni La nave di Teseo) è il titolo dell’ultimo libro del politico e scrittore nato a Ferrara che verrà presentato stasera, giovedì 14 giugno, alle 20.30 nell’atrio del palazzo Marchesale (in caso di maltempo l’evento si sposta nel teatro comunale). Ad incontrare l’autore sarà Fernando D’Aprile, direttore di Piazzasalento.

Gianluigi Paragone a Nardò L’ottava edizione della manifestazione culturale, “figlia” dell’impegno portato avanti nel corso degli anni dall’associazione  Festival nazionale del libro presieduta da Gianpiero Pisanello (di Tuglie), torna venerdì 15, alle 21.30, in piazza Salandra a Nardò (in caso di maltempo nella sala conferenza del chiostro dei Carmelitani) per l’incontro con Gianluigi Paragone. L’ex conduttore della trasmissione della La7 “La Gabbia”, oggi senatore del Movimento 5 Stelle, insieme a Lara Napoli presenterà il libro “Noi no!” (Piemme) in cui racconta, dal suo punto di vista, il valore della ribellione. prima dell’incontro con Paragone, Annalaura Giannelli (autrice originaria di Parabita) insieme a Luigi Grasso presenterà i libri “Di terra e d’anima”, vincitore del premio Progresso e cultura” Provincia di Bari 2014, e “La figlia del destino”, entrambi pubblicati da Adda editore.

Luca Bianchini incontra Luciana Littizzetto La rassegna, quest’anno affidata alla direzione artistica di Luca Bianchini (conduttore degli eventi programmati dal 18 e il 24 giugno) propone in un mese e mezzo, fino al 22 luglio, oltre 60 appuntamenti con oltre 70 tra autori e artisti: il primo incontro insieme a Bianchini sarà quello con Luciana Littizzetto, lunedì 18 in piazza Salandra a Nardò.

Casarano – Primo soccorso più veloce ed efficace anche per i non udenti grazie alla “App118Sordi”. Si tratta di una soluzione tecnologica che permette ai cittadini sordi e a quanti hanno difficoltà ad interloquire verbalmente di accedere, in totale autonomia, al servizio 118 della Regione Puglia, fino ad oggi accessibile solo mediante chiamata telefonica al numero dell’emergenza 118. La novità a carattere nazionale è stata presentata questa mattina presso la sala stampa della presidenza della Regione Puglia, alla presenza del governatore Emiliano e del direttore del Servizio emergenza urgenza sociale 118 della Asl Lecce Maurizio Scardia. Ad illustrare i dettagli dell’innovazione è stata Simona Monastero (di Casarano), medico della centrale operativa del 118 di Lecce che ha seguito lo sviluppo del progetto. «Siamo partiti– ha spiegato la dottoressa –  dallo studio delle problematiche delle persone con deficit comunicativo e dall’obiettivo di ottimizzare e garantire una reale, etica ed efficiente integrazione di un’utenza con difficoltà di accesso ai sistema dell’emergenza». La novità (sviluppata grazie al supporto informativo e tecnologico di Innova Puglia e di ised, che gestisce il sistema informativo e delle centrali operative regionali) è stata ovviamente salutata con entusiasmo dal presidente dell’ente nazionale sordi della Puglia Nicola Dentamaro e dal suo omologo della provincia di Lecce Martino D’Amico.

Come funziona la App Quello che è un diritto di chiunque per comunicare con il Sistema d’emergenza ha trovato  soluzione con la App che permette di interagire a vari livelli con l’utente. Già nella fase di registrazione, infatti,  la App ha la possibilità di acquisire dall’utente – con un taglio esclusivamente medico – oltre ai dati anagrafici anche e soprattutto elementi relativi ad allergie, assunzione di determinati farmaci, pregressi interventi chirurgici, patologie note di una certa rilevanza, gruppo sanguigno e altro che, da li a breve, risulteranno importantissimi nella gestione del soccorso. «Si va da un migliore inquadramento del paziente – ha chiarito la dottoressa Monastero – da parte dell’operatore di centrale, all’invio in tempi minori del mezzo più idoneo, ma anche alla possibilità da parte del medico del 118 di esprimere un più accurato sospetto diagnostico, di somministrare farmaci che non possano nuocere al paziente, in considerazione delle eventuali allergie già note nel profilo, ed infine di poter inviare il paziente all’ospedale più idoneo e più vicino in tempi ridotti». A ridurre i tempi di intervento c’è anche la possibilità di acquisire informazioni, da parte dell’infermiere di centrale, già durante l’intervista telefonica tramite chat in risposta a domande preconfezionate (o prevaricate) e già rielaborate con un linguaggio scarno e semplice. In più è prevista anche la possibilità di video-tutorial per apprendere rapidamente efficaci e semplici manovre salva-vita.

Poggiardo – Inaugurazione, venerdì 8 giugno alle ore 11.30, del nuovo centro di Senologia del Distretto sociosanitario di Poggiardo. La struttura è allestita presso il Presidio territoriale assistenziale (ex ospedale “Pispico”) e sarà attiva sia con sedute di screening mammografico che con sedute di senologia clinica, grazie all’utilizzo del mammografo di ultima generazione Senographe Pristina 3D (GE), che permette l’opzione della Tomosintesi digitale della mammella. Tale piattaforma permette un “estremo contenimento” della dose di radiazioni, grazie ad un’eccellente visibilità delle lesioni mammarie rispetto a una tradizionale acquisizione mammografica 2D, e permette anche una “nuova esperienza di compressione della mammella”, che consente di alleviare l’ansia e di mettere a proprio agio le pazienti durante l’esame. Oltre ad alleviare lo “stress da esame”, “questa tecnologia  risponde anche alle esigenze dei tecnici, facilitandone il lavoro, e dei radiologi, essendo in grado di ottimizzare il processo diagnostico”, come fa sapere la direzione generale della Asl.

La cerimonia di inaugurazione Alla cerimonia inaugurale interverranno il direttore generale della Asl di Lecce Ottavio Narracci, i medici di Medicina generale, la referente del tavolo tematico di Senologia,  Rita Tarantino, il responsabile dello screening aziendale Daniele Sergi e i sindaci dei Comuni del Distretto (con Poggiardo anche Andrano, Botrugno, Castro, Diso, Giuggianello, Minervino, Nociglia, Ortelle, San Cassiano, Sanarica, Santa Cesarea Terme, Spongano, Surano e Uggiano La Chiesa).

Già avviato lo “screening mammografico” Il servizio di screening mammografico, già avviato il 5 marzo scorso, è rivolto a donne tra i  50 e i 69 anni e si svolge nei giorni di lunedì e mercoledì e, per approfondimenti diagnostici mammografici ed ecografici, il mercoledì, venerdì e sabato. Per ogni seduta sono previste circa 25 pazienti che, prima di eseguire l’esame, compilano una scheda anamnestica e lasciano in consegna eventuali esami precedenti. Le mammografie vengono successivamente visionate (in doppio cieco), da 2 medici radiologi, i quali,  se ritengono necessario completare l’esame con ecografia mammaria o con un approfondimento radiografico mirato, contatteranno personalmente la paziente. Le sedute di senologia clinica si svolgono nelle giornate di martedì e giovedì e coinvolgono le pazienti di fascia d’età non compresa nello screening o quelle che hanno richieste prioritarie (con urgenza U o B), per un esame mammografico e di ecografia mammaria.

 

Melpignano – Sprint al ritmo della taranta per la 51^ edizione del Rally del Salento in programma venerdì 1 e sabato 2 giugno. Sabato sera, infatti, dopo la cerimonia d’arrivo nel piazzale dell’ex convento degli Agostiniani, Melpignano ospiterà il Concerto dell’orchestra popolare della Notte della Taranta a suggellare la collaborazione tra i due importanti eventi. Ma il paese della Grecìa salentina sarà pure teatro della nuova prova spettacolo d’apertura denominata “La Taranta”, in programma nella serata di venerdì 1 giugno, sempre nei pressi dell’ex convento. La manifestazione, organizzata dall’Automobile Club di Lecce con il supporto di Acisport, Automobile Club d’Italia e Scuderia piloti salentini, è valida quale seconda prova del Campionato italiano Wrc, nonché con lo stesso tracciato, come appuntamento d’apertura della Coppa Italia quarta zona  e come terzo atto del Campionato regionale a coefficiente 1,5.

Rally moderno, storico e raduno Tre le manifestazioni concomitanti: oltre alla gara tradizionale riservata alle auto moderne ci sarà anche il primo rally storico del Salento, con auto che hanno fatto la storia di rally nazionali e internazionali, e la seconda edizione del raduno storico del Salento, manifestazione non competitiva, per vetture di particolare interesse storico e collezionistico. I concorrenti iscritti al rally storico condivideranno con il rally “maggiore” le prime sette prove speciali (non effettueranno l’ultima tornata di prove del sabato). Mentre i partecipanti al raduno affronteranno un percorso che prevede un itinerario diverso con transiti e soste nei comuni di Sternatia e Soleto con all’arrivo, l’abbinamento delle vetture, alle modelle vestite in abiti d’epoca dello stilista Pino Cordella per l’attribuzione del Premio Eleganza.

Gli eventi in programma Melpignano sarà completamente coinvolta dall’evento ospitando il quartier generale, le verifiche sportive e tecniche  presso l’ex convento degli Agostiniani, la pedana di partenza in piazza San Giorgio, la cerimonia d’arrivo nel piazzale antistante l’ex convento (luogo deputato ad ospitare anche il Villaggio rally), i riordinamenti a Palazzo Castriota e il Parco assistenza presso la Zona industriale. Dopo la prova spettacolo d’apertura, la sezione  cronometrata del percorso sarà poi completata nella giornata di sabato con la triplice ripetizione delle prove, già affrontate lo scorso anno, di Martignano, Santa Cesarea e Specchia. Nuovo tracciato anche per il test collettivo pre-gara, lo ”shakedown”, che si svolgerà  tra la tarda mattinata e il primo pomeriggio di venerdì 1 giugno lungo le arterie rurali di Contrada Padulaci a Soleto.

Casarano la fa da padrone Grandi i numeri della manifestazione Sono ben 115 le vetture ai nastri di partenza, di cui 83 nel rally moderno, 7 in quello storico e 25 nel raduno. Casarano è il comune con il maggior numero di partecipanti: sono ben 17, tra Fernando Primiceri, Mauro Santantonio, Massimo De Rosa, Giuseppe Albano, Fernando Sorano, Geremia Parrotto, Guglielmo De Nuzzo, Emanuele Martina, Danilo Memmi, Rodolfo Lucrezio, Luigi Mastrogiovanni, Michele Serafini, Emanuele Guida, Matteo Carra, Antonio Faiulo, Gabriele Sorrone, Daniele Ferilli). Seguono Lecce con 11, Ruffano con 5 (il favorito Francesco Rizzello, Pasquale Fiorito, Antonio Passaseo, Luca Falcone, Donato Parrotto), Tricase 4 (Antonio Forte, Fernando Monteduro, Gianluca Stefanelli, Antonio Russo), Corsano (Gianluca Lecci, Mauro Longo e Davide Romano), Maglie (Giorgia Ascalone, Vincenzo Forte, Giovanni De Giuseppe) e Scorrano (Santo Siciliano, Francesco Giangreco, Rocco Armando Leone) 3, Lizzanello, Spongano (Luca Leone, Salvatore Casarano) e Salve 2 (i fratelli Luca e Nicola Negro). Tra i paesi con un solo rappresentante troviamo Acquarica del Capo (Maurizio Iacobelli), Alessano (Davide Rizzo), Ugento (Gabriele Ciullo), Morciano di Leuca (Gianmarco Manco), Specchia (Riccardo Indino) e Parabita (Paolo Garzia), Sanarica (Lorenzo Filoni).

 

Gallipoli – “Chi paga per i miei lavoretti? Le disuguaglianze del lavoro” è il tema dell’incontro formativo promosso dalla Cgil Lecce con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Gallipoli. Alle 17.30 presso la biblioteca Sant’Angelo (nel centro storico di Gallipoli) saranno approfonditi i temi legati alla cosiddetta “Gig economy”, ovvero l’economia dei “lavoretti” e delle “piattaforme” imposta come nuovo modello di consumo e di lavoro dai giganti del web 2.0. All’evento, moderato dal giornalista Vincenzo Maruccio e utile anche per la formazione continua dei giornalisti, intervengono Maria Grazia Gabrielli, segretaria Filcams-Cgil, Barbara Covili, amministratrice delegata di Mytaxi Italia e Riccardo Staglianò, giornalista di Repubblica e autore del libro “Lavoretti” sulla Gig economy.

«L’iniziativa – afferma Valentina Fragassi, segretaria Cgil Lecce – si colloca nell’ambito del percorso “Aspettando le Giornate del lavoro” in vista del grande evento programmato a Lecce dal 13 al 16 settembre. La Cgil non è contraria alla tecnologia ma è impegnata da tempo nell’individuazione di nuovi modelli di contrattazione e di codeterminazione che siano al passo con i tempi. Dietro molti dei servizi dell’e-commerce esiste un immenso e globale sottobosco di sfruttamento, negazione dei diritti ed elusione fiscale. Un sistema che ci fa risparmiare oggi, come consumatori, ma che come cittadini rimpiangeremo domani per le conseguenze che avrà sul welfare».

Gallipoli – Bontà (ed aziende) salentine ancora una volta in vetrina su Rai 1 nel programma “Buona a sapersi” condotto da Elisa Isoardi. Questa mattina le telecamere della nota trasmissione dedicata alla salute e all’alimentazione hanno illustrato le qualità delle melanzane con l’inviato Ivan Bacchi in collegamento diretto dall’azienda “Natura Salentina” di Gallipoli. Sono stati Dario e Alessandro Manzo (padre e figlio, di Taviano) a spiegare i segreti della coltivazione del prodotto  ortofrutticolo così come le modalità di commercializzazione. Non è mancato il momento culinario con la presentazione della ricetta light, ovvero le melanzane con latte e origano cotte al forno senza uova. L’azienda “Natura Salentina” si trova nel territorio di Gallipoli, in località Li Foggi, ed ha raccolto l’eredità della precedente azienda, condotta dagli stessi imprenditori originari di Taviano, che già negli anni ’70 iniziò a coltivare fiori per poi “convertirsi”, dopo la crisi del settore, su ortaggi, erbe aromatiche e primizie.

Questa appena iniziata è l’ultima settimana della programmazione stagionale di “Buono a sapersi” che ha visitato il Salento quattro volte, tra a Gallipoli e Torre Suda (Racale) per la coltivazione della spigola con Reho Mare, presso l’azienda “Pralina” di Melpignano per parlare di piselli e nella masseria Le Stanzie di Supersano.

Gallipoli – Nuovo appuntamento con il Salento per il programma di Rai Uno “Buono a sapersi” condotto da Elisa Isoardi. Lunedì 28 maggio, a partire dalle 11.05, la nota trasmissione dedicata alla salute e all’alimentazione illustrerà le qualità delle melanzane con l’inviato Ivan Bacchi in collegamento diretto dall’azienda “Natura Salentina” di Gallipoli. «Coltiviamo prodotti ortofrutticoli ma la nostra storia inizia negli anni ’70 con la produzione dei fiori. È stata la crisi del settore, negli anni 2007-08, a farci orientare su ortaggi, erbe aromatiche e primizie», fa sapere Alessandro Manzo che conduce l’azienda insieme al padre Dario. I due sono, infatti, di Taviano, storica piazza del mercato floricolo, mentre l’azienda si trova nel territorio di Gallipoli, in località Li Foggi. “Buono a sapersi” li ha contattati perché questo è il periodo giusto per la raccolta delle melanzane (“in realtà già da marzo”). Nel corso del collegamento verrà mostrata la fase della coltivazione e della raccolta in serra e del controllo qualità in magazzino e non mancherà la preparazione di alcuni piatti tipici a base di melanzane realizzati per l’occasione.

La scaletta del programma La scaletta del programma darà, poi, spazio all’agronomo Marco Valerio Del Grosso che illustrerà le principali varietà di melanzane spiegandone le caratteristiche e gli usi in cucina, all’esperta di sicurezza nutrizionale Stefania Papa che ne descriverà le proprietà benefiche, consigliando le cotture e gli abbinamenti più salutari. Sarà poi il direttore di Oncologia del Policlinico Umberto I di Roma a spiegare come le melanzane (soprattutto la buccia) possa tornare utile per la prevenzione del tumore allo stomaco. Toccherà poi al maestro di cucina Fabio Tacchella illustrare la preparazione di tre varianti delle melanzane ripiene mentre il collega Guerrino Maculam proporrà i gustosi involtini di melanzane. Alla fine tradizionale “borsino” della spesa”, con le quotazioni di “Mr. Prezzo”, Claudio Guerrini direttamente dai banchi del “mercato delle erbe” di Bologna.

“Buono a sapersi” di casa nel Salento Il programma condotto dalla Isoardi ha visitato di recente la Masseria Le Stanzie di Supersano, l’azienda “Pr.ali.na” di Melpignano (per parlare di piselli) e, lo scorso 14 dicembre, l’azienda “Reho mare” per la coltivazione della spigola a Torre Suda (Racale) e per le fasi di produzione a Gallipoli.

 

Casarano – Gli alunni del Polo 3 di Casarano diventano “piccoli legislatori” ed il Senato li premia. Una “Menzione speciale” è, infatti, andata agli studenti delle quinte classi dell’Istituto comprensivo “Galileo Galilei” nell’ambito del bando “Vorrei una legge che…”. Le quinte classi della scuola diretta da Rita Augusta Primiceri hanno elaborato la proposta di legge dal titolo “Vorrei una legge che…tuteli il Salento, porta d’Oriente” ritenuta meritevole dalla commissione di valutazione che ha particolarmente apprezzato l’elaborato prodotto esprimendo “i più sentiti complimenti per l’entusiasmo e l’impegno con cui i ragazzi, attentamene indirizzati dagli insegnanti, hanno seguito questo percorso formativo, volto a far cogliere ai più giovani l’importanza delle leggi e del confronto democratico”. Il riconoscimento è giunto direttamente dal capo dell’ufficio comunicazione istituzionale del Senato e venerdì 25 maggio una delegazione di senatori salentini ha visitato la preso parte alla cerimonia di premiazione svoltasi nell’auditorium comunale.

I senatori presenti Erano presenti i parlamentari Roberto Marti, Teresa Bellanova e Patty L’Abbate insieme ad una delegazione di funzionari del Senato composta dai dottori Gino Abodi, Michela Fonte ed  Emanuela Fratini. Presenti anche il sindaco Gianni Stefàno, l’ex parlamentare Rosario Giorgio Costa ed il capo gabinetto della Provincia di Lecce Antonio Del Vino. «È stato un giorno speciale e di grande valenza formativa non solo per il nostro Istituto comprensivo ma per tutta la città di Casarano. I componenti della delegazione e le autorità presenti – afferma la dirigente Primiceri – hanno espresso parole di profondo apprezzamento per la presentazione del disegno di legge da parte dei piccoli legislatori, ritenendolo un’autentica dichiarazione d’amore per la propria terra».

Muro Leccese – “Al di là di ciò che vedi” è il volume di Alessandro Astore (nella foto) che viene presentato lunedì 28 maggio alle ore 20 a Muro Leccese. L’appuntamento, organizzato dalla locale Amministrazione comunale, è a Palazzo del Principe in piazza del Popolo. Nel suo volume (Maggioli editore), l’autore di Casarano (dottore in ingegneria civile), forte dei suoi studi condotti anche in Cina, si sofferma sull’analisi delle strutture in legno ad incastro in Cina e Giappone e sulla loro particolare resistenza ai terremoti. «Nell’immaginario collettivo il legno è considerato un materiale “debole”, ma ha una resistenza a trazione e compressione di gran lunga superiore all’acciaio ed al calcestruzzo», afferma l’autore nel rilanciare anche in Italia tale tecnica costruttiva, ad incastro e senza l’utilizzo di chiodi o colle.

Corigliano d’Otranto – Casaranello e i suoi mosaici protagonisti, venerdì 25 maggio alle ore 19, presso il Castello de’ Monti di  Corigliano d’Otranto. Nell’ambito della programmazione degli eventi del “Castello volante”, l’associazione Archeo Casarano “Origini e futuro” presenta il libro “Casaranello e il suo mosaico: per aspera ad astra” dello storico Francesco Danieli (di Galatone). All’appuntamento (ingresso gratuito) interverrà Alessandro De Marco, presidente di Archeo Casarano, che introdurrà il dialogo tra l’autore della monografia e Ada Fiore, docente di storia e filosofia presso il liceo classico “Capece” di Maglie. A seguire spazio al concerto della band indie-rock Daltonic Blue e all’aperitivo, con degustazione gratuita di prodotti a km0, a cura del “Birrificio Artigianale Casaranese”.

Lo studio di Francesco Danieli Il volume (edizioni Esperidi) è dedicato alla Chiesa di Santa Maria della Croce di Casarano, nota anche come chiesa di Casaranello, ed è il frutto editoriale del progetto Touch Casaranello che mira alla valorizzazione del monumento, ritenuto tra i più antichi e interessanti della Puglia, al fine di inserirlo a pieno titolo nei circuiti turistici. Di assoluto prestigio il curriculum dell’autore, storico e iconologo di fama internazionale, che ha all’attivo centinaia di saggi per riviste cartacee e telematiche nonché decine di pubblicazioni monografiche a carattere storico, artistico e antropologico-culturale.

Archeo Casarano Il progetto Touch Casaranello, guidato dall’associazione culturale Archeo Casarano e condotto in collaborazione con l’associazione Domus Dei e il Comune di Casarano, è assegnatario dell’avviso “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento della gioventù e del Servizio civile nazionale.

Casarano – “Fare innovazione Salento – Progetti e strumenti per lo sviluppo delle imprese nell’era 4.0” è il tema del convegno sull’innovazione organizzato dal Politecnico del Made in Italy giovedì 24 maggio a Casarano. A partire dalle 14.30, nell’ex – Cisi della zona industriale, tecnici ed esperti dell’Agenzia di sviluppo Mendelsohn, del Politecnico del Made in Italy e di Siemens, tre realtà storicamente impegnate nel settore dello sviluppo e dell’innovazione delle imprese, incontreranno gli imprenditori locali interessati ai temi della digitalizzazione dei processi produttivi ed agli strumenti messi a disposizione dal Piano nazionale Industria 4.0. Si parlerà, dunque, di “iper-ammortamento”, credito di imposta ricerca&sviluppo, bonus investimenti Sud, nonché del “Bonus formazione 4.0” uno degli ultimi strumenti approvati. Al termine del convegno (la partecipazione è gratuita ma occorre registrarsi al numero 0833/515230) verrà consegnato il “kit per l’innovazione” con materiale informativo sui temi sviluppati.

Gli ultimi corsi Di recente, intanto, il Politecnico presieduto da Luciano Barbetta (di Nardò) ha consegnato gli attestati di partecipazione per i corsi “Costi, tempi e metodi” rivolti agli addetti dell’industria della moda salentina in collaborazione con l’associazione “Apulia Fashion Makers”. L’obiettivo quello di ottimizzare i processi e migliorare i cicli e la qualità delle produzioni. Il Consorzio per l’alta formazione è, oggi, una piattaforma che conta oltre 30 aziende e rappresenta circa 1.300 addetti per la manifattura ed oltre 2.000 con l’indotto: tra i vari soci anche l’Università del Salento, la Banca Popolare Pugliese, Confindustria lecce e la Provincia di Lecce.

Casarano – In fabbrica per scoprire i segreti di un’impresa di successo. Questo l’obiettivo dell’iniziativa che nei giorni scorsi ha portato il gruppo dei giovani imprenditori di Confindustria a visitare il calzaturificio Leo Shoes di Casarano. Insieme a loro anche gli allievi dell’Istituto tecnico commerciale “Ezio Vanoni” di Nardò e gli studenti del corso di “Technological entrepreneurship” di Ingegneria di UniSalento (tenuto dalla professoressa Giuseppina Passiante), accompagnati dal professor Pasquale Del Vecchio. « Sono davvero soddisfatto del percorso avviato con il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Lecce che ha portato alla conoscenza e alla scoperta di tantissime realtà del nostro territorio, capaci di imporsi sui mercati,  anche internazionali, puntando su una efficiente e puntuale organizzazione, su qualità delle professionalità, sulla perfezione dei manufatti», ha affermato il presidente del Gruppo Alessio Tundo (di Seclì) al termine della visita.

Il rilancio della Leo Shoes La Leo Shoes, azienda presieduta da Antonio Filograna Sergio, è sorta nel 2010 (seguendo le impronte dell’originaria Filanto) rilanciando la produzione calzaturiera “provata” dalla profonda crisi del comparto Tessile abbigliamento e calzaturiero salentino, con la realizzazione di calzature di alta qualità per le più importanti griffe mondiali del settore: in pochi anni l’azienda è cresciuta fino a raggiungere 450 unità e una produzione che nel 2018 viene stimata in 800mila paia di scarpe.  «Obiettivo di questi incontri – conclude Tundo – è imparare da esempi straordinari, acquisire maggiore consapevolezza sulle responsabilità dell’attività imprenditoriale, promuovere lo scambio tra colleghi e favorire occasioni di crescita umana e professionale per i giovani imprenditori e per gli studenti che costituiranno la futura classe dirigente».

A Lecce il prossimo incontro La formula dei Consigli direttivi itineranti continua con la visita di mercoledì 22 maggio a Lecce presso l’istituto De Pace con la visita della costumista Carol Cordella.

Casarano – Grande attesa in città per il concerto della giovane cantautrice Annalisa Scarrone. Il live di una tra le voci femminili più in voga negli ultimi anni sarà sul palco di piazza Indipendenza, addobbata a festa per la celebrazione della patronale di san Giovanni elemosiniere. Si tratta di una delle prime tappe del tour 2018 della savonese che sta presentando il suo ultimo album di inediti “Bye bye”, reduce dal terzo posto nell’ultima edizione del festival di Sanremo con “Il mondo prima di te”.

Questi i varchi per piazza Indipendenza – In considerazione del gran flusso di spettatori attesi, sono state adottate particolari misure per garantire la sicurezza dell’evento (in scaletta per le 21.30):  l’unico ingresso consentito nell’area è quello “fronte-palco” dalla zona dell’obelisco, ovvero da piazza San Giovanni o dalle vie Roma, Dante e San Giuseppe mentre i varchi alle spalle del palco (ovvero piazza San Pietro e via Matino) resteranno chiusi e presidiati dalle forze dell’ordine (sin dalle 17). Altro provvedimento adottato, per gli stessi motivi di sicurezza e ordine pubblico, è quello del divieto di vendita di bevande in bottiglie di vetro, nelle piazze del centro e nell’area del luna park (nella zona industriale) fino ad un raggio di 500 metri di distanza da tali siti.

Fan scatenati Sin da quando il Comitato feste patronali ha reso noto il programma dei festeggiamenti 2018, agli organizzatori sono giunte (anche da fuori provincia) richieste di informazioni sul concerto di Annalisa (nota al grande pubblico anche per la sua affermazione nel talent Amici), anche e soprattutto circa la conferma che il concerto fosse gratuito (il comitato raccoglierà offerte libere). Sul palco casaranese, con Annalisa, ci sarà anche la chitarra di Raffaele Littorio, affermato componente della band originario di Aradeo, insieme ad Andrea Torresani (basso), Donald Renda (batteria) e Fabio Visocchi (tastiere e piano). La cinque giorni di festeggiamenti terminerà martedì 22 maggio con lo spettacolo dei fuochi pirotecnici delle 21.30 in contrada Cormuni (prolungamento di via Solferino, nei pressi della linea ferroviaria).


 

Casarano – Festa nella festa a Casarano dove, proprio nel giorno dedicato al Santo Patrono, giunge la notizia che uno dei più illustri concittadini verrà presto nominato cardinale. E’ stato propio Papa Francesco ad annunciare nel corso dell’Angelus domenicale la convocazione di un concistoro, il prossimo 29 giugno, per la nomina di 14 nuovi cardinali: tra questi ci sarà anche monsignor Angelo De Donatis che lo stesso Bergoglio, giusto un anno fa, nominò quale suo vicario nella diocesi di Roma. La notizia è circolata velocemente in città ed è stata commentata con gioia e commozione da tutti. «Ancora un grande motivo di gioia per la nostra Chiesa e per la nostra comunità», fa sapere il sindaco Gianni Stefàno. Giusto lo scorso 16 ottobre il Consiglio comunale si riunì in seduta straordinaria per conferire la cittadinanza onoraria e per consegnare le chiavi della città al suo illustre concittadino.

Il legame con il Papa Il 9 novembre del 2015 fu sempre Bergoglio a nominare vescovo l’allora don Angelo che ebbe modo di conoscere nel ruolo di predicatore nel corso degli esercizi spirituali per la Quaresima dell’anno prima. Monsignor De Donatis, 64 anni, è nato il 4 gennaio 1954 a Casarano, città alla quale è profondamente legato da vincoli di parentela e di consolidata amicizia e dove non manca di farvi spesso ritorno (spesso per gli esercizi spirituali estivi presso la cripta del Crocifisso). È stato ordinato sacerdote a Casarano il 12 aprile 1980, nella chiesa di San Domenico, ed ha svolto a Roma una lunga serie di incarichi di prestigio, sino alla prossima nomina a cardinale: il primo della storia originario della città.  

 

Casarano – La festa patronale s’allarga e, a Casarano, la tradizionale “tre giorni” di maggio diventa “extra large”. Quest’anno, infatti, i festeggiamenti per San Giovanni elemosiniere conquistano il venerdì ed il martedì, trasformando a tutti gli effetti l’evento in una “cinque giorni”. Tanti gli appuntamenti in cartellone che culmineranno con l’atteso concerto (gratuito) di Annalisa la sera di lunedì 21 promette di far giungere in città il pubblico delle grandi occasioni. Ad aprire le “danze”, nel vero senso della parola, sarà il concerto di musica popolare del gruppo “Compagnia musicante” previsto  venerdì 18 dopo la prima accensione “musicale” delle luminarie in piazza Indipendenza (replica il 19 e 20). Nel corso della stessa  serata, alle ore 20, ci sarà il corteo ufficiale d’apertura della festa (in passato previsto il sabato mattina) dal Palazzo municipale verso il Monumento ai Caduti di piazza Umberto I e, a seguire, verso l’obelisco del Santo. Tra le altre attrazioni proposte dal Comitato feste patronali (Rocco Scorrano è il presidente delegato) anche il cabaret di Dario Cassini (domenica 20) e il rap dei Flaminio Maphia (sabato 19). La festa 2018 si chiude ufficialmente martedì 22 maggio con il doppio spettacolo pirotecnico in programma alle 21.30 in contrada Cormuni (lungo via Solferino).

Gli eventi collaterali Tanti gli eventi collaterali che fanno da contorno alla festa: nel chiostro (dal 19 al 21) ci sarà la mostra fotografica “Farfalle libere” del Collettivo Xima con l’omaggio alle donne “viste” (e scritte) da Alda Merini. domenica alle 20.30 in piazza Indipendenza spazio allo spettacolo di danza dell’associazione sportiva dilettantistica “La Perla”; nei locali di via Dante 8 c’è la  personale di pittura “Dall’anima alla tela” di Mimina Colona. Insieme al Concerto bandistico Città di Casarano “Ernesto Romano”, la musica sinfonica sarà garantita anche dalle bande di Aliano e  di Rutigliano.

Il luna park Il parco attrazioni ha trovato sistemazione presso la zona industriale, dove domenica mattina si svolgerà anche la tradizionale fiera mercato, tra le più antiche e partecipate del Salento. Per l’occasione, l’Amministrazione comunale ha previsto uns ervizio di bus navetta con partenza e arrivo nel piazzale della stazione di servizio Eni (ex Agip) di via Matino domenica dalle 8 alle 12 (per la fiera) e dalle 20 alle 23 (per il luna park, così come lunedì sera).

L’attesa per il concerto di Annalisa Intanto gli organizzatori (nelle ultime ore alla ricerca affannosa di fedeli volontari per portare le statue nel corso della processione) fanno sapere che per il concerto di Annalisa sarà possibile accedere in piazza Indipendenza soltanto dal fronte del palco, escludendo (per motivi di sicurezza) gli accessi posteriori di via Ubaldo Astore (già via Matino) e di piazza San Pietro. Altro provvedimento adottato, per gli stessi motivi di sicurezza e ordine pubblico, quello del divieto di vendita di bevande in bottiglie di vetro non solo nelle piazze del centro e nell’area del luna park, ma fino ad un raggio di 500 metri di distanza da tali siti.

Casarano – “Eroe o invasore? Processo a Garibaldi” è il tema dell’originale “processo” instaurato, a Casarano dall’associazione “L’Astronave verde”. Domenica 13 maggio, alle ore 19, è in programma nell’auditorium comunale il “dibattito-processo” all'”eroe dei due mondi”. In discussione viene messa non solo la figura di Garibaldi ma l’intera storia del Risorgimento italiano. Per l’accusa sono pronti gli “avvocati” Aldo D’Antico (storico di Parabita) e Salvatore Marra mentre per la difesa si schierano Maurizio Nocera (scrittore di Tuglie) e Giovanni Bellisario (avvocato e scrittore di Casarano). Nel ruolo di giudice-mediatore Stefano Pennetta, docente dell’Istituto superiore “Montalcini”. «L’evento ha il solo scopo di sollevare curiosità, promuovere riflessioni e stimoli sulle nuove e vecchie generazioni, uscendo dai luoghi accademici e creando interazione sul territorio. Tra le verità della ricerca storica e la sua divulgazione e polarizzazione c’è un divario enorme», affermano gli organizzatori. La stessa associazione “L’astronave verde” ha, di recente, indetto pure un sondaggio su facebook invitando i cittadini a scegliere un nome nuovo per la piazza della città intitolata a Giuseppe Garibaldi e il nome alternativo più gettonato è risultato quello dell’ex presidente della Repubblica Sandro Pertini.

Salignano (Castrignano del Capo) – Un’analisi del razzismo in Italia, della sua diffusione e sdoganamento all’intera società, dalle istituzioni ai media, alla vita quotidiana: è questo quanto propone “Cronache di ordinario razzismo”, il libro che viene presentato venerdì 11 maggio, alle ore 18.30, presso la torre Saracena di Salignano (Castrignano del Capo). Si tratta di una iniziativa di Arci Lecce in collaborazione con i circoli Arci Terra di mezzo e Cassandra, patrocinata dalla locale Amministrazione comunale. Il volume rappresenta il “quarto libro bianco sul razzismo in Italia”, grazie al lavoro di monitoraggio dell’associazione di promozione sociale “Lunaria”, che documenta migliaia di casi di discriminazioni e violenze razziste nei confronti di migranti, richiedenti asilo e rom: sono 1483 le discriminazioni e le violenze fisiche e verbali monitorate tra l’1 gennaio 2015 e il 31 maggio 2017. Nello studio vengono ripercorsi i fatti che hanno segnato la vita pubblica e sociale in Italia con uno sguardo al “razzismo 4.0”. “Nelle quasi 200 pagine del volume – affermano i promotori – particolare attenzione è data al contesto sociale politico e culturale in cui maturano rancore sociale e xenofobia ed al ruolo che hanno media e social media nel diffondere le de-umanizzazione dell’altro”.

I relatori All’incontro prende parte Paola Andrisani, etnologa, co-autrice del libro, rappresentante dell’associazione Lunaria, che dialogherà con Riccardo Buffelli, presidente Arci Cassandra, e Giorgia Paiano, vicepresidente Arci Terra di Mezzo. Saranno presenti per i saluti istituzionali Zefferino Letizia, presidente Arci Terra di Mezzo, e Cosima De Maria, assessore alle Politiche sociali del Comune di Castrignano del Capo. L’incontro è nella rassegna nazionale “No Rogo” di Arci “per promuovere la lettura, l’accesso universale alla cultura, il ruolo fondamentale delle biblioteche pubbliche, ricordando l’orribile rogo del 10 maggio 1933, quando i nazisti diedero fuoco ai libri sgraditi al regime nella Opernplatz a Berlino”.

 

 

 

 

Casarano – Ha coinvolto circa 600 studenti la giornata di formazione sulla sicurezza stradale organizzata lunedì 7 maggio a Casarano. “La sicurezza stradale ci sta a cuore…” il titolo dell’iniziativa rivolta ai neopatentati promossa dall’Automobile club d’Italia di Lecce, insieme alla locale delegazione Aci, al Comune ed ai carabinieri. Nella nuova area parcheggio di via Sesia, antistante la succursale del “Vanini” si sono svolte lezioni teoriche, anche attraverso supporti informatici, e test dimostrativi con particolare attenzione ai comportamenti scorretti spesso causa di incidenti, alle conseguenze sulla guida del consumo di alcol e stupefacenti e sulla gestione di situazioni di pericolo.  I carabinieri hanno, inoltre, messo a disposizione un’autovettura di servizio provvista di etilometro spiegando agli studenti le attuali normative in materia di guida sicura. Insieme al capitano Clemente Errico ed al maresciallo Aneglo Carbone, erano presenti la dirigente del “Vanini” Maria Grazia Attanasi, il sindaco Gianni Stefàno, l’assessore Francesca Pirri, i consiglieri comunali Alessandro Antonaci e Giulia De Lentinis e la referente Aci Caterina Fracasso.

Casarano – Un gemellaggio culturale per legare le comunità alla fruizione dei monumenti storici e nelle “buone pratiche” di promozione degli stessi. È quanto propone il progetto Touch Casaranello che venerdì 11 maggio chiama a raccolta gli esperti del settore per ragionare insieme sul tema della “Diagnostica applicata ai beni culturali. Il caso della chiesa di Santo Stefano a Soleto”. La conferenza, moderata da Linda Francone (Fidapa) si tiene alle ore 19 presso la chiesa di Santa Maria della Croce a Casarano ed è organizzata dal Comune con le associazioni ArcheoCasarano, Domus Dei e Fidapa. Sono previsti gli interventi di Sofia Giammaruco, Paola Durante, Giovanni Quarta e Francesco Gabellone, tutti impegnati nel progetto In-cul-tu-re”, vincitore del bando Smart cities and communities and social innovation (finanziato dal Miur) con il quale è stato possibile condurre indagini e approfondimenti sulla chiesa di Santo Stefano di Soleto al fine di potenziarne la fruizione. Il team di progetto, supportato da partner d’eccellenza quali Ibam-Cnr Lecce, Politecnico di Torino, istituto superiore “Mario Boella” di Torino e cooperativa Cresco, è riuscito a coinvolgere le comunità e le istituzioni locali puntando alla promozione di “buone pratiche” replicabili anche in altri contesti. «Da questi progetti nasce l’idea del “gemellaggio” tra il caso di studio di Soleto e quello di Casaranello che condividono, oltre all’appartenenza territoriale, anche diverse potenzialità di sviluppo progettuale», fanno sapere i promotori della conferenza.

Casarano – Un fiore in mano per dire “no” a mafie e illegalità. È stato questo il messaggio lanciato dagli studenti dell’Istituto comprensivo Polo 2 di Casarano coinvolti nel “flash-mob” di piazza Vittime civili di guerra (davanti alla loro scuola) nell’ambito dei percorsi di educazione alla cittadinanza ed alla legalità all’interno della manifestazione “I nostri cento passi”. L’iniziativa ha visto la presenza di Viviana Matrangola, la figlia di Renata Fonte, insieme a Francesco Capezza, referente locale di Libera, e all’assessore comunale Francesca Pirri. La “pietra d’inciampo” (dal nome del progetto itinerante promosso dalle scuole in rete), dedicata proprio all’assessore di Nardò assassinata nel 1984, è stata realizzata dagli alunni di terza e collocata all’ingresso della scuola secondaria di via Amalfi. Particolarmente significative le lettere con le quali due ragazze hanno immaginato Renata Fonte “consegnare” loro idealmente la cura del Salento.

A Foggia con “Libera” I “percorsi di legalità” avviati dall’istituto scolastico diretto da Luisa Cascione hanno registrato anche l’incontro dei ragazzi dell’ultimo anno della secondaria con il Sostituto procuratore Elsa Valeria Mignone, che non ha mancato di richiamare l’attenzione sulla libertà di stampa . Tante le domande formulate dagli alunni delle classi terze della scuola Secondaria soprattutto sui temi dei reati ambientali, dei rifiuti tossici interrati e sulla xylella. Il 21 marzo, inoltre, la stessa scuola è stata presente a Foggia – nel nome della piccola Angelica Pirtoli – per la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie promossa da Libera di don Luigi Ciotti.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...