Home Authors Posts by Lorenzo Falangone

Lorenzo Falangone

245 POSTS 0 COMMENTS

SANTA MARIA AL BAGNO. L’infinita estate neretina prosegue: il mare è sempre al centro degli appuntamenti sportivi. Nelle giornate a cavallo fra settembre e ottobre, Santa Maria al Bagno ospiterà l’ottava edizione del campionato italiano di Kayak Fishing, indetto e organizzato dalla Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee in collaborazione con la Over Fishing Salento del presidente Marco Pisacane. Alle luci dell’alba del prossimo 30 settembre il ritrovo presso lo scalo di alaggio della marina neretina, quindi la gara dalle ore 7.30 alle 12.30, a seguire le operazioni di pesatura, rinfresco ed esposizione classifiche presso la spiaggia di Santa Maria al Bagno; programma simile il giorno successivo, 1 ottobre, che si concluderà alle ore 13.30 con pranzo e cerimonia di premiazione presso il centro turistico “Oasi Tabor” (in località Cenate).  Nel caso di avverse condizioni meteo si valuterà la possibilità di utilizzare il campo di riserva a ridosso del faro di Gallipoli (Isola di Sant’Andrea). Ufficiali di gara Massimo Barretta, Carmine Maritati e Giovanni Margarito. L’evento sarà ripreso dalla telecamere di Sky (in onda su “Pesca Tv”, canale 236).

Nardò – Il triste stato del terreno di gioco del “Giovanni Paolo II” sarà presto un ricordo. Domani inizieranno i lavori per la sua cura straordinaria, di conseguenza e con buona probabilità Nardò-Picerno, gara valida per il quinto turno di campionato, in programma il prossimo 1 ottobre, si disputerà in campo neutro. Tecnicamente, l’azienda “Salento Verde” di Antonio Forcignanò (che già ha in cura il “Via del Mare” d Lecce e l’Acaya Golf Club di Vernole) si occuperà di diserbo, decompattizzazione, scarifica, fertilizzazione, riporto e distribuzione di sabbia silicea, strigliatura per il ripristino della planarità, semina su tutta la superficie di gioco con specifica essenza microterma (adatta per campi sportivi), quindi supervisione dell’impianto di irrigazione. «Dopo i lavori a livello strutturale già effettuati tra fine agosto ed inizio settembre – afferma il consigliere delegato allo Sport, Antonio Tondo – l’Amministrazione comunale offrirà un nuovo supporto al club del presidente Fanuli. Il problema è causato da una malattia che da anni colpisce il manto erboso, quest’anno acutizzata e anticipata dal forte caldo». Proprio le condizioni meteorologiche hanno impedito che si potesse intervenire prima dell’inizio della stagione, “ma ci assicureremo che il manto erboso – aggiunge Tondo – sia in condizioni ideali per affrontare la sessione estiva 2018 e ripresentarsi al top per la stagione seguente».

Nardò – L’estate è finita? Non ancora. Ci sarà da rilassarsi domenica 17 settembre, fra Santa Caterina e Santa Maria al Bagno, con lo “Street workout”, organizzato pr iniziativa degli istruttori di fitness Elena Cutrona, Giusy Nitride, Omar Mancino, Stefano De Giorgi e Vittorio De Paolis in collaborazione con il consigliere comunale delegato allo Sport, Antonio Tondo. Si tratta di un circuito di allenamento disegnato su percorsi urbani e non, sia tradizionali che insoliti; un’attività prevalentemente cardiovascolare che si realizza nella camminata, intervallata da stazioni fitness: il comune denominatore è il contesto più che la disciplina, unito alla magia delle cuffie wifi che accompagneranno l’evento con la musica.

Dopo la registrazione, in programma alle ore 17.30, gli istruttori guideranno i partecipanti in un innovativo percorso esperienziale per vivere momenti di benessere psico-fisico tra le bellezze delle due marine neretine. Partenza dalla piazzetta di Santa Caterina: prima stazione presso la pineta di Portoselvaggio (tratto medio/lungo in camminata, gradini in discesa e corposa pendenza); quindi nuove stazioni presso la Croce di Santa Maria al Bagno (tratto con camminata i salita), Quattro Colonne, ritorno in piazza Nardò e finale a Santa Caterina. Per info: 329/3531601, 392/3438818

Nardò. Non è la tabaccheria più “antica” di Nardò, ma è l’unica che può vantare una prosecuzione così duratura di generazione in generazione. Tabaccheria Casaluce si appresta a spegnere le cinquanta candeline di attività: lo farà il 9 settembre, presso il centro di via Celso, con un buffet per tutti i clienti e i curiosi. Un percorso lungo, inaugurato nel lontano 1967, in piazza Castello, da Mario Casaluce: iniziò tutto con sole sigarette. Poi il passaggio di consegne al figlio Giuseppe, che seppe imprimere una svolta anche grazie ai suoi eventi di modellismo: «Ricordo quando ricevetti la chiamata da parte di papà – svela Giuseppe Casaluce – ero a Roma a svolgere il servizio militare. Mi fiondai verso casa e mi catapultai senza pensarci troppo in questo mestiere, che tutt’ora è parte integrante della mia vita. Ora come ora non riuscirei a farne a meno». Da piazza Castello passando per via Volta sino all’attuale sede in via Celso e una nuova staffetta da padre in figlio, da Giuseppe a Matteo. «Ma resta papà la colonna portante dell’attività  – chiarisce con umiltà e gratitudine Matteo Casaluce – siamo orgogliosi dei cinquant’anni della nostra tabaccheria e ci auguriamo che questi rappresentino un nuovo punto di partenza».

Nardò. Sofia Maglio sul tetto del mondo. Nel Campionato del Mondo di double trap disputato ieri a Mosca, la tiratrice neretina, assieme alla leccese Claudia De Luca e a Sofia Littamè, si è aggiudicata il Grand Prix femminile. In una gara dall’alto coefficiente di difficoltà a causa delle impervie condizioni meteo, le azzurre hanno staccato le colleghe di Gran Bretagna e Russia, rispettivamente sul secondo e terzo gradino del podio. Un successo di assoluto prestigio che segue la conquista dei Campionati Europei, nella categoria “lady”, di Baku (Azerbaijan). «Un’emozione bellissima salire sul quel podio con la bandiera italiana sulle spalle e udire l’Inno di Mameli – le prime parole di Sofia Maglio – che suonava per me e per la mia squadra. Nonostante la gara individuale non sia andata nel migliore dei modi, siamo riuscite ad ottenere un primo posto con cuore e passione. Questo è un altro di partenza: sono pronta a rimettermi in gioco in futuro – conclude la neretina classe ‘96 – migliorando giorno dopo giorno».

«Viviamo sensazioni uniche – ha chiosato il padre di Sofia, Flavio Maglio, presidente della società neretina Tav Jonico Salentina – festeggiamo con lacrime di gioia questo straordinario successo. Da parte mia ringrazio il direttore tecnico della Nazionale di tiro a volo, Mirko Cenci, per aver creduto nella capacità delle nostre ragazze, permettendo loro – conclude – di indossare il gilet tricolore».

Gallipoli. Anche la Over Fishing Salento si stringe attorno a Giuseppe. Da tempo a Nardò è partita una maratona di solidarietà per aiutare il bambino di nove anni a cui è stato riscontrato un tumore e che dovrà sottoporsi a costose cure. L’associazione del presidente Marco Pisacane (foto) ha indetto una gara di pesca, in programma il prossimo 9 settembre (dalle ore 14 alle 18) nel mare prospiciente Porto Gaio a Gallipoli: al termine della stessa il pescato sarà utilizzato per una cena solidale e l’intero ricavato dalle iscrizioni verrà donato alla famiglia del piccolo Giuseppe. «La Over Fishing Salento ha accolto la richiesta di collaborazione avanzata dal socio Giuseppe Verardi –  precisa Pisacane – e si accollerà tutte le spese relative all’organizzazione dell’evento. Ringrazio di cuore i nostri soci perché, come sempre, rispondono positivamente alle proposte di solidarietà sociale, che ormai rappresentano una parte importante delle attività della nostra associazione e ci rendono orgogliosi della nostra piccola e laboriosa comunità».

Un banchetto per la raccolta fondi in favore di Giuseppe verrà allestito dal movimento di tifoseria organizzata “Tabula Rasa” in piazza Salandra dal 5 al 7 settembre in occasione del torneo di “Calcio balilla umano”. Per le donazioni, inoltre, è disponibile il codice Iban IT32Q0303279820010000002300 (Banca Credem).

Nardò. Rosa nuova, stadio rinnovato. Ecco le principali novità del Toro versione 2017/18 che giovedì sera, a Santa Maria al Bagno, si è ufficialmente presentato dinanzi ad una nutrita e festante rappresentanza di sostenitori. Il primo a prendere parola sotto i riflettori del palchetto in piazza Nardò, è stato il presidente Maurizio Fanuli: «Opereremo gli ultimi sforzi sul mercato – ha rimarcato il primo tifoso granata – la rosa è completa all’80%. Non partiamo mai con obiettivi di classifica ben definiti, ma certamente scenderemo sempre in campo con l’intento di vincere». A seguire l’amministratore unico Patrizio Mercadante, quindi lo staff tecnico capeggiato da mister Roberto Taurino e da capitan Alessio Palmisano. Assieme alle ragazze con le tre maglie ufficiali (granata, bianca e fluo) griffate dallo sponsor tecnico Gav Sportswear, anche due attaccanti che col Toro non hanno ancora messo nero su bianco: il francese Guidiala e l’uruguaiano Rodriguez. Gli auguri del consigliere comunale delegato allo Sport, Antonio Tondo, e le rassicurazioni circa i lavori (fra cui ristrutturazione di spogliatoi e tribune, nonché operazioni su calcestruzzo e armature e la programmazione della risemina prevista per ottobre, quando le condizioni ambientali saranno consone ad interventi di questo tipo) che negli ultimi giorni sono stati operati al “Giovanni Paolo II”: «Crediamo fortemente in questa società, il Toro è patrimonio della città e per questo l’Amministrazione comunale si è fatto carico di un importante sforzo per rimettere a nuovo l’impianto presso il quale la squadra disputerà le gare interne». E la prossima è già domenica: alle ore 15 l’esordio in Serie D con la Sarnese.

NARDÒMentre la prima squadra corre verso lo storico esordio in Serie B, i dirigenti della Frata Nardò lavorano lungimiranti con l’obiettivo di internazionalizzare il settore giovanile. Negli ultimi giorni sono stati opzionati due atleti montenegrini classe 2001 dalla struttura fisica invidiabile, Pavle Mijatovic e Luka Cepic: ala proveniente dalla Pallacanestro Vado il primo, guardia ex Kk Sedmica (Montenegro) il secondo. I due si allenano con i big sotto l’occhio attento di coach Olive e del suo staff. «Con l’ingaggio dei due baby – afferma il dirigente Fabrizio Durante – inizia un capitolo nuovo. Nel giro di qualche anno contiamo di creare un settore giovanile che possa sfornare ragazzi per la squadra senior, sin dalla prima riunione estiva abbiamo pensato di riservare una parte del budget per l’acquisizione di under». Non solo basket, ma un’integrazione all’interno del tessuto cittadino: «Mi piacerebbe che i ragazzi vengano considerati i figli dell’intera comunità neretina e non solo della Frata Nardò – aggiunge Durante – in questo senso è esteso il mio invito ad amici e famiglie per ospitarli a pranzo o a cena durante l’arco della stagione». Formalizzato anche il rapporto di collaborazione con Hope Casarano del presidente Tommaso Anastasia: in granata il baby casaranese doc Lorenzo Mezzina (classe 2001). Nuovi orizzonti per la Frata Nardò del neo presidente Ivan Marra e del patron Carlo Durante.

SANTA MARIA AL BAGNO. Gara di pesca sportiva dalla barca a Santa Maria al Bagno. L’associazione Over Fishing Salento, in collaborazione con il Circolo della Vela di Gallipoli, la sezione di Porto Cesareo della Lega navale italiana e la Pro loco Torre Sant’Isidoro, organizza l’atteso memorial “Amici del mare”. Alle ore 14 del prossimo 26 agosto la partenza delle imbarcazioni (composte da un massimo di tre componenti): in mare sino alle ore 18.30, a seguire consegna del pescato alla giuria. Qualora le condizioni meteo-marine non consentano lo svolgimento della prova, la stessa sarà rinviata al giorno successivo, domenica 27 agosto, in serata poi spettacolo musicale e cerimonia di premiazione.

Risulterà vincitore l’equipaggio che avrà ottenuto il maggior punteggio complessivo (un punto a grammo): trofeo ai primi tre classificati e al concorrente che avrà catturato la preda più pesante. Infine, l’associazione neretina del presidente Marco Pisacane ci tiene a precisare che al termine della gara e durante la stessa non devono essere gettati in mare rifiuti di alcun genere: la natura deve essere rispettata e non deturpata in alcun modo. Come di consueto, sfondo solidale con ricavato in favore dell’associazione “Cuore Amico”.

NARDÒ. Il nuovo Nardò di mister Taurino è partito col piede giusto. A dispetto dei pronostici iniziali, i granata hanno superato il turno preliminare di Coppa Italia imponendosi sul più quotato Taranto, seppur dopo la lotteria dei calci di rigore. La rivalità esistente fra i due club ha generato festa grande al “Giovanni Paolo II”, ma restano le perplessità legate alle condizioni del manto erboso (che di erboso ha veramente poco) e della sporcizia sugli spalti (dovuta agli escrementi dei volatili). L’associazione “Officina cittadina” presieduta dall’avvocato Giuseppe Cozza ha puntato il dito contro l’Amministrazione comunale ponendo alcune domande: “Come mai – si legge nella nota – non si è riposta una cura adeguata per mantenere il manto erboso in condizioni accettabili? Si sono sprecate somme considerevoli per un parcheggio fantasma a Sant’Isidoro, per far giungere in tempo record i container che non hanno ancora ospitato nessun migrante ma non si riescono a trovare delle somme da impegnare per rendere felici i numerosi tifosi che vanno allo stadio? È mai possibile che la nostra città debba vivere sempre con occhi puntati addosso e non si riesca a trascorrere un giorno nella normale quotidianità programmando delle operazioni senza dover per forza preparare un lancio propagandistico?”.

Il calendario del Toro non concede in effetti respiro al “Giovanni Paolo II”: il 27 agosto nuovo appuntamento di Coppa Italia col Manfredonia, il 3 settembre i granata ospiteranno la Sarnese per l’esordio nel girone H di Serie D. Dopo la concimazione effettuata dieci giorni addietro, il sindaco Giuseppe Mellone e il consigliere comunale delegato allo Sport, Antonio Tondo, d’intesa col club del presidente Maurizio Fanuli, hanno concordato un ulteriore intervento che tenderà al recupero del terreno di gioco. Dopo la pulizia, la verniciatura e la sistemazione degli infissi di spogliatoi e aree comuni, previsto inoltre un piano di interventi sulla questione igienico-sanitaria per rendere “vivibili” gli spalti colpiti dagli escrementi depositati da colonie di volatili.

Nardò. Un neretino in evidenza al recente Gran Premio Capodarco di ciclismo. Si tratta del giovanissimo passista/scalatore classe ’98 Alessandro Greco che si è fatto onore nella gara internazionale under 23 chiudendo dopo 180 km tra la provincia fermana in 62ª posizione (al via 192 corridori). «Non ho smesso un secondo di credere in un buon piazzamento – afferma Greco – ma devo ammettere che la gara è stata impegnativa e dai ritmi elevati». Nel suo Salento gli allenamenti per poi dimostrare il suo valore in giro per l’Italia: prossimo impegno il 29 agosto ad Arezzo. Il direttore tecnico del team San Severo/Stipa, Giovanni Chierico, sottolinea la performance di Greco: «Capodarco è una gara internazionale per la quale è stato registrato il numero massimo di partecipanti. La lunghezza del circuito e la particolarità di alcuni tracciati hanno fatto sì, però, che al traguardo arrivassero solo 83 ciclisti. Fra questi, appunto, Alessandro». Per la cronaca, affondo decisivo per l’ucraino Mark Padun del Team Colpack, sul gradino più alto del podio dinanzi ai due kazaki dell’Astana City, Yuriy Natarov e Galym Akhmetov.

Da sinistra, il vice presidente Toni Renis, Pietro Balistrieri, Diesse Andrea Corallo

NARDÒ. Puglia, Campania, Basilicata: si preannuncia bello tosto il campionato del Nardò. La Lega nazionale dilettanti ha infatti reso nota la composizione del girone H di Serie D, nel quale figureranno i granata, assieme ad Alto Tavoliere San Severo, Audace Cerignola, Aversa Normanna, Az Picerno, Cavese, Città di Gragnano, Francavilla in Sinni, Frattese, Gravina, Manfredonia, Pomigliano, Potenza, Sarnese, Sporting Fulgor Molfetta, Taranto, Team Altamura e Turris. Partenza il 3 settembre, al “Giovanni Paolo II”, ospite la Sarnese.

La regular season, però, prenderà il via già domenica 20 agosto, quando il Toro, sempre sul terreno amico, ospiterà il Taranto per il turno preliminare di Coppa Italia. Nel frattempo, mentre la squadra segue fedelmente i ritmi della preparazione sotto gli ordini del tecnico Roberto Taurino, si attendono buone nuove dal mercato, dopo l’ingaggio dell’attaccante palermitano Pietro Balistreri: nel mirino due difensori e una punta.

Gav Sportswear, lo sponsor tecnico del club del presidente Maurizio Fanuli, ha svelato la divisa home della stagione 2017/18: maglia e calzettoni rigorosamente granata, pantaloncino nero, lo stemma della città sul petto. Infine, nel tardo pomeriggio dello scorso 11 agosto, la cerimonia di intitolazione del Club Fedelissimi al compianto Sergio Orlando, ricordato dal presidente Massimo Lepore come “un capitano coraggioso, ardito e fieramente neretino”.

by -
0 295

Nardò. Prende il via ufficialmente la stagione cestistica 2017/18 per la Frata Nardò, impegnata nel girone C di serie B. Il roster è composto da Alessandro Potì, Amedeo De Martino, Daniele Dell’Anna, Edoardo Scattolin, Federico Ingrosso, Fernando Marengo, Giorgio Durante, Goran Bjelic, Jeff Rodriguez, Luka Cepic, Pavle Mijatovic, Salvatore Muci, Stefano Provenzano e  Valerio Polonara. Il confermato coach Davide Olive sarà supportato dagli assistant coach Michele Battistini e Fabrizio Durante, dal dottor Massimo De Benedetto, dal preparatore atletico Salvatore Vergine e dai fisioterapisti Cosimo De Monte e Nico De Razza. Lo start al “Velodromo degli Ulivi” di Monteroni di Lecce, a causa dei lavori in corso al tensostatico amico del “Pala Andrea Pasca”: a tal proposito il club granata ha ufficialmente ringraziato la Nuova Pallacanestro Monteroni per la disponibilità.

Diramato il nuovo assetto societario, che prevede Carlo Durante nelle vesti di patron mentre Ivan Marra è il nuovo presidente. Angelo Pasca (che riveste anche l’incarico di responsabile comunicazione e media) e Giuseppe Durante (responsabile rapporti con la tifoseria) sono i vice presidenti con Valentino Mandolfo direttore generale, Fabrizio Durante dirigente responsabile marketing,  Battistini responsabile attività settore giovanile e il dottor De Benedetto dirigente responsabile dello staff medico

NARDÒ. I Fedelissimi omaggiano un fedelissimo alla causa granata. Fin dalle origini, da quel lontano 1993, lo storico gruppo organizzato di “amici del Toro”, appunto Club Fedelissimi, probabilmente mai aveva preso in considerazione l’idea di intitolare la denominazione ufficiale. Il prossimo 11 agosto, però, avrà un sapore speciale: il sodalizio del presidente Massimo Lepore diverrà Club Fedelissimi “Sergio Orlando”. «È un atto dovuto – spiega il segretario Fernando Pero – una forma di rispetto nei confronti di un uomo che, nel corso della sua vita, tanto si è speso per la causa granata nei diversi ruoli che ha interpretato con signorilità, professionalità e, appunto, fedeltà». Il compianto Orlando, per tutti Sergino, spirò nello scorso mese di febbraio: indossò la maglia del Toro, club del quale fu anche capitano, dal 1970/71 al 1977/78, sempre in Serie D, e successivamente divenne dirigente, prima di intraprendere il suo stimato percorso da professionista e politico di lungo corso. L’11 agosto la celebrazione della Santa Messa presso la chiesa del Carmine alle ore 19.30, a seguire la cerimonia di intitolazione della sede, il taglio del nastro e il buffet.

NARDÒÈ Roberto Taurino il nuovo allenatore del Nardò. L’ormai imminente fumata bianca tra l’ex tecnico Antonio Foglia Manzillo e il Campobasso ha indotto i vertici del club granata a virare sull’ex centrale difensivo del Toro (27 presenze in Serie D nel 2012/13). Da calciatore, fra le altre, il 40enne leccese ha indossato le casacche di Toma Maglie, Brindisi, Gallipoli e Virtus Francavilla, società per la quale, nella passata annata agonistica, ha ricoperto l’incarico di allenatore in seconda di Antonio Calabro (di recente sedutosi sulla panchina del Carpi, Serie B). Taurino è già al lavoro in sinergia col direttore sportivo Andrea Corallo. La rosa granata potrà contare su due pilastri dell’annata 2016/17: l’esterno offensivo, capitan Alessio Palmisano, e il metronomo Giorgio Bertacchi. Confermato il centrocampista Tiziano Prinari; si tratta di un ritorno, invece, per l’esterno basso Simone Cassano (31 gettoni con una rete nel 2015/16 in D). Dal settore giovanile del Lecce arriva l’esterno difensivo ambidestro Antonio Mangione, classe ‘98. Intanto il club del presidente Fanuli ha ufficialmente variato la natura giuridica: ora è una società a responsabilità limitata.

NARDÒ. C’è l’Italia, il Salento, Nardò fra le eccellenze europee di double trap. Nella specialità di tiro a volo, risultato storico per Sofia Maglio che ha conquistato il gradino più alto del podio nei campionati europei di Baku (Azerbaijan): con un 88/120 la neretina della Tav Jonico Salentina (figlia del presidente della società, Flavio Maglio) si è piazzata dinanzi alla compagnia di squadra, la leccese Claudia De Luca (84), e alla padovana Monica Girotto (79). «Mi ritrovo a fine giornata senza parole – si è lasciata sfuggire Sofia Maglio dopo l’incoronazione – non riesco a credere che sia tutto vero. Sono felice di condividere questa gioia con Claudia e Monica, un sincero grazie a chi mi è sempre stato accanto. Il percorso è ancora lungo e da domani riprenderanno gli allenamenti». Ci sono altri, prestigiosi traguardi a cui ambire per l’azzurrina del commissario tecnico Mirco Cenci: dopo l’Emirates Green Cup dello scorso maggio e, appunto, il campionato europeo, nel mirino di Maglio la 37esima edizione dei campionati mondiali di tiro a volo in programma a Mosca (Russia) nel prossimo settembre. Da un sogno all’altro.

NARDÒ. Fin qui è l’estate calcistica a cui il tifoso neretino non avrebbe voluto assistere. Partiamo dal concreto: l’iscrizione alla Serie D è garantita e rappresenta, come sottolineato in conferenza stampa dal presidente Maurizio Fanuli, “un ulteriore atto d’amore nei confronti della città e dei tifosi, merito esclusivamente mio e di qualche amico”. Il club ha inoltre variato la sua natura giuridica in società a responsabilità limitata, e ora “chi vorrà – ha spiegato il patron granata – potrà investire un contributo acquisendo azioni”. Per garantire un futuro al Toro, infatti, non basta la lodevole e più che altro simbolica iniziativa della raccolta fondi promossa dall’Amministrazione comunale, criticata da Fanuli per il bando riguardante la gestione del “Giovanni Paolo II”: «Nello stesso non vi è un punto a noi favorevole e non intendiamo aderire (il bando è scaduto lo scorso 17 luglio senza che siano state presentate proposte al Comune, ndr), tutte le spese legate all’impianto fin qui sono state a nostro carico». E mentre le voci su presunti nuovi soci si rincorrono e poi svaniscono, il gruppo di tifoseria organizzata “Tabula rasa” interroga i vertici del club: «Quello della dirigenza è un silenzio snervante e avvilente – si legge nel comunicato – possibile che le responsabilità siano sempre da additare a questi improbabili nuovi soci?». Punto interrogativo anche sulla questione tecnica: il diesse Corallo, in questo clima di incertezza, lavora sotto traccia partendo dalle riconferme. Per la panchina, invece, il nome di Taurino (ex Virtus Francavilla) prende sempre più quota. Intanto da un altro gruppo di tifosi le accuse all’Amministrazione comunale di “malafede” e “incompetenza” per un bando “che non presenta alcun vantaggio o fonte di guadagno – si legge nella nota diramata su Facebook – per l’eventuale gestore, ma solo costi e impegni”. Nello specifico critiche sono mosse per l’utilizzo dell’impianto per sole finalità sportive e sociali, per la gestione bar non inclusa, per gli almeno dieci giorni da riservare a manifestazioni organizzate dal Comune, per spese di manutenzione ordinaria e utenze a carico dell’aggiudicatario.

Marco Pisacane

NARDÒ. Sant’Isidoro si appresta a vivere un’intera giornata all’insegna della pesca sportiva. Per il prossimo 30 luglio, la Proloco Torre S. Isidoro, con la collaborazione tecnica della Over Fishing Salento, ha in programma una gara di bolentino aperta a tutti con un massimo di tre concorrenti per equipaggio. Ogni partecipante potrà utilizzare una sola canna o lenza a mano armata con massimo tre ami, l’area della competizione sarà delimitata da boe a tre miglia dalla costa. Il raduno dei concorrenti è previsto per le ore 6, un’ora più tardi l’inizio della gara sino alle 12. Dopo la consegna del pescato, alle 13.15 le operazioni di pesatura ed esposizione classifiche presso la Proloco S. Isidoro. In serata, dalle ore 20 in poi, spettacolo musicale con Cordella Band e pizzica, e la cerimonia di premiazione (trofeo ai primi tre equipaggi e al concorrente che avrà catturato la preda più pesante). «I partecipanti saranno liberi di muoversi a piacimento – spiega il presidente della Over Fishing Salento, Marco Pisacane (foto) – anche pescando a scarroccio (pratica diffusa su fondi sabbiosi). Cerchiamo di rafforzare il sentimento di libertà presente in ognuno di noi». Per iscrizioni inviare una mail a overfishingsalento@gmail.com entro il 28 luglio. In caso di avverse condizioni meteo, la gara sarà rinviata al 5 agosto. Gli ufficiali di gara saranno Marcello De Monte, Paolo Gaballo e Andrea Romeo. Immancabile sfondo solidale in favore dell’associazione Cuore Amico.

SANTA CATERINA. Preghiera, sport, sagre e teatro nell’estate 2017 della parrocchia di Santa Caterina di don Piero Inguscio. Oltre al ricco programma strettamente liturgico e delle adorazioni eucaristiche, i momenti da segnare di rosso sul calendario sono principalmente quattro: il 22 luglio monsignor Fernando Filograna, vescovo della diocesi Nardò-Gallipoli, terrà la celebrazione del sacramento della Confermazione; il 13 agosto la giornata di sensibilizzazione pro parrocchia; due giorni dopo la solenne assunzione B. V. Maria al cielo; il 24 agosto i grandi festeggiamenti in onore di Santa Caterina d’Alessandria. E poi le sagre: il 30 luglio la fiera del dolce e del salato, nonché giornata pro carità con raccolta di alimenti a lunga conservazione a cura del gruppo Caritas della parrocchia; il 3 agosto la sagra della pettola, il 21 del pesce.

Per gli amanti del teatro l’agenda è piena: dopo l’esordio il 15 con “Pensaci Giacomino” di Pirandello, la compagnia “La Busacca” di Francesco Piccolo si esibirà il 29 luglio (“Caro Totò”), 12 agosto (“La Mandragola” di Macchiavelli) e 26 agosto (“L’isola degli schiavi” di Marivaux); il 5 agosto il concerto corale “G. Gallo”, il 9 il recital musicale “L’amore è una cosa meravigliosa”, il 19 Gregorio Caputo in “Ridendo sotto le stelle”. Infine lo sport sotto la direzione del professore Tommaso Vergari: luglio e agosto (nei giorni lunedì, mercoledì e venerdì) in movimento con calcetto, mini basket, mini volley, tennistavolo e zumba kids.

NARDÒ. Una corsetta in amicizia dedicata a chi tanto amava praticare sport. Nardò Run, 6 chilometri di beneficenza in memoria del compianto Sergio Orlando: una sessantina di amici si sono dati appuntamento, domenica 16 luglio di buona mattina, presso la chiesa dell’Incoronata per poi proseguire, senza troppo affanno e con i pensieri rivolti verso l’alto, presso la farmacia Orlando, ove i partecipanti, fra cui Marco, il figlio di Sergio, hanno rivolto un grande applauso all’ex professionista, calciatore, politico e amministratore neretino. Il ricavato della vendita delle t-shirt commemorative è stato donato dall’organizzatore dell’evento, Tony De Paola, a don Riccardo Personè e sarà devoluto ai più bisognosi. «Tutto in ricordo di un amico che non c’è più – ha dichiarato De Paola – con Sergio condividevamo la passione per la corsa. Si parlava tanto di Nardò e Inter, le sue squadre del cuore. Ringrazio per il “disegno” del tragitto Andrea Presta, fondamentale per la buona riuscita dell’evento assieme a Marco Falangone e a Massimiliano Starace».

 

NARDÒ. Preghiera, sport, sagre e teatro nell’estate 2017 della parrocchia di Santa Caterina di don Piero Inguscio. Oltre al ricco programma strettamente liturgico e delle adorazioni eucaristiche, i momenti da segnare di rosso sul calendario sono principalmente quattro: il 22 luglio monsignor Fernando Filograna, vescovo della diocesi Nardò-Gallipoli, terrà la celebrazione del sacramento della Confermazione; il 13 agosto la giornata di sensibilizzazione pro parrocchia; due giorni dopo la solenne assunzione B. V. Maria al cielo; il 24 agosto i grandi festeggiamenti in onore di Santa Caterina d’Alessandria. E poi le sagre: il 30 luglio la fiera del dolce e del salato, nonché giornata pro carità con raccolta di alimenti a lunga conservazione a cura del gruppo Caritas della parrocchia; il 3 agosto la sagra della pettola, il 21 del pesce.

Per gli amanti del teatro l’agenda è piena: la compagnia “La Busacca” di Francesco Piccolo si esibirà nei giorni 15 luglio (“Pensaci Giacomino” di Pirandello), 29 luglio (“Caro Totò”), 12 agosto (“La Mandragola” di Macchiavelli) e 26 agosto (“L’isola degli schiavi” di Marivaux); il 5 agosto il concerto corale “G. Gallo”, il 9 il recital musicale “L’amore è una cosa meravigliosa”, il 19 Gregorio Caputo in “Ridendo sotto le stelle”. Infine lo sport sotto la direzione del professore Tommaso Vergari: luglio e agosto (nei giorni lunedì, mercoledì e venerdì) in movimento con calcetto, mini basket, mini volley, tennistavolo e zumba kids.

 

Sofia Maglio e Claudia De Luca

Sofia Maglio e Claudia De Luca

NARDÒ. Sofia Maglio e Claudia De Luca (foto), sempre loro, ancora una volta loro. Le atlete della Tav Jonico Salentina hanno “sbranato” il podio del terzo Gran Premio di double trap, disputatosi lo scorso 18 giugno sulle pedane di Manoppello (Pescara): nella categoria “ladies” medaglia d’oro e d’argento, rispettivamente, per la tiratrice neretina (figlia del presidente Flavio Maglio) e la leccese, legate da talento e una forte amicizia che trascende dal contesto sportivo. Terzo posto per Edgarda Apollonio di Gavardo (Brescia). Maglio e De Luca godono ormai da tempo della considerazione del di- rettore tecnico azzurro Mirko Cenci e dal prossimo 21 luglio sino all’8 agosto prenderanno parte all’Europeo di Baku, capitale dell’Azerbaigian. Ancora una volta a braccetto, ancora una volta a caccia di soddisfazioni e medaglie.

NARDÒ. Un ritorno alle origini per ridare vita alla nostra terra: l’associazione Verdesalis presenta il corso introduttivo sul recupero naturale della fertilità del suolo, col contributo del bando regionale “Mettici le mani”. Presso il parco culturale giovanile “La Saletta” programmati cinque incontri nei giorni 14, 15, 18, 21 e 27 luglio con i relatori Cristian Casili (agronomo esperto in fertilità del suolo) e Paolo Nutricato (perito agrario). Le iscrizioni scadranno il 12 luglio. «Il corso – afferma Ivano Manca dello staff Verdesalis – mira a fornire conoscenze tecniche e pratiche sul recupero della terra. Si tratta del primo passo di un percorso formativo nel quale vogliamo coinvolgere non solo appassionati e professionisti ma soprattutto chi è ancora troppo distante dai principi dell’agricoltura naturale». Sviluppo economico ecosostenibile, sovranità ambientale e biodiversità locale sono le mission dello staff di Verdesalis, composto oltreché da Manca, anche da Ilijas Costantini, Luigi Vaglio, Gianni Casaluce e Igor Costantini.

captain's day 3 lamparadomenico falcoSANTA CATERINA. Piccoli pirati, giovani capitani: è il vostro momento. Ancora pochi giorni e poi sarà “Captain’s Day per Giuseppe Caggia”, la regata provinciale organizzata dal circolo nautico “La Lampara”. Per domenica 16 luglio, presso il porticciolo di Santa Caterina, sono previste tre prove per le categorie “juniores”, “cadetti” e “laser”. Skipper meeting fissato per le ore 10.30; le iscrizioni scadranno invece il 15 luglio.

Sarà la terza edizione in memoria del compianto Caggia, volato via troppo presto con due ardenti passioni: la vela e i bambini. Un progetto che negli anni si è rivestito di entusiasmo, quello dei grandi e dei più piccini, sempre al centro delle attenzioni del circolo di via delle Nereidi del presidente Domenico Falco (foto). E a proposito di bambini: anche quest’anno la regata sarà affiancata dal concorso “Disegna la storia del tuo mare a vignette”.

luigi giurannaNardò. È neretino il più giovane partecipante al corso di allenatore Uefa C tenutosi a Lecce dal 18 aprile al 1° luglio scorso. Luigi Giuranna, 21 anni e tanta passione per il calcio, è ora abilitato ad allenare tutte le categorie dei settori giovanili (eccetto le squadre Primavera) di club dilettantistici e professionistici. «L’idea di entrare a far parte del mondo degli istruttori calcistici – spiega – è nata la scorsa estate quando avvertii l’esigenze di sviluppare le mie idee sul campo, al servizio dei ragazzi con spirito di apprendimento. E la lettura dei libri di grandi colossi dello sport mi ha fornito una motivazione in più per arginare gli ostacoli che mi si sono parati dinanzi in questo mio percorso».

Accanto ad aspiranti tecnici illustri come Alberto Giuliatto (trascorsi da calciatore tra le file di Lecce e Treviso) e con professori del calibro di Salvo Acella (ex preparatore atletico del Bari) e Peppino Palaia (per 36 anni medico sociale del Lecce), Giuranna ha arricchito il proprio bagaglio di conoscenze in materia: «L’unico rammarico è la presenza di soli quattro o cinque coetanei a fronte dei 40 corsisti, io ero tra l’altro il più giovane in assoluto». Giovane ma con alle spalle le proprie esperienze, come quella dello scorso anno alla guida dei “primi calci” dell’Europa Soccer Academy: «Un’annata che mi ha formato, affrontata con senso di responsabilità. Ora mi auguro di migliorare – conclude Giuranna – mettendomi alla prova in una fascia d’età superiore». E poi un altro gradino da scalare: il patentino Uefa B.

Voce al Direttore

by -
Le immagini che scorrono e scorreranno sugli schermi fino a sera tardi ed in parte anche domani, sono le ultime che hanno il sapore...