Home Authors Posts by Lorenzo Falangone

Lorenzo Falangone

261 POSTS 0 COMMENTS

Nardò – Si è insediata lo scorso 22 novembre la nuova Consulta dello Sport del Comune di Nardò. L’assemblea, composta da rappresentanti del Coni, dagli enti di promozione sportiva, dalle associazioni sportive, dai docenti e dagli studenti degli istituti scolastici della città, ha eletto Tony De Paola (presidente dell’associazione “J Nardò Bianconera”) in qualità di presidente ed Egidio Bollino, facente parte dell’ufficio stampa della Pallacanestro Frata Nardò, come suo vice. «La Consultà collaborerà a stretto contatto con tutti gli enti sportivi e l’Amministrazione – dichiara De Paola – per il bene comune. Non esistono discipline migliori rispetto ad altre: tutte sono fondamentali per l’educazione e la formazione degli sportivi. Saremo un organo democratico, un contenitore di idee». Tra i compiti della Consulta quelli di promuovere iniziative e attività sportive a livello agonistico e amatoriale, sostenere l’educazione sportiva nelle scuole, favorire il raccordo fra gruppi sportivi e Istituzioni locali, avanzare proposte in merito alla programmazione degli interventi a favore dell’impiantistica sportiva comunale sulla scorta dei principi di sostenibilità ambientale, funzionalità e gestione degli impianti compatibilmente con le risorse esistenti. «Mi auguro che la Consulta – chiosa il consigliere comunale delegato allo Sport, Antonio Tondo – che ritengo uno strumento cruciale per le scelte dell’Amministrazione, possa proficuamente svolgere il suo lavoro nell’interesse dello sport cittadino e di chi lo pratica quotidianamente».

Nardò – Il gruppo “Neretini”, sportivi organizzati, esprime il proprio disappunto circa lo stop agli alcolici prima, durante e dopo gli eventi sportivi allo stadio “Giovanni Paolo II” imposto da un’ordinanza del Sindaco Giuseppe Mellone. Alla base di tale divieto le direttive provenienti dal Ministero dell’Interno e riguardanti la sicurezza e la salvaguardia dei cittadini durante le manifestazioni pubbliche. «Non ricordiamo episodi di violenza – rammenta il gruppo di tifosi – scaturiti da tifosi che hanno partecipato ai match casalinghi in stato di ebrezza». Lo stop decorre dalle due ore antecedenti all’evento sino ad un’ora dopo ed è esteso agli operatori commerciali ubicati nel raggio di 500 metri dallo stadio. «Il danno maggiore provocato – fanno sapere i “Neretini – è arrecato agli esercizi coinvolti e noi siamo vicini alle rimostranze degli esercenti. Noi saremo sempre goliardici e colorati, e siamo fermamente convinti che la repressione sia il modo più sbagliato per risolvere quelle questioni che per qualcuno sono problemi insormontabili».

foto Walter Macorano

by -
0 566

Nardò – È neretina la migliore squadra maschile italiana di distensione su panca. Sabato 11 novembre la Powerlifting Salento è salita sul gradino più alto del podio nei Campionati italiani assoluti di Roma. Agli ordini del tecnico Michele Ginefra e di mister Cosimo Orlando, cinque neretini si sono distinti nella manifestazione organizzata dalla Federazione italiana Pesistica. Nella categoria 56 kg, oro per Michele Perrone (che ha stabilito anche il record italiano con la miglior prova di 122 kg) e bronzo per Mattia Capone; nella 62 kg secondo e quinto posto rispettivamente per Luigi Orlando e Alessandro Perrone; nella 77 kg argento per Andrea Piccione. Alle finalissime di Roma hanno partecipato le migliori otto associazioni d’Italia per ogni categoria e la Powerlifting Salento ha dovuto superare le selezioni di Martignano e Gravina di Puglia prima di presentarsi al grande appuntamento. Ma il team di Cosimo Orlando non si è accontentato di partecipare e nella “vacanza romana” ha inciso il nome di Nardò sul trofeo più ambito.

Nardò – Il Nardò calcio scende in campo per la beneficenza. I tifosi granata, in occasione del prossimo match interno col Gragnano, potranno contribuire all’acquisto di un pulmino per permettere ai ragazzi autistici di raggiungere il centro specializzato di Matino. L’iniziativa parte dall’associazione “Ancora” (una costola del movimento “Libra”), come spiega il presidente Katia Re: «I genitori si alternavano per accompagnare i ragazzi, ma ciò non è più possibile. Uno di loro ha dovuto addirittura lasciare il lavoro pur di svolgere tale compito. Con i salvadanai solidali ci auguriamo di poter acquistare il mezzo di trasporto dopo le festività natalizie».

«L’associazione “Ancora” – aggiunge il vicesindaco, Oronzo Capoti – si prodiga con sensibilità nel tessuto sociale cittadino. Ringrazio l’Ac Nardò, dal presidente Maurizio Fanuli in giù, per la disponibilità dimostrata. Il mio invito, quello dell’Amministrazione comunale, è quello di sensibilizzare i tifosi granata, che già in passato hanno dimostrato il loro cuore grande. E mi rivolgo anche alle realtà imprenditoriali locali, un contributo sarebbe quanto mai apprezzato». In passato, l’associazione “Ancora” – nata un anno e mezzo or sono – si era distinta per l’acquisto di cibo per animali randagi e di giocattoli per i bambini malati di cancro dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce; assistenza anziani prossimo obiettivo. L’auspicio immediato, invece, è quello di “festeggiare” tutti assieme dinanzi al pulmino.

Nardò – Stefano Russo riparte dalla Serie B. Il 28enne portiere neretino ha siglato un accordo triennale con la Salernitana, attualmente al sesto posto in cadetteria, a soli tre punti dal primato. Per lui si tratta di un ritorno allo stadio “Arechi”, avendo già militato tra le file dei campani nel 2014/15 ma in Serie C, categoria nella quale ha vestito anche le maglie di Ascoli, Juve Stabia e, nella passata stagione, Vibonese (37 presenze all’attivo). Russo ritrova la seconda serie nazionale dopo sei anni: l’ultima volta nel 2011/12 quando, con un’altra campana, la Nocerina, scese in campo sei volte. Mossi i primi passi nel Brindisi, il portiere neretino indosserà la maglia granata numero 33; attualmente le gerarchie del tecnico Alberto Bollini prevedono il serbo Radunovic coi gradi da titolare e il lituano Adamonis come suo vice; a Russo spetterà il ruolo di terzo portiere con l’ambizione di ritrovare presto il sapore del campo. Indicazioni in tal senso arriveranno già nel prossimo match: domenica 12 novembre, alle ore 15, la Salernitana sarà ospite del Cesena. Per Russo comincia un “nuovo inizio”.

Nardò – Le luci della ribalta sono tutte per lui: Alessandro Potì, guardia di Galatina, si sta rivelando l’arma in più della Frata Nardò in questo inizio di stagione in Serie B. Sono 31 i punti a bersaglio nell’ultimo turno con Amatori Pescara, 22 a Porto Sant’Elpidio e ben 33 nel successo dei granata con We’re Ortona. «La squadra mi mette in condizione di far bene – afferma Potì – e io spero di continuare così. C’è da migliorare: a volte mi prendo delle responsabilità quando potrei gestire meglio talune situazioni, ma non mi tiro mai indietro». Trascinatore vero: prima del singolo viene la squadra, che nelle ultime due trasferte non ha assaggiato il sapore della vittoria, “ma abbiamo dimostrato di tener testa a compagini blasonate”. «Nell’ultimo turno di Pescara – aggiunge Potì – nonostante qualche fischio arbitrale a sfavore, con un pizzico di attenzione in più avremmo potuto portare i due punti a casa». Dopo sette turni la classifica del girone C è molto corta, eccezion fatta per la capolista San Severo che ha già fatto il vuoto: «È sicuramente la principale indiziata per il salto di categoria – dichiara la guardia del Toro – per il resto non vedo corazzate. Noi potremo inserirci tra le prime otto, vogliamo recitare la nostra parte». Prossimo turno interno domenica alle ore 18: al “Velodromo degli Ulivi” di Monteroni la Frata Nardò ospiterà Campli, due punti sopra in graduatoria. Mentre procedono i lavori al “Pala Pasca”: il club del patron Durante spera di inaugurare il parquet entro la fine di novembre.

Nardò – Un unico abbraccio in mezzo al campo è la fotografia più significativa: i Milan Club di Gallipoli eGalatone festeggiano i quarantacinque anni di attività del Milan Club di Nardò, tra i più longevi sul panorama regionale e nazionale.

Sabato 4 novembre, presso il centro sportivo Europa Soccer Academy, la prima edizione del Triangolare Rossonero tra musica, grigliata di carne e sorrisi. Per la cronaca, proprio il club di via Cairoli si è aggiudicato il trofeo più ambito, imponendosi per 2-0 sul club di Gallipoli (al secondo posto) del presidente Andrea Natali e 4-0 sul Galatone (terzo), guidato da Antonio Ramundo. Dopo la cerimonia conclusiva la torta celebrativa per una serata tra amici rossoneri scrupolosamente messa in piedi dal responsabile organizzativo, Gregory Papadia. Il Milan Club Nardò del presidente Alessandro Rizzello ha vissuto un 2017 di forte rinnovamento col passaggio di consegne tra vecchia e nuova gestione: all’orizzonte si profilano nuovi eventi durante il periodo natalizio e un 2018 all’insegna di una presenza sempre più costante e crescente sul tessuto cittadino.

Nardò – Quarantacinque anni di storia e non sentirli. Il Milan Club Nardò si appresta a festeggiare un prestigioso anniversario nel segno del rinnova- mento ma con principi che affondano le proprie radici nel passato. Il prossimo 4 novembre, assieme ai Milan Club di Gallipoli e Galatone – guidati rispettivamente  dai presidenti Andrea Natali, neo eletto, e Antonio Ramundo – presso il centro sportivo “Europa Soccer Academy” si terrà la prima edizione del “Triangolare Rossonero”. Dopo la premiazione, grigliata di carne, taglio della torta e tanta buona musica.

Per l’occasione il club neretino del presidente Alessandro Rizzello allestirà un banchetto per permettere agli interessati di sottoscrivere il tesseramento al club di via Cairoli. Grazie ad un nutrito gruppo di giovani, supportati dall’esperienza dei soci storici, il Milan Club Nardò ha saputo lasciarsi alle spalle le fisiologiche difficoltà di gestione, dopo tanti anni di attività, riaffermandosi come un punto di riferimento nel tessuto sociale cittadino. I festeggiamenti in onore del 45° anniversario rappresentano solo il primo appuntamento di una scaletta ricca di eventi.

Sant’Isidoro – Tutto pronto per il “1° Triathlon Terra d’Arneo” di Sant’Isidoro. Saranno 158 gli atleti che prenderanno parte alla gara “sprint” (750 metri di nuoto, 20 km di bici e 5 km di corsa), 40 coloro che si disimpegneranno nella più accessibile “supersprint”. La Polizia municipale, per il prossimo 15 ottobre, ha sviluppato un piano di temporanea sospensione del traffico nelle vie interessate dal percorso: dalle ore 9 alle 14 niente automobili in via Leuca, strada Brusca e via Cucchiara per il passaggio delle bici; via Ugento, via Valle d’Itria, via Trani, via Sorrento, via Terracina, via Lavinio saranno invece alcuni dei tratti sospesi al traffico per consentire agli atleti una corsa in sicurezza. L’evento è organizzato dal Comitato Regionale Fitri in collaborazione con Gianni Casaluce dell’associazione Verdesalis, e con presidente e vice della “J Nardò Bianconera”, Tony De Paola e Tiziano De Pirro.

 

Nardò. Centauri, nostalgici, amanti dei motori o semplici curiosi: pronti per un appuntamento autunnale dal forte sapore vintage? Domenica 15 ottobre, a partire dalle ore 8.00, è in programma la seconda edizione del “Raduno e mostra mercato nazionale di auto, moto e cicli d’epoca”: da piazza Cesare Battisti prenderà il via il lungo serpentone di auto e moto d’epoca che avrà come meta l’Acquario di Santa Maria al Bagno, dove si potranno ammirare le ricchezze faunistiche del Mar Ionio. La manifestazione, promossa dall’Arneo Veicoli Storici, avrà come ospite d’onore Efisio Mastrorazio, referente regionale del registro Fiat italiano, e ha uno sfondo solidale: il ricavato della raccolta fondi sarà devoluto agli ospiti della “Casa per la vita Carlo Lupo”. Uno scopo benefico fieramente rimarcato dal presidente dell’associazione vegliese, Antonio Italo Pisanò: «Siamo doppiamente felici per questa giornata – dichiara – con  l’appuntamento di Nardò da una parte continuiamo a diffondere la nostra passione per auto e moto d’epoca, dall’altra sappiamo che facendo ciò che più ci piace potremo aiutare gli ospiti della “Casa per la vita Carlo Lupo” perché la nostra associazione non è fatta solo di divertimento e cultura».

Anche il sindaco Pippi Mellone prenderà parte al raduno: «Un ringraziamento particolare va all’Amministrazione Comunale e a tutta la dirigenza dell’associazione. L’auspicio – conclude Pisanò – è che la gente risponda numerosa al nostro invito».

Nardò. Dopo otto edizioni a Santa Maria al Bagno e due anni di sosta, torna il triathlon a Nardò. Il prossimo 15 ottobre le spiagge cristalline e il lungomare che collega Sant’Isidoro, Torre Inserraglio e Torre Uluzzo ospiteranno l’evento organizzato dal Comitato Regionale Fitri in collaborazione con Gianni Casaluce dell’associazione Verdesalis, e con presidente e vice della “J Nardò Bianconera”, Tony De Paola e Tiziano De Pirro. La gara “supersprint” prevede una nuotata di 350 metri, bici da strada sulla litoranea per 10 km, e una corsa podistica di 3 km. Ma la gara principale è la “sprint”, molto più impegnativa: 750 metri di nuoto, 20 km di bici e 5 km di corsa finale. «Il triathlon è una disciplina che permette di raggiungere atleti (in totale saranno circa 200, ndr) da tutte le regioni – nota Casaluce – pertanto è una ghiotta occasione per la promozione delle nostre bellezze paesaggistiche e delle eccellenze enogastronomiche». Nel pacco gara degli atleti anche prodotti tipici locali, nell’ottica di un evento che abbina lo sport alla promozione del territorio. Accanto alla cerimonia finale il “Pasta party” (nozioni su cottura e preparazione dei salentinissimi “ciceri e tria”) con delizie a cura degli operatori locali.

NARDÒ. Bikers da tutto il Sud Italia a Nardò, uniti dall’amore per la mountain bike e richiamati da un angolo suggestivo del Salento. Dopo Gravina, Altamura, Andria, Montalbano Jonico, Vieste, Monte Sant’Angelo, Campitiello Matese, Bitonto e Spinazzola, toccherà a Portoselvaggio ospitare la Marathon, chiusura in bellezza della quarta edizione Iron Bike fra i tracciati fuoristrada pugliesi, lucani e molisani. Domenica 8 ottobre, l’atteso evento messo in piedi da Hab Cycle del presidente Marcello Greco prevederà due percorsi: 60 km (1000 mt di dislivello) la Marathon, 40 km (600 mt di dislivello) per la Mediofondo. Per entrambi partenza dal lungomare Emanuele Filiberto, tra Santa Caterina e Santa Maria al Bagno, quindi si sfiorerà Lido Conchiglie per poi “salire” in località Villaggio Santa Rita fino a “scendere” a Santa Caterina costeggiando la costiera; successivamente gli atleti si immergeranno nel Parco Naturale di Portoselvaggio fino a raggiungere nuovamente via Cantù (Santa Caterina) e da qui il percorso si snoderà: chiusura della Mediofondo all’altezza del Grand Hotel Riviera, la Marathon prevederà invece un nuovo ritorno nel Parco di Portoselvaggio prima di concludersi sul lungomare Emanuele Filiberto.

Nardò – Ha la voce graffiante di chi ha saputo soffrire e uno sguardo in grado di trasmettere emozioni. Mauro Vicanolo, 27enne neretino doc, ha così stregato i giudici del talent show X Factor. Per il suo sogno ha fatto ricredere i più scettici: «La mia passione è sbocciata con la maggiore età – ricorda Vicanolo – e ho iniziato a costruirmi il mio percorso di gavetta, sebbene inizialmente in pochi credevano nelle mie potenzialità». Poi, sul suo canale YouTube, una apprezzata cover di Lucio Battisti, “E penso a te”, con la clip girata interamente nel Salento dal videomaker Gabriele Emiliano. Quindi, sotto i consigli artistici del vocal coach Tony Frassanito, i provini X Factor superati in serie, fino alla finale in onda lo scorso 22 settembre, quando Vicanolo ha saputo guadagnarsi i “sì” dei giudici Manuel Agnelli, Levante, Mara Maionchi e Fedez con “When a man loves a woman”. Ovazione del pubblico allo stacco canoro iniziale della canzone di Michael Bolton, Fedez a quel punto invocò la presenza sul palco del papà di Mauro, emozionatissimo e pronto a ricredersi sulle potenzialità del figlio. Una nuova conquista per Vicanolo junior, quel “ti seguirò per sempre” pronunciato dal padre, ma, scherzo di un beffardo destino, pochi giorni più tardi una malattia lo portò via, all’età di 75 anni. «Ora voglio dedicargli tutto – aggiunge Mauro – sperando che il mio percorso musicale sia ricco di soddisfazioni». Fra pop-blues e gospel americani: «Adoro Stevie Wonder e Mario Biondi, sono i miei punti di riferimento artistici. Da parte mia cercherò di trasmettere ciò che ho dentro, il mio percorso – conclude Vicanolo – con la speranza di arrivare al cuore della gente».

Nardò – Un movimento continuo nel tessuto sociale. L’attività dell’Archeoclub Terra d’Arneo non conosce mezze stagioni: dopo “Puliamo insieme” con la sensibilizzazione alla salvaguardia del territorio e la pulizia di aree particolarmente trascurate, l’associazione neretina della presidente Antonietta Martignano programma i prossimi appuntamenti. Parte oggi e si protrarrà per un mese la raccolta di materiale scolastico: negli atri delle scuole elementari verrà apposto un “raccoglitore solidale”, chiunque potrà offrire libri, quaderni, penne e tanto altro che in seguito l’assessore all’Istruzione smisterà alle fasce più bisognose. Le classi terze, quarte e quinte, inoltre, svolgeranno dei laboratori di archeologia. E a proposito di laboratori: l’Archeoclub è pronto ad attivarne un altro, con la collaborazione dell’Arma dei carabinieri, delle scuole e di una palestra di arti marziali sul tema del bullismo, particolarmente attuale fra i giovani. Inoltre in via di definizione per novembre una giornata letteraria in una cantina con letture di brani inerenti al vino; evento che in qualche modo si ricollega alle disposizioni regionali, secondo le quali tutte le sedi locali Archeoclub svolgeranno attività volte alla rievocazione dei mestieri, della coltivazione dei campi e delle tradizioni culinarie di un tempo. Infine, la sinergia con Avocad con spettacoli teatrali per ragazzi disabili. «Rispetto alla fase di costituzione – afferma in conclusione la presidente Martignano – anche noi abbiamo vissuto un ricambio generazionale, tante valide figure si sono inserite nel nostro progetto e mi auguro che altre ancora, in futuro, sposeranno la nostra causa».

Santa Maria al Bagno (Nardò) –  Tanti curiosi attorno alla spiaggia di Santa Maria al Bagno hanno assistito al campionato italiano di Kayak Fishing, disputato gli scorsi 30 settembre e 1 ottobre. Dinanzi allo sguardo attento del direttore di gara Paolo Gaballo e di Marco Pisacane, presidente della Over Fishing Salento,  organizzatrice dell’evento in collaborazione con la Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee, le attrezzate imbarcazioni si sono date battaglia. La premiazione presso il centro turistico “Oasi Tabor”: il leccese Antonio Conti (Lenza Salentina) si è laureato campione d’Italia, sul gradino più alto del podio dinanzi al brindisino Arcangelo Antelmi (Amici del Mare) e al salernitano Eduardo Martuscielli (Arechi Salerno). In una competizione capace di attirare appassionati da tutta Italia e le telecamere di Sky, nono posto per il neretino Renzo Manca della Over Fishing Salento. «Una gara avvincente e combattuta – afferma Pisacane – in bilico sino all’ultimo respiro. Prima giornata particolarmente impegnativa a causa delle condizioni meteo-marine non favorevoli, nella domenica seguente il sole ci ha graziati e la cornice di pubblico è stata favolosa. Ringrazio il Comune di Nardò – conclude – la Capitaneria di Porto, il Circolo della vela di Gallipoli e la Lega navale italiana di Porto Cesareo».

Al termine del campionato italiano di traina d’altura, in programma dal 5 all’8 ottobre a Porto Cesareo, organizzato dalla stessa associazione neretina, avverrà il consueto versamento solidale in favore di “Cuore Amico”.

by -
0 193

Nardò. Un momento così atteso, tanto desiderato, mille volte sognato: è il momento dello storico esordio in Serie B. Attimi di fibrillazione si respirano tra gli appassionati sportivi neretini, pronti a vivere una pagina senza eguali del basket granata. Domenica 1 ottobre, alle ore 18:00, la truppa di coach Olive renderà visita alla Cestistica San Severo sul neutro del “Pala BCC” di Vasto, causa squalifica del tensostatico foggiano. Avversario ostico per i granata: San Severo, fra le protagonista del mercato della serie cadetta, ha sbandierato chiaramente obiettivi di vertice, potendo contare su pedine di comprovata caratura quali capitan Ciribeni, il play Bottioni e il pivot Rezzano, giusto per citarne alcuni. Fondamentale sarà l’apporto del movimento organizzato “Onda Granata”, pronto a percorrere senza indugi gli oltre 400 km pur di sostenere la Frata Nardò. «Non sarà tutto facile come nella scorsa annata – ammonisce il patron Carlo Durante – nella stagione alle porte perderemo inevitabilmente alcuni match e proprio in quei momenti avremo bisogno di tutto il calore della tifoseria neretina». Stop ai voli pindarici e piedi per terra, con la B non si scherza: «Partiamo per una salvezza tranquilla – aggiunge – se poi nell’arco del campionato dovessimo trovarci in alto, non ci tireremo indietro». Per i sogni, però, c’è sempre spazio: «Ho sognato una vittoria a Vasto, i titoloni dei giornali… sognare non costa nulla – conclude Durante – ben vengano le belle sorprese da qui a fine stagione».

SANTA MARIA AL BAGNO. L’infinita estate neretina prosegue: il mare è sempre al centro degli appuntamenti sportivi. Nelle giornate a cavallo fra settembre e ottobre, Santa Maria al Bagno ospiterà l’ottava edizione del campionato italiano di Kayak Fishing, indetto e organizzato dalla Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee in collaborazione con la Over Fishing Salento del presidente Marco Pisacane. Alle luci dell’alba del prossimo 30 settembre il ritrovo presso lo scalo di alaggio della marina neretina, quindi la gara dalle ore 7.30 alle 12.30, a seguire le operazioni di pesatura, rinfresco ed esposizione classifiche presso la spiaggia di Santa Maria al Bagno; programma simile il giorno successivo, 1 ottobre, che si concluderà alle ore 13.30 con pranzo e cerimonia di premiazione presso il centro turistico “Oasi Tabor” (in località Cenate).  Nel caso di avverse condizioni meteo si valuterà la possibilità di utilizzare il campo di riserva a ridosso del faro di Gallipoli (Isola di Sant’Andrea). Ufficiali di gara Massimo Barretta, Carmine Maritati e Giovanni Margarito. L’evento sarà ripreso dalla telecamere di Sky (in onda su “Pesca Tv”, canale 236).

Nardò – Il triste stato del terreno di gioco del “Giovanni Paolo II” sarà presto un ricordo. Domani inizieranno i lavori per la sua cura straordinaria, di conseguenza e con buona probabilità Nardò-Picerno, gara valida per il quinto turno di campionato, in programma il prossimo 1 ottobre, si disputerà in campo neutro. Tecnicamente, l’azienda “Salento Verde” di Antonio Forcignanò (che già ha in cura il “Via del Mare” d Lecce e l’Acaya Golf Club di Vernole) si occuperà di diserbo, decompattizzazione, scarifica, fertilizzazione, riporto e distribuzione di sabbia silicea, strigliatura per il ripristino della planarità, semina su tutta la superficie di gioco con specifica essenza microterma (adatta per campi sportivi), quindi supervisione dell’impianto di irrigazione. «Dopo i lavori a livello strutturale già effettuati tra fine agosto ed inizio settembre – afferma il consigliere delegato allo Sport, Antonio Tondo – l’Amministrazione comunale offrirà un nuovo supporto al club del presidente Fanuli. Il problema è causato da una malattia che da anni colpisce il manto erboso, quest’anno acutizzata e anticipata dal forte caldo». Proprio le condizioni meteorologiche hanno impedito che si potesse intervenire prima dell’inizio della stagione, “ma ci assicureremo che il manto erboso – aggiunge Tondo – sia in condizioni ideali per affrontare la sessione estiva 2018 e ripresentarsi al top per la stagione seguente».

Nardò – L’estate è finita? Non ancora. Ci sarà da rilassarsi domenica 17 settembre, fra Santa Caterina e Santa Maria al Bagno, con lo “Street workout”, organizzato pr iniziativa degli istruttori di fitness Elena Cutrona, Giusy Nitride, Omar Mancino, Stefano De Giorgi e Vittorio De Paolis in collaborazione con il consigliere comunale delegato allo Sport, Antonio Tondo. Si tratta di un circuito di allenamento disegnato su percorsi urbani e non, sia tradizionali che insoliti; un’attività prevalentemente cardiovascolare che si realizza nella camminata, intervallata da stazioni fitness: il comune denominatore è il contesto più che la disciplina, unito alla magia delle cuffie wifi che accompagneranno l’evento con la musica.

Dopo la registrazione, in programma alle ore 17.30, gli istruttori guideranno i partecipanti in un innovativo percorso esperienziale per vivere momenti di benessere psico-fisico tra le bellezze delle due marine neretine. Partenza dalla piazzetta di Santa Caterina: prima stazione presso la pineta di Portoselvaggio (tratto medio/lungo in camminata, gradini in discesa e corposa pendenza); quindi nuove stazioni presso la Croce di Santa Maria al Bagno (tratto con camminata i salita), Quattro Colonne, ritorno in piazza Nardò e finale a Santa Caterina. Per info: 329/3531601, 392/3438818

Nardò. Non è la tabaccheria più “antica” di Nardò, ma è l’unica che può vantare una prosecuzione così duratura di generazione in generazione. Tabaccheria Casaluce si appresta a spegnere le cinquanta candeline di attività: lo farà il 9 settembre, presso il centro di via Celso, con un buffet per tutti i clienti e i curiosi. Un percorso lungo, inaugurato nel lontano 1967, in piazza Castello, da Mario Casaluce: iniziò tutto con sole sigarette. Poi il passaggio di consegne al figlio Giuseppe, che seppe imprimere una svolta anche grazie ai suoi eventi di modellismo: «Ricordo quando ricevetti la chiamata da parte di papà – svela Giuseppe Casaluce – ero a Roma a svolgere il servizio militare. Mi fiondai verso casa e mi catapultai senza pensarci troppo in questo mestiere, che tutt’ora è parte integrante della mia vita. Ora come ora non riuscirei a farne a meno». Da piazza Castello passando per via Volta sino all’attuale sede in via Celso e una nuova staffetta da padre in figlio, da Giuseppe a Matteo. «Ma resta papà la colonna portante dell’attività  – chiarisce con umiltà e gratitudine Matteo Casaluce – siamo orgogliosi dei cinquant’anni della nostra tabaccheria e ci auguriamo che questi rappresentino un nuovo punto di partenza».

Nardò. Sofia Maglio sul tetto del mondo. Nel Campionato del Mondo di double trap disputato ieri a Mosca, la tiratrice neretina, assieme alla leccese Claudia De Luca e a Sofia Littamè, si è aggiudicata il Grand Prix femminile. In una gara dall’alto coefficiente di difficoltà a causa delle impervie condizioni meteo, le azzurre hanno staccato le colleghe di Gran Bretagna e Russia, rispettivamente sul secondo e terzo gradino del podio. Un successo di assoluto prestigio che segue la conquista dei Campionati Europei, nella categoria “lady”, di Baku (Azerbaijan). «Un’emozione bellissima salire sul quel podio con la bandiera italiana sulle spalle e udire l’Inno di Mameli – le prime parole di Sofia Maglio – che suonava per me e per la mia squadra. Nonostante la gara individuale non sia andata nel migliore dei modi, siamo riuscite ad ottenere un primo posto con cuore e passione. Questo è un altro di partenza: sono pronta a rimettermi in gioco in futuro – conclude la neretina classe ‘96 – migliorando giorno dopo giorno».

«Viviamo sensazioni uniche – ha chiosato il padre di Sofia, Flavio Maglio, presidente della società neretina Tav Jonico Salentina – festeggiamo con lacrime di gioia questo straordinario successo. Da parte mia ringrazio il direttore tecnico della Nazionale di tiro a volo, Mirko Cenci, per aver creduto nella capacità delle nostre ragazze, permettendo loro – conclude – di indossare il gilet tricolore».

Gallipoli. Anche la Over Fishing Salento si stringe attorno a Giuseppe. Da tempo a Nardò è partita una maratona di solidarietà per aiutare il bambino di nove anni a cui è stato riscontrato un tumore e che dovrà sottoporsi a costose cure. L’associazione del presidente Marco Pisacane (foto) ha indetto una gara di pesca, in programma il prossimo 9 settembre (dalle ore 14 alle 18) nel mare prospiciente Porto Gaio a Gallipoli: al termine della stessa il pescato sarà utilizzato per una cena solidale e l’intero ricavato dalle iscrizioni verrà donato alla famiglia del piccolo Giuseppe. «La Over Fishing Salento ha accolto la richiesta di collaborazione avanzata dal socio Giuseppe Verardi –  precisa Pisacane – e si accollerà tutte le spese relative all’organizzazione dell’evento. Ringrazio di cuore i nostri soci perché, come sempre, rispondono positivamente alle proposte di solidarietà sociale, che ormai rappresentano una parte importante delle attività della nostra associazione e ci rendono orgogliosi della nostra piccola e laboriosa comunità».

Un banchetto per la raccolta fondi in favore di Giuseppe verrà allestito dal movimento di tifoseria organizzata “Tabula Rasa” in piazza Salandra dal 5 al 7 settembre in occasione del torneo di “Calcio balilla umano”. Per le donazioni, inoltre, è disponibile il codice Iban IT32Q0303279820010000002300 (Banca Credem).

Nardò. Rosa nuova, stadio rinnovato. Ecco le principali novità del Toro versione 2017/18 che giovedì sera, a Santa Maria al Bagno, si è ufficialmente presentato dinanzi ad una nutrita e festante rappresentanza di sostenitori. Il primo a prendere parola sotto i riflettori del palchetto in piazza Nardò, è stato il presidente Maurizio Fanuli: «Opereremo gli ultimi sforzi sul mercato – ha rimarcato il primo tifoso granata – la rosa è completa all’80%. Non partiamo mai con obiettivi di classifica ben definiti, ma certamente scenderemo sempre in campo con l’intento di vincere». A seguire l’amministratore unico Patrizio Mercadante, quindi lo staff tecnico capeggiato da mister Roberto Taurino e da capitan Alessio Palmisano. Assieme alle ragazze con le tre maglie ufficiali (granata, bianca e fluo) griffate dallo sponsor tecnico Gav Sportswear, anche due attaccanti che col Toro non hanno ancora messo nero su bianco: il francese Guidiala e l’uruguaiano Rodriguez. Gli auguri del consigliere comunale delegato allo Sport, Antonio Tondo, e le rassicurazioni circa i lavori (fra cui ristrutturazione di spogliatoi e tribune, nonché operazioni su calcestruzzo e armature e la programmazione della risemina prevista per ottobre, quando le condizioni ambientali saranno consone ad interventi di questo tipo) che negli ultimi giorni sono stati operati al “Giovanni Paolo II”: «Crediamo fortemente in questa società, il Toro è patrimonio della città e per questo l’Amministrazione comunale si è fatto carico di un importante sforzo per rimettere a nuovo l’impianto presso il quale la squadra disputerà le gare interne». E la prossima è già domenica: alle ore 15 l’esordio in Serie D con la Sarnese.

NARDÒMentre la prima squadra corre verso lo storico esordio in Serie B, i dirigenti della Frata Nardò lavorano lungimiranti con l’obiettivo di internazionalizzare il settore giovanile. Negli ultimi giorni sono stati opzionati due atleti montenegrini classe 2001 dalla struttura fisica invidiabile, Pavle Mijatovic e Luka Cepic: ala proveniente dalla Pallacanestro Vado il primo, guardia ex Kk Sedmica (Montenegro) il secondo. I due si allenano con i big sotto l’occhio attento di coach Olive e del suo staff. «Con l’ingaggio dei due baby – afferma il dirigente Fabrizio Durante – inizia un capitolo nuovo. Nel giro di qualche anno contiamo di creare un settore giovanile che possa sfornare ragazzi per la squadra senior, sin dalla prima riunione estiva abbiamo pensato di riservare una parte del budget per l’acquisizione di under». Non solo basket, ma un’integrazione all’interno del tessuto cittadino: «Mi piacerebbe che i ragazzi vengano considerati i figli dell’intera comunità neretina e non solo della Frata Nardò – aggiunge Durante – in questo senso è esteso il mio invito ad amici e famiglie per ospitarli a pranzo o a cena durante l’arco della stagione». Formalizzato anche il rapporto di collaborazione con Hope Casarano del presidente Tommaso Anastasia: in granata il baby casaranese doc Lorenzo Mezzina (classe 2001). Nuovi orizzonti per la Frata Nardò del neo presidente Ivan Marra e del patron Carlo Durante.

SANTA MARIA AL BAGNO. Gara di pesca sportiva dalla barca a Santa Maria al Bagno. L’associazione Over Fishing Salento, in collaborazione con il Circolo della Vela di Gallipoli, la sezione di Porto Cesareo della Lega navale italiana e la Pro loco Torre Sant’Isidoro, organizza l’atteso memorial “Amici del mare”. Alle ore 14 del prossimo 26 agosto la partenza delle imbarcazioni (composte da un massimo di tre componenti): in mare sino alle ore 18.30, a seguire consegna del pescato alla giuria. Qualora le condizioni meteo-marine non consentano lo svolgimento della prova, la stessa sarà rinviata al giorno successivo, domenica 27 agosto, in serata poi spettacolo musicale e cerimonia di premiazione.

Risulterà vincitore l’equipaggio che avrà ottenuto il maggior punteggio complessivo (un punto a grammo): trofeo ai primi tre classificati e al concorrente che avrà catturato la preda più pesante. Infine, l’associazione neretina del presidente Marco Pisacane ci tiene a precisare che al termine della gara e durante la stessa non devono essere gettati in mare rifiuti di alcun genere: la natura deve essere rispettata e non deturpata in alcun modo. Come di consueto, sfondo solidale con ricavato in favore dell’associazione “Cuore Amico”.

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...