Home Authors Posts by Lorenzo Falangone

Lorenzo Falangone

218 POSTS 0 COMMENTS

NARDÒ. Nardò verso la gloria. Con un doppio successo nella finale playoff sulla Cestistica Ostuni (64-43 a Monteroni e 61-86 in terra brindisina), l’“Andrea Pasca” è quindi regina di Puglia (assieme a Udas Cerignola, piazzatasi al primo posto in Serie C Silver) e ottiene il pass per la fase nazionale. Altre tre prime classificate sono inserite nel girone da quattro con gli uomini di coach Olive: Sarno (Campania), Costa d’Orlando (Sicilia) e Silvi (Abruzzo), quest’ultimo primo avversario domenica 7 maggio in provincia teramana. Saranno sei le gare da disputare tra andata e ritorno: la prima classificata brinderà per l’accesso in Serie B, la seconda si scontrerà con le seconde degli altri due gironi (con uno spareggio in triangolare e in campo neutro, da disputarsi nei giorni 16,17 e 18 giugno). Oltre a quello dei granata, inseriti nel B, si contendono la promozione i team del girone A (Esperia Cagliari, Battipaglia, Cus Genova e Virtus Civitanova) e del girone C (Green Basket Palermo, Janus Fabriano, Udas Cerignola e Basketball Lamezia).

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

NARDÒ. Gran galà di kick boxing, il prossimo 7 maggio, al “Pala Andrea Pasca”. Ragazzi (dai quattro anni in su) e adulti si sfideranno, dalle ore 10.30 in poi, in un vero e proprio grand prix con vincitori finali, in tre discipline di kick boxing (semi contact, light contact e kick light) e karate. Il tutto grazie all’impegno dei maestri, i fratelli Riccardo Guagnano (foto) e Walter Guagnano, responsabile della palestra Tiger Team. «Sarà una gara divertente e agonistica al tempo stesso – dichiara lo stesso Riccardo Guagnano, titolare della palestra Dojo Arashi, la prima in assoluto a Nardò dedicata al mondo delle arti marziali – sarà bello ammirare i più piccoli nell’esecuzione dei movimenti tipici di kick boxing e karate». L’appuntamento del prossimo 7 maggio potrebbe fungere da apripista per nuove sfide: «Contiamo di fissare un paio di date per il prossimo anno – conclude Guagnano – magari con una partecipazione ancor più cospicua». Raggiungeranno Nardò una decina di società provenienti dalle province di Lecce, Brindisi e Taranto.

Massimo-Zampini

Massimo Zampini

NARDÒ. Non c’è solo il Barcellona nei pensieri dei tifosi bianconeri del Salento e non solo. C’è anche l’atteso appuntamento con Massimo Zampini (foto), ospite dell’associazione “J Nardò Bianconera” (nella sede di via Genarale Cantore), il prossimo sabato 22 aprile, alle ore 19. Avvocato, fondatore e responsabile del blog Juventibus, nonché apprezzato scritto e opinionista juventino (spesso ospite dei programmi sportivi “Tiki Taka”, su Italia 1, E “Jtalk” su JTV), Zampini approfondirà il tema “Juventinità e mass media”. Durante l’incontro interverranno anche Gaetano Gorgoni, giornalista e direttore del CorriereSalentino.it, e Salvatore Donadei, presidente della Camera Civile di Lecce e membro del direttivo di “J Nardò Bianconera”. Il pubblico è invitato a prendere attivamente parte al dibattito, che sarà trasmesso in tutte le sale della sede dell’associazione, definita da Marcello Chirico, direttore di Top Planet (canale juventino che ha ripetutamente visto come ospiti membri di “J Nardò Bianconera”) un vero e proprio “tempio” per bellezza ed atmosfera. Per il presidente Tony De Paola un appuntamento che riveste di ulteriore prestigio l’attivissima associazione neretina, al tempo stesso impegnata con la seconda edizione del torneo di calcio balilla amatoriale a coppie e a breve con un torneo di calcetto dedicato ai ragazzi.

La juniores nazionale e nella fotina Antonio Foglia Manzillo (foto Toma)

La juniores nazionale e nella fotina Antonio Foglia Manzillo (foto Toma)

NARDÒ. E sono dieci. Come accadde nel lontano 1996/97 (Serie D) con Santin in panchina e nel più recente 2014/15 (Eccellenza) con Ragno, Antonio Foglia Manzillo entra di diritto nella storia granata infilando la decima vittoria lontano dalle mura amiche. Un numero però, al contrario dei suoi predecessori, che potrà essere rimpinguato, considerando che da qui al termine della regular season il Toro sarà impegnato in trasferta in altre due occasioni (ad Ercolano e a Roma, col Trastevere). Assieme al record, in virtù della vittoria di Genzano sul Cynthia, arriva anche il quarto posto, dopo il sorpasso operato ai danni del Gravina. «E ora – dichiara Foglia Manzillo – cercheremo di incamerare quanti più punti possibili. Aggrediremo la terza piazza (occupata dalla Nocerina e distante tre lunghezze, ndr) ma dovremo pensare anche a difendere il quarto posto, in quanto solo un punto ci separa dal Gravina».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

nardoNARDÒ. Lo sguardo della comunità neretina, nelle settimane precedenti la Pasqua e oltre, è rivolto ai più bisognosi. Ed è all’insegna della beneficenza, come quella della Fondazione Ant che proseguirà con la sua campagna nazionale “Le uova della solidarietà” a sostegno dell’assistenza medica domiciliare gratuita ai malati di tumore e della prevenzione oncologica. Il punto di aggregazione e di ascolto dei volontari accoglie quotidianamente le proposte pasquali in corso Vittorio Emanuele II. Accoglienza, perdono, ascolto, offerta e condivisione sono invece i concetti chiave che hanno caratterizzato le settimane di Quaresima del gruppo scout Nardò 2 “S. Maria degli Angeli” di don Giuseppe Raho. Il percorso di avvicinamento alla Pasqua si concluderà sabato 8 aprile: i “lupetti” visiteranno il Museo della Memoria di Santa Maria al Bagno per rivivere la cena ebraica e scoprire il significato del triduo pasquale; gli esploratori parteciperanno alla Via Crucis dei giovani (aperta a tutti) presso la Croce dell’Alto. La “Juventus Nardò Bianconera”, in collaborazione con l’associazione di volontariato “Il giardino dei bimbi” di Leverano, si è attivata nel progetto “Diamo una casa a chi non ce l’ha”: l’intero ricavato della vendita delle uova sarà devoluto per la costruzione di una abitazione destinata ad accogliere i bambini orfani ed abbandonati di Kolwezi, nella Repubblica democratica del Congo.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

NARDÒ. Un altro “Trofeo Salento”, il 29°, va in archivio. Un altro successo per la Over Fishing Salento che ha organizzato l’evento fra il litorale jonico-salentino di Ugento (Torre San Giovanni, Torre Mozza, Lido Marini) e Salve (Marina di Pescoluse). Si è aggiudicato il classico appuntamento di surfcasting (pesca dalla spiaggia) il team Over Sea “Le Pilane” di Poggiardo, a seguire la squadra mista neretino- aletina Over Fishing-Salento Team 2002 e Black Marlin di Novoli. Il trofeo a box al gruppo com- posto da Andrea Tarantino (che si è aggiudicato anche il riconoscimento individuale) di Muro Leccese, Gianrocco De Santis (Santa Cesarea Terme) e Renato Carluccio (Poggiardo).

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

marco-pisacaneNARDÒ. Diciassette ore consecutive di gara, pessime condizioni meteo-marine ed un solo pesce pescato: tutto ciò accadeva nella prima edizione del “Trofeo Salento”, anno 1988. Ma i successi  inevitabilmente poggiano e crescono sulle iniziali difficoltà. Ecco allora che il 18 marzo si terrà l’attesa gara nazionale di surfcasting, giunta al 29° appuntamento; organizza la Over Fishing Salento. «Lungo il percorso delle varie edizioni – ricorda il presidente Marco Pisacane (foto) – abbiamo incontrato un grande personaggio della pesca sportiva, Giovanni Longo, al quale con eterna riconoscenza e amicizia vogliamo dedicare il trofeo». Sul litorale di Torre San Giovanni, Torre Mozza, Lido Marini e Marina di Pescoluse, fra Ugento e Salve, si sfideranno 120 concorrenti (40 box).

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

NARDÒ. Mancherà a livello umano, sul piano politico, sul lato sportivo. Mancherà, Sergio Orlando, deceduto lo scorso 15 febbraio a 64 anni. Farmacista, ex amministratore comunale, un passato da dirigente e calciatore del Toro. Un uomo perbene, un uomo di sport. Indimenticabile bandiera granata (bei ricordi ha lasciato anche a Gallipoli), capitano e storico numero 3 dal 1970/71 al 1977/78. «Lo incontrai di recente in centro a Lecce – afferma Mimmo Renna, suo allenatore nel 73/74 – è dura perdere un ragazzo eccezionale così, improvvisamente. Sergino era fra i più giovani: impeccabile lavoratore, voglioso di imparare, attento alle soluzioni tattiche, impiegò poco tempo per divenire un perno nei miei sistemi di gioco». Al punto che l’allenatore leccese svela di aver tentato, nella stagione successiva, di portarlo con sé a Brindisi: «Fu la prima richiesta che feci alla dirigenza biancazzurra – aggiunge – ma il club granata non ne volle sapere di liberarlo».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

NARDÒ. Reduce da due sconfitte consecutive nel girone C di Serie D maschile, la Esseti Pallavolo Nardò ha ben in mente priorità e obiettivi. «Eravamo consapevoli – ammette la dirigente e allenatrice, Sandra Torchia – che andavamo ad affrontare due match improbi con due team attrezzati del calibro di Showy Boys Galatina e Alliste. I passi falsi erano in preventivo». Non erano in preventivo, invece, gli imprevisti che la Esseti ha dovuto incassare nel corso del proprio cammino in campionato: «Le assenze ci hanno penalizzato – nota Sandra Torchia – in quanto alcune pedine chiave sono venute meno, per infortuni o impedimenti lavorativi, proprio nel momento-clou della stagione. Già sul finire del girone di andata mi sono resa conto che non avremmo potuto sostenere il passo di roster con elementi di categoria superiore come quelli di Galatina, Alliste e Bee Volley Lecce».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

basket nardoNARDÒ. «Gli avevano pronosticato un 50% di possibilità di rientrare in campo, ma non sapevano con chi stavano parlando. Ha lottato, ha vinto ed è ritornato sul parquet. Con il numero 7, Goran Bjelic», poi la standing ovation del “Pala Pasca”. Sono queste le parole, pronunciate dal presidente Carlo Durante, che hanno incorniciato il ritorno al basket giocato del centro montenegrino, dopo il “canestro” più difficile della sua vita: sconfiggere un tumore. Domenica scorsa, in occasione del match interno con Olimpica Cerignola (80-66 il risultato finale in favore dei granata), il tributo dei sostenitori neretini a Bjelic, presente anche a referto con cinque punti all’attivo.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

NARDÒ. “I benefici di una sana e corretta alimentazione”: è questo il titolo del convegno griffato “La Dispensa del Salento” di Marcello Fracella, tenutosi il 17 febbraio passato in via Antonio Deviti de Marco. Dopo i saluti istituzionali dell’assessore alle Attività produttive, Stefania Albano, e del consigliere comunale Andrea Giuranna, il prezioso contributo della dottoressa Stefania Antico. La biologa nutrizionista neretina, specializzata in Scienze dell’Alimentazione, ha approfondito il campo delle farine: le qualità, le diversità e le loro tipicità. Quindi ha preso la parola Carlo Longo, presidente della Proloco Nardò e Terra d’Arneo e la chiusura finale del consigliere provinciale Antonio Tondo. Al termine dei lavori, per tutti, una degustazione di specialità enogastronomiche salentine. Inoltre, a partire dallo scorso 11 febbraio, al via “Il sabato tipico della Dispensa del Salento”: i menù con prodotti locali si ripeteranno sino a fine maggio.

 

carnevale nardoNARDÒ. Weekend fra maschere e sport. Si partirà il prossimo 25 febbraio con la 31ma edizione del “Carnevale neretino”: carri allegorici, maschere singole, a coppie o a gruppi sfileranno per le vie della città per il consueto appuntamento fortemente voluto e organizzato dal Centro turistico giovanile “Osanna” (informazioni presso la sede sita in via Personè) del presidente Aldo Lega, in collaborazione con l’assessore alla Cultura, Francesco Plantera. Il giorno seguente, dalle ore 9.30 alle 12.30, presso il centro sportivo “Vacanze Serene”, la seconda edizione della “Coppa Carnevale”: saranno otto le squadre di calcetto partecipanti con età degli atleti compresa fra i 18 e i 50 anni.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

Totuccio Calabrese e il "raccolto" dei cacciatori in una giornata ecologica

Totuccio Calabrese e il “raccolto” dei cacciatori in una giornata ecologica

NARDÒ. Dal 1980 al servizio del territorio e dei cacciatori. Il tempo passa ma non per il Circolo della caccia “Neretum“ che, con la passione di sempre, rinnova regolarmente il consiglio direttivo e svolge la consueta attività accogliendo ogni tipo di richieste utili. La stagione venatoria ha chiuso i battenti lo scorso 31 gennaio e riaprirà con l’arrivo di settembre, ma in via Pisanelli le idee non mancano: «A partire dalle giornate ecologiche proposte dall’Ambito territoriale di caccia della provincia di Lecce – afferma lo storico presidente, Totuccio Calabrese – alle quali noi aderiamo regolarmente. Individueremo una zona e, grazie all’ausilio della ditta Bianco Igiene Ambientale, che si pone cordialmente a disposizione per il corretto smaltimento, ci prodigheremo per la raccolta dei rifiuti».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Il presidente Durante, Bjelic e i tifosi del Castellaneta con i quali è nato un gemellaggio. Nel riquadro, Cosimo Iacomelli (foto M. Caputo)

Il presidente Durante, Bjelic e i tifosi del Castellaneta con i quali è nato un gemellaggio. Nel riquadro, Cosimo Iacomelli (foto M. Caputo)

NARDÒ. Beneficenza, gemellaggio, basket-spettacolo: non si è fatta mancare nulla, il 5 febbraio scorso, l’“Andrea Pasca” Nardò. Principalmente la solidarietà nei confronti dei cittadini di Visso, bersagliati dal terremoto: “cavalcando” l’evento “Nardò per il Centro Italia”, svoltosi nella stessa giornata in piazza Salandra, il sodalizio cestistico neretino ha indetto un’asta benefica delle maglie di tutti i componenti della prima squadra, con l’intero ricavato (per un totale di 1.617 euro) devoluto alle popolazioni del Centro Italia. Non solo: il caloroso interesse palesato dai tifosi castellanetani nei confronti della casacca di Goran Bjelic ha indotto il presidente Carlo Durante a presentare l’impareggiabile offerta di 200 euro, omaggiando così la maglia del centro montenegrino alla frangia più calda della tifoseria ospite. Poi, in occasione del match interno con la Valentino Basket Castellaneta, la consegna ufficiale, suggellando di fatto la nascita di un gemellaggio granata-biancorosso (come testimoniato dallo striscione esposto dai supporter neretini).

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

IL RITORNO Alessandro Mirarco, il portiere neretino doc che ha debuttato domenica scorsa nella vittoriosa trasferta in terra potentina (foto Castellaneta)

IL RITORNO Alessandro Mirarco, il portiere neretino doc che ha debuttato domenica scorsa nella vittoriosa trasferta in terra potentina (foto Castellaneta)

NARDÒ. Terza vittoria consecutiva, quarto posto in classifica, ottavo successo in trasferta: i numeri votano per il Toro, che vede rosso soprattutto lontano da casa. L’ultima impresa è quella di Picerno, in un terreno sul quale, negli ultimi sei incontri, i melandrini avevano centrato cinque vittorie e un solo pareggio, peraltro con la capolista Trastevere. Poi però è arrivata la furia granata che di recente non fa sconti a nessuno. «Degli ultimi otto incontri – ha ricordato il tecnico Antonio Foglia Manzillo – ne abbiamo vinti sei e uno dei due ko, quello di Francavilla in Sinni, fu un’autentica beffa. Il nostro segreto sta nella testa ed è l’umiltà, peculiarità che non dovrà mai venir meno». Orgoglioso e onesto il discorso dell’allenatore granata, probabilmente meno sincero, però, quando confida di “non guardare la graduatoria”. «Sappiamo benissimo – aggiunge – che quando ci culliamo sulla classifica andiamo poi incontro a crolli fragorosi: sarà vietato specchiarsi nel prossimo incontro, che ci vedrà opposti al temibile Madrepietra Daunia».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Massimo De BenedettoNARDÒ. «Questo neo non mi piace, ti prenoto una visita per domani»: furono queste le parole di Massimo De Benedetto, responsabile dello staff sanitario dell’“Andrea Pasca”. Poi il controllo; l’esito: tumore. Il rischio di smettere di giocare e il subentro di grandi paure, così, da un attimo all’altro. Accadde in un’amichevole, a Taranto, prima dell’inizio dell’attuale regular season che avrebbe dovuto annoverare Goran Bjelic fra i grandi protagonisti. «Ho sofferto tanto e soffro ancora – ammette il centro montenegrino – nell’arco della mia carriera non ho mai saltato un allenamento, figuriamoci star fermo per diversi mesi». Mesi nei quali Bjelic ha girovagato per gli ospedali d’Italia, sostenendo ben quattro interventi, il più delicato dei quali, a Milano, ha scacciato via i cattivi pensieri. «Mi sento fortunato – aggiunge – in quanto la famiglia granata, Carlo Durante in primis, mi ha sempre supportato. Al presidente devo tutto, non mi ha fatto mai mancare nulla, è un padre per me».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Andrea PascaNARDÒ. Nel florido settore giovanile dell’“Andrea Pasca” Nardò si fanno rispettare i ragazzi terribili dell’under 16. A dispetto dell’età (2001 e 2002), alcuni di loro hanno già accumulato minutaggio ed esperienza nella compagine di Serie D. «La prima parte di campionato – analizza coach Michele Battistini – si è rivelata incoraggiante. Al di là dei risultati, grazie ad un meticoloso e costante lavoro nel corso degli ultimi anni, emerge evidente la crescita dei ragazzi. Il fatto che alcuni di loro si cimentino in D non è altro che una certificazione di tali progressi». Benché spicchino alcuni baby talenti, da buon timoniere Battistini “dribbla” la domanda sui più promettenti e sottolinea quella che è la caratteristica del basket: «Il basket è uno sport di squadra e apprezzo lo spirito di sacrificio dell’intero gruppo. I progressi di squadra, poi, non faranno altro che arricchire anche il singolo».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

NARDÒ. Una prima parte di stagione non particolarmente brillante vissuta dalla Dream Volley. Nei primi dieci turni del girone B di Serie C femminile le granata del presidente Sandro Buccarella hanno racimolato appena due successi: i sei punti in classifica valgono il terz’ultimo posto al pari della Erredi Taranto. «L’asticella di difficoltà del torneo – nota Buccarella – si è spostata verso l’alto. Tante giocatrici sono scese dal- laBallaCeciòha comportato un naturale innalzamento del livello qualitativo. Ci sono quattro o cinque squadre che disputano un campionato a sé, per il resto ritengo che possiamo giocarcela alla pari con tutte». Le uniche vittorie delle ragazze di coach Gianni Dell’Anna nel turno del “Pala Andrea Pasca” con l’Olimpius Parabita (3-0) e nella trasferta con la Fratres Castellaneta (2-3). «Probabilmente ci è mancato un po’ di carattere – afferma il presidente del sodalizio pallavolistico neretino – ma non posso rimproverare nulla alle ragazze, le quali, sotto il profilo dell’impegno, non hanno mai steccato».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

Tutti uniti, in un unico abbraccio, per ricordare il geometra Liberato Potenza. Allo stadio “Giovanni Paolo II”, lo scorso 1 marzo, si sono sfidate in un quadrangolare le rappresentative del Collegio Geometri di Lecce, dei Commercialisti dell’Ordine di Lecce, dei Geometri di Nardò e del centro sportivo Happiness. Per onor di cronaca, proprio questi ultimi si sono aggiudicati il trofeo. Hanno dato il via all’evento le commosse parole del consigliere del Collegio dei geometri leccesi, Giuseppe Nobile, il quale, con un affettuoso messaggio, ha voluto ricordare, dinanzi ai famigliari di Potenza, non solo il collega scomparso prematuramente il 24 gennaio 2016 a causa di un tumore, ma anche tutte le altre vittime che il collegio piange. Infine, Nobile ha ringraziato i colleghi Luciano D’Ostuni e Francesco Orlando per il prezioso apporto nella fase organizzativa del memorial.

NARDÒ. È un Toro diverso quello che ha inaugurato, nel migliore dei modi l’anno nuovo, imponendosi per 2-0 a Ciampino e riscattando il medesimo passivo incassato nel girone d’andata. Diverso nei concetti, negli interpreti, come Cristiano Ancora e Cosimo Patierno, i due attaccanti giunti in granata nel mercato dicembrino, decisivi, con un gol a testa, nella vittoria maturata nella città aeroportuale. «Adesso la rosa – ha affermato il vice presidente Maurizio Fiorentino – è più aderente ai dettami tecnico-tattici del nostro mister. Abbiamo approfittato della finestra di riparazione per rimodellare la squadra, acquisendo calciatori dal curriculum importante che certamente non faranno mancare il proprio apporto». E l’impatto dei nuovi arrivati si è rivelato
fin da subito importante: non solo gli autori dei gol, a Ciampino si è particolarmente distinto Giorgio Bertacchi, centrocampista bergamasco presentato ufficialmente (assieme all’esterno mancino Andrea Tarallo, classe ‘97) pochi giorni addietro.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

by -
0 689

naro presepe 2NARDÒ. Un presepe vivente da scoprire e da celebrare. Circa duemila persone erano assiepate nei pressi dello spazio verde antistante la chiesetta di Santa Caterina, lo scorso 18 dicembre, per l’inaugurazione della 36esima edizione dell’evento coordinato da don Piero Inguscio in collaborazione con il comitato del presepe vivente di Tricase. Hanno “tagliato il nastro” l’assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Nardò, Francesco Plantera, e il vicesindaco della città di Tricase, Maria Assunta Panico. In tanti hanno manifestato apprezzamenti per la cura dei costumi, per la realizzazione delle scenografie, per l’atmosfera paesaggistica e per la scrupolosa illuminazione del maestro Angelo Manca. Lungo il percorso, fra i tanti curiosi, ragazzi, docenti e genitori (hanno contribuito alla realizzazione del presepe vivente le scuole neretine di ogni ordine e grado, oltre alle associazioni in loco) e gli artigiani salentini per un numero complessivo di 26 strutture con ben 150 figuranti. Prossimo appuntamento il 26 dicembre con il suggestivo arrivo della stella dal mare in virtù della collaborazione con i due gruppi Costa del Sud Diving Service (di Santa Caterina e di Torre Inserraglio). Il ritrovo è fissato per le ore 18 presso la spiaggetta: quindi, percorrendo via Pietro Micca, il corteo giungerà al presepe e collocherà la stella nei paraggi della Natività.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

nardo presepeNARDÒ. Auspici rinnovati, emozioni da scoprire, nuovi traguardi. Dopo l’inaugurazione alla presenza delle autorità locali e degli studenti neretini, il presepe vivente organizzato dalla Pro loco Nardò del presidente Giovanni Portorico è pronto a impersonare il clima natalizio. «Siamo orgogliosi di questa terza edizione – dice il responsabile del progetto, Mimino Tondo – che punterà alla riscoperta del patrimonio artistico e storico della nostra città». La Natività sarà nell’antico Palazzo vescovile, chiuso da oltre quarant’anni, situato a ridosso del centro storico. «Rispetto all’anno passato – aggiunge Tondo – abbiamo curato con particolare riguardo le scene bibliche, ripercorrendo le significative tappe dell’Antico Testamento e, sullo sfondo, i mestieri di un tempo e il mercato di Betlemme».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!+

NARDÒ. Una Nardò da vivere intesamente nelle vacanze natalizie e di fine anno. Numerose le iniziative in programma, molte delle quali inserite nella scaletta stilata dall’assessore alla Cultura e al Turismo, Francesco Plantera. Solidarietà, arte, tradizione, musica e tanto altro. Il 23 dicembre e il 9 gennaio 2017 il concorso “Il presepe fra tradizione e attualità”, organizzato dal Centro turistico giovanile di Aldo Lega (nella foto): le opere saranno esposte presso il Chiostro di Sant’Antonio. Il 24 e il 6 gennaio, dalle ore 17.30 alle 20. Il Museo della civiltà contadina aprirà le porte ai curiosi, accolti da esperti che illustreranno loro le mille storie neretine ricche di tradizione con una degustazione di prodotti tipici. Il 26, dalle ore 15, nel centro storico “DieNneAvventura” organizza “Tauro non bovi”: visita culturale nel centro storico neretino, dalla Basilica Cattedrale a Palazzo Personè passando per la storia di palazzi, chiese e tanto barocco. Si terrà invece il 27 (anziché il 18 dicembre, come inizialmente previsto) lo “Staying together”, mercatini e musica a Masseria Boncuri, di recente affidata all’associazione “Dirtti a Sud” per ospitare i migranti e braccianti ancora in città dopo il pienone dell’estate.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

NARDÒ.È la stagione dei paradossi, dei controsensi, delle esaltanti vittorie e delle cocenti sconfitte. In un clima di incertezza di identità e di obiettivi poco chiari (da quel “la Lega Pro la conquisteremo sul campo” di inizio stagione si è passati ad un più realistico “non siamo noi quelli chiamati a vincere il campionato”) il valzer del mercato è iniziato. I club più blasonati hanno già effettuato i primi colpi assicurandosi calciatori di comprovata caratura. Il Nardò, da par suo, intende risolvere il problema centra- vanti, che si ripropone ormai da mesi, con l’ingaggio di Cosimo Patierno. Venticinquenne, bitontino di nascita, nell’attuale stagione ha militato nel Gravina, con undici presenze all’attivo condite da un solo gol, peraltro su calcio di rigore. E da Gravina arriva anche l’altro rinforzo offensivo: il fantasista Alessandro Pirretti. Nel caso del classe ‘97 si tratta di un ritorno in Salento, essendo nato a Racale ed avendo ben figurato nella scorsa annata tra le file del Gallipoli, sempre in Serie D. In attesa di altri, eventuali, nuovi innesti, c’è chi invece sembra abbia pronte le valigie. Si tratta dei difensori Riccardo Cossu ed Emanuele Musca: il primo non ha mai visto il campo, le prestazioni del secondo, invece, non si sono rivelate all’altezza.  Da segnalare, nel corso della gara interna col Trastevere, l’affetto degli ultras neretini rivolto al Chapecoense, il club brasiliano vittima dalla nota e recente tragedia aerea. Gli striscioni esposti sugli spalti del “Giovanni Paolo II” recitavano “Siete voi i campioni. Rip Chapecoense”, “Un popolo ferito ma non sconfitto, più forti di qualsiasi calamità” e “Riposate in pace, forza Chape”.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

NARDÒ. Fra le medaglie al merito sportivo assegnate dal Coni, brilla anche quella di Luigi Orlando (foto). Il primo posto nella categoria -62 kg conquistato nel campionato italiano di panca di Milano, nel 2015, ha portato l’atleta neretino al Teatro Verdi di Brindisi, lo scorso 28 novembre, per la cerimonia di premiazione delle Benemerenze (foto). Orlando ha ritirato la medaglia di bronzo al valore atletico che onora i sacrifici e i duri allenamenti: «È un riconoscimento prestigioso – afferma – che acquista ancor più valore in relazione al fatto che altri atleti, che pure avevano primeggiato nelle proprie categorie, non sono stati selezionati dal Coni». Stelle al merito a dirigenti e società, palme al merito ai tecnici. Fra gli altri sportivi leccesi omaggiati della medaglia al valore atletico, oro per Michele Giurgola di Ruffano (campione mondiale di immersione in apnea), argento per Alessio Metrangolo di Lecce (campione europeo di pesca sportiva con canna da riva a squadre), bronzo per il leccese Antonio Del Cuore (tiro a segno) e per i pesisti copertinesi Maria Grazia Alemanno, Annachiara Cataldo, Andrea Sederino.

Voce al Direttore

by -
Probabilmente non arriveranno tutti quelli che hanno cliccato su uno dei siti più famosi in tema di viaggi e vacanze. Ma il dato resta:...