Home Authors Posts by Ilaria Lia

Ilaria Lia

180 POSTS 0 COMMENTS

Specchia – Una marcia silenziosa per le vie di Specchia e un incontro per parlare della violenza sulle donne, legando l’evento alla “Staffetta della responsabilità” promossa dal Comune di Sogliano Cavour e che mira a collegare i Comuni nell’impegno contro la violenza. Si è voluto ricordare così Noemi Durini, ad un mese dal suo ritrovamento. In prima fila, mamma Imma, che non smette di ripetere che l’odio genera violenza. È stata praticamente lei la protagonista della serata, dimostrando ancora una volta di essere forte, annegando il terribile dolore nell’impegno verso gli adolescenti. “Voglio ricordare mia figlia e farla vivere ogni giorno aiutando i ragazzi; presto fonderò un’associazione con questo scopo, essere vicina specialmente agli adolescenti, più fragili in quel momento della loro vita”, ha detto.

Ferita ancora aperta ma poca gente. La ferita ancora aperta nel paese non è bastata a chiamare a raccolta un po’ di gente presso il centro Capsda; in sala, ieri, per lo più donne, già interessate all’argomento per ruolo istituzionale, per lavoro o per impegno sociale. Forse, come ha detto il Sindaco Rocco Pagliara, ancora si deve metabolizzare bene quanto successo, e ancora non si è pronti a fare autocritica. A pensare che forse c’è un gap tra le istituzioni e cittadini che deve essere colmato con mezzi alternativi, con una maggiore comunicazione e con un frequente scambio di esperienze.

I tanti servizi e le scarse informazioni alla gente. A mettere il dito nella piaga, a sottolineare cioè la distanza che c’è tra cittadino e istituzioni, è stata la stessa madre della 16enne uccisa dal suo compagno di un anno più grande di lei. Dopo un intervento in cui sono stati elencati tutti i servizi offerti dai servizi sociali del paese e dell’Ambito sociale, la donna non si è trattenuta: “Scusate, perché nessuno mi ha informata di tutto ciò? Io ho denunciato tante volte, ma sono stata lasciata sola. Ho chiesto aiuto e nessuno mi ha dato una risposta. E neanche le forze dell’ordine mi hanno informata su questi servizi. La rete si deve attivare e ognuno non deve avere timore di chiedere aiuto. Dobbiamo smetterla di vedere le istituzioni più grandi di noi ma dobbiamo cercare il dialogo”. L’interruzione non è stata gradita a qualcuno e il presidente dell’ambito di Gagliano Del Capo, Carlo Nesca, l’ha invitata ad intervenire alla fine delle relazioni, tenute comunque dall’assessore alle Pari opportunità di Specchia Luigia Maria Rosaria Scarcia; la presidente dell’Unione nazionale della Camera minorile, Rita Perchiazzi; la dirigente dell’istituto comprensivo Alessano-Specchia, Salvatora Accogli; la coordinatrice della rete dei Centri antiviolenza SanFra, Moira Fusco; l’assistente sociale dell’Ambito sociale di Gagliano, Daniela De Giorgi.

Tanti programmi per le donne. E gli adolescenti? Molti i riferimenti nei loro interventi ai servizi in essere ed a quelli a venire, tutti relativi alla violenza di genere ed ai centri protetti, servizi che però vengono in aiuto a donne maggiorenni e non alle ragazze, tradendo un po’ sia il titolo dell’iniziativa (“Le risorse degli adolescenti nei processi di crescita e costruzione di un’identità”) che il richiamo alla drammatica storia d’amore finita in tragedia. La dirigente scolastica Accogli, illustrando gli interventi ed i progetti per la sua scuola, ha richiamato la necessità di realizzare “un’alleanza educativa” che avvicini i genitori agli insegnanti. Per rafforzare quella rete sociale in grado di segnalare in tempo ed attivare adeguati strumenti di contrasto, magari dopo aver realizzato piani di educazione alle emozioni a scuola e sanato le criticità da superare nella comunicazione e nel coinvolgimento.

by -
0 384

Presicce – Passo in avanti per l’apertura dei locali un tempo adibiti a mercato coperto. Ad oltre due anni dalla fine dei lavori, è stato pubblicato il bando per acquisizione di manifestazioni d’interesse ed avviare “l’affidamento della concessione per la gestione del centro diurno socio-educativo”. La concessione durerà dieci anni e il canone annuo da versare al Comune è stato fissato a 2mila euro. L’Ente specifica che si tratta di un’indagine di mercato “finalizzata all’individuazione di operatori economici da invitare alla procedura negoziata per l’affidamento” e che “l’avviso ha lo scopo esplorativo, senza obblighi negoziali nei confronti del Comune che si riserva la possibilità di sospendere, modificare o annullare tutto o in parte il procedimento avviato”. Le imprese interessate potranno inviare via posta la loro richiesta presso la sede del Comune entro le 12 dell’8 novembre 2017. I requisiti d’accesso impongono: l’iscrizione nel registro delle imprese; se cooperativa sociale o consorzio è necessaria l’iscrizione all’albo regionale; il fatturato complessivo dell’ultimo triennio (in servizi che abbiano la stessa natura del servizio da affidare) non deve essere inferiore a 120mila euro; e la ditta deve impegnarsi a disporre un o più sedi cooperative a Presicce. Per maggiori informazioni consultare il sito del comune. La struttura chiusa ormai da anni aveva ottenuto un finanziamento con il bando Bollenti Spiriti della Regione durante l’amministrazione di Antonio Luca; con il suo successore, Leonardo La Puma, i finanziamenti regionali sono stati dirottati sul palazzo Ducale mentre per l’ex mercato coperto si è provveduto con risorse dell’Ambito sociale, considerando la sua nuova destinazione a centro socio educativo.

Il presidente Pro loco Loris Pizzolante

PRESICCE. Con la Pro loco alla 48esima sagra del fungo a Camigliatello Silano. L’associazione propone anche quest’anno ai soci e ai non soci un’occasione di svago e socializzazione con una gita fuori porta, la meta scelta stavolta è Calabria e Basilicata. Sarà un divertimento cercare funghi e raccogliere le castagne, ma non solo: durante il viaggio in pullman di tre giorni, dal 27 al 28 ottobre, sono previste anche le visite guidate a Matera, capitale della Cultura 2019, e Cosenza. La quota di partecipazione è di 175 euro, 180 per i non soci. Per la stanza singola c’è un supplemento di 15 euro a notte. Per avere maggiori informazioni e per le prenotazioni si contattino i numeri: 0833/721275; oppure 340/6506421; 349/1295811 (Anna); 328/5316122 (Consiglia)

by -
0 66

Claudio Baglivo

PRESICCE. “Pedalando senza fretta la domenica mattina” è il verso di una canzone di Cocciante che  sintetizza perfettamente lo spirito con cui partecipare alla seconda edizione della ciclo passeggiata, in programma domenica 8 ottobre, organizzata dalla Pro Kids. Tutti puntuali alle 9,30 in piazzetta delle Regioni, da dove si partirà per l’escursione in campagna, che si arricchirà di diversi momenti di condivisione: a metà percorso è previsto il pic-nic autogestito, presso la tenuta Giannelli; non mancherà l’intrattenimento per i bambini, i più golosi beneficeranno del buffet di dolci e, inoltre, sarà celebrata la Santa Messa in memoria dell’amico Claudio Baglivo, vittima di un incidente stradale in Emilia lo scorso anno. Le iscrizioni sono ancora aperte e si possono fare presso la sede in via Roma, sabato 7 ottobre, dalle 16 alle 18. Il costo è di tre euro comprensivo del biglietto della lotteria. In palio una bici, l’estrazione sarà fatta durante la giornata.  Per avere maggiori informazioni chiamare ai numeri: 349/6175408 o 388/6535782. L’evento è stato realizzato anche grazie alla collaborazione dell’associazione anziani San Giuseppe, la parrocchia Sant’Andrea Apostolo e il comune. In caso di pioggia tutto sarà rinviato a domenica 15 ottobre.

Salva

by -
0 1422

Casarano – Il reparto che più in assoluto recava gioia è ora silenzioso e vuoto. Nel nido, le cullette non servono più, sono accantonate in un angolo; le incubatrici dismesse, l’infermiera seduta dietro la scrivania, non ha più da fare. Nell’altra ala del reparto, le infermiere, l’ostetrica e il medico passano le ore in servizio seduti nella loro sala. Vivono ogni giorno con una spada di Damocle che pende sulla loro testa. All’improvviso un pianto squillante e ininterrotto riporta a ciò che si sentiva e viveva fino a poco tempo prima. “È Francesco, nato da poco – sorridono – è uno dei nostri ultimi bimbi qui”.
Il punto nascita è attivo da sempre; dall’inizio dell’anno 2017 sono nati 271 bimbi (cifre uguali a tutti gli altri ospedali, fanno notare i sanitari), ora ci sono solo tre pazienti. “Probabilmente il numero sarebbe stato più alto: molte donne pensavano che il reparto già fosse chiuso. È estenuante venire ogni giorno al lavoro sapendo che potrebbe essere l’ultimo. Nessuno ci informa, cerchiamo di capire le nostre sorti leggendo le notizie diffuse dai giornali – dicono –. Chiudere questo reparto è un trauma per le mamme che dovranno spostarsi negli altri ospedali, ma lo è anche per noi che non sappiamo dove verremo trasferite e questo comporta che le pazienti seguite dai nostri medici dovranno far nascere i propri bambini altrove, con altri dottori. È giusto?”. L’esempio è dato da una delle pazienti ancora qui, ritornata a Casarano perché si è sentita “bistrattata” in un altro ospedale. “Tutte le signore che sono state qui ci hanno sempre elogiato – continuano gli operatori del reparto – ma adesso vogliono screditare il nostro operato pur di giustificare la chiusura. Anche il caso di giorni fa è stato montato ad arte (il parto appena uscita dall’ospedale, ndr). Poi non si rendono conto che per le famiglie, la maggior parte in difficoltà economiche, spostarsi diventa davvero un problema”. Prima c’era il punto Utin (terapia intensiva neonatale) è stato chiuso, ora tocca al punto nascita che passerà a Gallipoli, ma lì: “non verranno incrementati i posti letto; la sala parto è in un altro piano rispetto al reparto; manca il centro trasfusionale e per una risonanza i bambini si devono accompagnare a Casarano. E i nostri rianimatori sono gli unici nella provincia di Lecce a sapere intubare i bambini, perché c’è il reparto di Chirurgia pediatrica”, sottolineano tutti.

L’ultima decisione del Tribunale amministrativo regionale rimanda la decisione sul ricorso presentato dal Comune al 20 febbraio del nuovo anno; intanto il piano andrà avanti, evidentemente, visto che i giudici amministrativi non hanno concesso la sospensione richiesta dagli amministratori casaranesi. Ne sono convinti anche qui, in quel che resta del reparto Ostetricia e ginecologia. “Anche se non sarà certo questa chiusura – concludono – a risollevare le casse della sanità pugliese”.

Leuca – Il fascino del cinema russo e i suoi protagonisti per la prima volta a Lecce, sbarca anche a Leuca in occasione del Piff, il Pilgrim film festival, in programma dal 3 all’8 ottobre 2017. “Quello che faremo nel Salento è una parte del Riff, il festival italo-russo dedicato al cinema di fiction, del documentario e del cortometraggio a Mosca – afferma Ivan  Banderblog – quest’anno dedicato alla Puglia. Durante le giornate del festival ci sarà un excursus della cinematografia russa, e verranno presentati i film di registi premiati nei più importanti festival europei”. Un’occasione unica per conoscere la storia e la cultura russa attraverso le pellicole e non solo: spazio anche a musica e gastronomia russe. Il festival si svolgerà in due location differenti: a Lecce, presso Cinelab Bertolucci di Lecce e a Santa Maria di Leuca, presso la struttura “La Corte di Leuca”. Le proiezioni inizieranno nel pomeriggio a Lecce e poi, grazie al servizio navetta, i protagonisti si sposteranno a Leuca per la serata. Durante il viaggio sarà tenuta una lezione sul cinema russo.

La delegazione pugliese, invece, sarà a Mosca per il Riff i primi di novembre. Oltre alla proiezione di film pugliesi verrà dato ampio spazio alla cultura pugliese con l’ esposizione del prodotti artigianali, un evento musicale con l’Officina Zoe; incontri e masterclass con registi e attori.

Ecco il programma del festival nel Salento:  Mercoledì 4 ottobre: al  CineLab “G. Bertolucci” di Lecce dalle 10 alle 14: incontro con Nico Cirasola;  proiezione del film “Elena” di A. Zviaginzev; discussione. Alle ore 19.30 – 19.45 è prevista la partenza con il bus dalla ManifattureKnos a Leuca: dalle 21 alle 24: inaugurazione, proiezione del film “Corazzata Potemkin”; incontro con Vasiliy Sigarev, proiezione del film “Paese OZ” di V. Sigarev. Segue una discussione, la musica dal vivo con artisti russi e il buffet. Giovedì 5 ottobre: al CineLab “G. Bertolucci” di Lecce (10- 14): incontro con V. Sigarev e Yana Troyanova; proiezione del film “Paese Oz” di V. Sigarev; discussione. Alle ore 19.30 – 19.45 partenza con il bus dalla ManifattureKnos a Corte di Leuca.  A Leuca (21-24): performance, proiezione del film “La Madre”;  incontro con I. Ban e proiezione di “La Lettera non spedita” di M.Colotozov; discussione; musica dal vivo e buffet. Venerdì 6 ottobre: al CineLab “G. Bertolucci” di Lecce (dalle 10 alle 14): incontro con I. Ban;  proiezione del film “Taxi Blues” di P. Lungin; discussione. Alle ore 19.30 – 19.45 partenza con il bus dalla ManifattureKnos a Corte di Leuca. A Leuca (21- 24): performance, proiezione del film “L’uomo con la macchina da presa”;  incontro con V. Sigarev e Yana Troyanova; proiezione del film “Paese Oz” di V. Sigarev; discussione; musica dal vivo e buffet. Sabato 7 ottobre: alle ore 19.30 – 19.45 partenza con il bus dalla ManifattureKnos a Corte di Leuca. Dalle 21 alle 24: performance; proiezione dei corti “Proiebire”, “Campi Minati”;  incontro con I. Ban; proiezione del film “Z”; incontro con Yana Troyanova e V.Sigarev; proiezione del film “Loveless” di A. Zviaginzev, discussione e buffet. Domenica 8 ottobre, alle ore 19.30 – 19.45, partenza con il bus dalla ManifattureKnos a Corte di Leuca. Dalle 21 alle 24: incontro con I. Ban e V. Sigarev; proiezione del film “Taxi Blues” di P. Lungin; proiezione del film “Assa” di S. Soloviev; buffet e musica con il dJ Lian.

Acquarica del Capo–Presicce – Qualificazione del percorso delle Serre, della via Sallentina; qualificazione urbana con giacimenti storici; partire dall’agricoltura diffusa e arrivare ad un nuovo concetto di paese: queste le prime proposte per un Pug intercomunale di Presicce e Acquarica del Capo, i due paesi che viaggiano verso la fusione, elaborate durante i lavori del workshop “Re-forming Salento” (sull’omonimo blog i dettagli) svoltosi nella settimana dal 18 al 23 settembre scorsi. I due Comuni hanno ospitato architetti, urbanisti e progettisti per ripensare il proprio territorio come un’unica realtà.

“Vorremmo che il territorio divenisse di nuovo luogo  di produzione agricola, però con tecnologie e innovazioni contemporanee, ovviamente tenendo insieme i giacimenti culturali e storici che servono ad alimentare il turismo  – afferma l’architetto Salvatore Mininanni, tra i responsabili del progetto assieme alla professoressa Paola Viganò – dal momento che i due Comuni puntano a questo, nonostante non possano usufruire direttamente del mare”.

Una passeggiata in bicicletta tra i centri storici e le campagne dei due paesi; le interviste scrupolose agli abitanti, una riflessione sulla popolazione, la sua economia e le prospettive future: in questo modo il gruppo di lavoro ha esaminato ogni singolo dettaglio di un territorio complessivo di 43,06 chilometri quadrati da ripensare in funzione delle necessità e aspettative della popolazione (un totale di poco più di 10mila abitanti), da valorizzare nelle sue bellezze e da potenziare nelle sue risorse. “Le Amministrazioni pensano ad un Pug unico e hanno dato la possibilità agli esperti, bandendo un concorso, di realizzare uno studio di fattibilità per poi avanzare proposte d’interventi per migliorare le condizioni di vita, utilizzando le risorse disponibili – prosegue Mininanni –. Per noi e per i giovani studiosi provenienti da tutto il mondo è stata un’esperienza interessante, una delle poche in Puglia riguardante l’unione di comuni. Abbiamo lavorato tanto e abbiamo goduto delle bellezze del territorio e delle sue produzioni. Anche questo è un modo per promuovere il territorio”.

I sopralluoghi e le riflessioni finali hanno ruotato intorno ad un nucleo di domande: come ripensare il paesaggio se si dovesse rinunciare agli uliveti colpiti da Xylella o come pensare ad una riqualificazione urbana che valorizzi i centri storici. “Dalle analisi fatte è stato rilevato che i due centri stanno invecchiando, i giovani sono pochi o pensano di andare via – spiega l’architetto – il dato è naturalmente un punto fondamentale per le riflessioni su come ridisegnare i paesi. Uno dei temi trattati insisteva proprio sulla domanda “Andare o restare?” e abbiamo indagato sulle ragioni che spingono a restare o al contrario ad andare. Cosa fare? Senza l’energia dei giovani è difficile fare passi in avanti”.

Tra le note dolenti rilevate c’è stata la poca partecipazione della popolazione, una disattenzione anche nel momento in cui sono state riportate le sintesi dei lavori svolti. “Le ragioni sono molteplici e anche su questo bisogna riflettere. Il prossimo passo sarà redigere e consegnare il documento preliminare”, conclude il tecnico. Si spera che almeno in quell’occasione i cittadini ritrovino stimoli e attenzione.

SPECCHIA. È il giorno del silenzio, cercato e preteso a gran voce da mamma Imma. Silenzio sulla vicenda dai contorni ancora poco chiari, sulle accuse tra le famiglie, sulle infamie riservate ad un territorio intero, sull’assurda morbosità nei racconti. È il giorno del dolore, del raccoglimento, della riflessione. Il giorno dell’ultimo saluto a Noemi Durini, uccisa a 16 anni, dal ragazzo che amava. Intorno alla camera ardente allestita dalla mattina nessuno ha avuto il coraggio di proferir parola. Dalla mattina fino al momento del funerale un corteo muto, contino e lento, è passato per esprimere la propria vicinanza ad una famiglia distrutta dal dolore. Solo silenzio e commozione. Silenzio invocato più volte anche dal vescovo monsignor Vito Angiuli (diocesi di Ugento-S. Maria di Leuca) durante la sua omelia: “Il silenzio è come una carezza, consente all’anima di trovare un percorso di luce anche dentro l’oscurità della morte. Silenzio, assenza di parole ma non di sentimenti, che quando sono incontenibili sfociano nel pianto”. Una comunità abituata a raccogliere centinaia di persone nel proprio centro storico, modello urbano noto dappertutto, si è trovata i riflettori di tutta Italia puntati contro per una vicenda devastante e inaspettata. Specchia, unica cittadina dell’Ambito sociosanitario ad avere un Cav, il Centro antiviolenza, è stata colpita proprio al cuore.
È stato un rapporto malato a causare la morte della ragazza che come tutte le sue coetanee cercava solo l’amore e viveva dell’entusiasmo che quel sentimento le trasmetteva. Lo viveva con la caparbietà, accentuata nelle adolescenti, che dava la forza di affrontare tutto. Con le sue compagne, in classe, ne parlava, talvolta con sofferenza; nessuno si sarebbe mai immaginato che quegli screzi tra i due giovani amanti li avrebbero fatti sprofondare in un baratro.

Maglietta bianca e jeans, con in mano una rosa bianca in segno di purezza, i compagni di scuola non hanno mai lasciato solo il feretro. E nella lettera di commiato letta dopo il rito funebre, le hanno chiesto scusa per non aver capito che dietro quella corazza dura poteva nascondersi una richiesta d’aiuto. Anche il Sindaco Rocco Pagliara, nel suo messaggio, chiede scusa a nome della comunità “perché non abbiamo capito, perché non siamo intervenuti”. Si poteva intervenire? Come? Quando? Gli sguardi tradiscono domande non espresse. “La morte di Noemi e il dolore dei familiari ci appartengono – ha detto ancora il vescovo – segno dell’umana compassione, sono soprattutto un pressante invito a porci interrogativi che non possiamo eludere e mettere sotto il silenzio. E mi rivolgo direttamente a voi giovani, vi supplico: aprite il vostro cuore e svelateci i vostri sentimenti, non rifugiatevi nella solitudine, ma lasciateci intravedere l’immenso desiderio di bene che alberga in voi. Camminiamo mano nella mano”.
Che il sacrificio di Noemi sia da esempio per tutti, questo l’appello condiviso alla fine della cerimonia che si chiude con un atto d’amore e di forza della madre. “Non voglio odio. Non odiate, perché l’odio porta soltanto violenza – afferma senza esitazione mamma Imma – mia figlia è morta, ma ha vinto lo stesso perché lei non provava odio”. E poi rivolgendosi agli amici della figlia ha aggiunto: “A voi ragazzi ora chiedo: se avete problemi, venite a casa di Noemi e parlate. La porta sarà sempre aperta per ascoltarvi”. Alla fine della messa palloncini bianchi in aria e un applauso scrosciante su tutto e tutti.

PRESICCE. Appuntamento alle ore 9,30 di venerdì 22 settembre in piazza delle Regioni, a Presicce, per dare il via alla giornata “Puliamo il mondo 2017” promossa da Legambiente, l’appuntamento annuale volto alla tutela dell’ambiente che quest’anno compie 25 anni. Cappellini e pettorine gialle, mani nei guanti e grandi sacchi da riempire, il Comune di Presicce ha già pronto il kit per la mattinata durante la quale saranno protagonisti i ragazzi delle scuole elementari e medie, ma aperta a quanti vorranno mettersi a disposizione per ripulire alcune zone del paese, partendo proprio da piazza delle Regioni. “Rendere più vivibile e più bello il territorio in cui viviamo e rendere sensibili i più giovani ai problemi ambientali”: questi gli obiettivi fissati dall’associazione ambientalista, fatti propri anche dall’Amministrazione comunale.

«Il Comune ha voluto aderire anche quest’anno – afferma l’assessore all’Ambiente, Alfredo Palese – per ripulire le aree da tutto quello che viene incivilmente abbandonato, ma soprattutto per sensibilizzare tutti sui problemi ambientali e per riflettere sul valore della raccolta differenziata. L’ambiente in cui viviamo lo abbiamo preso in prestito, il nostro compito e tutelarlo e riconsegnarlo integro alle generazioni future».

La speranza è che i buoni propositi non rimangano tali solo per un giorno, visto la situazione di molte stradine di campagna sempre invase dai rifiuti.

Luigi Corvaglia

CASARANO. Da Varsavia un appello al Governo italiano affinché recepisca la raccomandazione del Consiglio d’Europa (la numero 1412 del 1999) e possa subito approvare una legge sul fenomeno delle sette religiose e culti alternativi. La richiesta è stata avanzata dal dottor Luigi Corvaglia, presidente del CeSap (Centro studi abusi psicologici) e membro del comitato scientifico della Fecris (Federazione europea dei centri di ricerca e di informazione sulle sette e i culti), durante l’annuale “Human dimension implementation meeting 2017”, in programma dall’11 al 22 settembre.

Nel suo intervento presso l’Osce (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa), il dottor Corvaglia, psicologo, psicoterapeuta esperto di manipolazione mentale, originario di Casarano, ha denunciato ““le campagne diffamatorie delle organizzazioni che usano come slogan, addirittura all’interno delle più alte istituzioni, i principi della società aperta e democratica per poterli meglio infrangere”. Dall’esperto arriva, dunque, la raccomandazione all’Europa “di vigilare” e la richiesta al Governo italiano di rispettare le direttive europee e a rispondere “alle troppe interpellanze parlamentari sulla difesa degli individui contro gli abusi settari che restano ad oggi senza risposta”. E, per finire, di non farsi fuorviare dagli impostori. Per l’Italia si tratterebbe di colmare quella che in molti ritengono una “lacuna” nella tutela dei cittadini che in passato potevano contare sulla previsione del “reato di manipolazione mentale” presente nel Codice penale (art. 603) e poi cancellato. Oggi, anche grazie ad internet, è in netta crescita la diffusione di sette religiose o gruppi di culto alternativi che attraverso terapie pseudoscientifiche minano la salute e agiscono negativamente sulla vita individuale e relazionale dei soggetti adescati.

 

by -
0 228

PRESICCE. Contro ogni superstizione, la nuova società pallavolistica presiccese “Asd New Gap volley” è nata il 17 luglio scorso, ma è stata presentata ufficialmente al paese giovedì 14 settembre, presso la sala conferenze del palazzo Ducale. “Gap” sta per “grinta, amore, passione”, le tre parole che uniscono il gruppo dirigenziale, e che hanno caratterizzato la realizzazione ad agosto del primo memorial dedicato a Claudio Baglivo. La nuova squadra dirigenziale è composta da Paola Biasco, presidente, Gilberto Pepe, vice, Rita Ratta come dirigente tecnica per il settore femminile, Luigi Maiorano per quello maschile.

Attualmente la società è impegnata nel reclutamento degli atleti e degli allenamenti per l’avvio dei campionati: il regionale femminile di serie D; under 13; 16 e 18 maschile e femminile; prima divisione maschile e femminile e i vari tornei che ci saranno nel corso dell’anno sportivo. Quartier generale sarà la palestra della scuola media, nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 18 alle 20. “Vogliamo impegnarci a mantenere alto il nome di Presicce nel mondo della volley – affermano dal direttivo – e per dare la possibilità a tutti i giovani, sui quali puntiamo maggiormente, di crescere. Vorremmo costruire delle squadre di categoria con i nostri atleti e risvegliare, nel caso fosse sopito, l’entusiasmo del paese nei confronti di questo sport. Inoltre, sono in atto delle collaborazioni con società dei paesi limitrofi per potenziare per render più competitivi i campionati stessi”. 

PRESICCE. Sta bene, malgrado la paura, l’anziana signora di Presicce rimasta una notte intera in balia di tre rapinatori all’interno della propria abitazione in via Cattaneo. Decisi ma a loro modo “cortesi”, i malviventi hanno pure “offerto” un bicchiere d’acqua alla donna per farla “riavere” da un colpo fruttato almeno 10mila euro. «Fortunatamente sta bene e non le hanno fatto del male – dichiara il figlio Antonio Raone, vicesindaco del paese – non le hanno torto nemmeno un capello. Mia madre è stata coraggiosa, non si è spaventata. Sapendo che soffre di cuore poteva andare decisamente peggio». La preoccupazione dei figli è che ora non riesca più a stare sola la notte e che durante il sonno le ritornino, come incubo, le lunghe ore passate sottol’assedio dei malviventi. Nel bel mezzo della notte scorsa, a Presicce, l’83enne Flora Scorrano si è ritrovata, infatti, la pistola puntata addosso e tre uomini con il volto coperto a svaligiarle la casa. I malviventi si sono introdotti in casa  presumibilmente dal giardino, passando da quello del vicino, verso l’una di notte e una volta dentro hanno iniziato a perlustrarla centimetro per  centimetro. I rumori hanno poi svegliato la signora Flora che si è alzata per accertarsi su cosa stesse succedendo e  si è trovata davanti una pistola puntata contro e tre sconosciuti in casa.

«L’hanno subito minacciata con la pistola, volevano sapere dove tenesse i soldi – continua il figlio – hanno perfino smontato i cassonetti delle tapparelle. Da quanto è riuscita a sentire pare che i tre non fossero italiani, le dicevano “dicci dove sono i soldi, sappiamo che tuo figlio ne ha tanti”. Sicuramente c’è un basista ben informato che avrà indicato dove fare il colpo». In passato la signora aveva una gioielleria e nel rovistare ovunque è saltata fuori una chiave, che i ladri hanno erroneamente pensato potesse aprire qualche cassaforte. I tre sono rimasti nell’abitazione fino alle 5 lasciando la signora che, però, non ha chiamato immediatamente i carabinieri, né i familiari. «Da maniaca della pulizia ha, invece, iniziato a rimettere a posto, “tanto ormai avevano preso tutto”, ci ha detto. È stato il vicino di casa ad accorgersi che era successo qualcosa e ad informare i carabinieri», conclude il figlio.

PRESICCE – Malgrado l’estate al tramonto, non mancano a Presicce eventi e manifestazioni. È tempo di iscrizioni per la 20^ edizione del torneo di calcetto memorial “Luigi Tagliaferro” organizzata dall’associazione Prospettive. Alla competizione possono partecipare i nati dal 2003 al 2010. Le iscrizioni sono gratuite e si possono effettuare entro il 20 settembre dalle ore 18 alle 20 presso la casa Turrita in via Gramsci 60 (si può contattare il numero 339/2875974). Il torneo si svolgerà presso l’oratorio “Don Tonino Bello” (dal 22 al 24 settembre, salvo diversa indicazione).
Per la ciclo passeggiata organizzata dall’associazione Pro Kids al momento si conosce la data scelta, ovvero quella del primo ottobre (l’8 in caso di pioggia) mentre i promotori stanno studiando bene il percorso da proporre.
Inizio delle attività, invece, per l’associazione Amici della musica e delle tradizioni popolari “Marco Frivoli” che ha già aperto le iscrizioni per i corsi di musica. Ampio l’elenco delle discipline con la possibilità di preparare anche gli esami al Conservatorio. Per informazioni si può contattare l’associazione presso la sede di “Casa Cerfeda”, via Carlo Cattaneo 52 (telefono 348/4695373 – indirizzo email: ass.amicidellamusica@libero.it). La segreteria è aperta il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 17,30 alle 19,30.

PRESICCE. Inizia la scuola e parte anche il servizio di doposcuola specialistico promosso dall’associazione anziani San Giuseppe e patrocinato dal Comune di Presicce. Il corso è rivolto a bambini e ragazzi con disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa), ossia dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia; a chi ha bisogni educativi speciali (Bes) e per chi presenta disturbi dell’attenzione ed iperattività (Adhd).

Anche per la seconda edizione il servizio si avvale della collaborazione dello studio Sesco della dottoressa Lucia Ciullo. “L’obiettivo è di potenziare le abilità e l’autonomia dei bambini e garantire un supporto alla famiglia creando un lavoro di rete che coinvolge bambini, genitori e scuola” – dichiarano gli organizzatori. Il doposcuola, che si svolgerà ogni giorno e che prevede diversi percorsi formativi e di sostegno, verrà proposto nella sede dell’associazione Anziani ed è aperto anche a bambini non residenti a Presicce. Per informazioni sui diversi percorsi formativi e corsi contattare il numero 327/0594142 (dott.ssa Lucia Ciullo).

by -
0 234
PRESICCE. Jazz a Casa Turrita è il nome della nuova rassegna musicale organizzata dall’associazione “Prospettive – Luigi Tagliaferro”. Martedì 22 agosto si esibirà il “Francesco D’Elia Quintet”, formato da: Francesco D’Elia, tenor sax and flute; Marco Gianfreda, trumpet; Angelo Mastronardi, piano; Stefano Rielli, double bass; Alex Semprevivo, drums. Si prosegue mercoledì 23 agosto con “Gabriele Poso Afrodisia Combo”, ovvero: Gabriele Poso, voce e percussioni; Mylious Johnson, batteria; Marco Bardoscia, contrabasso; Giuseppe Macagnino, piano. Gli spettacoli, presso il giardino di Casa Turrita, via Gramsci 60, sono ad ingresso gratuito e iniziano alle 21.
Gli appuntamenti estivi continuano poi con la seconda edizione della manifestazione “La notte dei mestieri”, giovedì 24 agosto a partire dalle 20,30, a cura dell’associazione Commercianti e artigiani professionisti. I due punti in cui si svolgerà saranno piazza del Popolo e piazzetta Villani. Per allietare la serata non poteva mancare la musica salentina, interpretata dai gruppi “Mariglia” e “Li Carusi”. Lungo il percorso anche stand gastronomici con i piatti della tradizione. Si prosegue poi con spettacolo teatrale, domenica 27, a cura dell’associazione Solatia, presso il palazzo Ducale, inizio alle 21.

Claudio Baglivo

PRESICCE. Claudio Baglivo è riuscito a raccogliere intorno alla rete di beach volley tutti i suoi amici e tantissime altre persone, che lo hanno ricordato e onorato partecipando al primo memorial organizzato per lui “Claudio gioca con noi”. Nel pubblico anche il giocatore conosciuto a livello mondiale Fosco Cicola, a Lido Marini proprio per essere presente all’evento. Il torneo si è concluso domenica sera: un successo travolgente, con oltre quaranta squadre partecipanti in totale. L’iniziativa, resa possibile dalla nuova società “New Gap volley Presicce” in collaborazione con la Pro loco di Lido Marini, ha visto vincitori per la categoria Master: al primo posto la coppia Alessandro Orefice – Luca Marzo; secondo Vincenzo Della Monica – Stefano Durante; terzo Roberto D’Amico – Marco Serra. Per la categoria amatoriale invece: primo posto Gianni D’Amico – Marco Negro; secondo Roberto D’Amico – Serena Monsellato; terzo Carlo Alfarano – Giovanni Alfarano. A premiare le squadre vincenti sono stati i tre nipoti di Claudio.

Il Sindaco Monsellato

PRESICCE. Gli alunni delle scuole medie inferiori o superiori possono fare richiesta di un contributo per l’acquisto dei libri di testo. Possono accedere alla misura i nuclei familiari che non abbiano un reddito Isee superiore a 10.632,94 euro. La domanda va presentata entro il 30 settembre 2017 per presentare presso la segreteria scolastica dell’Istituto dell’istituto che sarà frequentato nell’anno scolastico 2017/2018. Le domande da compilare possono essere scaricate dal sito web del Comune o presso le segreterie delle scuole. Nell’avviso pubblicato dal Comune di Presicce si precisa che i contributi verranno elargiti solo presentando una documentazione che attesti l’acquisto dei libri e che, inoltre, deve essere conservata per cinque anni.

Mentre è fissata entro il 20 settembre 2017 il termine per la presentazione delle domande per “il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione” relative all’anno 2015. Per avere tutte le informazioni necessarie riguardo i requisiti d’accesso, i limiti di reddito, i documenti da presentare, e per ritirare il modello da compilare (scaricabile anche dal sito del Comune), ci si può rivolgere all’Ufficio Servizi Sociali del Comune dalle 11 alle 13.30.

PRESICCE. Piazza delle Regioni, a Presicce, è da giorni un cantiere aperto: si lavora alacremente per sistemare gli stand gastronomici ed espositivi, gli ormai famosi giochi tra le balle di fieno e il palco che ospiterà gli artisti convocati per la nona edizione del festival “I Colori Dell’olio”. Tutto deve essere pronto per giovedì 17, primo giorno della manifestazione che si aprirà con il tradizionale concerto di pizzica, tenuto dal gruppo locale “Lu Rusciu nosciu”. A seguire il “Vulcano summer tour” del rapper Clementino, che torna a Presicce dopo l’esibizione dell’anno scorso. Venerdì 18 sarà la volta del gruppo “Ionica Aranea” che presenteranno i brani del loro ultimo lavoro “Terra Mascia” e a chiudere la serata ci sarà la “Bandabardò”, gruppo folk fiorentino. Grande attesa per la serata finale e il suo protagonista Ermal Meta, impegnato in tutta Italia con il suo “Vietato Morire tour”. Il concerto del giovane cantautore, terzo a Sanremo 2017, sarà preceduto dall’esibizione del Black soul Trio, mentre alla fine ci sarà il dj set di Radio Venere. L’associazione “I Colori Dell’olio”  organizza anche quest’anno, il percorso facilitato per disabili. Per accedere ed assistere ai concerti contattare il numero 346/5927947.

by -
0 1542

LIDO MARINI. A chiedere in giro cosa è cambiato, la risposta è solita: “niente”. A Lido Marini gli anni passano, “ma tutto rimane uguale” fanno sapere residente e villeggianti. Stando ai racconti di chi vive la “cenerentola” tra le spiagge di Ugento e Salve (i due comuni che si dividono il territorio) c’è chi la vede sempre “meta perfetta” per chi vuole solo mare e relax e chi invece non si accontenta. Di certo negli ultimi anni ha avuto un netto incremento di turisti, grazie a strutture ricettive, alberghi e villaggi nati di recente e che continuano ad ampliarsi. Sulle spiagge ci sono diversi lidi attrezzati e sono presenti nuovi esercizi commerciali: l’economia gira, si direbbe. A ciò, però, non è seguito quel salto di qualità che un po’ tutti si aspettavano e può capitare di “sentirsi abbandonati”. Altro problema costante quello dei parcheggi (spesso “selvaggi”) che rendono difficile la circolazione, in molte strade (in alcuni tratti anche poco asfaltate) ma anche l’illuminazione è carente, una parte del lungomare (afferente a Salve) non è asfaltato e non è raro trovare rifiuti in bella vista per le strade. Per completare con i nei, anche le colonnine per il bike sharing sono abbandonate. «La Guardia medica è aperta solo dalle 14 alle 18 e nei prossimi giorni – lamenta un villeggiante –  torneranno a funzionare i parcheggi a pagamento, un modo semplice per far cassa, senza portare servizi».

La Pro loco continua instancabile il suo lavoro nel creare un cartellone estivo e farsi da intermediario tra villeggianti e istituzioni, ma gli sforzi sono tanti rispetto ai risultati ottenuti. «Purtroppo devo ammettere – commenta il presidente Gino Ratano – che non c’è molta collaborazione con i commercianti, soltanto pochi hanno risposto al mio appello per animare la marina. Per il resto posso dire che quest’anno in piazza Tirolo si è migliorata l’illuminazione e a differenza del passato non ci sono grandi problemi con i rifiuti. Il Comune di Ugento ha, inoltre, realizzato un’isola ecologica ma sono i villeggianti che si comportano da maleducati lasciando i sacchetti dove non dovrebbero». E chi sporca, spesso, rimane impunito.

by -
0 2990

Quando tornava in vacanza si sapeva dove trovarlo: a Lido Marini, sotto la rete di pallavolo, in attesa del suo turno per giocare a beach volley. Era impossibile, poi, non accorgersi della sua presenza in spiaggia: in continuo movimento, la risata contagiosa, a parlare sempre e con tutti. Oggi che non c’è più, il 38enne Claudio Baglivo, scomparso nell’incidente dello scorso 10 ottobre nel Bolognese, dove abitava e lavorava da tempo, lo si vuole ricordare così come era: sorridente e intento a giocare al suo sport preferito nel suo luogo del cuore. L’iniziativa parte dalla nuova società pallavolistica presiccese “New Gap volley Presicce” che, in collaborazione con la Pro loco di Lido Marini, organizza il torneo di beach volley primo memorial “Claudio gioca con noi”, nei pressi di piazza Tirolo, proprio lì dove un tempo c’era lo storico campo di beach. Il torneo si svolgerà nei giorni 17 e 18 agosto per quanto riguarda le competizioni misto/amatoriali (formula uno più uno, iscrizione 5 euro). Il maschile, invece, si svolgerà i giorni 19 e 20 agosto (iscrizione 20 euro, informazioni ai numeri 349/2656286 – 366/4662812).

by -
0 252

SPECCHIA. Si potrà visitare fino al 12 agosto, dalle 21 alle 23, presso il palazzo Risolo a Specchia, la terza edizione della collettiva “Le fil Rouge” a cura dell’artista di Presicce Viviana Cazzato. Trentuno artisti provenienti da tutta Italia hanno risposto all’appello di Viviana: “Ho raccolto le opere nate dall’ispirazione di un’altra forma d’arte. Io, per esempio – afferma la curatrice – dipingo ascoltando musica e a volte il testo o la melodia può essere determinante per la nascita di un mio quadro. Ecco, agli artisti ho chiesto la stessa cosa: dimostrare cosa può provocare in sé l’incontro tra arti diverse, dando loro la più assoluta libertà di espressione”.

Ogni artista ha scelto dunque di farsi ispirare da un brano poetico, un racconto o dalla musica, ne sono venute fuori dei quadri, foto, delle statuette e una performance. “Le reazioni che ho avuto dal pubblico sono state molto positive – continua Cazzato – c’è da dire che il progetto sta crescendo e io con lui, sto affinando gusti che mi permettono di scegliere determinati artisti. Contenta dell’afflusso di pubblico, finita la mostra si penserà ai prossimi progetti”.

by -
0 314

PRESICCE. Il centro storico di Presicce diventa zona a traffico limitato. Si tratta di un progetto in via sperimentale che sarà attivo fino al 30 settembre, in seguito il traffico dei veicoli sarà regolato con un’ordinanza. La circolazione delle auto nelle strade interessate dal provvedimento sarà interdetta dalla sera, a partire dalle 20,30, fino alle 6 del giorno successivo, mentre la domenica e nei giorni festivi l’orario è dalle 17 alle 6 del giorno dopo. La segnaletica orizzontale indica tutti gli accessi nella zona a traffico limitato.

«Era uno degli impegni che ci siamo assunti e ora lo stiamo realizzando», commenta il sindaco Riccardo Monsellato.  Ci siamo consultati con i gruppi consiliari e con le associazioni e successivamente abbiamo dato il via. Mi auguro che questo provvedimento possa essere da sprone per far rivivere il centro storico, mai come quest’anno interessato a presenze così cospicue di presenze, invogliando i commercianti ad investire con nuove attività». «Abbiamo avuto dei già dei riscontri positivi e in molti hanno apprezzato l’idea». E per chi non rispetta il divieto? «Per ora si sta facendo solo opera di dissuasione, ma più in là saranno previste delle multe». Chi abita nelle strade interessate può richiedere il pass di accesso compilando un documento scaricabile dal sito del Comune.

PRESICCE. “Memoria collettiva e poesia dialettale” è il convegno in programma lunedì 7 agosto, alle ore 21, presso i giardini pensili di palazzo Ducale a Presicce. Due i momenti di riflessione, ai quali si alterneranno intermezzi musicali. Il primo: “Salento antico: la terra, gli uomini e i sentimenti”, raccolta di poesie di Carmeluccio Cazzato, presentazione di Franco Frivoli. Il secondo: “L’anima popolare attraverso i sonetti tra la gente”, raccolta di poesie di Giancarlo Colella, presentazione di Aldo D’Antico. Interverranno il sindaco di Presicce, Riccardo Monsellato e coordinerà Peppi Cesario, presidente dell’associazione Presiccesi nel mondo. Gli appuntamenti in paese continuano con “Salento odi et amo – nascita evoluzione disfacimento” spettacolo di teatro, musica e danza, realizzato e diretto dall’attore presiccese Antonio Monsellato. Lo spettacolo ripercorre gli ultimi dieci anni, tra ombre e luci, della terra salentina, andrà in scena dal 9 al 12 agosto, alle ore 21, nel palazzo Ducale (prevendite presso “Le tre gioie” via XXI aprile e “Tabaccheria Rizzello Valerio” via Roma).  Venerdì 11 agosto alle 21,30 presso il cortile della chiesa degli Angeli si terrà l’ultima serata dell’Hypogeum jazz festival, con una personnell di Carolina Bubbico piano e voce, Federico Pecoraro Basso e Dario Congedo alla batteria. La serata è organizzata dall’associazione Amici della musica “M. Frivoli”, con la direzione artistica di Fulvio Palese (informazioni ai numeri 334/6883343 – 338/9733934). La settimana si chiude con il torneo di burraco per beneficenza, domenica 13, alle ore 21 presso i giardini pensili del palazzo Ducale.

PRESICCE. Domenica 6 agosto secondo appuntamento per la manifestazione “Presicce in mostra”: l’amministrazione comunale propone il “percorso spirituale, del gusto, delle atmosfere, arte e mestieri e della musica” nel centro storico del paese. La serata avrà inizio alle 21 e prevede l’intrattenimento con musica itinerante a cura di “Marea folk street”;  gli appassionati della pizzica potranno ascoltare e ballare a partire dalle 21, presso la corte Sant’Anna, evento a cura della Proloco; chi è interessato al jazz, invece, non perda l’appuntamento con Serena Serra trio e la partecipazione di Roberto Esposito, sui giardini pensili del palazzo Ducale a partire dalle 22.30. Lungo il percorso, i visitatori avranno modo di assistere a spettacoli di danza, balli popolari, mestieri antichi e artigianato. Tra le novità di quest’anno: lo showcooking in collaborazione con la scuola alberghiera “Bottazzi di Ugento nel giardino di Casa Turrita; la presentazione di abiti d’epoca a cura del settore moda dell’istituto “Bottazzi” di Taurisano; la presentazione della vita della Beata Maria Villani, suora dell’ordine dei Domenicani, vissuta nel ‘500, attualmente in odore di santità. A lei si deve il rito del digiuno nel giorno dell’Immacolata. Il quadro e la vita della Beata , curati dall’associazione SpazioDonna, potranno essere visitati presso il palazzo Villani.  Inoltre, a partire dalle 20,30 presso l’ex convento della chiesa della Madonna degli Angeli, si terrà la premiazione del concorso organizzato da Medusa art&craft, organizzato da Noùs-associazione di idee al lavoro, e a seguire la festa di chiusura con le sonorità elleniche del concerto di Taxìdi.

castello medievale acquaricaACQUARICA DEL CAPO. L’associazione teatrale Diversamente stabili in collaborazione con l’associazione Micaela Greco e l’amministrazione di Acquarica del Capo presenta lo spettacolo “Le avventure di Robin Hood”, messa in scena dai bambini del laboratorio teatrale condotto da Antonio D’Aprile, che ha curato l’adattamento e la regia dello spettacolo, mentre le musiche sono a cura di Alberto Tuma, Andrea Sequestro, Davide Calò, Noemi Puricella.
Lo spettacolo si terrà presso il Castello Medievale di Acquarica del Capo, lunedì 10 luglio alle ore 21,00. Ingresso libero.

Voce al Direttore

by -
Le immagini che scorrono e scorreranno sugli schermi fino a sera tardi ed in parte anche domani, sono le ultime che hanno il sapore...