Home Authors Posts by Giuseppe Fracasso

Giuseppe Fracasso

203 POSTS 0 COMMENTS

Parabita – Certificazione internazionale della “University of Cambridge” rilasciata a 37 studenti dell’Istituto comprensivo di Parabita. La cerimonia si è svolta venerdì 12 ottobre presso la “Sala Angelica” della scuola media di viale Stazione. L’invito era rivolto a genitori e alunni delle classi quinte della primaria e terze della secondaria. Durante l’anno scolastico 2017/2018 sono stati due i progetti “Cambridge Starters Yle” (per le quinte) e “Ket” (per la terza media) promossi per gli studenti meritevoli nella comunicazione della lingua inglese. Al termine del percorso, i ragazzi hanno dovuto sostenere un esame finale con una commissione di esperti. Nel corso della serata è stata illustrata la nuova offerta formativa per l’anno in corso. A premiare i ragazzi con la consegna degli attestati sono state la dirigente Antonia Perrone e la responsabile alla certificazione esterna della “Oxford” di Lecce, Fabiola Imbriani. Quest’ultima ha pure ribadito che il Comprensivo parabitano risulta essere “centro di eccellenza per la preparazione dell’esame Cambridge”. Grande soddisfazione è stata anche espressa dalle docenti referenti del progetto e in particolare dall’insegnante Ilenia Buffo e dalla professoressa Carla Inguscio.

Parabita – Le campane della basilica della Coltura di Parabita richiedono un intervento urgente di manutenzione straordinaria, in mancanza del quale non potrebbero continuare a riprodurre il loro suono. Parte dalla comunità parabitana dei frati domenicani,  guidata dal rettore Francesco Marino,  la proposta di una raccolta fondi per poter effettuare in tempi brevi i lavori e scongiurare la chiusura del campanile. La notizia è stata ufficializzata nei giorni scorsi, attraverso un avviso affisso in bacheca che riporta anche il costo complessivo che si aggira intorno ai 24.130 euro più Iva. Si tratta di sostituire quattro portacuscinetti (da 564 euro), l’incasellatura in acciaio per quattro campane  (5.500 euro), canaole (828 euro), ceppi motorizzati (8.800 euro), ammortizzatori (280 euro), elettrobattenti (5.280 euro), la cella campanaria completa (2.500 euro). A ciò occorre aggiungere i  costi legati alla manodopera. «Dato l’ingente esborso economico da affrontare, rivolgo un appello alla generosità dei fedeli. Ciascuno è libero di contribuire con un’offerta libera e volontaria», afferma padre Francesco Marino. La manutenzione, sarà eseguita dalla ditta “Tintinnaboli” di Squinzano.

Parabita – Festa dei nonni all’insegna dell’allegria per gli ospiti del Centro di solidarietà “Madonna della Coltura” di Parabita. Ben due le scolaresche che questa mattina hanno fatto tappa presso il salone della struttura di via Coltura.  La prima è stata quella della Scuola dell’infanzia paritaria “Snoopy” di via Livorno. I piccoli, oltre a formulare loro gli auguri, hanno pure recitato una poesia e intonato una canzoncina. Poi la merenda finale, con la consumazione dei dolcetti che per l’occasione sono stati offerti dai bambini. A caratterizzare la giornata è stata anche la presenza  degli alunni della Scuola dell’infanzia paritaria “Baby Birbe” di via  Isonzo.  Accompagnati dalle loro insegnanti, i bambini hanno espresso gli auguri  agli anziani con la  recita di una filastrocca. Giovedì 4 ottobre al Centro di solidarietà è attesa la la Scuola dell’infanzia di via Mons. Gaetano Fagiani dell’istituto comprensivo di Parabita.

Tuglie – Riconoscimenti prestigiosi per i laureati meritevoli da tutta Italia. Tra i 100 curriculum selezionati dal consorzio inter-universitario “Almalaurea” è emerso anche quello della 25enne Annalucia Cudazzo (foto) di Tuglie, con una laurea magistrale conseguita lo scorso aprile in Lettere moderne presso l’Università del Salento. La cerimonia si è svolta martedì 18 settembre, presso la nuova aula del palazzo dei gruppi parlamentari della Camera dei Deputati. Un percorso e una tesi in letteratura italiana contemporanea, intitolata “L’in-canto poetico di Claudia Ruggeri”. A finanziare e promuovere il premio, la “Fondazione Italia – Usa” che, oltre al diploma di “professionista accreditato”, ha fornito ai vincitori la possibilità di partecipare ad un Master formativo in “Global marketing, comunicazione & Made in Italy” (al quale parteciperanno anche le  studentesse Laura De Pola di Nardò ed Eleonora Petrelli di Racale).  Il progetto,  vanta  una collaborazione con lo stesso Miur e il Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo. A promuovere l’iniziativa è la “Venice International University” che tra le sue finalità si occupa di seguire gli studenti in un percorso di internazionalizzazione delle aziende “Made in Italy”, rivolgendo  maggiore attenzione al mercato americano. Del comitato d’onore, hanno fatto parte  giornalisti,  istituzioni politiche, docenti, giuristi e personalità di spicco come Umberto Vattani, Luigi Berlinguer, Antonio Campo Dall’Orto, Giovanni Castellaneta, Alain Elkann, Massimo Ferragamo e Giampiero Gramaglia.

La soddisfazione della neo-laureata Nell’ambito accademico, la giovane studentessa vanta anche una  collaborazione  con  il Centro di ricerca di “Poesia contemporanea e  nuove scritture” del Dipartimento di studi umanistici dell’Università del Salento. «Desidero ringraziare il coordinatore del “Centro Pens”, il  prof. Antonio Lucio Giannone insieme ai docenti Simone Giorgino e Fabio Moliterni, i quali hanno contribuito ad arricchire la mia formazione universitaria», afferma soddisfatta Annalucia Cudazzo. La neo laureata è impegnata pure ad approfondire i versi della poetessa Claudia Ruggeri, nata a Napoli ma deceduta all’età di 27 anni nel capoluogo salentino.

 

 

 

Parabita – Nuove soddisfazioni  per la scuola  calcio“ Soccer Dream 2000” di Parabita. Protagonisti il 15enne Andrea Freddo ed il 18enne Elias Palumbo di recente approdati nel calcio che conta. Il talento del primo è stato notato dal’Unione sportiva Lecce che ha ottenuto il trasferimento nelle sue giovanili (su di lui puntava anche il Matera). Il centrocampista Freddo, di Gallipoli, è entrato a far parte della scuola calcio parabitana circa tre anni fa, prima tra gli “Esordienti” di Pasquale Bruno e poi nei “Giovanissimi” di Gabriele Carluccio. La sua esperienza si è ulteriormente arricchita con il trasferimento dello scorso dicembre al Bisceglie calcio, dove ha preso parte al campionato under 15 di Lega Pro giungendo alla finale scudetto persa 3-1 contro il Padova: circostanza, quest’ultima, due volte sfortunata sia per la sconfitta sia per l’assenza (causa infortunio) della promessa salentina.

Elias Palumbo vola in Portogallo A spiccare il volto, questa volta oltre confine, è anche l’attaccante 18enne Elias Palumbo, di Tuglie, finora tesserato con la Juniores della Soccer dream dopo aver fatto la trafila negli ambienti dell’“Heffort Sport Village” prima nei Giovanissimi e  successivamente tra gli Allievi. Dopo aver esordito in prima squadra, in questi giorni il giovane è  stato ceduto a titolo definitivo al club portoghese del Lusitano Futebol Clube, società di Vila Real de Santo, e ciò a conferma della bontà del vivaio parabitano: dello scorso aprile è, infatti, la conquista del titolo di campioni regionali “Juniores dilettanti”, il primo nella storia del calcio cittadino, da parte dei ragazzi allenati da Javier Chevanton.

 

Parabita – Esperti a confronto nella città delle Veneri, nell’ambito del convegno “Vite dentro” (La detenzione come percorso di reinserimento sociale),  in programma  martedì 25 settembre alle ore 17. L’incontro si svolgerà presso la Sala consiliare di via Luigi Ferrari (al secondo piano della Casa comunale) ed è organizzato dai  volontari del Servizio civile nazionale insieme al Comune di Parabita e alla Asl di Lecce. Questo appuntamento, inoltre, si arricchisce della collaborazione dell’associazione di promozione sociale parabitana “Gestalt House” guidata dallo psicologo Luciano Provenzano. «L’iniziativa serve a farci  riflettere come il soggetto vive la sua condizione di detenuto e in che modo la società si relaziona nei suoi confronti e della sua famiglia» affermano i promotori. L’apertura  del dibattito sarà preceduta dai saluti istituzionali della Commissione straordinaria del Comune di Parabita.

Temi e relatori Nel corso della serata, saranno diversi i temi che verranno trattati dagli  illustri relatori. “Il ruolo del garante secondo la normativa vigente” sarà argomentato  dal garante regionale Pietro Rossi mentre Maria Mancarella, nelle vestii di garante del Comune di Lecce, illustrerà il tema “Diritti del detenuto a preservare e consolidare il rapporto con il nucleo familiare”. Lo psichiatra Giuseppe Gennaro si soffermerà, invece, sulle “Conseguenze psicopatologiche  della detenzione sul detenuto, sulla famiglia e sulle relazioni familiari”. Alla tavola rotonda sarà presente lo psicologo  Antonio Monittola che svilupperà il teme “Interventi  progettuali a sostegno della genitorialità in carcere e la possibilità di un eventuale  reinserimento all’interno del tessuto sociale”. Seguirà l’esposizione “Lavori socialmente utili e giustizia riparativa” a cura dell’avvocato penalista Gaetano Stea e la “Testimonianza degli interventi realizzati all’interno del carcere dall’associazione Papa Giovanni XXIII” di don Dario Donateo (di Parabita) oggi collaboratore presso la parrocchia “Trasfigurazione di Gesù Cristo” di Alliste. Il dibattito sarà moderato dall’avvocato Luca Laterza.

 

Parabita – Una comparsa in abiti d’epoca nella serie tv “La vita promessa” per il 23enne di Parabita Marco Gabriele. Il parabitano ricopre il ruolo del giovane  borghese degli anni Venti del secolo scorso. Le riprese che hanno interessato lo studente iscritto al quinto anno della facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Salento, sono state girate a Giuliano di Lecce (frazione di Castrignano del Capo). «Dedico questa esperienza alla memoria di due grandi miei sostenitori:  a mio padre che è venuto a mancare quando io  avevo l’età di 17 anni e a mio nonno Rosario a cui devo tanto per i suoi insegnamenti», afferma emozionato Gabriele, il quale durante la sua adolescenza ha già preso parte a dei workshop teatrali e attualmente collabora con un’emittente radiofonica locale.

Le riprese a Masseria Brusca La serie tv di Rai Uno diretta da Ricky Tognazzi si compone di quattro puntate, le prime due andate in onda il 16 e il 17, le altre il 24 settembre ed il primo ottobre. La storia narrata è quella di una madre, interpretata da Luisa Ranieri, che lascia la Sicilia per raggiungere l’America e cercare un futuro migliore per i suoi cinque figli. Un’altra località salentina coinvolta dalle riprese è stata quella di Masseria Brusca, non lontano da Portoselvaggio. Tra le altre città pugliesi compaiono pure Taranto e Monopoli.

Parabita – Accoglienza festosa, nel primo giorno del nuovo anno scolastico, per gli studenti delle prime classi della Primaria di Parabita. A dare il benvenuto è stata la dirigente Antonia Perrone insieme al corpo docente della “Guglielmo Oberdan”. Il  primo giorno di scuola è stato caratterizzato da un piccolo momento di intrattenimento seguito da una rappresentazione teatrale ispirata alla fiaba della Sirenetta e degli animali marini, organizzata nel cortile dell’istituto, a cura di Cosimo Bove (dell’Isola della festa di Matino). «È sempre emozionante vedere i nostri piccoli che si preparano a fare il loro ingresso nella scuola primaria», ha affermato la dirigente.

Lavori terminati Ad aprire i battenti, in una versione completamente rinnovata, è stata pure la Secondaria di primo grado di viale Stazione. Attraverso il progetto “Scuole belle”, supportato dal Ministero dell’Istruzione, è stato possibile  effettuare i necessari lavori di tinteggiatura, con colori accesi e diversi tra loro. Il completamento dei lavori di ristrutturazione ha permesso il rientro in sede anche di quelle classi costrette finora presso la Primaria. Tra le novità anche la biblioteca digitale arredata con due “isole collaborative” di dodici posti. Il suo nuovo arredo prevede dei divanetti e alcune postazioni pc  insieme ad una piattaforma  “digital lending” per la consultazione delle testate giornalistiche di tutto il mondo e di risorse on line eBook. All’inaugurazione (la data è ancora da definire) seguiranno degli incontri con l’autore e concorsi di lettura.

Pronti quattro progetti Pon Per l’anno scolastico 2018/19 è prevista la realizzazione di quattro progetti Pon (Programma operativo nazionale): il primo finalizzato al miglioramento delle competenze di base con moduli di lingua inglese anche per la scuola dell’infanzia, poi scienze, educazione alimentare e teatro. Il secondo è, invece, finalizzato alle competenze di “cittadinanza globale” rivolgendo particolare interesse alla legalità e al rispetto dell’ambiente. Il terzo si inserisce nell’ambito del patrimonio artistico e  paesaggistico con moduli sullo studio del territorio locale con la realizzazione di un viaggio virtuale nei palazzi di Parabita del ‘700 e ‘800. Il quarto è, invece, relativo al pensiero computazionale: sarà rivolta particolare attenzione ai giochi matematici della “Bocconi mathesis” e, molto probabilmente, verranno pure organizzate delle iniziative a cura del Consiglio comunale dei ragazzi costituito lo scorso maggio.

Parabita – Una sorpresa colma di entusiasmo per le due “giovani promesse” della “Soccer Dream 2000” di Parabita che recentemente sono state convocate dal settore giovanile del Milan, per una serie di allenamenti che si svolgeranno il 27 e 28 settembre prossimi,  presso la società rossonera. Si tratta del centrocampista Davide Seclì e del difensore Luca Russo entrambi classe 2006 e di Parabita. I due giovani atleti attualmente sono tesserati con la categoria “Esordienti” guidata dalla Pasquale Bruno. La notizia della doppia convocazione è giunta  nei giorni scorsi, attraverso una e-mail inviata ai vertici della scuola calcio parabitana e firmata dal responsabile della segreteria organizzativa dell’associazione calcistica milanese, Alberto Mariani.

All’Heffort gli osservatori del Milan La bravura dei due giovani parabitani, che avranno ora l’opportunità di allenarsi con i propri coetanei del settore giovanile del Milan, era già stata notata dai vertici dell’associazione calcistica rossonera, i quali erano stati invitati tempo fa  dai responsabili della struttura ad assistere ad una seduta di allenamento e a visitare i campi dell’Heffort Sport Village. La nuova stagione calcistica 2018/19 della “Soccer Dream 2000” è partita lo scorso 10 settembre preceduta da una festicciola organizzata il 6. L’appuntamento è stato caratterizzato dal saluto dei vertici della scuola calcio parabitana e dalla presenza delle famiglie.

La prima squadra a Martina Intanto la Soccer Dream Parabita comunica di aver risolto consensualmente il rapporto di collaborazione con mister Tiziano Lunghi per la guida della prima squadra, ringraziandolo per il lavoro fin qui svolto ed augurandogli il meglio per il futuro. La guida tecnica della squadra è stata al momento assunta a mister Gianluca Martina (di Casarano), coach della formazione juniores.

Parabita – Stella di bronzo al merito sportivo per l’anno 2017, al presidente della Podistica Parabita, Antonio Leopizzi (foto). Il prestigioso riconoscimento giunge dal presidente del Comitato olimpico nazionale italiano, Giovanni Malagò, che ha fatto recapitare una lettera ad Antonio Leopizzi, ha illustrato che tale scelta  testimonia  la capacità e i grandi risultati che sono stati conseguiti  nel corso degli ultimi anni,  dal responsabile della  Podistica Parabita.  Tra gli incarichi ricoperti, Leopizzi dal 2009 è consigliere del Comitato provinciale della Federazione italiana atletica leggera e dal 1994 ha fatto parte del Consiglio direttivo della Podistica Parabita, divenendone il presidente dal 2012. Dal 2014 ad oggi è pure fiduciario comunale per il Coni, mentre dal 2017 è membro della commissione regionale Master della Fidal. La cerimonia per la consegna dell’onorificenza, predisposta dal Comitato territoriale del Coni, è in programma per la fine dell’anno. «Ringrazio sin da ora il presidente e i vertici del Coni per la fiducia che hanno riposto nella  mia persona», afferma, emozionato, il presidente Leopizzi.

 

Parabita – Gesti di solidarietà che si concretizzano in aiuto concreto  per andare incontro alle  famiglie bisognose di Parabita. Arriva l’iniziativa “La penna sospesa” lanciata a pochi giorni dall’inizio del nuovo anno scolastico che, per il Comprensivo parabitano, è previsto lunedì 17 settembre.  La proposta di raccogliere  dei fondi da destinare all’acquisto del materiale scolastico come quaderni, penne, matite, pastelli e  gomme è stata avviata dagli utenti del gruppo Facebook “Sei di Parabita se”, con il  supporto dell’amministratrice Claudia Giaffreda. Per il momento, le cartolibrerie aderenti sono “Paperxpress” sita in via Luigi Ferrari, “Peter Pan” via Regina Elena, “Liberamente” via Impero “Nero su bianco” via Coltura e supermercato “Fratelli De BIasi” in via Salentina. «Chi vorrà donare anche un euro contribuirà a far tanto per i nostri bambini» affermano i promotori,  i quali hanno fatto anche sapere che, seppur in tempi così brevi dall’avvio della colletta, già in tanti hanno risposto all’appello.  Quanto prima verranno anche definite le modalità per l’assegnazione dei buoni- spesa,  da disporre ai nuclei familiari con disabilità economica.

Parabita – Parte dall’associazione “Gestalt House” di Parabita, guidata dallo psicologo Luciano Provenzano (foto), la proposta per la realizzazione di un progetto educativo che punta a prevenire e a contrastare il fenomeno del bullismo. Mediante la formazione di una rete interistituzionale, organizzata con il partenariato dell’Ambito territoriale di Casarano, il programma “Stare insieme no bullismo” è patrocinato dall’Autorità garante dei diritti dell’ infanzia e dell’adolescenza della Regione Puglia. Ad essere coinvolta è l’aggregazione dei comuni di Casarano (capofila), Collepasso, Matino, Parabita, Ruffano, Supersano e Taurisano.

Prossimamente, i veri protagonisti saranno gli studenti degli istituti scolastici, i genitori, gli operatori delle professioni sanitarie e sociali e gli organi di polizia. Durante lo svolgimento del progetto, verrà attribuita particolare attenzione a tutte quelle forme di “prepotenza virtuale” attuate attraverso l’utilizzo di internet e delle tecnologie digitali conosciute con il termine di  “cyber bullismo”.  «Siamo pronti per promuovere iniziative collegate fra loro per informare, sensibilizzare e contrastare il bullismo» afferma Luciano Provenzano, presidente del laboratorio creativo per la comunicazione “Gestalt House”, Luciano Provenzano.

Parabita – Un pomeriggio festoso e spensierato quello dello scorso primo settembre, a Parabita, per i 102 anni di Biagio Sarcinella (al centro nella foto). A presenziare all’atteso taglio della torta, presso il salone del Centro di solidarietà “Madonna della Coltura”, oltre ai volontari della struttura anche quelli dell’associazione Avulls “San Giuseppe Moscati” di Casarano, i quali hanno formulato gli auguri personali all’ultra-centenario. Carattere sveglio e determinato, nonno Biagio è nato il primo settembre 1916 e ed è circondato dall’affetto dei figli Maria, Rosanna e Totò (da alcuni anni è vedovo della signora Cosima).  Ha dedicato gran parte della sua vita lavorando come magazziniere presso la ditta di Gaetano Leopizzi. Ha anche preso parte alla Seconda Guerra Mondiale, tra America, Africa e Italia. Oggi ama trascorrere il tempo dedicandosi anche alla lettura di giornali e riviste: la sua passione sono i piatti tipici della cucina mediterranea.

Parabita – Seconda edizione a Parabita per “Frisa & sound”, la serata parrocchiale di festa di martedì 21 agosto, alle ore 21, a cura del comitato festa rionale di Sant’Antonio, presieduto da Michele Maggio. Nell’area adiacente alla nuova chiesa (con ingresso da via Brescia), lo spazio sarà riservato alla degustazione della tradizionale “frisa” salentina e di altre pietanze della cucina locale. Il ricavato della manifestazione verrà invece devoluto per l’acquisto di un defibrillatore. «Ringrazio gli organizzatori che ci faranno dono di questo apparecchio elettronico che servirà a rendere sicuro l’ambiente della nostra parrocchia nel caso in cui dovessero eventualmente verificarsi delle emergenze», afferma il parroco don Albino De Marco (di Casarano). La serata verrà allietata dal gruppo musicale “Segunda Feira”, di Parabita (composto da Francesco Monteanni, Paolo Pasanisi, Enrico Cataldo, Enrico Fracasso e Luca Giaffreda), mentre l’azienda “L’Alveare” di Luca Leopizzi proporrà uno stand sul miele.

Parabita – Esplorare storia e leggenda per proteggere un sito noto per le sue bellezze naturalistiche. Questi gli obiettivi della  passeggiata al tramonto nel panoramico bosco di Parabita con visita guidata per ammirare la grotta della “Madonna du carottu”. L’iniziativa in programma domenica 12 agosto alle ore 18 è organizzata dall’architetto Alessandro Tornesello in collaborazione con l’associazione culturale “Progetto Parabita” e la Pro loco “Giovanni Vinci”. Il ritrovo dei partecipanti è previsto nell’area parcheggio dell’Heffort Sport Village nelle vicinanze della strada provinciale 361 (Gallipoli – Maglie). La serata vedrà pure la presenza di altre realtà associative parabitane mentre ad illustrare, “fra sacro e profano”, gli antichi riti tradizionali legati a questo costone roccioso della forma abbastanza inconsueta sarà il professor Aldo D’Antico.

Il censimento del Fai L’evento invita, inoltre, l’opinione pubblica a tutelare maggiormente questo sito, prendendo parte alla nona edizione del progetto de i “I luoghi del cuore”. Si tratta del censimento nazionale dei cosiddetti “posti italiani da non dimenticare” promosso dallo scorso 30 maggio, a cura del Fondo ambiente italiano in collaborazione con l’Istituto di credito “Intesa San Paolo”. In alcune attività commerciali di Parabita, sono già disponibili da diverse settimane i moduli cartacei sui quali è possibile apporre una firma per salvare la grotta e il bosco della “Madonna du Carottu”. Fino al prossimo 30 novembre, si può anche votare in rete, collegandosi al sito internet www.fondoambiente.it. «Avvertiamo la necessità di difendere questo bene che oggi risulta maggiormente legato all’identità dei parabitani», affermano i promotori.

 

Parabita – Festa in basilica a Parabita, in onore di San  Domenico di Guzmàn. Ad organizzare il tradizionale appuntamento sono i frati domenicani del santuario della Coltura, guidati dal rettore padre Francesco Marino. Al termine del triduo di preparazione presieduto dal sacrista padre Ruggiero Strignano (dal 5 al 7 agosto), mercoledì 8  agosto nel cortile della basilica è in programma  la celebrazione della messa alle ore 20. La funzione sarà officiata dai frati minori francescani del santuario della Madonna delle Grazie di Galatone. «Nel segno della tradizione e in ricordo dell’incontro avvenuto a Roma tra San Domenico e San Francesco, siamo lieti di avere in mezzo a noi i confratelli francescani con i quali rifletteremo sulle opere di evangelizzazione compiute dal nostro fondatore», afferma padre Francesco Marino.

Subito dopo, intorno alle 21 nell’atrio del santuario lo spazio sarà poi dedicato alla riscoperta del canzoniere parabitano  “Rizzi…i ci ole Rizzi” con il gruppo musicale “I manculicani” di Parabita. L’iniziativa, si inserisce nell’ambito del trentesimo anniversario della fondazione del Centro di solidarietà “Madonna della Coltura”. Il repertorio sarà accompagnato da  Mavi Antonazzo, Giuseppe Caggiula, Giorgio Marsano e Francesco Monteanni. Durante la serata, Ortensio Seclì illustrerà l’evoluzione del “Giardino Grande”. Si tratta del progetto avviato qualche anno fa dalla Onlus parabitana per la realizzazione  de “Il Giardino del sorriso”, cioè lo spazio relax riservato ai malati di Alzheimer e quello “dell’incontro” messo a disposizione  degli ospiti della struttura e della collettività.

Parabita – Archiviato con successo l’evento “I parabitani nati nel 1948…si raccontano” organizzato dal Centro di solidarietà “Madonna della Coltura”.  Sabato 4 agosto, la Onlus guidata da Fiorentino Seclì, in occasione del trentesimo anniversario della sua  fondazione, ha radunato i settantenni di Parabita nell’atrio della basilica della Coltura. La serata è stata presentata da Rosy Piccinno mentre ad interpretare un monologo sulla “giovinezza che passa” è stato il 32enne Jacopo Fracasso, attore originario di Parabita ma da tempo residente a Milano.  Dopo la proiezione di un video-ricordo, è toccato al prof. Aldo D’Antico illustrare gli anni della “gioventù”. Ad immergersi con un tuffo nel passato anche Rocco Piccinno, parabitano doc ma da anni domiciliato nella provincia di Lecco il quale ha  rievocato le figure e i personaggi di una volta. Dopo gli intermezzi musicali curati da Mavi Antonazzo è seguito  un momento di convivialità caratterizzato dal taglio della torta. A coloro che sono nati nel 1948 sono stati anche donati i volumi “Tirittuppiti” e “Rizzi … ci ole rizzi”. Per l’occasione, venerdì 3 agosto presso la parrocchia San Giovanni Battista è stata celebrata la messa in memoria dei 70enni defunti. La funzione è stata officiata da don Antonio Verardi (di Racale, oggi parroco a Felline) compagno di liceo e coetaneo del presidente Fiorentino Seclì.

 

 

Parabita – Denso di appuntamenti il calendario religioso e civile per i festeggiamenti di Sant’Anna e San Pantaleone, dal 25 al 29 luglio. A stilare il programma 2018 sono il parroco don Gianni Cataldo (di Matino) e il Comitato festa, guidato per il secondo anno consecutivo da Manuele Caggiula.
Il solenne triduo è stato avviato lo scorso 23 luglio, con la giornata dedicata alle mamme in attesa e a quelle che hanno partorito nel corso dell’anno. Il giorno seguente è stato invece dedicato ai nonni e alle nonne.

Appuntamenti con la fede – Mercoledì 25, la messa delle ore 20 sarà presieduta in piazza Sant’Anna dal vescovo diocesano Fernando Filograna. Subito dopo, per le strade del rione Sant’Anna si snoderà la solenne processione, animata dal gruppo bandistico parrocchiale “Sant’Antonio” di Parabita. Il 26 luglio, in occasione della solennità di Sant’Anna, le messe in parrocchia saranno alle 8,30, 10,30 e 19. Venerdì 27, giorno in cui la chiesa ricorda la figura di San Pantaleone, le funzioni religiose sono previste alle 8,30 e alle 20.

Ricco e variegato pure il programma civile – Giovedì 26 luglio, alle 21, c’è grande attesa per lo show del duo di imitatori-cabarettisti “Alto e basso” (Gli imitatori del Salento), mentre alle 21,30 sale sul palco Con Voi, la cover tribute band di Claudio Baglioni. Venerdì 27 si terrà poi lo spettacolo Vega80, con musica dance anni 80 italiana e straniera.

Giochi d’estate e altre novità – Dopo quasi due anni di pausa, tornano anche i “Giochi d’estate”, in programma per i prossimi 28 e 29 luglio: protagonisti i bambini, che si divertiranno in varie prove previste dalla prima serata (dalle 19,30 circa in poi). La location di tutti gli eventi civili, come per le passate edizioni, resta sempre piazza Sant’Anna. Un’altra novità di quest’anno riguarda Il simulacro di San Pantaleone: quello che verrà portato in processione è stato messo a disposizione della parrocchia, da parte di una famiglia di Parabita.

Giovanni Coluccia

Parabita – Scende in campo la sezione cittadina dell’Adovos Messapica “Fiorentino Greco” per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza, soprattutto d’estate, della donazione del sangue. Dal 25 luglio al 3 agosto, dalle 22 alle 24 presso l’Heffort Sport Village di Parabita, torna la seconda edizione del torneo “Il calcio nel sangue”. Alle prime quattro squadre classificate l’organizzazione assegnerà diversi premi, ed alle prime tre pure una medaglia. Sono previsti anche trofei individuali per il miglior giocatore, portiere e capocannoniere. «D’estate il bisogno di sangue aumenta e proprio per questo  abbiamo il dovere di compiere un gesto di solidarietà quanto mai importante», afferma il presidente dell’Adovos Messapica, Giovanni Coluccia (foto).

Parabita – Coinvolge i ragazzi nati dal 2000 al 2008  lo stage formativo promosso dalla “Soccer Dream 2000” di Parabita. Da lunedì 23 al 27 luglio, a partire dalle 17.30, i partecipanti potranno prendere parte alle partite che verranno giocate  presso la struttura parabitana “Heffort Sport Village”. A caratterizzare l’“Open stage” sarà la supervisione degli ex calciatori Pasquale Bruno, Roberto Rizzo ed Ernesto Javier Chevantón. Particolare rilevanza l’ultimo incontro in programma venerdì 27 per la presenza del portiere campano Andrea Panico (in serie A con il Lecce e a Gallipoli per la promozione in B), la cui vita è segnata dall’infarto subito alcuni anni fa nel corso di una seduta di allenamento: a salvarlo fu il tempestivo uso del defibrillatore. Panico oggi è tornato a  calcare il manto erboso e ad indossare i guantoni, divenendo preparatore dei portieri e anche una figura di spicco per i campus estivi promossi dalla Juventus.

Parabita – Festa con sorpresa quella per la Madonna delle Anime di domenica 22 luglio a Parabita. Il programma dei festeggiamenti prevede, infatti, la presentazione del primo lavoro discografico del gruppo di musica popolare salentina “Kardiamundi“ dal titolo “Jentu te Maràculi”. Ad allietare l’atteso appuntamento delle ore 21, nella piazzetta antistante l’omonima confraternita, saranno il fondatore Alessio Russo e il suo staff composto da Agostino Reho (di Matino), Lidia Cuppone (di Neviano) e dai parabitani Luigi Tornesello e Gioacchino de Filippo.

I riconoscimenti I “Kardiamundi”, nati nel 2014 grazie all’impegno di un gruppo di amici di Parabita e dintorni, uniti dalla passione per la musica, ha ricevuto già alcuni importanti riconoscimenti, dal “Premio Luigi Stifani” del 2015 a Santa Maria al Bagno sino all’esibizione dell’anno successivo a Cursi sul palco del Festival itinerante de “La Notte della Taranta”. Da ultimo si sono pure esibiti a Milano  per la “Notte di San Martino”. Il loro cd contiene sette tracce e si apre con il brano “Maràculi già utilizzato come colonna sonora lo scorso febbraio, per la pubblicazione del videoclip di presentazione del gruppo, le cui riprese sono state girate tra Parabita, Collepasso e Felline.

Tradizione e contaminazioni Durante la serata, si alterneranno dei brani inediti scritti e arrangiati dai componenti della band che riprendono lo stile della musica tradizionale ma al tempo stesso contaminati da influenze provenienti dal genere classico alle sonorità orientali e spagnoleggianti. Inoltre, particolare attenzione sarà pure rivolta a due arrangiamenti di canzoni tradizionali, quali “Lu Rusciu te lu mare” e “Pizzica Indiavolata”. Altri repertori della tradizione salentina saranno accompagnati da Mavi Antonazzo e dalle ballerine Irene Scarlino (di Alliste) e Serena Pellegrino (di Torrepaduli – Ruffano), del corpo di ballo de “La Notte della Taranta”. Un omaggio speciale sarà pure rivolto al compianto maestro Franco Corlianò, pittore, poeta e artista di Calimera  che prima della sua morte avvenuta nel 2015,  ha inteso ribattezzare il gruppo con l’appellativo di “Cuore nel mondo”. Il prossimo 28 luglio,  i cantori e i musicisti guidati da Alessio Russo, approderanno  al parco Amendola di  Modena, per una tappa straordinaria de “La Notte della Taranta”  e il 13 agosto per il “Taranta Sicily Fest” che si svolgerà in Sicilia.

Parabita – Per il terzo anno consecutivo, ritorna a Parabita la rassegna “Metti, una sera a teatro” patrocinata dal Comune e organizzata dall’associazione culturale “Progetto Parabita”. Giovedì 19 luglio a portare in scena lo spettacolo “Su per giù”, sul  palco allestito nell’atrio antistante la basilica della Coltura, saranno l’attore campano Enzo Casertano e la parabitana Alessandra Merico. Martedì 31 luglio, la compagnia “Gli Armonuati” di Gallipoli,  intratterrà il pubblico con la  rappresentazione “Una coppia aperta quasi spalancata”  ispirata a Dario Fo e Franca Rame. A chiudere l’edizione 2018 sarà l’appuntamento di  giovedì 9 agosto, con lo spettacolo “La Locandiera” di Carlo Goldoni a cura degli “Alibi astisti indipendenti” di Corigliano d’Otranto. Le serate avranno inizio alle 21, con ingresso gratuito. «Ci apprestiamo a vivere questi incontri ricordando i  grandi personaggi del panorama teatrale italiano», afferma la presidente della “Progetto Parabita”, Flora Della Rocca.

 

 

Parabita – Gallipoli – Giornate particolarmente intense quelle vissute a Parabita e a Gallipoli, per l’accoglienza delle reliquie di Sant’Antonio da Padova. Dal 30 giugno al 3 luglio scorsi, non solo i fedeli parabitani ma anche quelli dei comuni limitrofi hanno potuto venerare il frammento del corpo di Sant’Antonio che oggi si trova incastonato nel busto di una preziosa statua laminata in oro raffigurante “il frate dei miracoli”. Durante questa circostanza, unica e rara per il territorio, è stato anche  possibile onorare un altro reliquario contenente la “sacra costola” del Santo. Tanta anche la partecipazione che si è registrata durante le diverse funzioni religiose, organizzate dall’omonima parrocchia parabitana, guidata da don Albino De Marco (di Casarano). A coronare il desiderio di una comunità è stata, inoltre, la consegna di un’altra reliquia della “massa corporis” di Sant’Antonio, donata dai frati conventuali di Padova alla parrocchia. Il rito è stato ufficializzato dal religioso francescano, padre Egidio Canil al termine della messa dell’1 luglio presieduta dal vescovo diocesano Fernando Filograna.

Il saluto di Gallipoli Dopo il commiato da Parabita, nel pomeriggio di martedì 3 luglio, le reliquie hanno poi raggiunto la comunità di Sant’Antonio di Padova di Gallipoli, guidata da don Salvatore Leopizzi. La serata è stata prima caratterizzata dal rito di accoglienza e dalla celebrazione della messa. Subito dopo, sul sagrato della chiesa, la compagnia teatrale “Iride” di Parabita ha dato inizio al musical “Tra cielo e terra”. Il saluto comunitario è avvenuto nella mattinata di mercoledì 4 luglio.

 

 

Parabita – Tutto pronto in città, per l’arrivo delle reliquie di Sant’Antonio da Padova. Un evento unico e raro non solo per i fedeli parabitani ma anche per il territorio. L’appuntamento è per sabato 30 giugno alle ore 18. Ricco e variegato il programma che si protrarrà fino a martedì 3 luglio. Il rito di accoglienza è previsto presso il monumento di San Pio, nella piazzetta sita sulla strada per Collepasso. Subito dopo si snoderà una breve processione verso l’omonima chiesa parrocchiale. Seguirà la celebrazione della messa alle 19.30 da parte del parroco don Albino De Marco (di Casarano) e una veglia di preghiera prevista alle 21.30.

Gli appuntamenti sino a martedì 3 luglio Tra gli appuntamenti di domenica 1 luglio, giorno in cui ricorre anche il primo anniversario della dedicazione della nuova chiesa parrocchiale, la celebrazione eucaristica delle 19.30 sarà presieduta dal vescovo diocesano Fernando Filograna. L’ultimo appuntamento della serata è alle ore 21, con la compagnia teatrale Iride che, nel salone parrocchiale, proporrà il musical “Tra cielo e terra”. La mattinata del 2 luglio sarà interamente dedicata agli ammalati e agli anziani, mentre alle 21.30 la comunità si riunirà in parrocchia per vivere una seconda “veglia dei Simboli di Sant’Antonio”. Il saluto comunitario è in programma martedì 3 alle ore 11. Durante queste quattro giornate, sarà possibile visitare nella vecchia chiesa parrocchiale, la mostra “Di Pietre e di Cielo” che è stata allestita a cura dei ragazzi di Azione cattolica.

L’arrivo a Gallipoli Dopo il commiato da Parabita, la sera stessa di martedì 3 luglio (intorno alle 20) le reliquie raggiungeranno la comunità di Sant’Antonio di Padova di Gallipoli, guidata da don Salvatore Leopizzi (il commiato avverrà nella prima mattinata di mercoledì 4 luglio).

Parabita – Vivere la comunità come una grande famiglia costituita da giovani e adulti: questo lo spirito dell’iniziativa con “I giochi di una volta 100% vita sociale” organizzata dalla parrocchia Sant’Antonio di Padova di Parabita. Dopo la serata dello scorso 23 giugno, i partecipanti potranno nuovamente riscoprire giovedì 28 alle 20.30, nell’area adiacente alla costruzione della nuova chiesa, gli svaghi classici di un tempo come il tiro alla fune, il gioco del fazzoletto, la corsa coi sacchi e quello della pallina e il cucchiaio. La manifestazione, oltre ed essere curata dal “Gruppo sportivo” guidato da Piero Leopizzi, in collaborazione con le altre realtà della parrocchia è stata voluta dal parroco don Albino De Marco (di Casarano) e si inserisce all’interno di due importanti appuntamenti per i fedeli dell’omonimo rione. Il primo è quello di sabato 30 giugno, relativo alla cerimonia di accoglienza delle reliquie di Sant’Antonio e il secondo al primo anniversario della dedicazione della nuova chiesa che quest’anno sarà celebrato domenica 1 luglio.

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...