Home Authors Posts by Gianpiero Pisanello

Gianpiero Pisanello

239 POSTS 0 COMMENTS

Tuglie – Dopo alcune settimane di incertezza, è stato ufficializzato, a Tuglie, il comitato 2018 per i festeggiamenti civili in onore della Madonna del Carmine. Dopo le dimissioni dello scorso anno di Claudio Antonaci, a prendere in mano il tradizionale appuntamento estivo è ora la figlia Nunzia Antonaci, diventando, così, la prima donna tugliese, e per di più giovane, a presiedere un comitato festa. Un segno importante per la comunità cittadina affinché le tradizioni non svaniscano e si possano trasmettere nel corso degli anni. A formare il comitato insieme alla nuova presidente, oltre ad alcuni volontari, sono Antonio Costantino nelle funzioni di vice presidente, Giovanna Guarini come cassiera e il segretario Marco Donadei. Il comitato si metterà all’opera, come tradizione vuole, nel mese di maggio, con la raccolta delle offerte da parte dei cittadini e con l’organizzazione della festa che si celebra il 16 e il 17 luglio di ogni anno.

Tuglie – Conto alla rovescia per la 268° festa patronale in onore della Madonna Annunziata in programma a Tuglie dal 14 al 16 aprile. Sarà il primo anno per il nuovo parroco don Maurizio Pasanisi che affida il suo messaggio al dépliant ufficiale della festa. «È la prima patronale che vivo con voi e in mezzo a voi e non nascondo il desiderio di vedere una comunità che attende di celebrare la sua Protettrice con gioia ed entusiasmo», scrive don Maurizio. Dopo la settimana mariana avviata  domenica 8 aprile con vari momenti di preghiera dedicati a diverse categorie cittadine, la festa inizia sabato 14 con l’apertura ufficiale, il tredicesimo “Trofeo dell’Annunziata” della Podistica, la processione e i concerti Città di Matino e Città di Taviano. Il ricco programma allestito dal comitato presieduto da Antonello Chezza prevede, inoltre, domenica 15 la fiera, un raduno d’auto e moto d’epoca, il concerto bandistico Città di Conversano, la sfilata di carrozze con cavalli, l’esposizione delle auto della Polizia di Stato e un fuoco d’artificio alle ore 13. In serata, invece, esibizione della violinista Chiara Conte, degli artisti di strada e dell’orchestra “I Giullari”. L’ultimo giorno è scandito dal mercato della “’Nunziateddha”, dalla Zagor Street Band, dal concerto di Giro di Banda e da uno spettacolo pirotecnico. Tra gli eventi collaterali si inserisce il convegno di giovedì 12, alle ore 9, presso il teatro comunale dal titolo “No al bullismo, si al rispetto!”.

Tuglie – Nuova vita per il casello ferroviario nei pressi di Largo Fiera, a Tuglie. L’immobile che sorge al km 39+251 lungo la linea delle Sud-Est che da Novoli porta a Gagliano del Capo è, stato, infatti, concesso all’associazione “Rotaie di Puglia” alla quale spetta anche (in seguito all’avviso pubblico emanato alcune settimane fa dagli uffici demaniali) la relativa area di pertinenza lungo la linea. Dopo l’atto ufficiale di concessione, l’associazione, che già ha acquisito un appartamento della stazione ferroviaria di Zollino, si impegnerà a reperire le risorse economiche necessarie per riportare la struttura allo stato d’origine ed inserirla a pieno titolo nel contesto del “turismo ferroviario” che nel paese (per opera di un privato) vede già la presenza della fermata del Museo della Civiltà contadina, alle spalle di piazza Garibaldi, che permette ai visitatori di giungere direttamente nella struttura.Inizio modulo

Tuglie – I riti del Venerdì Santo, a Tuglie, sono tra gli eventi religiosi più attesi, insieme al Natale e alla festa patronale. Tradizioni che si tramandano da secoli e che vedono una grande partecipazione di fedeli. Dopo il Giovedì Santo, con la celebrazione della messa in “Coena Domini” e la visita ai Repositori, il giorno seguente, è quello del silenzio e del digiuno ma, soprattutto, quello delle due processioni che coinvolgono le strade principali del paese. La prima, quella dei Misteri, si snoda intorno alle 21 da piazza Garibaldi, subito dopo la celebrazione della Passione di Cristo e la funzione della Desolata (molto toccante e secolare l’entrata in chiesa della Madonna Addolorata da Palazzo Panunzio), e vede la partecipazione delle statue raffiguranti i misteri che precedono quella del Cristo Morto e dell’Addolorata. A mezzanotte, invece, dalla chiesa di San Giuseppe, si snoda quella dedicata alla Vergine Desolata, una delle più antiche del paese fin dal 1777. È la confraternita della Buona Morte, il cui priore è Pippi Fedele, a mantenere in vita questa devozione. Dopo l’esecuzione di alcune marce funebri, il suono della tromba ed il rullo dei tamburi annuncia l’uscita dei confratelli e quella delle statue. Sono loro, vestiti di bianco e con il volto coperto, a sorreggere tra le mani o una fiaccola o un segno della passione. A far meditare i fedeli sono alcune letture con la sosta anche delle statue del Cristo Morto e dell’ Addolorata. Intorno alle due di notte, il corteo rientra in chiesa per la benedizione impartita dal sacerdote. L’ultimo giorno del Triduo Pasquale, il Sabato Santo, è quello dedicato al silenzio in attesa della veglia pasquale delle 22.30 celebrata, nella chiesa matrice, dal parroco don Maurizio Pasanisi.

 

Tuglie – Torna a Tuglie la rappresentazione della Via Crucis storica per le strade del paese. Per il maltempo di domenica 25 marzo, l’evento viene riproposto dagli organizzatori mercoledì 28 marzo con lo stesso programma. Si tratta della seconda edizione consecutiva proposta dal circolo Anspi “San Giovanni Bosco” con la parrocchia Maria Ss. Annunziata. L’appuntamento è subito dopo la messa vespertina, intorno alle ore 20, dove tra gesti, simboli e parole si rivivrà  ciò che i Vangeli hanno narrato sulla morte di Gesù. Sessanta i personaggi che vestiranno gli abiti storici per le scene che si svolgeranno tra piazza Garibaldi, via Risorgimento e il campo sportivo dell’oratorio parrocchiale, nei pressi del piazzale Matteotti. Si inizia con le scene dell’ultima cena, l’orto degli ulivi, Erode, l’incontro con Pilato che saranno ricreate nella centralissima piazza Garibaldi. Il corteo dei figuranti, seguito dalla comunità dei fedeli, si dirigerà verso via Risorgimento dove saranno rappresentate l’incontro di Gesù con Maria e le pie donne, l’incontro con la Veronica, le varie cadute di Cristo fino all’incontro con il Cireneo. Conclusione con la crocifissione e la resurrezione presso il campo sportivo dell’oratorio parrocchiale. Per il secondo anno, si conferma l’impegno dei volontari del circolo Anspi che riprendono una tradizione che vedeva, fino a circa trent’anni fa, Tuglie tra i primi paesi della provincia a realizzare rappresentazioni in costume sugli ultimi istanti della vita di Cristo, tanto da attirare anche l’attenzione di alcuni studiosi e ricercatori universitari dell’epoca.

Tuglie – C’è tempo fino a giovedì 22 marzo per presentare l’istanza di partecipazione al corso di “Bls-d” per l’uso del defibrillatore promosso dal Comune di Tuglie. L’iniziativa nasce in seguito alla donazione, da parte dello Studio medico cardiologico Oretti (con sedi a Bologna e a Tuglie) di un defibrillatore presso l’Istituto comprensivo del paese. Per poter permettere il corretto utilizzo del macchinario in caso di emergenza, sarà il cardiologo Giacinto Pettinati (di Casarano) il docente del corso che si terrà presso la sede municipale la mattina di sabato 24 marzo, dalle ore 8,30 alle ore 13,30 (costo 35 euro per ciascun partecipante). Chi è interessato a partecipare deve presentare all’ufficio protocollo del comune, entro e non oltre il 22 marzo, la propria istanza di partecipazione al corso, utilizzando il modello scaricabile dal sito www.comune.tuglie.le.it, corredata dalla copia del documento di identità. Il pagamento della quota di partecipazione verrà effettuato da ciascun partecipante prima dell’avvio delle attività.

Tuglie – Un defibrillatore per gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Tuglie. A donarlo, nei giorni scorsi, lo studio medico cardiologico Oretti, con sedi a Bologna e Tuglie, guidato dai medici Giusy Santese e Cosimo Stefanio. Grazie al dono dei due medici, la scuola diretta da Maria Francesca Conte diventa “cardio-protetta”, ovvero capace di proteggere tutti gli alunni anche grazie al supporto, nell’utilizzo del defibrillatore, di alcuni docenti e del personale Ata. A precedere la consegna – avvenuta alla presenza della dirigente scolastica e dei docenti, del sindaco Massimo Stamarra e degli assessori comunali, del presidente della Provincia Antonio Gabellone, dei ragazzi e dei loro genitori – una serie di incontri dal titolo “Salute e benessere con i ragazzi”, durante i quali gli alunni hanno approfondito il sistema cardiovascolare e il sistema scheletrico con il supporto medico-scientifico sempre dello “Studio Oretti”, grazie agli interventi dei medici Giusy Santese, Federico Trentani e Cosimo Stefanio. Di rilievo i numeri di un problema che richiede sempre maggiore attenzione e consapevolezza: ogni anno in  Italia circa settantamila persone muoiono a causa di un arresto cardiaco. Un evento il più delle volte evitabile, se preso in tempo, attraverso la rianimazione e l’utilizzo del defibrillatore.

Tuglie – “Etica. 9 dialoghi controcorrente”, pubblicato lo scorso anno per Editori Laterza, a cura della dirigente scolastica e Anna Rita Corrado e del giornalista Rosario Tornesello, è il volume che presentato venerdì 16 febbraio, alle ore 18 presso il frantoio ipogeo di Tuglie. Protagonisti del volume sono filosofi e storici, scienziati e giornalisti, medici e religiosi, magistrati e politici che si sono misurati nel ciclo di incontri presso il liceo scientifico “Leonardo da Vinci” di Maglie. La presentazione del libro fa tappa anche a Tuglie in una serata organizzata dall’associazione “Amici della Biblioteca” in collaborazione con il Sac “Salento di mare e di pietre”, il Comune di Tuglie e la Provincia di Lecce. L’appuntamento, coordinato dallo scrittore Elio Ria, vede la partecipazione dei curatori del libro, del vicepresidente del “Centro Studi Livatino” Alfredo Mantovano con i saluti del presidente della Provincia Antonio Gabellone, del sindaco di Tuglie Massimo Stamerra, della presidente dell’associazione “Amici della Biblioteca” Paola Sperti.

Il libro – Nove dialoghi per non smarrire se stessi in un tempo di nuove angosce e antiche paure. Un cammino attraverso le tappe intermedie e le parole chiave che l’etica suggerisce e la vita reale impone, seguendo il filo logico che unisce (e non separa) passione e ragione, alla ricerca di un punto di fuga in cui tutto alla fine converge: l’uomo e la sua essenza, nel bene e nel male. Questi i temi affrontati da

Tuglie – Nonostante le classifiche mettano in evidenza come in Italia e particolarmente in Puglia si legga sempre meno, sono diverse le iniziative in campo per avvicinare quanti più lettori possibili verso il mondo dei libri e delle sue storie. Come la biblioteca di Tuglie che, nei suoi locali di via Risorgimento, ha inaugurato ufficialmente “La scatola dei desideri”. Una scatola di cartone dove ognuno può indicare il libro che desidera leggere (qualora mancasse) che poi, una volta acquistato dallo staff della biblioteca comunale, resterà sugli scaffali a disposizione della comunità. Intanto, il progetto “Biblioteca di Tuglie, Biblioteca di Tutti”, con il quale l’Amministrazione comunale ha partecipato al bando regionale per le Community Library, non è stato ammesso a finanziamento per esaurimento delle risorse.

Galatone – “Industria e artigianato per il Made in Italy” è il nuovo indirizzo di istruzione professionale attivato dall’istituto di istruzione superiore “Enrico Medi” di Galatone. A presentarlo, lo scorso 31 gennaio, un incontro tematico dal titolo “Dal nostro territorio al marchio Made in Italy”, presso il palazzo marchesale, con la partecipazione del sindaco Flavio Filoni, del dirigente scolastico Davide Cammarota, del docente Gianluigi Antonaci e dell’assessore alla formazione professionale Maurizio Pinca. A seguire anche gli interventi dell’assessore regionale Sebastiano Leo e del vice presidente di Confindustria Augusto Romano. A moderare la serata il giornalista Andrea Papa, mentre a concludere i lavori il vice sindaco Daniela Colazzo. L’attivazione del nuovo indirizzo rappresenta un percorso nuovo per creare un’efficace sinergia tra la scuola ad indirizzo professionale, le istituzioni e il sistema produttivo territoriale. L’intento è di formare figure professionali con capacità e competenze auto-imprenditoriali, capaci di valorizzare le economie tipiche del Salento, facendo emergere soprattutto i prodotti delle aziende galatonesi, a vantaggio dell’occupazione del Salento, del rilancio di arti, mestieri e professioni appartenenti alla tradizione locale.

Tuglie – La scuola elementare e la villetta di via Aragona, sulla strada che conduce a Sannicola, sono oggetto di due interrogazioni a firma del gruppo consigliare di minoranza “Bene Comune” da affrontare nella prossima riunione del Consiglio comunale. La prima è inerente all’assenza di una copertura che permetta ai bambini di proteggersi dalla pioggia entrando o uscendo dall’intero complesso della scuola elementare, sito in via Genova, oggetto nel corso degli anni di numerosi finanziamenti per il suo miglioramento. La seconda, invece, fa riferimento all’assenza di illuminazione e allo stato di degrado della villetta di via Aragona. Le richieste, protocollate nei giorni scorsi dai consiglieri di minoranza Antonio Vincenti, Alessandro Moscatello, Giovanni Petruzzi e Leonilda Marzano, non solo denunciano le due situazioni, ma chiedono anche al Primo cittadino Massimo Stamerra i motivi di tale criticità e i provvedimenti che lo stesso intende prendere al fine di porre rimedio, “quanto prima possibile”, alle due situazioni indicate. Per le risposte e le motivazioni, quindi, bisogna aspettare la prossima seduta del Consiglio comunale.

Tuglie – Il 2018 è l’anno in cui in Italia si ricordano i cento anni della conclusione della Prima guerra mondiale, . Anche Tuglie, in particolare la collina di Montegrappa, non dimentica i dolorosi avvenimenti in cui persero la vita molti giovani concittadini e, soprattutto, non dimentica il legame con Cima Grappa, nel Veneto, ed il culto della “sua” Madonna. In particolare, il 14 gennaio 1918 è la data della distruzione del sacello, di cui uno simile fu costruito sulla collina dal dottore Cesare Vergine, e della “mutilazione” della statua della Madonna. In questa data, il parroco don Maurizio Pasanisi ha celebrato una messa mattutina in ricordo della mutilazione alla presenza anche dell’“Associazione Nazionale Alpini – Sezione di Bari – Gruppo Salento”. In risposta a chi ha evidenziato l’assenza, per l’occasione, di una commemorazione ufficiale capace di coinvolgere l’intera comunità, il sindaco Massimo Stamerra ricorda che tale ricorrenza si terrà in aprile, in occasione della festa patronale in onore della Madonna Annunziata, ed in occasione della festa di Montegrappa del prossimo 4 agosto, data in cui ricorre il ricordo della ricollocazione, il 4 agosto del 1921 appunto, della statua della Madonna “riparata” all’interno della nuova chiesa su Cima Grappa.

Tuglie – Scade giovedì 18 gennaio il termine utile presentare la domanda di partecipazione al viaggio a Trieste, Praga e Vienna nell’ambito delle iniziative messe in atto dall’Amministrazione comunale di Tuglie nell’ambito del progetto “La Memoria e il Ricordo”. In particolare, il viaggio è proposto e realizzato dalla Provincia di Lecce in collaborazione con l’associazione culturale Arnia, al fine di sensibilizzare i giovani sugli orrori perpetrati dai regimi totalitari nel Novecento. Oltre alle tre città, si visiterà anche la Risiera di San Sabba (foto), le Foibe di Basovizza, Monte Grisa ed il campo di concentramento di Terezin. Il viaggio, che si svolgerà dal 15 al 21 febbraio, vedrà la partecipazione di tre giovani tugliesi di età compresa tra i 18 e i 30 anni. Una parte dei costi per la partecipazione all’iniziativa saranno sostenuti dal Comune di Tuglie e ogni partecipante dovrà versare solo una quota di 160 euro. Gli interessati dovranno far pervenire all’ufficio Protocollo del Comune, entro e non oltre giovedì 18 gennaio alle ore 17, la domanda di partecipazione conforme al modello disponibile presso l’ufficio o scaricabile dal sito internet del Comune.

Tuglie – Anche quest’anno non può mancare nelle case dei tugliesi il calendario “Progettiamo”, a sostegno del progetto delle Suore oblate dei poveri “Santa Gianna Beretta Molla” di Tuglie. «Il progetto di solidarietà nasce dal grande sogno della nostra fondatrice, madre Rita Piccinno, che è quello di farsi prossimo a chiunque si incontri, a ogni uomo o donna che ci passa accanto», fanno sapere dalla fraternità delle suore, attualmente guidata da suor Paola De Francesco (nella foto), quotidianamente impegnate nell’aiuto del prossimo. Dopo la grande mobilitazione dello scorso anno, il calendario  è stato realizzato anche per il 2018 (in collaborazione con il negozio di abbigliamento “Girotondo” ed il fotografo Francesco Caputo”. Uno strumento che accompagna la comunità tugliese (ma anche dei paesi limitrofi) lungo il nuovo anno con l’obiettivo non solo di aiutare i più bisognosi, ma anche i giovani del paese. Con i fondi raccolti verranno, infatti, sostenuti quanti che non possono permettersi il percorso di studi, attraverso l’acquisto dei libri, l’acquisto dei biglietti per il bus, le varie tasse e iscrizioni. Oltre al calendario, è possibile sostenere l’intensa attività delle suore con la donazione del 5 per mille da intestare ad “Associazione S. Gianna B. Molla” (il codice fiscale da indicare è 91020600754).

Tuglie – Strage di gattini a Tuglie. La segnalazione arriva da contrada Mazzuchi, ovvero da quanti risiedono nella nuova zona che da via Tito Schipa si sviluppa fino alla circonvallazione. Sono stati loro, nei giorni scorsi, ad imbattersi in almeno un paio di cucciolate fatte brutalmente fuori quasi sicuramente in seguito ad avvelenamento. In particolare, ad essere trovati senza vita sono stati dei micetti nati sicuramente tra novembre e dicembre che alcuni abitanti della zona curavano come “gatti di quartiere”. Chissà cosa è andato storto a chi si è reso protagonista di questa che più che una bravata rappresenta un reato penalmente perseguibile. Sta di fatto che quasi tutti i gatti della zona sono stati avvelenati nel giro di qualche giorno. «Purtroppo – fanno sapere dal “Comitato per la tutela dei randagi di Tuglie” – non è la prima volta che si verificano questi reati nei confronti degli animali. Vogliamo ricordare a tutti i cittadini che le colonie feline sono tutelate dalla legge e che sono stanziali quindi è assolutamente vietato spostare, maltrattare e uccidere gli animali. In seguito alle segnalazioni degli abitanti del quartiere è stato fatto un esposto. I volontari chiedono controlli e che si prendano provvedimenti nei confronti di chi uccide gli animali. Chiediamo, infine, che l’Amministrazione comunale di Tuglie proponga iniziative per sensibilizzare i cittadini, a partire dalla scuola, sulla tutela degli animali, anche in collaborazione con i volontari del nostro comitato».

Tuglie – «Che cosa turba, a volte profondamente, la vita degli uomini? Che cosa la conforta e rassicura? Due domande che sembrano non offrire risposte certe o qualche illusoria consolazione. C’è una risposta? Forse giova narrare, narrarsi». Questi gli interrogativi che accompagnano il nuovo lavoro editoriale di Luigi Scorrano (nella foto), pubblicato da Edizioni Grifo per la collana “Prosa poesia”. “Con un piede nel nulla e altre narrazioni” è il nuovo contenitore ricco di racconti e scritti, alcuni anche inediti e datati nel tempo, come “Con un piede nel nulla”, “L’uomo che guarda le stelle e altre storie di Natale”, “I rimasti” e tanti altri ancora. In copertina, invece, si trova l’opera pittorica di Gabriella Torsello, “Terra rossa 2016”. Giovedì 21 dicembre la presentazione ufficiale del volume alle ore 18.30, presso il Teatro comunale di Tuglie, per una serata organizzata da “Gli Amici della Biblioteca”, il “Nido del colore” di Gabriella Torsello, il “Gruppo incontri” con la collaborazione dell’assessorato alla Cultura del Comune di Tuglie. Ad intervenire, oltre all’autore, anche i professori Luca Isernia e Antonio Resta, con i saluti istituzionali del sindaco Massimo Stamerra e dell’assessore Silvia Romano. A leggere alcuni racconti del libro sarà l’attore Antonio Calò.

Tuglie – Un milione di euro per migliorare la rete pluviale nel territorio comunale. Lo prevede il disciplinare firmato nei giorni scorsi a Bari dal sindaco di Tuglie Massimo Stamerra relativo al finanziamento per gli interventi di messa in sicurezza del territorio tugliese da allagamenti e rischi idrogeologici. Si tratta di un intervento di ampliamento della rete di fognatura pluviale che permetterà di risolvere alcune criticità presenti a Tuglie, in particolare sulla collina di Montegrappa con corso Italia, via delle Vittorie, proseguendo per Tuglie con via Giusti, via Piave e la circonvallazione fino ad arrivare alla vasca. Il progetto presentato dall’ufficio tecnico comunale nel luglio del 2014 fu subito dichiarato ammissibile ed ora è stato ufficialmente finanziato. Dopo i vari iter procedurali, i lavori dovrebbero essere appaltati entro la prossima primavera e concludersi per i primi mesi del 2019.

 

 

Tuglie – Un nuovo “collettivo” di giovani per la gestione di un laboratorio sociale e culturale. “Le Officine” si sono presentate alla comunità cittadina, in un incontro pubblico tra nuove e vecchie generazioni, giovedì 14 dicembre presso la sede dell’Unione servizi volontari, in piazza Garibaldi. “Le Officine” nascono dalla consapevolezza della mancanza di luoghi di aggregazione sociale sul territorio comunale. «”Le Officine” – afferma Lorenzo Longo a nome di un nutrito gruppo di giovani – oltre alla valorizzazione del luogo e al rispetto delle persone e degli animali, prevedono una serie di attività come i cineforum, corsi musicali, il doposcuola popolare e il periodico di informazione autoprodotto dal basso. Il collettivo ha le finalità di mutualismo e solidarietà, è apartitico, promuove l’antirazzismo e la non violenza. Il collettivo è inclusivo ed è aperto ad ogni forma di collaborazione con tutte le realtà presenti sul territorio». Per informazioni e adesioni si può visitare la pagina ufficiale presente su Facebook.

TUGLIE – “Il Nido del Colore” si tinge di azzurro e si apre al Natale. Il luogo d’arte di Gabriella Torsello ospita, dall’8 al 10 dicembre,  dalle ore 17 alle 20, in via Aldo Moro, una vera e propria “poesia del presepio” con in mostra le realizzazioni artistiche ambientate intorno al mare. “Le acque della nascita” è il testo di Luigi Scorrano che accompagna questi gioielli in terracotta e legno con cherubini, pumi, San Giuseppe e la Madonna, Gesù bambino ambientati tutti in riva al mare. Ancora una volta, la raffinatezza e l’eleganza dell’artista Torsello prendono forma in queste cinque creazioni natalizie: “Campane di Natale”, “Notte azzurra”, “Una visita a Gesù bambino”, “Presepio verde e azzurro”, “Presepio sull’acqua, la stella come un faro”. Dello scrittore Luigi Scorrano l’analisi critica dell’esposizione: «Gabriella Torsello da anni si cimenta con questo argomento. L’ambientazione è singolare: greggi di mansuete pecorelle vanno verso il mare, e il mare, sia libero nelle sue acque e nelle sue spiagge o sia affacciato a balconi di città murate, con il suo mormorio o con la sua voce sonora, risponde al belato mite e dolci dei greggi, alla voce della natura…una fantasia che costruisce una storia devota e forte, l’esistenza; e il sogno meraviglioso della nascita».

TUGLIE – La sede dell’ex camera del lavoro Cgil diventa oggetto di scontro tra maggioranza e opposizione. Il 24 ottobre scorso il Consiglio comunale ha destinato l’immobile a spazio per la conservazione e consultazione della documentazione sulla memoria storica del paese. L’opposizione ha, però, presentato una mozione affinché la sede diventi un punto di ascolto e tutela dei diritti dei lavoratori in gestione al Comitato Primo Maggio; questa si sarebbe dovuta discutere nell’Assise del 23 novembre, ma così non è stato. «Il gruppo “Insieme per Tuglie” – fanno sapere da “Bene Comune” – non ha consentito la sua discussione. Prima ancora, con una nota, il Sindaco aveva dichiarato inammissibile un’altra mozione che lo voleva insieme alla Giunta alla costituzione di parte civile, nel processo penale che li vede imputati per reati a danno della pubblica amministrazione e dei cittadini. Al termine del “non consiglio comunale” è stato affisso dallo gruppo un manifesto diffamatorio nei confronti dei successori dell’uomo che a Tuglie trasformò un  luogo di repressione di regime, in una stanza di giustizia sociale per molti lavoratori».

Non tarda la risposta del sindaco Massimo Stamerra: «La mozione presentata dai consiglieri di minoranza non è stata discussa – scrive il Sindaco su Facebook – poiché è stata sollevata all’inizio una questione pregiudiziale che, approvata dal Consiglio comunale, ha impedito di affrontare l’argomento. Quanto proposto dalla minoranza non era altro che una riproposizione di argomenti che sono stati oggetto di ampia discussione nella seduta precedente, sfociata poi nella decisione sulla destinazione. Aver chiesto con la mozione la revoca del provvedimento, senza addurre alcun elemento nuovo che potesse giustificarla, era un’iniziativa pretestuosa della minoranza, non motivata da un interesse pubblico». Intanto, mentre il gruppo di maggioranza ha affisso in paese un manifesto dal titolo “Le liti e le contese all’interno della Cgil non riguardano il comune di Tuglie”, il gruppo di opposizione domenica è sceso in piazza per un pubblico comizio per informare la cittadinanza.

TUGLIE – Con lo spettacolo “Amleto vs Romeo” di Fabiano Marti, per la regia di Giuseppe Miggiano, la compagnia teatrale “La Calandra” di Tuglie ha vinto la recente XXII edizione del Festival nazionale “Premio Città di Viterbo – Memorial Francesco Mecaroni”. «La perfetta alchimia fra classico e contemporaneo – si legge nella motivazione – ha permesso all’autore di realizzare una accurata rilettura scenica in grado di soddisfare il difficile palato dell’appassionato teatrale». Allo spettacolo è andato anche il premio “Media & Sipario” mentre tra gli attori protagonisti c’è stato un ex-aequo per gli stessi Fabiano Marti e Federico Della Ducata. La cerimonia di premiazione si è svolta domenica 5 novembre nella Sala Regia di Palazzo dei Priori, a Viterbo.

TUGLIE – Prende forma, a Tuglie, il “Centro servizi sanitari” grazie alla convenzione firmata tra la Asl e l’Amministrazione comunale,  che prevede dieci anni in locazione, secondo un vecchio contratto, e poi altri quaranta in comodato d’uso gratuito. Da mercoledì 15 novembre, infatti, il trasferimento del servizio di guardia medica, da via Risorgimento a Largo Fiera, ha inaugurato ufficialmente la nuova struttura. Nelle prossime settimane saranno attivati alcuni ambulatori con i medici di base di Tuglie e, poi, anche gli ambulatori dedicati al prelievo del sangue e a quello per le vaccinazioni. Proprio in questa struttura sarà nuovamente accolta l’associazione Fidas, ma solo per la donazione del sangue mensile. L’ex “casa comunale” (ma prima ancora scuola) di Largo Fiera diventa così una sorta di “casa della salute”, nonostante molte associazioni sperassero nella realizzazione di un contenitore culturale.

TUGLIE – Da centro di tutela dei lavoratori a spazio di archiviazione di libri e documenti, a supporto della biblioteca comunale. La storica sede di via Quarto 2, che ha accolto intere generazioni di lavoratori tugliesi, ha chiuso da alcune settimane e presto potrebbe cambiare totalmente destinazione d’uso. L’immobile di proprietà comunale è stato, infatti, inserito nel progetto con il quale il Comune si presenta (sperando nel finanziamento) al bando regionale “Community Library, biblioteca di comunità: essenza di territorio, innovazione, comprensione nel segno del libro e della conoscenza”. A opporsi a questa scelta, nell’ultimo Consiglio comunale, il gruppo “Bene Comune”.

«L’attività svolta per oltre un cinquantennio da Cesario Imperiale e dai successori – si legge in una nota – ha rappresentato per anni il punto di riferimento di tanti lavoratori. Togliere la disponibilità del locale ai suoi successori, non rispondendo in alcun modo alle richieste avanzate dagli stessi al Sindaco, rappresenta un’operazione di violenza nei confronti della storia sindacale di Tuglie. Dal punto di vista giuridico ed amministrativo siamo nuovamente davanti ad atti assunti in palese violazione di legge, atteso che il  Sindaco ha dichiarato di aver ricevuto le chiavi del locale da rappresentanti della Cgil di Lecce, a suo dire, titolare del contratto di locazione, mentre con una nota scritta il responsabile di settore del Comune di Tuglie, Cosimo Barone,  aveva  attestato che Salvatore Imperiale era l’unico soggetto titolare dello stesso contratto, al quale, però, il Comune da sempre ha preteso il pagamento delle tasse, come provato dai documenti acquisiti in Consiglio comunale su istanza della consigliera Marzano. “Bene Comune” chiederà nella prossima Assise, che quella stanza, di poco valore materiale ma infinito valore storico, politico e culturale, possa continuare ad essere punto di ascolto e tutela dei diritti dei lavoratori, concedendone la gestione, senza fine di lucro, al Comitato Primo Maggio di Tuglie».

TUGLIE – Paura ieri pomeriggio nella centralissima piazza Garibaldi di Tuglie per il sindaco Massimo Stamerra. Erano da poco passate le 17.30 quando Antonio Pezzulla, 48enne tugliese già noto alle forze dell’ordine, alla vista del Primo cittadino ha dato nuovamente in escandescenza colpendolo al viso con vari pugni. Quando il Sindaco, cercando di sottrarsi all’aggressione, è riuscito a chiudersi nel suo veicolo, Pezzulla è riuscito a comunque a raggiungerlo e ad inveire con calci e pugni sulle ruote, il parabrezza e la carrozzeria. Accompagnato subito alla stazione dei carabinieri di Sannicola, Stamerra ha ricevuto le subito le prime medicazioni prima di essere condotto al Pronto soccorso dell’ospedale di Gallipoli dove gli sono stati riconosciuti dieci giorni di prognosi per le contusioni al volto e sulla mano. Alla base della violenza ci sarebbe la  perdita del posto di lavoro dallo stesso aggressore “imputata” al Sindaco. Un motivo che ritorna malgrado il passare degli anni visto che Pezzulla, ora arrestato e condotto nel carcere leccese di Borgo San Nicola, si era già reso protagonista di simili aggressioni nei confronti del sindaco sia nel 2014 che nel 2015. Nei suoi precedenti con la giustizia non mancato denunce per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni ed altri reati contro la persona. Altre volte aveva pure mandato in frantumi il vetro del Municipio e sfondato la porta della stanza del Sindaco. Nel novembre del 2015 aveva atteso Stamerra sotto casa per aggredirlo.

TUGLIE – È la tassa sui rifiuti ad animare il dibattito politico a Tuglie. Accanto ai tanti cittadini che lamentano un incremento della Tari, anche il gruppo “Bene Comune”. «Un aumento non giustificato da un servizio migliore, con un conguaglio richiesto con due mesi di anticipo. Un aumento dovuto, anche,  alla totale mancanza di progettualità e controllo della differenziata, che porta al conferimento in discarica di volumi maggiori ed in quanto tali sanzionati, con costi elevati a carico dei cittadini», si legge in una nota del gruppo di opposizione dove si fa pure riferimento alla richiesta, non accolta, di “dilazionare il pagamento”. Sulla questione è intervenuto, con un manifesto, il sindaco Massimo Stamerra spiegando i motivi di un aumento pari circa al 18% rispetto a quello del 2016. «La raccolta ed il trasporto dei rifiuti sono gestiti dal Comune attraverso una ditta esterna, mentre lo smaltimento dei rifiuti è gestito dalla Regione. Negli ultimi anni la spesa per la raccolta ed il trasporto dei rifiuti gestita dal Comune è rimasta pressoché costante, anche con l’arrivo di una nuova ditta che ha migliorato il servizio. Per lo smaltimento dei rifiuti, gestito dalla Regione, si è registrato un notevole aumento delle tariffe di smaltimento. Non siamo d’accordo e abbiamo impugnato il provvedimento del commissario dinanzi al Tar. Il Comune di Tuglie, a tutela degli interessi dei suoi cittadini, non ha inteso caricare sulla Tari 2017 l’intero conguaglio dovuto in attesa del giudizio del Tar».

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...